La let­te­ra­tu­ra è sol­tan­to una fa­ke news?

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - WAL­TER SI­TI © 2018 Lit Edi­zio­ni Srl. Per gen­ti­le con­ces­sio­ne.

La let­te­ra­tu­ra è una fa­ke news? Se­co­la­re pro­ble­ma, il rap­por­to del­la let­te­ra­tu­ra con la ve­ri­tà, fis­sa­to in Oc­ci­den­te dal­la di­stin­zio­ne ari­sto­te­li­ca tra sto­ri­co e poe­ta: lo sto­ri­co rac­con­ta ciò che è ac­ca­du­to, il poe­ta rac­con­ta ciò che po­treb­be ac­ca­de­re.

Nel Set­te­cen­to, il se­co­lo del gior­na­li­smo, al­la sto­ria si so­sti­tui­sce la cro­na­ca; Char­les Gil­don ac­cu­sa Ro­bin­son Cru­soe di es­se­re una fa­ke news, elen­can­do le in­con­gruen­ze che lo ren­do­no po­co at­ten­di­bi­le co­me ve­ro dia­rio di un nau­fra­go; e De­foe, da par­te sua, la­men­ta che l’ec­ces­so di ro­man­zi av­ven­tu­ro­si, con­fon­den­do le ac­que, im­pe­di­sca di leg­ge­re Moll Flan­ders co­me “una sto­ria ve­ra”. Il ro­man­zo mo­der­no ( no­vel e non più ro­man­ce) na­sce in­sie­me al trion­fo del­le news – da al­lo­ra so­no sta­ti e so­no mol­tis­si­mi gli scrit­to­ri che han­no esor­di­to co­me gior­na­li­sti e han­no fat­to quel­lo di me­stie­re: da De­foe ap­pun­to a Swift, da Pré­vo­st a Ma­ri­vaux, per non par­la­re di Bal­zac e Dic­kens; Zo­la col­la­bo­ra­va coi gior­na­li mol­to pri­ma dell’af­fa­re Drey­fus; e nel No­ve­cen­to c’è He­ming­way, na­tu­ral­men­te, ma ci so­no an­che Or­well e Ca­mus, e Mal­raux e Dos Pas­sos e in­fi­ni­ti al­tri (da noi, si va dal­la Se­rao e Di Gia­co­mo fi­no a Buz­za­ti e Pa­ri­se).

Le in­te­ra­zio­ni be­ne­fi­che so­no sta­te (e so­no) cer­te e in­ne­ga­bi­li: la let­te­ra­tu­ra im­pa­ra dal gior­na­li­smo la ve­lo­ci­tà e la so­brie­tà del rit­mo e del les­si­co, ol­tre che il gu­sto del­la do­cu­men­ta­zio­ne; il gior­na­li­smo im­pa­ra dal­la let­te­ra­tu­ra a strut­tu­ra­re il rac­con­to, a non ac­con­ten­tar­si del­la pri­ma frase che ca­pi­ta, a de­li­nea­re i per­so­nag­gi. Al­tret­tan­to ov­vio è, da sem­pre, il ma­la­ni­mo re­ci­pro­co: il gior­na­li­smo ac­cu­sa la let­te­ra­tu­ra di va­cui­tà, di re­to­ri­ca pa­lu­da­ta, di guar­dar­si l’om­be­li­co in una tor­re d’avo­rio (o d’al­tro me­no no­bi­le ma­te­ria­le), men­tre la let­te­ra­tu­ra ac­cu­sa i gior­na­li­sti di es­se­re de­gli scrit­to­ri man­ca­ti, o peg­gio dei le­sto­fan­ti e ar­ram­pi­ca­to­ri che usa­no la cro­na­ca co­me una cla­va a sco­po di lu­sin­ga e ri­cat­to (ba­sti­no, per tut­ti, Le il­lu­sio­ni per­du­te e Bel Ami).

Nei sot­to­pan­cia dei talk te­le­vi­si­vi, or­mai, la qua­li­fi­ca di “gior­na­li­sta e scrit­to­re” non si ne­ga a nes­su­no. Fin da­gli an­ni Ses­san­ta del se­co­lo scor­so il new jour

na­li­sm da un la­to e il non-fiction no­vel dall’al­tro ave­va­no av­vi­ci­na­to i lem­bi del­le due spon­de op­po­ste – A

san­gue fred­do e Il du­ca nel suo do­mi­nio (l’in­ter­vi­sta di Tru­man Ca­po­te a Mar­lon Bran­do) ven­go­no con evi­den­za dal­la stes­sa ma­no. Il gon­zo jour­na­li­sm­di Thomp­son e com­pa­gnia ave­va fat­to sal­ta­re il dog­ma del gior­na­li­sta og­get­ti­vo ed era ar­ri­va­to all’estre­mo di rac­con­ta­re un even­to sen­za so­stan­zial­men­te aver­vi par­te­ci­pa­to; la “mi­cro­sto­ria” ave­va sgre­to­la­to il di­scri­mi­ne (a cui an­co­ra si ap­pog­gia­va il vec­chio Man­zo­ni) tra “car­ta geo­gra­fi­ca” pro­pria del­lo sto­ri­co e “car­ta to­po­gra­fi­ca” adat­ta al ro­man­zie­re. In­som­ma, tut­to con­giu­ra­va ne­gli an­ni Ze­ro di que­sto se­co­lo per­ché la bar­rie­ra sal­tas­se de­fi­ni­ti­va­men­te, e tut­ti ri­co­no­sces­se­ro per esem­pio in Ka­pu­scin­ski un gran­de scrit­to­re, nel­la Alek­sie­vic una de­gna vin­ci­tri­ce del No­bel per la Let­te­ra­tu­ra e nel Car­rè­re di Li­mo­no­vu­no straor­di­na­rio gior­na­li­sta e bio­gra­fo.

Il ro­man­zo si ag­grap­pa ai fat­ti ve­ri per ri­scat­ta­re l’inof­fen­si­vi­tà che or­mai si è in­col­la­ta al ge­ne­re, men­tre i gior­na­li­sti li­be­ra­ti dai com­ples­si d’in­fe­rio­ri­tà si sen­to­no qua­si in do­ve­re di “lan­ciar­si” nel ro­man­zo. Se ciò che im­por­ta è “rac­con­ta­re una sto­ria in­te­res­san­te nel mi­glior mo­do pos­si­bi­le”, per­ché non re­le­ga­re nel ri­po­sti­glio del ro­bi­vec­chi una di­stin­zio­ne di­ven­ta­ta or­mai ob­so­le­ta? La te­si che vor­rei pro­por­re qui è in­ve­ce che la di­stin­zio­ne sia più che mai uti­le og­gi; la con­fu­sio­ne im­pe­ran­te ri­schia di dan­neg­gia­re e im­po­ve­ri­re sia il gior­na­li­smo che la let­te­ra­tu­ra, a cau­sa di una man­can­za di ri­fles­sio­ne teo­ri­ca. A for­za di tra­scu­rar­la, la teo­ria del­la let­te­ra­tu­ra ci ri­piom­ba ad­dos­so co­me caos.

Ho­ra­cio Ver­bi­tski, il gran­de gior­na­li­sta ar­gen­ti­no accusatore del re­gi­me di Vi­de­la e autore del­le più scioc­can­ti ri­ve­la­zio­ni sul de­sti­no dei de­sa­pa­re­ci­dos, ha da­to del gior­na­li­smo una de­fi­ni­zio­ne ra­di­ca­le: “Gior­na­li­smo è dif­fon­de­re ciò che qual­cu­no non vuo­le che si sap­pia, il re­sto è pro­pa­gan­da”. Si po­treb­be so­ste­ne­re, con un po’ di im­pu­den­za, che ciò che il gior­na­li­smo mi­li­tan­te fa con­tro la re­pres­sio­ne, la let­te­ra­tu­ra lo fa con­tro la ri­mo­zio­ne in­con­scia (“let- te­ra­tu­ra è espri­me­re ciò che l’io non vuo­le che si sap­pia…”) – in­ten­den­do per “io”, na­tu­ral­men­te, an­che l’io so­cia­le e col­let­ti­vo.

La ve­ri­tà let­te­ra­ria è la ve­ri­tà del de­si­de­rio, cioè non è ve­ri­tà lo­gi­ca né ideo­lo­gi­ca: è un cam­po di ten­sio­ni in cui ogni as­ser­zio­ne può es­se­re ro­ve­scia­ta, ogni no può va­le­re co­me un sì, die­tro ogni og­get­to può ap­pa­ri­re la sua de­ri­sio­ne, il mi­to più san­gui­na­rio può es­se­re sal­vi­fi­co o vi­ce­ver­sa, ogni mi­ni­ma pro­ce­du­ra può tra­sfor­mar­si in un ri­to, il tem­po può ri­sta­gna­re o ces­sa­re di esi­ste­re. Tut­to que­sto si ot­tie­ne con la For­ma, ov­ve­ro­sia con la Bel­lez­za – che non è este­ti­smo ma qua­si il suo con­tra­rio, at­tac­co a qua­lun­que Bel­lez­za pre­ce­den­te, ri­cer­ca di una parola (o di una strut­tu­ra, o di una fi­gu­ra) pro­fon­da, plu­ri­va­len­te, mu­sco­la­re; una lin­gua che non può ospi­ta­re nes­sun luo­go co­mu­ne, se non “met­ten­do­lo in si­tua­zio­ne” e sfrut­tan­do­lo nar­ra­ti­va­men­te.

No­no­stan­te l’equa­zio­ne ip­no­ti­ca di Kea­ts, e la di­spe­ra­ta op­po­si­zio­ne di Leo­par­di, for­se bi­so­gna con­clu­de­re che Ve­ro e Bel­lo né coin­ci­do­no né si op­pon­go­no: stan­no su pia­ni lo­gi­ci in­con­fron­ta­bi­li, han­no due “sta­tu­ti” di­ver­si. Il Bel­lo non ha a che fa­re col Ve­ro, e nem­me­no col Be­ne – la let­te­ra­tu­ra può da­re cit­ta­di­nan­za a Sa­ta­na, men­tre il gior­na­li­smo non può per­met­ter­se­lo.

An­che il gior­na­li­smo, è ov­vio, de­ve uti­liz­za­re una lo­gi­ca emo­ti­va per at­tua­re quel­la che di so­li­to si chia­ma la “mo­zio­ne de­gli af­fet­ti” – ma de­ve con­trol­la­re be­ne que­sta pos­si­bi­li­tà re­to­ri­ca, per evi­ta­re con­trac­col­pi in­de­si­de­ra­ti. E de­ve ca­li­bra­re le pa­ro­le trat­tan­do di cro­na­ca ne­ra, per non in­co­rag­gia­re fe­no­me­ni imi­ta­ti­vi e non crea­re sur­ro­ga­ti pa­ro­di­ci del mi­to che du­ra­no lo spa­zio di die­ci o ven­ti talk show (Bos­set­ti mo­stro, Briz­zi ma­ia­le, Stac­chio eroe). Al­tro che eter­ni­tà e ar­che­ti­pi, ste­reo­ti­pi con la mic­cia cor­ta; il gior­na­li­smo tal­vol­ta ha ad­di­rit­tu­ra bi­so­gno dei luo­ghi co­mu­ni lin­gui­sti­ci, so­no il pon­te più ve­lo­ce d’in­te­sa coi let­to­ri. Fram­men­ti di gior­na­li­smo e fram­men­ti di let­te­ra­tu­ra pos­so­no as­so­mi­gliar­si, ma la let­te­ra­tu­ra ha sen­so so­lo se la si pren­de in­te­ra. Fer­mo re­stan­do che tra i due cam­pi ci sa­ran­no sem­pre in­te­ra­zio­ni e scam­bi an­che frut­tuo­si, aver chia­ra la dif­fe­ren­za di ori­gi­ne e di obiet­ti­vo ser­vi­rà a non ca­de­re nel­la pol­ti­glia, do­ve a ri­met­ter­ci è sem­pre la scrit­tu­ra let­te­ra­ria. Gli ibri­di e gli in­cro­ci so­no in­te­res­san­ti, ma il gior­na­li­smo de­ve e può pro­va­re l’or­go­glio di non usa­re i mec­ca­ni­smi del­la let­te­ra­tu­ra e di agi­re iux­ta

pro­pria prin­ci­pia, co­sì co­me la let­te­ra­tu­ra può e de­ve fa­re il pos­si­bi­le per sal­va­re la For­ma dal­le bro­da­glie ver­ba­li che ci mi­nac­cia­no dal web.

In una tra­smis­sio­ne di Mi­che­le San­to­ro su Rai3, Sa­via­no ha so­ste­nu­to l’in­quie­tan­te me­ta­fo­ra dei li­bri bru­cia­ti, che una vol­ta tra­sfor­ma­ti in ce­ne­re “si dif­fon­do­no su tut­ti”, sca­val­can­do “l’eli­ta­ri­smo cul­tu­ra­le”; sa­reb­be bel­lo se qual­cu­no con la ver­ve ora­to­ria e l’im­pe­gno di Sa­via­no pro­vas­se a di­fen­de­re la parola den­sa, mul­ti­stra­to, ca­pa­ce di re­si­ste­re al­le fiam­me che la at­tor­nia­no da ogni la­to. “In un Pae­se do­ve tut­ti san­no un po­co”, ri­flet­te­va de­so­la­to Leo­par­di, “e si sa po­co”.

GLI IBRI­DI Ka­pu­scin­ski è un gran­de scrit­to­re, la Alek­sie­vic vin­ce il No­bel, Car­ré­re si ri­ve­la uno straor­di­na­rio bio­gra­fo

LaPresse

Au­to da­fèUn in­cen­dio in a Neos Vou­tzas, vi­ci­no ad Ate­ne, nel me­se di lu­glio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.