FRAN­CE­SCO E L’ABORTO, UNA SOR­PRE­SA MOL­TO AMARA

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » FURIO CO­LOM­BO

Il Pa­pa par­la dell’aborto, di­ce il pen­sie­ro del­la Chie­sa, ben no­to. Ma la pa­ro­la che ha col­pi­to co­me una pu­gna­la­ta chi lo ascol­ta­va è “si­ca­rio”, ov­ve­ro as­sas­si­no mer­ce­na­rio, senz’al­tro sco­po che un com­pen­so per uc­ci­de­re.

Le vi­cen­de del­lo stes­so gior­no non so­no sta­te be­ne­vo­le per Fran­ce­sco. In al­tre pa­gi­ne de­gli stes­si gior­na­li la pa­ro­la “si­ca­rio” com­pa­ri­va in mol­ti ti­to­li. De­fi­ni­va il li­vel­lo uma­no del­le per­so­ne (for­se cin­que) che han­no avu­to il com­pi­to di uc­ci­de­re e fa­re a pez­zi, nel Con­so­la­to sau­di­ta di Istan­bul, il gior­na­li­sta ara­bo Kha­shog­gi, col­pe­vo­le di ave­re scrit­to ar­ti­co­li osti­li al po­te­re del suo Pae­se. Nell’usa­re la pa­ro­la “si­ca­rio”, che un co­mu­ni­ca­to­re ac­cor­to co­me Fran­ce­sco non può non aver cal­co­la­to, il Pa­pa ha sta­bi­li­to, in mo­do uf­fi­cia­le che le don­ne che abor­ti­sco­no, ben­ché sia per­mes­so dal­la leg­ge ita­lia­na e ac­cet­ta­to da tut­ti i Pae­si de­mo­cra­ti­ci, so­no as­sas­si­ne.

LA PA­RO­LA è fer­ma e bru­ta­le e non am­met­te sot­to-va­lu­ta­zio­ni o in­ter­pre­ta­zio­ni più mi­ti. Per­si­no un as­sas­si­no può es­se­re trat­ta­to con cau­te­la (il si­ca­rio stes­so). Il man­dan­te no, per­ché un per­fi­do cal­co­lo ben pro­gram­ma­to gli at­tri­bui­sce di­se­gno e or­ga­niz­za­zio­ne del de­lit­to. Ma una vol­ta usa­ta la pa­ro­la “si ca ri o” per la don­na che or­di­sce l’uc­ci­sio­ne del fe­to, ol- tre che per il me­di­co che si pre­sta, chi vie­ne rag­giun­to dal mes­sag­gio (cre­den­te o non cre­den­te) è col­pi­to da uno shock da cui non sa­rà fa­ci­le li­be­rar­si.

In­fat­ti la pa­ro­la scel­ta que­sta vol­ta da Pa­pa Fran­ce­sco ha col­pi­to e ab­bat­tu­to due fi­gu­re tra le più vul­ne­ra­bi­li nel­la so­cie­tà de­gli uma­ni: la don­na in­cin­ta e il suo me­di­co. Tut­ti san­no che non esi­sto­no al­le­gre spe­di­zio­ni di don­ne fe­sto­se che van­no all’aborto co­me a un par­ty. È so­li­tu­di­ne, do­lo­re, iso­la­men­to, con­trad­di­zio­ne, tri­stez­za. In­fat­ti, in Italia gli abor­ti, da quan­do so­no le­ga­li, so­no po­chi, e di­mi­nui­sco­no. Co­me è ac­ca­du­to per l’im­mi­gra­zio­ne (e a cau­sa del­la stes­sa gen­te) la lot­ta po­li­ti­ca con­tro le don­ne e con­tro l’aborto (ve­di lo sgra­de­vo­le sot­to­mi­ni­stro Fon­ta­na) so­no sta­te di­chia­ra­te emer­gen­za pro­prio quan­do i numeri sta­va­no di­ven­tan­do mi­ni­mi. La Chie­sa è ri­ma­sta fer­ma (e so­la) nel soc­cor­so agli im­mi­gra­ti. Ma lo spin­to­ne im­prov­vi­so e vio­len­to con­tro le don­ne e i lo­ro me­di­ci è ve­nu­to pro­prio lun­go la stes­sa li­nea (non so­lo av­ver­sa, ma an­che cru­de­le) che è ti­pi­ca del mo­men­to po­li­ti­co ita­lia­no e del­la par­te ag­gres­si­va e vio­len­ta di que­sto go­ver­no.

Per­ché get­ta­re la pa­ro­la “si­car io ” ad­dos­so a una don­na tor­men­ta­ta dal­la ne­ces­si­tà di un aborto, quan­do pro­prio Fran­ce­sco ave­va usa­to tan­to a lun­go, fi­no a ora, la pa­ro­la “mi se ri c or di a”? Pro­cu­rar­si un si­ca­rio è cir­co­stan­za che, in ogni le­gi­sla­zio­ne, ag­gra­va la pe­na, per­ché de­fi­ni­sce l’esi­sten­za di traf­fi­co cri­mi­na­le tra cri­mi­na­li, chi cer­ca l’ese­cu­to­re di un de­lit­to e chi pro­fes­sio­nal­men­te si pre­sta a uc­ci­de­re, sen­za vo­ler sa­pe­re al­tro che il com­pen­so.

Mi sto ri­pe­ten­do per­ché, men­tre scri­vo, mi ren­do con­to che l’even­to che sto com­men­tan­do è di una gra­vi­tà inau­di­ta. Non si trat­ta più di ave­re dis­sen­so e op­po­si­zio­ne sul­la pos­si­bi­li­tà di in­ter­rom­pe­re in un pun­to re­mo­to una vi­ta che non è an­co­ra vi­ta. Una con­dan­na pe­ren­ne e ir­re­mo­vi­bi­le, una pie­tra tom­ba­le va­ti­ca­na, è sta­ta get­ta­ta sul­le don­ne pro­prio dal Pa­pa da cui ave­va­mo sen­ti­to pa­ro­le di aiu­to, so­ste­gno, com­pren­sio­ne, e istru­zio­ni ai pre­ti di ca­pi­re e per­do­na­re. Ma il si­ca­rio che di vol­ta in vol­ta vie­ne as­sol­da­to per l’aborto, qua­lun­que sia la ra­gio­ne, in­clu­sa la vi­ta del­la ma­dre e la peg­gio­re dia­gno­si per la vi­ta che an­co­ra non c’è, cioè il me­di­co, vie­ne gra­ve­men­te col­pi­to nel­la sua in­te­gri­tà e di­gni­tà pro­fes­sio­na­le.

PRO­PRIO PER­CHÉ il Pa­pa è una au­to­ri­tà lar­ga­men­te ri­co­no­sciu­ta an­che dai non cre­den­ti e dai non cor­re­li­gio­na­ri, la sua ac­cu­sa è gra­ve e pericolosa. Fran­ce­sco sa cer­ta­men­te che ne­gli Sta­ti Uni­ti al­cu­ne chie­se fon­da­men­ta­li­ste cri­stia­ne han­no re­so pos­si­bi­le l’uc­ci­sio­ne di me­di­ci gi­ne­co­lo­gi, do­po ave­re pre­di­ca­to la per­sua­sio­ne che quei me­di­ci era­no as­sas­si­ni. Fran­ce­sco cer­to sa che, ne­gli Usa, de­ci­ne di cli­ni­che “per le don­ne” (ov­ve­ro i so­li pun­ti di as­si­sten­za gi­ne­co­lo­gi­ca in cer­te aree ame­ri­ca­ne in cui gli ospe­da­li so­no sta­ti dis­sua­si dall’oc­cu­par­si di aborto) so­no sta­te fat­te sal­ta­re con bom­be o esplo­si­vo, non sem­pre men­tre era­no sen­za pa­zien­ti. I me­di­ci abor­ti­sti ita­lia­ni so­no or­mai po­chis­si­mi. Ades­so, im­prov­vi­sa­men­te, è ac­ca­du­to qual­co­sa che è dif­fi­ci­le da spie­ga­re. Il Pa­pa ha cam­bia­to, di col­po, per­so­na­li­tà e pen­sie­ro. Op­pu­re una Chie­sa bi­got­ta, con­ser­va­tri­ce, su­per­sti­zio­sa, che sor­ve­glia coi ro­sa­ri le fron­tie­re ar­ma­te dei Pae­si so­vra­ni­sti, ha la for­za di far de­ra­glia­re il tre­no del­la mi­se­ri­cor­dia di Fran­ce­sco. E può in­dur­re il Pa­pa a par­la­re in mo­do di­su­ma­no e cru­de­le. An­che per sfa­ta­re la leg­gen­da del Pa­pa buo­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.