X-Fac­tor: Ren­zi, Con­te o Leo­si­ni

VIA ASIA? I pos­si­bi­li can­di­da­ti al ruo­lo (for­se) va­can­te di giu­ra­to

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SEL­VAG­GIA LU­CA­REL­LI

Gran­de agi­ta­zio­ne dal­le par­ti di Sky per l’usci­ta di sce­na di Asia Ar­gen­to dal­la giu­ria e l’ur­gen­te ne­ces­si­tà di tro­va­re un suo so­sti­tu­to en­tro l’ini­zio del­le di­ret­te se­ra­li. Cer­to, vo­ci di cor­ri­do­io di­co­no che si stia cer­can­do una scu­sa per te­ner­la den­tro sen­za che il pro­dut­to­re di X-Fac­tor non sia ar­so vi­vo in una di­ret­ta Net­flix e che una sua com­pa­gna nei boy-scout di­ca che a set­te an­ni in cam­peg­gio la mo­le­stò con la fia­schet­ta per l’ac­qua, ma per ora l’ipo­te­si so­sti­tu­zio­ne è la più pro­ba­bi­le. Ec­co quin­di la li­sta dei can­di­da­ti che Sky sta va­glian­do e che, se ma­schi, in via pre­ven­ti­va, so­no sta­ti tut­ti bar­ba­ra­men­te me­na­ti da Ma­ra Ma­ion­chi con una vec­chia cuc­chia­rain ot­to­ne, in mo­do che pas­si a tut­ti la vo­glia an­che so­lo di di­re “ciao” a una don­na.

Gran­de agi­ta­zio­ne dal­le par­ti di Sky per l’usci­ta di sce­na di Asia Ar­gen­to dal­la giu­ria e l’ur­gen­te ne­ces­si­tà di tro­va­re un suo so­sti­tu­to en­tro l’ini­zio del­le di­ret­te se­ra­li. Cer­to, vo­ci di cor­ri­do­io di­co­no che si stia cer­can­do una scu­sa per te­ner­la den­tro sen­za che il pro­dut­to­re di X-Fac­tor­non sia ar­so vi­vo in una di­ret­ta Net­flix e che una sua com­pa­gna nei boy-scout di­ca che a set­te an­ni in cam­peg­gio la mo­le­stò con la fia­schet­ta per l’ac­qua, ma per ora l’ipo­te­si so­sti­tu­zio­ne è la più pro­ba­bi­le.

Ec­co quin­di la li­sta dei can­di­da­ti che Sky sta va­glian­do in que­sti gior­ni e che co­mun­que, se ma­schi, in via pre­ven­ti­va, so­no sta­ti tut­ti bar­ba­ra­men­te me­na­ti un quar­to d’ora da Ma­ra Ma­ion­chi con una vec­chia cuc­chia­ra in ot­to­ne, in mo­do che già pri­ma di ini­zia­re le di­ret­te pas­si a tut­ti la vo­glia an­che so­lo di di­re “ciao” a una don­na.

MAT­TEO REN­ZI. L’idea di en­tra­re nel ca­st di X-Fac­tor gli è ve­nu­ta a una fe­sta dell’Uni­tà in cui all’in­gres­so del­la band, a fi­ne se­ra­ta, ha con­ta­to quan­ta gen­te c’era in pla­tea e quan­ta sul pal­co. A quel pun­to, vi­sto che vuo­le tor­na­re a di­ri­ge­re una squa­dra nu­me­ro­sa, ha ri­con­se­gna­to la tes­se­ra del Pd e ha chie­sto a X-Fac­tor che gli ve­nis­se as­se­gna­ta la di­re­zio­ne del­le band. Na­tu­ral­men­te, ben con­sa­pe­vo­le di do­ver­si gua­da­gna­re la sim­pa­tia del pub­bli­co di Sky, per la pri­ma pun­ta­ta ha già pre­pa­ra­to una se­rie di sli­de con cui pren­de­rà per il cu­lo i giu­ra­ti ri­va­li tra­mi­te l’au­si­lio bat­tu­te esi­la­ran­ti ti­po “ec­co qui So­ma­ra Ma­ion­chi!”. Du­ran­te le se­le­zio­ni ha scel­to i front­mand el­le va­rie band con un uni­co cri­te­rio, ov­ve­ro che can­ti­no tut­ti peg­gio di lui. LA FI­GLIA DI ASIA AR­GEN­TO. La sua ipo­te­si pia­ce­va mol­to, ma du­ran­te il pro­vi­no, con un vec­chio ma­sca­ra dei Ma­ne­skin tro­va­to in ca­me­ri­no, ha scrit­to il no­me del­la band che ave­va se­le­zio­na­to sul­la fac­cia­ta del­la se­de Sky di Ro­go­re­do.

DI­NO GIAR­RUS­SO. Il Mo­vi­men­to 5 Stel­le non sa più co­me ri­ci­clar­lo per cui ini­zial­men­te lo vo­le­va­no af­fian­ca­re a Vir­gi­nia Rag­gi man­dan­do­lo a tap­pa­re le bu­che, ov­ve­ro in­fi­lan­do­ce­lo den­tro per li­vel­la­re la stra­da, ma pa­re non fos­se suf­fi­cien­te­men­te qua­li­fi­ca­to. Poi vo­le­va­no far­gli met­te­re dei baf­fi fin­ti e far­gli fare quel­lo che va chie­de­re i sel­fie ai fu­ne­ra­li di Sta­to a Mat­teo Sal­vi­ni co­sì la Le­ga per­de mez­zo pun­to di per­cen­tua­le e il Mo­vi­men­to ri­sa­le. Poi, for­te del suo gior­na­li­smo d’in­chie­sta al­le Ie­ne , lo vo­le­va­no man­da­re a sco­va­re le truf­fe in con­cor­si de­li­ca­ti co­me Miss Ita­lia, ma il se­con­do gior­no già so­ste­ne­va che la lac­ca Wel­la, spon­sor del pro­gram­ma, con i suoi clo­ro­fluo­ro­car­bu­ri, pro­vo­cas­se piog­ge aci­de sul Gran Sas­so e con­se­guen­ti in­fil­tra­zio­ni nel­le fal­de ac­qui­fe­re abruz­ze­si che avreb­be­ro sca­te­na­to un’apo­ca­lis­se ato­mi­ca su Sul­mo­na e isti­ga­to tut­ti i bam­bi­ni abruz­ze­si vac­ci­na­ti a pra­ti­ca­re il Blue Wha­le e a par­la­re co­me An­to­nio Raz­zi, quin­di Pa­tri­zia Mi­ri­glia­ni ne ha chie­sto l’al­lon­ta­na­men­to. Al­la fi­ne, è ri­ma­sta in pie­di so­lo l’ipo­te­si X-Fac­tor, ma Ma­nuel Agnel­li so­stie­ne che ai boot­cam­pGiar­rus­so gli ab­bia mes­so una ma­no sul cu­lo aven­do­lo scam­bia­to di spal­le per Giu­sy Fer­re­ri e quin­di la sua can­di­da­tu­ra ap­pa­re piut­to­sto de­bo­le.

FRAN­CA LEO­SI­NI. Le han­no chie­sto se sta­reb­be pensando di ac­cet­ta­re X-Fac­tor per­ché le in­te­res­si aiu­ta­re la car­rie­ra mu­si­ca­le dei gio­va­ni, ha ri­spo­sto: “No, mi in­te­res­se­reb­be aiu­ta­re gli ar­do­ri lom­ba­ri del gio­va­ne Cat­te­lan”.

LUI­GI DI MA­IO. Si è di­chia­ra­to en­tu­sia­sta di par­te­ci­pa­re al pro­gram­ma per­ché si svol­ge a Mi­la­no e a lui il Pie­mon­te è sem­pre pia­ciu­to. Qual­cu­no gli ha fat­to no­ta­re che Mi­la­no è in Lom­bar­dia, al che Mi­che­le Emi­lia­no ha ri­spo­sto che Di Ma­io sa be­nis­si­mo dov’è Mi­la­no ed è no­to il so­ste­gno del Pie­mon­te a Mi­la­no ca­pi­ta­le dell’ape­ri­ce­na 2019.

IL SENATORE SIMONE PILLON. La sua can­di­da­tu­ra va­cil­la per­ché gli han­no ipo­te­ti­ca­men­te af­fi­da­to la ca­te­go­ria “Un­der don­ne” e lui ha già fat­to sa­pe­re che ac­cet­ta so­lo se a me­tà can­zo­ne la don­na la­scia il pal­co e pro­se­gue un uo­mo. Inol­tre, le un­der 18 de­vo­no sa­li­re sul pal­co col pa­pà e sta­re in ca­me­ri­no con la mam­ma e vi­ce­ver­sa a se­ra­te al­ter­ne. Nel ca­so di scaz­zi con la Ma­ion­chi va chia­ma­to il me­dia­to­re fa­mi­lia­re, ov­ve­ro quel­la fi­gu­ra neu­tra­le, che non ti­fa per nes­su­no e piut­to­sto che pren­de­re una po­si­zio­ne si fa­reb­be scio­glie­re nel wc net. Ov­ve­ro Ales­san­dro Cat­te­lan.

AN­TO­NIO CON­TE. La sua can­di­da­tu­ra è for­te­men­te cal­deg­gia­ta dai so­ste­ni­to­ri di Asia Ar­gen­to, se­con­do i qua­li sa­reb­be l’uni­co mo­do per far sì che nes­su­no si ac­cor­ga che Asia Ar­gen­to è sta­ta so­sti­tui­ta.

RO­BER­TO BURIONI. L’ipo­te­si del­la sua can­di­da­tu­ra è tra­mon­ta­ta quan­do al suo pro­vi­no, uno dei can­tan­ti, ha in­to­na­to “Non dir­gli mai”. Burioni è scat­ta­to im­me­dia­ta­men­te in pie­di ed è cor­so ver­so l’usci­ta del­lo stu­dio in­se­gui­to da­gli au­to­ri che gli chie­de­va­no co­sa aves­se. “Ho tut­ti i vac­ci­ni tran­ne quel­lo con­tro le can­zo­ni di Gi­gi D’Ales­sio”, ha ri­spo­sto men­tre sa­li­va in ta­xi sco­lan­do l’Amu­chi­na da 100 ml.

IL MI­NI­STRO DEL­LA FA­MI­GLIA Cioè il le­ghi­sta Lo­ren­zo Fon­ta­na. Al suo pro­vi­no un can­tan­te di Bi­sce­glie ha can­ta­to An­na e Mar­co­di Lu­cio Dal­la. Il mi­ni­stro si è com­pli­men­ta­to col can­tan­te per la per­for­man­ce “an­che per­ché non è mai fa­ci­le can­ta­re un ine­di­to”. Il can­tan­te ha re­pli­ca­to che An­na e Mar­co è una can­zo­ne di Lu­cio Dal­la. Fon­ta­na, con aria me­fi­sto­fe­li­ca, gli ha ri­spo­sto: “Era un tra­nel­lo, ci sei ca­sca­to: i can­tan­ti gay non esi­sto­no”. E l’ha cac­cia­to.

MA­RIA ELENA BOSCHI. La de­pu­ta­ta are­ti­na pa­re ben di­spo­sta ad ac­cet­ta­re la pro­po­sta di Sky ma avreb­be chie­sto un’uni­ca con­di­zio­ne: che il te­le­vo­to sia at­ti­vo so­lo per il Tren­ti­no Al­to Adi­ge. La Ma­ion­chi, tra­mi­te un asciut­to co­mu­ni­ca­to stam­pa, ha ri­spo­sto: ma vaf­fan­cu­lo.

NUO­VA CAR­RIE­RA

Mat­teo Ren­zi ha già pron­te le sli­de per se­dur­re il pub­bli­co di Sky, or­mai più va­sto del suo elet­to­ra­to

UL­TI­MO TEN­TA­TI­VO

Po­treb­be es­se­re l’oc­ca­sio­ne per ten­ta­re (an­co­ra) di ri­ci­cla­re l’ex Ie­na Di­no Giar­rus­so, in quo­ta M5S

Fran­co Leo­si­ni

Mat­teo Ren­zi

Lo­ren­zo Fon­ta­na

An­to­nio Con­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.