“È be­ne che si in­da­ghi an­che sul­la riu­nio­ne al co­man­do di Ro­ma”

Gio­van­ni Ni­stri Il co­man­dan­te ge­ne­ra­le dei Ca­ra­bi­nie­ri: “Non fa­re­mo scon­ti”

Il Fatto Quotidiano - - CRONACA - » AN­TO­NIO MASSARI

Un ca­ra­bi­nie­re con­dan­na­to po­chi gior­ni fa per stu­pro. L’ex co­man­dan­te ge­ne­ra­le Tul­lio Del Set­te e il ge­ne­ra­le Ema­nue­le Sal­ta­la­mac­chia in­da­ga­ti per ri­ve­la­zio­ne del se­gre­to d’uf­fi­cio e fa­vo­reg­gia­men­to nel ca­so Con­sip. E poi, po­chi gior­ni fa, Fran­ce­sco Te­de­sco, im­pu­ta­to per l’omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­na­le di Ste­fa­no Cuc­chi con Ales­sio Di Ber­nar­do e Raf­fae­le D’Ales­san­dro, che do­po 9 an­ni ri­ve­la che i suoi col­le­ghi pe­sta­ro­no Cuc­chi e lui lo scris­se in una re­la­zio­ne che pe­rò è spa­ri­ta. Il so­spet­to di omis­sio­ni e co­per­tu­re. L’Ar­ma è a un bi­vio, de­ve di­mo­stra­re che non ci so­no om­bre e sa­prà fa­re pu­li­zia op­pu­re è in gio­co la sua cre­di­bi­li­tà. Il co­man­dan­te ge­ne­ra­le Gio­van­ni Ni­stri lo sa be­ne. E ac­cet­ta il con­fron­to con più gior­na­li­sti nel suo uf­fi­cio in via­le Ro­ma­nia.

Ge­ne­ra­le Ni­stri, un ca­ra­bi­nie­re ac­cu­sa due col­le­ghi del pe­stag­gio di Cuc­chi. Lo­ro ne­ga­no. Il pri­mo di­ce di aver già de­nun­cia­to tutto 9 an­ni fa, in una re­la­zio­ne di ser­vi­zio, che pe­rò gli al­tri ne­ga­no di aver vi­sto. L'Ar­ma non de­ve scu­sar­si con la fa­mi­glia Cuc­chi, quan­to­me­no per­ché qual­cu­no di voi men­te? L’Ar­ma si scu­sa con la fa­mi- glia Cuc­chi. E si scu­sa ogni vol­ta sen­te un pe­so for­te co­me que­sto. Con chiun­que ne sia vit­ti­ma. Un ca­ra­bi­nie­re de­ve sen­ti­re il do­ve­re mo­ra­le, pri­ma an­co­ra che giu­ri­di­co, di di­re la ve­ri­tà e dir­la su­bi­to. Vo­glio espri­me­re, co­me ho già fat­to me­si fa in pri­va­to, la mia vi­ci­nan­za al­la fa­mi­glia Cuc­chi. Chi en­tra in una ca­ser­ma dei Ca­ra­bi­nie­ri, se non è più in gra­do di of­fen­de­re, de­ve es­se­re tu­te­la­to. E pro­prio noi – so­lo que­st’an­no con­tia­mo 1092 fe­ri­ti e 6 mor­ti – che sia­mo sot­to­po­sti agli ol­trag­gi del­la cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta, dob­bia­mo co­no­sce­re l’im­por­tan­za del­la sal­va­guar­dia fi­si­ca e mo­ra­le del­le per­so­ne. Ila­ria Cuc­chi ha di­chia­ra­to di ama­re l’Ar­ma. No­no­stan­te il dram­ma che ha vis­su­to. Vuol di­re che ha sa­pu­to scin­de­re la re­spon­sa­bi­li­tà dei sin­go­li dall’in­te­ro cor­po. E sui sin­go­li che han­no sba­glia­to in­ter­ver­re­mo sen­za scon­ti.

Nel no­vem­bre 2009, po­che set­ti­ma­ne do­po la mor­te di Cuc­chi, al co­man­do pro­vin­cia­le dei ca­ra­bi­nie­ri di Ro­ma vie­ne in­det­ta una riu­nio­ne dal ge­ne­ra­le Vit­to­rio To­ma­so­ne. Par­te­ci­pa­no l'ex co­man­dan­te del grup­po Ro­ma, Ales­san­dro Ca­sar­sa, og­gi ge­ne­ra­le e co­man­dan­te dei Co­raz­zie­ri del Qui­ri­na­le, il co­man­dan­te del­la com­pa­gnia Pao­lo Una­li e fu­ro­no con­vo­ca­ti i ca­ra­bi­nie­ri del­le sta­zio­ni coin­vol­te nell’ar­re­sto di Cuc­chi. Fu un'in­da­gi­ne in­ter­na?

Non ho con­tez­za di­ret­ta di que­sti fat­ti, emer­si nel pro­ce- di­men­to pe­na­le. Se fos­se an­da­ta co­sì po­te­va non es­se­re un’in­da­gi­ne in­ter­na, ma un me­ro ac­cer­ta­men­to. Si può fa­re.

Non ci so­no ver­ba­li di quel­la riu­nio­ne. Chi può as­si­cu­ra­re che, se co­per­tu­re vi sia­no mai sta­te, non sia­no av­ve­nu­te an­che in quel mo­men­to? Fa­re­te un'in­da­gi­ne in­ter­na per ca­pi­re co­sa ac­cad­de? Non av­vie­re­mo in­da­gi­ni in­ter­ne fin­ché il pro­ces­so non sa­rà con­clu­so e non sa­rà sta­bi­li­to quel che è ac­ca­du­to. Pro­prio per ri­spet­to dell’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria. E per­ché nes­su­no so­spet­ti che in­ten­dia­mo in­ter­fe­ri­re nel­le in­da­gi­ni. Au­spi­co che la Pro­cu­ra in­da­ghi su quel­la riu­nio­ne co­me su ogni aspet­to del­la vi­cen­da. Gli ac­cer­ta­men­ti ci con­sen­ti­ran­no di de­fi­ni­re azio­ni e omis­sio­ni. Se un grup­po di ca­ra­bi­nie­ri ha com­piu­to at­ti ese­cra­bi­li, se al­tri han­no co­per­to o ta­ciu­to, in­ter­ver­re­mo sen­za guar­da­re in fac­cia nes­su­no e tan­to me­no i gra­di. L’ab­bia­mo già di­mo­stra­to: quan­do i tre ca­ra­bi­nie­ri ac­cu­sa­ti di omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­na­le han­no avu­to la pri­ma sen­ten­za sull’abu­so di au­to­ri­tà su un ar­re­sta­to, seb­be­ne sia­no sta­ti pro­sciol­ti ma per pre­scri­zio­ne, sia­mo in­ter­ve­nu­ti con pro­ce­di­men­ti di­sci­pli­na­ri. Su tut­ti e tre.

Per Te­de­sco il prov­ve­di­men­to è ar­ri­va­to pro­prio men­tre, per la pri­ma vol­ta, ac­cu­sa­va dei ca­ra­bi­nie­ri.

La cro­no­lo­gia è chia­ra. Il pri­mo in­ter­ro­ga­to­rio di Te­de­sco è di lu­glio. La sen­ten­za di pre­scri­zio­ne è di apri­le. Noi ab­bia­mo av­via­to la pro­ce­du­ra – nei con­fron­ti di tut­ti, ri­pe­to - pri­ma che ini­zias­se a te­sti­mo­nia­re e nei tem­pi pre­vi­sti. An­che un al­tro ca­ra­bi­nie­re che ha ac­cu­sa­to i col­le­ghi nel ca­so Cuc­chi, Ric­car­do Ca­sa­mas­si­ma, la­men­ta pres­sio­ni di­sci­pli­na­ri. Ca­sa­mas­si­ma ha fat­to il suo do­ve­re te­sti­mo­nian­do la ve­ri­tà. Ma se in al­tri ca­si ha avu­to com­por­ta­men­ti san­zio­na­bi­li non pos­sia­mo igno­rar­li. L'im­pres­sio­ne è che se ac­cu­si i ca­ra­bi­nie­ri, ri­ce­vi un trat­ta­men­to peg­gio­re. Al ge­ne­ra­le Sal­ta­la­mac­chia, in­da­ga­to per il ca­so Con­sip, la pro­mo­zio­ne è sta­ta so­lo so­spe­sa. Al ge­ne­ra­le Ser­gio Pa­sca­li, i cui uo­mi­ni han­no in­da­ga­to su Sal­ta­la­mac­chia e sull'ex co­man­dan­te Del Set­te sem­pre per Con­sip, in­ve­ce è sta­ta ne­ga­ta. Cre­do che i ca­ra­bi­nie­ri ab­bia­no il cri­te­rio di va­lu­ta­zio­ni più du­ro in as­so­lu­to. La so­spen­sio­ne dell’avan­za­men­to di Sal­ta­la­mac­chia è sta­ta di­spo­sta sen­za at­ten­de­re che fos­se im­pu­ta­to, ma da sem­pli­ce in­da­ga­to, ed è già una mi­su­ra piut­to­sto du­ra. Ma le as­si­cu­ro che non c’è al­cu­na ma­li­zia nel giu­di­ca­re pro o con­tro, va­lu­tan­do se han­no in­da­ga­to sui col­le­ghi op­pu­re no.

Fat­ti al­la ma­no è dif­fi­ci­le cre­der­lo.

Le chie­do un at­to di fe­de.

Non fa­re­mo in­da­gi­ni in­ter­ne, at­ten­dia­mo che la ma­gi­stra­tu­ra de­fi­ni­sca quan­to è ac­ca­du­to. Nes­su­no pen­si che in­ter­fe­ria­mo L'Ar­ma si scu­sa con la fa­mi­glia Cuc­chi. Chi en­tra in una no­stra ca­ser­ma, se non è in gra­do di of­fen­de­re, de­ve es­se­re tu­te­la­to.

An­sa

Ai ver­ti­ci Il co­man­dan­te dei ca­ra­bi­nie­ri, ge­ne­ra­le Gio­van­ni Ni­stri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.