C’ERA UNA VOL­TA IL TA­XI VERDINI

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » PI­NO CORRIAS

Una con­dan­na in più non gli spo­sta una lib­bra di car­ne. Fa cur­ri­cu­lum. Fa bio­gra­fia. Gu­go­lan­do al­la vo­ce “De­nis Verdini & Pro­ces­si”, ven­go­no fuo­ri 47 mi­la e 700 ri­sul­ta­ti, in 0,34 se­con­di. Che è un po’ l’en­ci­clo­pe­dia di que­sto fuo­ri­clas­se del­la po­li­ti­ca po­st ideo­lo­gi­ca, de­gli idea­li in tor­na­con­to per­so­na­le, me­glio se in­cas­sa­ti a de­bi­to. Una ma­sche­ra – si è scrit­to in que­sti vent’an­ni scan­di­ti da un­di­ci in­chie­ste, e sei pro­ces­si che lui chia­ma “una mon­ta­gna di caz­za­te” – a me­tà tra Ami­ci miei di Ma­rio Mo­ni­cel­li, e le om­bre ne­re di Ma­rio Pu­zo. “Uno che ti am­maz­za men­tre in­dos­sa lo smo­king”. Pe­rò sim­pa­ti­co, spe­cial­men­te ai cro­ni­sti par­la­men­ta­ri e ai de­li­ba­to­ri di in­tri­ghi. Spa­val­do ai bei tem­pi del Pat­to del Na­za­re­no, che fu fa­ri­na del suo sac­co. E im­per­tur­ba­bi­le og­gi, che quel sac­co è (qua­si) vuo­to e che si av­via al tra­mon­to sul­la sua Vi­sion Mer­ce­des May­ba­ch da 200 mi­la eu­ro, in com­pa­gnia di tan­ti ri­cor­di, tan­ti se­gre­ti e dell’ul­ti­ma con­dan­na.

UNO VE­NU­TO DAL NUL­LA che ha vo­lu­to tut­to. In gio­ven­tù ta­glia­to­re di man­zi ap­pe­na ma­cel­la­ti, poi si­len­zio­so ma­sti­ca­to­re d’af­fa­ri e di in­ve­sti­men­ti im­mo­bi­lia­ri che nel­la segreta e maz­zi­nia­na pro­vin­cia to­sca­na tran­si­ta­va­no dal ce­men­to all’eo­li­co, dal­la car­ta stam­pa­ta al­le ban­che, e che a for­za di an­da­re in ma­lo­ra e poi a pro­ces­so – per truf­fa, abu­so d’uf­fi­cio, ban­ca­rot­ta, violenza pri­va­ta, cor­ru­zio­ne, più un’ac­cu­sa di stu­pro a ini­zio car­rie­ra (fu as­sol­to per­ché “il fat­to non sus­si­ste”, ndr) – lo han­no fat­to sem­pre più ric­co e in­sie­me più sfron­ta­to. Dun­que per­fet­to per in­tra­pren­de­re, in pie­na Se­con­da Re­pub­bli­ca, la nuo­va car­rie­ra di fac­cen­die­re mul­ti­ta­sking. Un gal­lo tra i pol­li d’al­le­va­men­to del­la po­li­ti­ca ita- lia­na e tra i suoi sa­pien­ti ese­ge­ti, a cui vo­len­tie­ri De­nis get­ta­va frat­ta­glie in for­ma di spic­cio­li e pa­ro­le: “Tut­ti mi chie­do­no co­sa ci gua­da­gna­no a ve­ni­re con me. Gli ri­spon­do che so­no il ta­xi. Vuoi ri­ma­ne­re al po­te­re? So­lo io ti con­du­co in die­ci mi­nu­ti da Ber­lu­sco­ni a Mat­teo Ren­zi”.

E ta­xi lo fu dav­ve­ro – per quat­tro set­ti­ma­ne, po­ve­rac­cio, an­no 1997, ele­zio­ni sup­ple­ti­ve del Se­na­to – con la sua pri­mis­si­ma Mer­ce­des bian­ca, a scar­roz­za­re nien­te­di­me­no che Giu­lia­no Fer­ra­ra tra i vi­gne­ti di San­gio­ve­se del Mu­gel­lo e gli ar­ro­sti­ci­ni all’in­se­gui­men­to di An­to­nio Di Pie­tro, ta­glian­do il tra­guar­do di una scon­fit­ta elet­to­ra­le, a fi­ne cor­sa, che per lui equi­val­se a una vit­to­ria. Vi­sto che Fer­ra­ra, let­te­ra­ria­men­te at­trat­to dal­la de­strez­za dei fur­fan­ti, spe­cie se de­cli­na­ti in po­li­ti­ca, si in­va­ghì di quel ric­co e ser­vi­le au­ti­sta al pun­to da pre­sen­tar­lo al suo lea­der na­tu­ra­le, Sil­vio B., che al pri­mo sguar­do ne ri­co­nob­be il ta­len­to di im­pas­si­bi­le man­gia­to­re d’ani­me, e al­tre qua­li­tà me­glio na­sco­ste, tut­te an­no­da­te nel dop­pio fon­do, ep­pu­re vi­si­bi­lis­si­me co­me le cra­vat­te di se­ta az­zur­ra che a ogni pran­zo son­tuo­so in­dos­sa su ca­mi­cie, fa­tal­men­te im­pa­tac­ca­te d’ar­ro­sto, a ri­fi­nir­ne il sor­ri­so. E a or­na­re quel suo in­ce­de­re su scar­pi­ni di ca­mo­scio blu, con pan­cia e ca­pi­glia­tu­ra ri­na­sci­men­ta­li, tra le ele­gan­ti vol­pi dei Pa­laz­zi che al bar Ciam­pi­ni, ogni mat­ti­na di so­le ro­ma­no, gli pa­ga­no vo­len- tie­ri il caf­fè e lo zuc­che­ro, in cam­bio di con­si­gli.

De­nis Verdini, 67 an­ni, è cre­sciu­to po­ve­ro tra i tri­sti sas­si di Fi­viz­za­no, ter­ra di Lu­ni­gia­na che fu dei san­gui­na­ri Ma­la­spi­na e poi del mi­te San­dro Bon­di, poe­ta. Ma pre­sto tra­slo­cò a Cam­pi Bi­sen­zio, pae­so­ne di co­mu­ni­sti fio­ren­ti­ni, do­ve creb­be re­pub­bli­ca­no, “ma non mas­so­ne, lo giu­ro”, ad­de­stran­do­si al­le go­mi­ta­te per far­si lar­go, e ai li­bri di Scien­ze Po­li­ti­che stu­dia­ti fi­no al­la lau­rea be­ne­det­ta dal vanitoso Gio­van­ni Spa­do­li­ni, il suo pri­mo dan­te cau­sa, che am­mi­ra­va al pun­to da an­da­re a vi­ver­gli nel vil­lo­ne ac­can­to con la se­con­da mo­glie, la bion­da e vo­li­ti­va Si­mo­net­ta Fos­som­bro­ni, ex an­nun­cia­tri­ce di Te­leTo­sca­na, tra i gli­ci­ni son­tuo­si di Pian dei Giul­la­ri. Buo­na po­sta­zio­ne per gli af­fa­ri, pas­sa­ti per tem­po dal­le lom­ba­te ai con­ti cor­ren­ti del Cre­di­to Coo­pe­ra­ti­vo Fio­ren­ti­no, che in vent’an­ni di sua ma­gi­stra­le pre­si­den­za – dal 1990 al 2010 – ero­ga al­me­no “100 mi­lio­ni di eu­ro”, di­ran­no i ma­gi­stra­ti, “in as­sen­za di ade­gua­ta istrut­to­ria” a “per­so­ne ri­te­nu­te vi­ci­ne”, con de­li­be­re con­tro­fir­ma­te dai con­si­glie­ri di am­mi­ni­stra­zio­ne ri­dot­ti a “me­ri ese­cu­to­ri” del­le sue vo­lon­tà. Cioè a di­re che la ban­ca pre­sta sol­di sen­za ga­ran­zie agli ami­ci e ai pa­ren­ti del pre­si­den­te, al­la mo­glie, al fra­tel­lo, a Mar­cel­lo Dell’Utri, og­gi in car­ce­re per ma­fia, con buo­na pa­ce de­gli ispet­to­ri del­la Ban­ca d’Ita­lia che per an­ni non ve­do­no nul­la o qua­si.

CO­SÌ CO­ME nes­su­no sem­bra ac­cor­ger­si dei sol­di che spa­ri­sco­no dal­le cas­se del suo Gior­na­le di To­sca­na, do­ve i fon­di dell’edi­to­ria fi­ni­sco­no di­ret­ta­men­te sui suoi con­ti cor­ren­ti, pa­zien­za per i for­ni­to­ri e gli sti­pen­di dei gior­na­li­sti, ma ot­ti­mo ag­gan­cio per i nuo­vi ami­ci, che se­gui­ran­no da vi­ci­no la sua asce­sa po­li­ti­ca, co­me Gianni Let­ta e il suo scher­mo por­ta­ti­le, il pi­dui­sta Lui­gi Bi­si­gna­ni. In­tro­du­cen­do­lo ad al­tre av­ven­tu­re edi­to­ria­li, co­me quel­la del Fo gli o, do­ve ol­tre al so­li­to Fer­ra­ra, sie­de pu­re l’edi­to­re Mi­riam Bar­to­li­ni, in ar­te Ve­ro­ni­ca Ber­lu­sco­ni, che con il bri­vi­do di in­chio­stro g la­mour cer­ca di am­maz­za­re la no­ia e le umi­lia­zio­ni di ca­sa. De­nis scu­ce con­tan­te e in­cas­sa fi­du­cia. Lo bat­tez­za­no Mefistofele. Lui com­pra su­pe­rat­ti­ci a Roma, pa­laz­zi a Fi­ren­ze e gra­zio­si cha­let in Sviz­ze­ra. Fa af­fa­ri con Giu­sep­pe Mus­sa­ri, quel­lo del Mon­te Pa­schi di Sie­na. Di­ce: “Amo la po­li­ti­ca”, in­ten­den­do­la al­la ma­nie­ra di Ri­no For­mi­ca, “san­gue e mer­da”, ma sem­pre ag­giun­gen­do­ci cam­bia­li a sca­den­za. Che lui di­stri­bui­sce e in­cas­sa in qua­li­tà di “Coor­di­na­to­re del Po­po­lo del­le Li­ber­tà”, cioè a di­re se­gre­ta­rio ple­ni­po­ten­zia­rio di tut­ta la destra. E men­tre il suo ca­po è mas­si­ma­men­te di­strat­to dal­le fe­stic­cio­le con fem­mi­ne a tas­sa­me­tro, lui ela­bo­ra in­tri­ghi e bu­si­ness che i ma­gi­stra­ti chia­me­ran­no P3. Fa af­fa­ri con la Cric­ca nel do­po ter­re­mo­to de L’A qu i la . Pro­get­ta cam­pi eo­li­ci con il so­li­to Dell’Utri e Fla­vio Car­bo­ni, uno che nel cur­ri­cu­lum ha l’ul­ti­mo viag­gio di Ro­ber­to Cal­vi. Fa bi­sboc­cia con Gui­do Ber­to­la­so che a quei tem­pi ca­val­ca in grop­pa al­la Pro­te­zio­ne ci­vi­le. Pro­teg­ge gli af­fa­ri del­la sua ami­ca Da­nie­la San­tan­chè e del suo ami­co, il sot­to­se­gre­ta­rio Ni­co­la Co­sen­ti­no, det­to il Ca­sa­le­se. E in­tan­to man­da a me­mo­ria le pa­gi­ne del Prin­ci­pe . Con­vin­cen­do­si di aver­ne tro­va­to uno mol­to più gio­va­ne di Sil­vio, un ta­le Mat­teo Ren­zi, ap­pe­na di­ven­ta­to pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia a Fi­ren­ze, fi­glio, nean­che a dir­lo, di un ti­zio che di­stri­bui­va pro­prio i suoi gior­na­li, bab­bo Ti­zia­no, con fur­go­ni par­cheg­gia­ti a Ri­gna­no. Lo in­con­tra nel 2005 ed è buo­na chi­mi­ca già al­la pri­ma cena: “Un co­mu­ni­sta più an­ti­co­mu­ni­sta di que­sto non s’è vi­sto mai”. Lo pre­sen­ta al suo ca­po: “Sil­vio lo de­vi as­so­lu­ta­men­te co­no­sce­re. Non è dei no­stri, ma è bra­vo”.

BRA­VO al pun­to da di­ven­ta­re il nuo­vo se­gre­ta­rio del Pd (“Mat­teo Ren­zi, l’astro na­scen­te! Io so­no il suo idrau­li­co”) sba­raz­zar­si di En­ri­co Let­ta, se­der­si sul­la pol­tro­na di Pa­laz­zo Chi­gi, cir­con­dar­si del Gi­glio tra­gi­co, im­bar­car­si sul­le rot­te del Na­za­re­no, ver­so le nuo­ve co­ste del par­ti­to del­la Na­zio­ne, con­vin­to di la­sciar­si al­le spal­le gli im­mi­nen­ti nau­fra­gi di For­za Ita­lia e del­la vec­chia si­ni­stra. Ma sen­za ac­cor­ger­si del suo, tal­men­te re­pen­ti­no da la­sciar­lo stor­di­to tra le ma­ce­rie.

Co­sì che an­che De­nis, il ma­cel­la­io, re­sta per la pri­ma vol­ta a ma­ni vuo­te. Na­sce a sua in­sa­pu­ta la Ter­za Re­pub­bli­ca dei gril­li­ni e dei Sal­vi­ni. Il mea cul­pa lo re­ci­ta al­la Ca­me­ra, an­no 2017: “L’an­ti­po­li­ti­ca ha gon­fia­to le ve­le, Ber­lu­sco­ni è sta­to espul­so in­fau­sta­men­te da que­sto Se­na­to, il Pat­to del Na­za­re­no è fal­li­to, la ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le è sta­ta boc­cia­ta”. Tut­to ve­ro. L’ana­gra­fe si è por­ta­ta via Sil­vio, l’im­pa­zien­za Mat­teo, le in­chie­ste e i ca­ra­bi­nie­ri gli ami­ci. E quan­do la Li­mou­si­ne lo sca­ri­ca da­van­ti ai suoi ri­sto­ran­ti pre­fe­ri­ti, De­nis Verdini scen­de e pran­za da so­lo. Poi fu­ma a ta­vo­la, an­che se è proi­bi­to: gli pia­ce pren­de­re a cal­ci le re­go­le an­che nel det­ta­glio. È la sua per­so­na­le gin­na­sti­ca, in at­te­sa di tro­va­re un nuo­vo ca­po da ser­vi­re. Se ci sa­rà tem­po.

IL CUR­RI­CU­LUM (CON MACCHIE) In­chie­ste e pro­ces­si per lui so­no “una mon­ta­gna di caz­za­te”. La car­rie­ra per­fet­ta del fac­cen­die­re mul­ti­ta­sking

LO CHIA­MA­VA­NO “MEFISTOFELE” Dal­la cor­sa (in Mer­ce­des) con Fer­ra­ra per il Mu­gel­lo fi­no al Pat­to del Na­za­re­no tra Ren­zi e Ber­lu­sco­ni

Ansa

Ul­ti­mo gi­ro De­nis Verdini non è sta­to can­di­da­to al­le Po­li­ti­che 2018. Scri­ve edi­to­ria­li per il quo­ti­dia­no “Il Tem­po”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.