“Fur­ti di pia­di­ne con Vil­lag­gio e MeToo a sber­le”

Do­po 80 film, “ze­ro ruo­li: for­se è col­pa dell’età. Mi ci ve­de­te co­me non­na?”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ALES­SAN­DRO FERRUCCI

La du­ra vi­ta dell’eter­no sex sym­bol pas­sa dal tac­co 13, nean­che 12: “Che fa­ti­ca! Ie­ri so­no sta­ta in televisione, quan­do è fi­ni­ta la tra­smis­sio­ne mi so­no re­sa con­to di aver di­men­ti­ca­to le scar­pe bas­se e non so do­ve, co­sì ho pre­so il tre­no di ritorno ar­ram­pi­ca­ta su quei tram­po­li. Un do­lo­re. Un fa­sti­dio”.

So­no im­pre­scin­di­bi­li. “Ov­vio, ho un’im­ma­gi­ne da ri­spet­ta­re, mi­ca pos­so de­lu­de­re le at­te­se”. Giu­sto, non scher­zia­mo, lei è Serena Gran­di. “E da sem­pre. Io non mol­lo”. So­spi­ro di sol­lie­vo: “La fre­ga­tu­ra so­no i sel­fie: un tem­po la scam­pa­vi con un au­to­gra­fo, og­gi con que­ste fo­to de­vi sem­pre sta­re in or­di­ne. Se non lo so­no, ca­so ra­ro, ab­bas­so lo sguar­do e cer­co di evi­ta­re”.

In­som­ma, “una fa­ti­ca”.

È la leg­ge del­la televisione, do­ve cam­bia­no to­tal­men­te le di­na­mi­che, do­ve non c’è un “ciak si sba­glia”, via con un al­tro ciak: la tv è im­me­dia­ta, ve­lo­ce, di­ret­ta; non puoi nean­che con­trol­la­re le lu­ci per ca­li­bra­re il ri­sul­ta­to del­la tua im­ma­gi­ne.

Nu­da.

La te­le­ca­me­ra non na­scon­de nul­la, e non so­lo il fuo­ri: il di­scor­so coin­vol­ge an­che la tua par­te psi­co­lo­gi­ca e più in­ti­ma.

Me­glio il ci­ne­ma.

Non mi chia­ma­no, ep­pu­re ho gi­ra­to 80 film, lo stes­so nu­me­ro di Alain De­lon.

E no­no­stan­te que­sto... Ze­ro par­ti; for­se so­no nell’età di mez­zo e for­se il mio fi­si­co e la mia au­rea non per­met­to­no un ruo­lo adatto. Mi ci ve­de co­me non­na?

In­som­ma.

Ap­pun­to.

Pu­pi Ava­ti nei suoi film l’ha tra­sfor­ma­ta.

Mi ha in­se­gna­to a re­ci­ta­re, ha stra­vol­to ogni mia cer­tez­za, mu­ta­ta fi­si­ca­men­te: ca­pel­li bian­chi e in­gras­sa­ta, dell’ero­ti­smo non gli im­por­ta­va.

Non è Brass.

Se con Pu­pi sgar­ri un at­ti­mo, ti sgri­da co­me fos­si un fi­glio di­sco­lo: una vol­ta mi ha co­stret­ta a re­sta­re sei ore sot­to le ma­ce­rie; al­la fi­ne non ne po­te­vo più e so­no sbot­ta­ta: “Ba­staaaa ! Pre­fe­ri­sco spo­gliar­mi e gi­ra­re un ero­ti­co”.

E lui?

È scop­pia­to a ri­de­re: “Serena non sei una bam­bi­na”. Ma cac­chio, sta­te voi sei ore in quel­la si­tua­zio­ne.

Nu­da è più sem­pli­ce. Co­no­sco i mec­ca­ni­smi, sa­pe­vo per­fet­ta­men­te co­sa vo­le­va­no: so­no pas­sa­ta dal­la scuo­la di Brass, mi­ca scher­zi; con Tin­to la real­tà si toc­ca. Mi­ran­da le ha cam­bia­to la vi­ta.

In quel­la fa­se so­no di­ven­ta­ta un sex sym­bol a li­vel­lo eu­ro­peo, scat­ti ovun­que, ri­chie­ste con­ti­nue, de­ci­ne di ca­len­da­ri, e l’uf­fi­cio stam­pa che mi in­ci­ta­va: “Mi rac­co­man­do di­chia­ra­zio­ni for­ti, an­che ir­rea­li, non sei mi­ca una don­na a ca­sa con l’un­ci­net­to”. Al­lo­ra non è ve­ra quel­la dei due pu­gi­li sfian­ca­ti in una not­te di ses­so a tre.

Me lo ha chie­sto po­chi gior­ni fa pu­re mio fi­glio.

E...

No, quel­la è ve­ris­si­ma. (scop­pia a ri­de­re)

Glo­ria Gui­da rac­con­ta: “Per le sce­ne di nu­do i set im­prov­vi­sa­men­te si af­fol­la­va­no”.

Ognu­no si in­ven­ta­va una scu­sa per as­si­ste­re e con le si­tua­zio­ni più stra­ne e ri­di­co­le, e non par­lo di po­che per­so­ne, ma di 70-80; per que­sto un gior­no ho de­ci­so: ba­sta con gli im­bu­ca­ti, vo­glio so­lo gli stret­ti ne­ces­sa­ri, co­me re­gi­sta e di­ret­to­re del­la fo­to­gra­fia.

Fuo­ri.

Non era­no mi­ca con­ten­ti, eh. Per for­tu­na non ero una qua­lun­que e po­te­vo de­ci­de­re.

Non so­lo ero­ti­ci, ol­tre ad A-

va­ti ha gi­ra­to con Ma­gni. Era­va­mo sul set de In no­me del po­po­lo so­vra­no e ho ri­so al­le la­cri­me gra­zie ad Al­ber­to Sor­di: pren­de­va pe­ren­ne­men­te in gi­ro Lui­gi (Ma­gni), e pro­prio du­ran­te le ri­pre­se.

Co­me?

Con le con­tro­sce­ne: quan­do Mas­si­mo Wert­mul­ler re­ci­ta­va, Al­ber­to si piaz­za­va di spal­le e co­min­cia­va a spa­ra­re le fra­si più stra­ne e di­sar­ti­co­la­te, con noi me­no esper­ti di lui con­cen­tra­ti per non per­de­re le bat­tu­te.

L’ha cor­teg­gia­ta? Blan­da­men­te, li­mi­ta­to dal­la pre­sen­za sul set di mio ma­ri­to e mio fi­glio.

Suo ma­ri­to ge­lo­so. Sem­pre, e per que­sto non lo av­ver­ti­vo mai quan­do gi­ra­vo una sce­na di nu­do, al­tri­men­ti si pre­ci­pi­ta­va da me.

Nel film di Ma­gni, ol­tre a Sor­di, c’era Man­fre­di.

E quan­do gi­ra­va­mo di se­ra e Al­ber­to vo­le­va chiu­de­re per an­da­re a ca­sa, la fra­se clas­si­ca era: “Ni­no sbri­ga­te che gli al­tri se stan­no a ma­gnà tut­ti i cor­net­ti per la co­la­zio­ne”.

In as­so­lu­to, quan­to è cor­teg­gia­ta?

Tan­tis­si­mo e da tut­te le età, e mi ri­fe­ri­sco al ven­ten­ne stu­den­te fi­no all’over ses­san­ta im­pren­di­to­re.

Al­la fac­cia di chi le dà dell’in­gras­sa­ta.

Lo di­co sem­pre: so­no mor­bi­da, so­no una cur­vy; so­no una ca­ra­mel­la mou.

Pe­rò non si con­ce­de.

Non ho vo­glia di in­caz­zar­mi per le be­ghe di nes­su­no, e poi quan­do ar­ri­vi al­la mia età non ti va più be­ne nien­te, di­ven­ti mag­gior­men­te egoi­sta, me­no di­spo­sta a con­ce­de­re per il so­lo pia­ce­re di da­re. Me lo di­ce­va an­che Pao­lo Vil­lag­gio... Co­sa?

Il di­scor­so sull’età.

Con lui ha la­vo­ra­to più vol­te. Du­ran­te Ri­mi­ni Ri­mi­ni fug­gi­va­mo dal set per man­gia­re la pia­di­na ri­pie­na. Qual­cu­na l’ab­bia­mo ru­ba­ta. Con­ten­to il re­gi­sta.

Chi? Ser­gio (Cor­buc­ci)? Lui...

Ogni gior­no pre­ten­de­va die­ci, e di­co die­ci, sup­plì! Il ci­bo era una del­le mag­gio­ri prio- ri­tà quo­ti­dia­ne, e quan­do con Pao­lo re­sta­va­mo so­li, spes­so mi pro­po­ne­va: “Tet­to­na, un gior­no ti por­te­rò al Pra­do”. Il mu­seo di Ma­drid?

Sì. Per­ché lì?

Non ne ho idea, ma era fis­sa­to.

Vil­lag­gio vie­ne di­pin­to co­me tir­chio e mu­so­ne.

Dav­ve­ro? Non mi sem­bra, era so­lo per­va­so dal­la clas­si­ca ve­na ma­lin­co­ni­ca di chi è co­stret­to in un ruo­lo co­mi­co; pos­se­de­va una cul­tu­ra smi­su­ra­ta, e su que­sto in­cu­te­va ti­mo­re re­ve­ren­zia­le. In Ri­mi­ni Ri­mi­ni sie­te pro­ta­go­ni­sti di una sce­na ce­le­ber­ri­ma.

È una lot­ta con­tro i mu­li­ni a ven­to: se aves­si de­nun­cia­to, sa­rei sta­ta sem­pre in tri­bu­na­le Io le sber­le le ho da­te MO­VI­MEN­TO #METOO

Ho ri­so al­le la­cri­me gra­zie a lui: pren­de­va in gi­ro Ma­gni e gli at­to­ri du­ran­te le ri­pre­se, spa­ran­do fra­si stra­ne AL­BER­TO SOR­DI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.