“La Ca­sel­la­ti ri­nun­ci al me­ga-vi­ta­li­zio, le re­go­le lo vie­ta­no”

Pri­moDi Ni­co­la Il se­na­to­re M5S: “Mar­te­dì il Se­na­to de­ci­de­rà sul ri­cal­co­lo con­tri­bu­ti­vo: vi­sto co­sa c’è in gio­co, sa­reb­be me­glio non espor­re l’isti­tu­zio­ne”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ILA­RIA PROIETTI

Il vi­ta­li­zio al­la pre­si­den­te del Se­na­to, Ma­ria Eli­sa­bet­ta Al­ber­ti Ca­sel­la­ti, per il pe­rio­do tra­scor­so al Csm, non an­da­va con­ces­so. E be­ne fa­reb­be, a que­sto pun­to, a ri­nun­cia­re all’as­se­gno ri­co­no­sciu­to­le dall’or­ga­no di giu­sti­zia in­ter­na di Pa­laz­zo Ma­da­ma al qua­le si è ap­pel­la­ta. Pa­ro­la di Pri­mo Di Ni­co­la, se­na­to­re del M5S, che sull’Espres­so ri­ve­lò nel 1999 tut­ti i se­gre­ti dei vi­ta­li­zi par­la­men­ta­ri, og­get­to poi an­che del libro Or­go­glio e Vi­ta­li­zio( Pa­per Fir­st).

Se­na­to­re, che idea si è fat­to del­la vi­cen­da Ca­sel­la­ti? Al­la lu­ce del re­go­la­men­to sui vi­ta­li­zi del Se­na­to non c’è dub­bio che tut­ti co­lo­ro che si tro­va­no in si­tua­zio­ne di in­com­pa­ti­bi­li­tà con il man­da­to par­la­men­ta­re, se­con­do quan­to sta­bi­li­to dal­la Co­sti­tu­zio­ne, non ab­bia­no di­rit­to a ri­scuo­te­re il vi­ta­li­zio. Co­no­sce­va que­sto re­go­la­men­to?

Fu con­ce­pi­to nel 2012 per to­glie­re ogni dub­bio sul­la pos­si­bi­li­tà di da­re la pen­sio­ne ai par­la­men­ta­ri pas­sa­ti ad al­tri in­ca­ri­chi. Tra l’al­tro, la ri­for­ma fu va­ra­ta pro­prio per bloc­ca­re le ri­chie­ste che con­ti­nua­va­no ad ar­ri­va­re da ex se­na­to­ri tran­si­ta­ti al Csm. Co­me è sta­to quin­di pos­si­bi­le as­su­me­re la de­ci­sio­ne a fa­vo­re del­la Ca­sel­la­ti? Non so con qua­li mo­ti­va­zio­ni la com­mis­sio­ne di Ga­ran­zia, or­ga­no di ap­pel­lo del­la giu­sti­zia in­ter­na del Se­na­to, ab­bia ac­col­to le sue ri­chie­ste vi­sto che in pri­mo gra­do, cor­ret­ta­men­te, le men­si­li­tà per il pe­rio­do tra­scor­so al Con­si­glio su­pe­rio­re le era­no sta­te ne­ga­te. So­no dav­ve­ro cu­rio­so di co­no­scer­le.

L’ap­pel­lo a fa­vo­re di Ca­sel­la­ti è sta­to de­ci­so quan­do era già di­ven­ta­ta pre­si­den­te del Se­na­to. Al suo po­sto co­me si sa­reb­be com­por­ta­to?

A me sa­reb­be ba­sta­to il ca­so di Mi­che­le Viet­ti per non ca­de­re in ten­ta­zio­ne vi­sto che a lui, ad­di­rit­tu­ra vi­ce­pre­si­den­te del Csm, la Ca­me­ra ave­va già in pas­sa­to ne­ga­to il vi­ta­li­zio. Per es­se­re più chia­ro, fer­mo re­stan­do che cia­scu­no è li­be­ro di agi­re co­me vuo­le, per­so­nal­men­te non avrei pro­prio pro­po­sto ri­cor­so.

Gli at­ti del dos­sier-Ca­sel­la­ti non so­no pub­bli­ci. Il Se­na­to con­ti­nua a man­te­ne­re il più stret­to ri­ser­bo sul­le de­ci­sio­ni de­gli or­ga­ni di giu­sti­zia in­ter­na. Una tu­te­la che non è ac­cor­da­ta nel­le au­le di giu­sti­zia ai cit­ta­di­ni co­mu­ni. Ri­tie­ne tol­le­ra­bi­le que­sta di­spa­ri­tà?

È un an­ti­co vi­zio del­la ca­sta. Trat­tan­do­si di isti­tu­zio­ni par­la­men­ta­ri, e so­prat­tut­to, di sol­di dei cit­ta­di­ni, cre­do

An­sa

L’as­se­gno Al­ber­ti Ca­sel­la­ti. Ac­can­to Pri­mo Di Ni­co­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.