‘M’È UN ROMANZONE NOIOSO. TUT­TO QUA

Il Fatto Quotidiano - - POLITICA -

LO SCRIT­TO­RE An­to­nio Scu­ra­ti non ama le cri­ti­che. E co­sì ie­ri in tv ha det­to: il li­bro non è pia­ciu­to ai gior­na­li che so­sten­go­no il go­ver­no. Cioè noi, Il Fat­to Quo­ti­dia­no. Or­mai la vul­ga­ta del­la si­ni­stra di sa­lot­to e di esta­blish­ment è que­sta: Il Fat­to­co­me hou­se or­gan gril­li­no. E vi­sto che Scu­ra­ti ha l’os­ses­sio­ne gial­lo­ver­de tra­spo­sta su Mus­so­li­ni, di qui la spie­ga­zio­ne del­la stron­ca­tu­ra no­stra. In real­tà il pun­to è un al­tro. Il du­ce scu­ra­tia­no è un romanzone noioso che ha l’am­bi­zio­ne fal­li­ta di met­te­re la pa­ro­la fi­ne al­la fi­gu­ra di Be­ni­to Mus­so­li­ni, fi­glio del se­co­lo. In­nan­zi­tut­to, non ha una nar­ra­zio­ne omo­ge­nea ma per qua­dret­ti che ri­chia­ma­no una fic­tion tv (ed Mpre­sto lo sa­rà) e poi li­qui­da la sto­ria del­la si­ni­stra co­me una ba­ruf­fa qual­sia­si del Pd. Que­sto per ri­spon­de­re a Scu­ra­ti, che a Myr­ta Mer­li­no de L’aria che ti­ra ha pre­ci­sa­to di aver co­min­cia­to a scri­ve­re M tre an­ni fa, ben pri­ma del­la cu­pa èra po­pu­li­sta di og­gi. Non so­lo. Il ro­man­zo po­po­la­re di Mus­so­li­ni è pri­mo in clas­si­fi­ca an­che per­ché pia­ce al­la de­stra re­du­ce e no­stal­gi­ca e qui for­se Scu­ra­ti qual­che do­man­da do­vreb­be far­se­la. Al­tro che ac­cu­sa­re i let­to­ri de­lu­si co­me noi dal suo to­mo. Non esi­sto­no cri­ti­che mi­li­tan­ti co­me ai tem­pi del ber­lu­sco­ni­smo e del re­vi­sio­ni­smo di Pan­sa. Il go­ver­no gial­lo­ver­de non c’en­tra nul­la, è so­lo un pro­ble­ma per Scu­ra­ti e la sua co­scien­za di scrit­to­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.