Nel 2009 so­lo “il Fat­to” pun­tò su quel­la fo­to

L’im­ma­gi­ne del vol­to tu­me­fat­to di Cuc­chi fi­nì nel­le pa­gi­ne in­ter­ne o nei ce­sti­ni

Il Fatto Quotidiano - - CRONACA - » LO­REN­ZO GIARELLI

“Ste­fa­no,

31 an­ni, chi lo ha ri­dot­to co­sì?”. Se lo chie­de­va il Fat­to Quo­ti­dia­no in edi­co­la il 30 ot­to­bre 2009, pub­bli­can­do in pri­ma pa­gi­na il vol­to tu­me­fat­to di Ste­fa­no Cuc­chi. Quel­la fo­to l'ave­va dif­fu­sa il gior­no pri­ma la so­rel­la Ila­ria, che ave­va or­ga­niz­za­to una con­fe­ren­za stam­pa al Se­na­to as­sie­me a una man­cia­ta di par­la­men­ta­ri, tra cui i ra­di­ca­li e Lui­gi Man­co­ni. Ila­ria con­se­gnò a tut­te le te­sta­te pre­sen­ti le im­ma­gi­ni del ca­da­ve­re del fra­tel­lo, con la spe­ran­za che ser­vis­se­ro a fa­re lu­ce su quel­la che non po­te­va es­se­re una mor­te ac­ci­den­ta­le av­ve­nu­ta in car­ce­re.

MA MENTRE­quel 30 ot­to­bre il Fat­to da­va ri­sal­to al­le fo­to di Ste­fa­no, tra gli al­tri quo­ti­dia­ni na­zio­na­li sol­tan­to il m an if es to apri­va la pri­ma pa­gi­na con la de­nun­cia di Ila­ria, scri­ven­do un elo­quen­te “Am­maz­za­to” sot­to a un pri­mo pia­no di Cuc­chi.

No­no­stan­te le fo­to dif­fu­se da Ila­ria, qua­si tut­te le te­sta­te pre­fe­ri­ro­no re­le­ga­re la no­ti­zia nel­le ul­ti­me pa­gi­ne, sen­za nean­che pub­bli­ca­re le fo­to più ma­ca­bre, co­me quel­le dei gros­si ema­to­mi vio­la at­tor­no agli oc­chi di Ste­fa­no.

Il Cor­rie­re del­la Se­ra, per esem­pio, che ie­ri ha aper­to la sua edi­zio­ne con le di­chia­ra­zio­ni del ca­ra­bi­nie­re Fran­ce­sco Te­de­sco, al­lo­ra non tro­va­va po­sto per la no­ti­zia se non a pa­gi­na 14: un ar­ti­co­lo cor­re­da­to da una pic­co­la fo­to del­la schie­na di Ste­fa­no co­per­ta di li­vi­di.

Stes­sa scel­ta del Mes­sag­ge­ro, che ha da­to ri­sal­to in pri­ma pa­gi­na al­la te­sti­mo­nian­za di Te­de­sco e che pu­re ave­va pub­bli­ca­to la no­ti­zia del­la mor­te di Ste­fa­no an­cor pri­ma del­la con­fe­ren­za stam­pa del­la so­rel­la. L'ar­ti­co­lo sul­la de­nun­cia di Ila­ria, quel 30 ot­to­bre 2009, era fi­ni­to in una spal­la a pa­gi­na 11, ar­ric­chi­ta sol­tan­to da una pic­co­la fo­to del­la schie­na di Cuc­chi. Si trat­ta­va for­se di im­ma­gi­ni trop­po cruen­te? Può dar­si, co­me d'al­tra par­te scris­se al­lo­ra il Se­co­lo d'I- ta lia , gior­na­le dell’ex Al­lean­za na­zio­na­le con­flui­ta nel Po­po­lo del­la Li­ber­tà, che parlò di im­ma­gi­ni “rac­ca­pric­cian­ti, im­pub­bli­ca­bi­li” all'in­ter­no di un ar­ti­co­lo che ri­co­strui­va la vi­cen­da. Ma in quel ca­so non si spie­ghe­reb­be per­ché, col pas­sa­re de­gli an­ni, l'im­ma­gi­ne del vol­to di Ste­fa­no sia sta­ta a più ri­pre­se pub­bli­ca­ta su que­gli stes­si quo­ti­dia­ni che ini­zial­men­te non la vol­le­ro mo­stra­re.

An­che chi les­se Re­pub­bli­ca, all'epo­ca, non po­té tro­va- re sul gior­na­le le im­ma­gi­ni più im­pres­sio­nan­ti, di cui il quo­ti­dia­no die­de con­to a pa­gi­na 26 con un ar­ti­co­lo e un'in­ter­vi­sta a Ila­ria, mo­stran­do due pic­co­le im­ma­gi­ni del cor­po di Ste­fa­no sen­za pub­bli­ca­re il vol­to co­per­to di li­vi­di . E se ie­ri La Stam­pa ti­to­la­va in pri­ma: “Cuc­chi, ca­ra­bi­nie­re con­fes­sa il pe­stag­gio”, con an­nes­sa fo­to di Ila­ria e di Ste­fa­no, nel­la stes­sa pri­ma pa­gi­na di quel 30 ot­to­bre la vi­cen­da non tro­va­va spa­zio, né le fo­to fu­ro­no pub­bli­ca­te all'in­ter­no del gior­na­le.

MA SE QUA­SI tut­ti han­no poi avu­to tem­po e mo­do di ri­va­lu­ta­re l'im­por­tan­za del ca­so, c'è an­che chi si è man­te­nu­to coe­ren­te nel cor­so de­gli an­ni, sen­za cam­bia­re idea. Su Li­be­ro, per esem­pio, il tem­po sem­bra non es­ser mai pas­sa­to: ie­ri co­me no­ve an­ni fa, Ste­fa­no Cuc­chi non me­ri­ta una ri­ga in pri­ma pa­gi­na. Il mi­glio­ra­men­to, a vo­ler­lo tro­va­re, è all'in­ter­no del gior­na­le, per­ché dal­le 477 bat­tu­te sen­za fo­to del 30 ot­to­bre 2009 sia­mo pas­sa­ti ades­so a un ar­ti­co­lo di aper­tu­ra a pa­gi­na 13. Pic­co­li pas­si in avan­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.