“Ber­lu­sco­ni e Mi­ke so­no sta­ti i mi­glio­ri ven­di­to­ri del­la tv”

L’IN­TER­VI­STA GIOR­GIO MASTROTAIl “te­le­ven­di­to­re” ar­ri­va in tv in “Ro­mo­lo + Giu­ly” su Fox: “Non la­sce­rò i ma­te­ras­si”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ALES­SAN­DRO FERRUCCI Twit­ter: @A_Fe­ruc­ci © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il suo co­gno­me è ora­mai un ag­get­ti­vo nel par­lar co­mu­ne, con uti­liz­zi plu­ri­mi, ina­spet­ta­ti, for­se in­fi­ni­ti. È me­tro di pa­ra­go­ne. Gior­gio “Mastrota” è den­tro il di­scor­so di Ren­zi de­di­ca­to ai ce­le­ber­ri­mi 80 eu­ro; è il rim­pian­to di Nino Fras­si­ca (“an­che io vo­glio pub­bli­ciz­za­re i ma­te­ras­si!”) e fon­te di ri­fles­sio­ne per Edoar­do Pe­sce (“In que­sta so­cie­tà so­no più ri­co­no­sciu­ti i di­vi al­la Mastrota, che at­to­ri co­me Elio Ger­ma­no”).

Il pro­ta­go­ni­sta di tut­te que­ste at­ten­zio­ni sor­ri­de: “So per­fet­ta­men­te di non ot­te­ne­re sem­pre giu­di­zi po­si­ti­vi, pe­rò a me va be­ne.

Non mi of­fen­do. An­zi”.

Ne­gli an­ni Ot­tan­ta (“li ho pre­si in pie­no”) è sta­to il del­fi­no del­la te­le­vi­sio­ne in sti­le Gianfranco Funari, gli an­ni dei so­cia­li­sti lot­tiz­za­to­ri su Rai2 (“li ho vo­ta­ti”); quin­di con­cor­si co­me bel­lo d’Ita­lia, la fa­ma, co­per­ti­ne, sol­di, ri­co­no­sci­bi­li­tà e un ma­tri­mo­nio da ro­to­cal­co con Na­ta­lia Estra­da (non fi­ni­to be­nis­si­mo); quin­di al­ti e bas­si, al­tri al­ti e al­tret­tan­ti bas­si, fi­no a quan­do dal­lo sga­buz­zi­no-te­le­vi­si­vo del­le te­le­ven­di­te di Me­dia­set ha ri­ca­va­to un “mo­no­lo­ca­le” di lus­so, da star del pic­co­lo scher­mo. Og­gi è uno dei pro­ta­go­ni­sti, nel ruo­lo di se stes­so, in Ro­mo­lo + Giu­ly. La guer­ra mon­dia­le ita­lia­na, la nuo­va (e di­ver­ten­te) se­rie di Fox, pro­dot­ta da Wild­si­de e Ze­ro­six (in on­da da do­ma­ni se­ra) do­ve si ac­cen­de una lot­ta tra Roma Nord e Roma Sud..

Lei è ovun­que...

An­che do­ve me­no uno se lo aspet­ta. E rie­sco an­co­ra a stu­pir­mi per al­cu­ni con­te­sti e si­tua­zio­ni.

C’è.

Di­cia­mo che so­no di­ven­ta­to un mu­st, il mio co­gno­me lo in­se­ri­sco­no nei mean­dri più di­spa­ra­ti, mi tro­vo ci­ta­to in nar­ra­zio­ni im­pro­ba­bi­li.

È un si­ste­ma di giu­di­zio. Che va­ria a se­con­da del to­no di vo­ce con il qua­le pro­nun­cia­no il mio co­gno­me.

Non si of­fen­de.

Qua­si mai. Per­ché do­vrei?

Osti­na­ti.

Mol­to di­pen­de dal­la mia coc­ciu­tag­gi­ne di que­sti ul­ti­mi an­ni: ho in­si­sti­to nel­le te­le­ven­di­te, mai mol­la­to, al­cu­na scor­cia­to­ia, nes­su­na va­ria­zio­ne di tra­iet­to­ria.

Sem­pre tra pen­to­le e ma­te­ras­si.

Chis­sà co­me mi de­fi­ni­re­te voi gior­na­li­sti do­po la mia mor­te.

Sug­ge­ri­men­to? Te­le­ven­di­to­re. Pe­rò qual­co­sa cam­bie­rà, e ma­ga­ri gra­zie a que­sta se­rie te­le­vi­si­va, for­se mi ri­sco­pro at­to­re.

È se stes­so.

Non ho scrit­to le bat­tu­te, quin­di non ri­spec­chia il mio pen­sie­ro: in Ro­mo­lo + Giu­ly so­no un cat­ti­vo, in un con­te­sto non po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to.

Il suo per­so­nag­gio si sen­te sot­to­va­lu­ta­to.

Ec­co, io no. Co­no­sco per­fet­ta­men­te le di­na­mi­che te­le­vi­si­ve, le ho vis­su­te tut­te e in pri­ma per­so­na; i pic­chi di fa­ma e i mo­men­ti bui; il te­le­fo­no che squil­la in con­ti­nua­zio­ne e la fa­se in cui sei tu a chia­ma­re e nes­su­no ri­spon­de.

Quan­do nes­su­no ri­spon­de...

Bi­so­gna te­ne­re a ba­da l’in­vi­dia, con­cen­trar­si su co­me usci­re dal­lo stal­lo. Non sven­der­si.

Ti­po?

Non ho mai ac­cet­ta­to un rea­li­ty e me ne han­no pro­po­sti tan­tis­si­mi; ogni vol­ta ho re­pli­ca­to

con ‘scu­sa­te, io la­vo­ro’. E poi ci vuo­le an­che una bel­la do­se di for­tu­na, so­prat­tut­to nell’evi­ta­re i pas­si fal­si. Ha par­te­ci­pa­to a “Uo­mi­ni e don­ne” del­la De Fi­lip­pi.

Un me­se da tro­ni­sta: un mo­men­to mi cor­teg­gia­va­no, e po­co do­po cam­bia­vo stu­dio e ven­de­vo i miei pro­dot­ti. Ho poi sco­per­to che mol­te del­le pre­ten­den­ti era­no fi­dan­za­te, sta­va­no lì so­lo per pub­bli­ciz­zar­si. Chi so­no i suoi fan?

So­pra i 70 an­ni, e se so­no don­ne, non ho ri­va­li. Lì so­no il nu­me­ro uno. Quan­do va­do al mer­ca­to ac­ca­de di tut­to, e in quei ra­ri mo­men­ti di ma­lin­co­nia, ba­sta una pas­seg­gia­ta e l’umo­re mu­ta ver­so. Le 70en­ni ten­ta­no l’approccio?

La bel­lez­za di quell’età è la mi­nor per­ce­zio­ne del­le ini­bi­zio­ni; quin­di sì: al­cu­ne ci pro­va­no, ma sem­pre con un sor-

ri­so ac­com­pa­gna­to da una bat­tu­ta sboc­ca­ta. Au­da­ci.

Non toc­ca­no, sia ben chia­ro.

In­som­ma, lei ra­ra­men­te è tri­ste.

Sem­pre sta­to un ti­po po­si­ti­vo; sem­pre guar­da­to al do­ma­ni con l’oc­chio be­ne­vo­lo, an­che quan­do ho ini­zia­to ab­ba­stan­za pre­sto a perdere i ca­pel­li, esat­ta­men­te co­me mio pa­dre. Tra­di­zio­ne.

Guar­do il ciuf­fo di mio fi­glio e gli di­co: ‘Ras­se­gna­ti, sei co­me noi’. In te­le­vi­sio­ne ha ini­zia­to pre­sto.

Gra­zie a Gianfranco Funari, è sta­to lui a por­tar­mi in Rai, e in quel pe­rio­do ho im­pa­ra­to tan­tis­si­mo. Funari.

Si ven­de­va co­me nes­sun al­tro, pos­se­de­va lo stu­dio te­le­vi­si­vo, lo do­mi­na­va; un ve­ro ani­ma­le da ri­flet­to­re in gra­do di

Si da­va co­me nes­sun al­tro, pos­se­de­va lo stu­dio te­le­vi­si­vo Una vol­ta mi por­tò a ri­fa­re il guar­da­ro­ba

GIANFRANCO FUNARI

È usci­to da scuo­la con un cruc­cio: ‘Ma tu sei fa­mo­so per­ché ven­di let­ti?’ Qua­si qua­si mi ha tur­ba­to

IL FI­GLIO PIC­CO­LO

La Rai2 so­cia­li­sta an­ni 80 Ho vis­su­to la Mi­la­no da be­re e am­met­to un cer­to di­sin­te­res­se per la po­li­ti­ca A do­mi­na­re era l’edo­ni­smo

cal­co­la­re man­te­ne­re i tem­pi al­to il ot­ti­ma­li rit­mo del­la per tra­smis­sio­ne. An­che ne­gli ul­ti­mi an­ni di In­som­ma, car­rie­ra? a un cer­to pun­to ha stra­bor­da­to. Quan­do par­la­va dei suoi proA­vrei ble­mi evi­ta­to, in­te­sti­na­li... ma quel­lo è un er­ro­re do: spes­so ti­pi­co chi del sta no­stro da­van­ti mon- al­la te­le­ca­me­ra del­la car­rie­ra pas­sa nel­la una qua­le fa­se si sen­te so, a vol­te trop­po on­ni­po­ten­te, si­cu­ro di se e va stes- ol­tre Funari l’op­por­tu­no. con lei.

Ge­ne­ro­so, ma non so­lo con me, con l’in­te­ro grup­po di la­vo­ro. Un gior­no mi guar­da: ‘Non me pia­ce co­me te ve­sti’; mi ca­ri­ca in mac­chi­na in­sie­me al­la sua mo­glie dell’epo­ca e mi porta in cen­tro a Mi­la­no: ‘Ades­so ve­di’. Ri­sul­ta­to?

Mi gui­da all’ac­qui­sto di una lun­ga se­rie di giac­che, quel­le di mo­da al­lo­ra, or­ri­bi­li, con le spal­li­ne da co­raz­zie­re e dei co­lo­ri ana­cro­ni­sti­ci. Lui sod­di­sfat­to: ‘ A Giò, ades­so sei un’al­tra co­sa. Ora cam­bia tut­to’. Ed è cam­bia­to?

I pri­mi tem­pi so­no sta­ti to­sti, non è sem­pli­ce la tv. Per for­tu­na so­no sem­pre sta­to ab­ba­stan­za sve­glio, ero bel­loc­cio, sa­pe­vo par­la­re, co­no­sce­vo il con­giun­ti­vo gra­zie an­che all’uni­ver­si­tà. Non fi­ni­ta.

Man­ca la te­si, lo so. Il pro­ble­ma è sta­ta la bot­ta di po­po­la­ri­tà ri­scon­tra­ta in quel pe­rio­do, un’al­tis­si­ma sbor­nia di ego, quan­do ba­sta­va­no po­chi pas­sag­gi in Rai per di­ven­ta­re un per­so­nag­gio pub­bli­co. Sin­te­si: gio­va­ne, bel­loc­cio, fa­mo­so, sol­di in ta­sca. Ri­sul­ta­to? Mi so­no bec­ca­to la Estra­da. Poi è sfug­gi­ta (si è le­ga­ta a Pao­lo Ber­lu­sco­ni).

È sfug­gi­ta an­che la fa­ma.

In que­sto me­stie­re nes­su­no è in­so­sti­tui­bi­le, nes­su­no! Do­ve non ci sei tu, pri­ma io poi ar­ri­va un al­tro. Pro­prio nes­su­no è in­so­sti­tui­bi­le?

Nean­che Fio­rel­lo; quan­do è man­ca­to per due an­ni dal­la te­le­vi­sio­ne, non ho vi­sto ma­ni­fe­sta­zio­ni di piazza, o per­so­ne strap­par­si i ca­pel­li. Non ho sen­ti­to pe­ti­zio­ni pub­bli­che. Ov­vio, nel mo­men­to in cui Fio­re è pro­ta­go­ni­sta di qual­co­sa, lo se­guo per­ché è bra­vis­si­mo.

Que­sta re­go­la va­le an­che per lei. So­prat­tut­to. E se vuoi so­prav­vi­ve­re, e be­ne, de­vi te­ner­la in men­te; de­vi sa­pe­re che ba­sta an­da­re a Lu­ga­no per non con­ta­re più un ca­vo­lo.

Pe­rò lei è in­vi­dia­to da Fras­si­ca.

Re­cen­te­men­te ho sen­ti­to il Ma­go Fo­re­st ci­tar­mi in uno show: ‘Il po­sto più stra­no do­ve ho fat­to l’amo­re? Su un ma­te­ras­so men­tre Mastrota lo ven­de­va’. Lei quan­to con­ta?

Di­pen­de dal con­te­sto, fun­zio­no mol­to sui be­ni di lar­go con­su­mo, cer­to non ci so­no più i nu­me­ri di un tem­po: ne­gli an­ni Due­mi­la po­te­vo spo­sta­re mol­to, in quan­to a ven­di­te, og­gi un po­chi­no me­no a cau­sa del­le dif­fe­ren­ti piat­ta­for­me di co­mu­ni­ca­zio­ne. Ber­lu­sco­ni l’ha mai con­si­glia­ta su co­me si ven­de?

No, ma so­lo per­ché quan­do ho ini­zia­to lui era sce­so in po­li­ti­ca. Nel ven­de­re, più bra­vo lui o lei?

Ber­lu­sco­ni è in as­so­lu­to il ca­po­sti­pi­te di tut­ti i ven­di­to­ri mo­der­ni, ma il più gran­de era e re­sta Mi­ke (Bon­gior­no). I col­le­ghi la trat­ta­no mai con suf­fi­cien­za?

Cre­do di no, ma non sa­prei ac­cor­ger­me­ne. An­che in que­sta se­rie tv ho tro­va­to per­so­ne ca­ri­nis­si­me, For­tu­na­to Cel­li­no (il boss in Go­mor­ra, e nel ca­st di Ro­mo­lo + Giu­ly): mi ha aiu­ta­to mol­to, so­prat­tut­to su co­me pro­nun­cia­re le bat­tu­te, co­me te­ne­re i tem­pi giu­sti, le in­fles­sio­ni. Lei ha re­ci­ta­to nel­la te­le­no­ve­la “Ma­nue­la”.

E par­lia­mo di una se­rie da cin­que-sei mi­lio­ni in pri­ma se­ra­ta.

Bri­vi­di. Nei pri­mi an­ni No­van­ta non c’era an­co­ra l’of­fer­ta di og­gi: di se­ra, o ti dro­ga­vi di te­le­no­ve­las, o leg­ge­vi, o trom­ba­vi. I suoi figli lo san­no?

Il pic­co­lo po­chi gior­ni fa è usci­to da scuo­la con un cruc­cio: ‘Ma tu sei fa­mo­so per­ché ven­di i ma­te­ras­si?’. Qua­si qua­si mi ha tur­ba­to. Non co­no­sce il suo pas­sa­to.

Ho chie­sto a dei tec­ni­ci Me­dia­set il fa­vo­re di rea­liz­za­re una rac­col­ta dei miei pre­ce-

den­ti lavori: dal Gio­co del­le cop­pie al­la stes­sa Ma­nue­la, fi­no a Me­teo­re.

Si è mai ri­vi­sto in “Ma­nue­la”?

Ab­ba­stan­za ri­di­co­lo, re­ci­ta­to con mo­da­li­tà as­sur­de. In una sce­na pren­do un pu­gno da Fa­bio Te­sti, e lì ho toc­ca­to al­te pun­te di ila­ri­tà. Si sen­te fa­mo­so?

So­no co­no­sciu­to. Ci­ta­to da Ren­zi. For­se gli ho por­ta­to ma­le. Ha spe­ra­to in lui.

Gio­va­ne, nuo­vo, in ap­pa­ren­za ca­pa­ce. Suc­ce­de. La ge­stio­ne del pri­va­to.

Ora­mai ci so­no abi­tua­to, all’ini­zio no, è sta­to mol­to com­pli-

ca­to ca­pi­re co­me muo­ver­si quan­do il tuo vi­so è ri­co­no­sci­bi­le e la tua vi­ta pre­da dell’al­trui. Poi og­gi so­no cam­bia­ti i pro­ces­si. Con i so­cial.

Un tem­po usci­va­no so­lo i set­ti­ma­na­li ti­po No­vel­la 2000: ba­sta­va ap­pa­ri­re lì per sca­te­na­re en­dor­fi­ne da pri­ma­don­na; ades­so è una co­mu­ni­ca­zio­ne pe­ren­ne ed è più com­pli­ca­to com­pren­de­re che è tut­to un at­ti­mo. Bat­ti­to di ci­glia.

E da pseu­do-fa­mo­so tor­ni nei ran­ghi.

Lei sui ro­to­cal­chi ci è fi­ni­to, ec­co­me.

Si ri­fe­ri­sce al­la se­pa­ra­zio­ne con Na­ta­lia?

Sì.

La no­ti­zia del no­stro ad­dio è sta­ta da­ta dal Tg5 del­la se­ra. Chia­ro? Mia ma­dre lo ha sco­per­to guar­dan­do il te­le­gior­na­le. Non ma­le.

È nel con­to di que­sto mon­do, de­vi so­lo ca­li­bra­re i pos­si­bi­li dan­ni. Prag­ma­ti­co.

Un po’. E piaz­zo pa­let­ti do­ve ne­ces­sa­rio.

Ne­gli Ot­tan­ta Rai2 era mol­to so­cia­li­sta.

Com­pre­so me: ho vis­su­to a pie­no la Mi­la­no da be­re, quel­la del­la tria­de To­gno­li-Pil­lit­te­ri-Cra­xi. Co­me Funari.

As­so­lu­ta­men­te, fun­zio­na­va co­sì e am­met­to spu­do­ra­ta­men­te un cer­to di­sin­te­res­se per la po­li­ti­ca, si viag­gia­va ver­so al­tri li­di del­la men­te, l’edo­ni­smo do­mi­na­va le no­stre gior­na­te. Non sem­pre e non per tut­ti.

A Mi­la­no sì, era­no po­chi quel­li ve­ra­men­te im­pe­gna­ti. Me­glio il po­te­re o i sol­di?

So­no due fac­ce fon­da­men­ta­li del­la no­stra so­cie­tà, non due me­tri di va­lu­ta­zio­ne. Se­con­do un set­ti­ma­na­le lei gua­da­gna 850 mi­la eu­ro l’an­no dal­la te­le­ven­di­te. Eh, ma­ga­ri.

La­sce­rà per de­di­car­si al­la fic­tion?

Io? Non ci pen­so pro­prio, a quel­le non ri­nun­cio, non ab­ban­do­ne­rò i miei co­mo­di ma­te­ras­si. (Gli si ab­bas­sa la vo­ce)

Mi scu­si, so­no a Roma e ie­ri se­ra ho man­gia­to un’ama­tri­cia­na. So­no ko.

(Nel­la bat­ta­glia tra Roma Sud e Roma Nord per ora ha vin­to il bu­ca­ti­no).

LaP­res­se

Pub­bli­co e pri­va­toIl con­dut­to­re te­le­vi­si­vo ha spo­sa­to nel 1992 la bal­le­ri­na Na­ta­lia Estra­da, da cui si è se­pa­ra­to nel 1998

LaP­res­se

Dal­la real­tà al­la fic­tion Gior­gio Mastrota in “Ro­mo­lo + Giu­ly”, al “Mau­ri­zio Co­stan­zo Show”. Sot­to, con Gianfranco Funari a “Mez­zo­gior­no ita­lia­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.