Fel­tri, “Il Bor­ghe­se” di umi­li origini, da ve­tri­ni­sta a ge­nia­le gior­na­li­sta

Set­tan­ta­cin­que an­ni di vi­ta e di car­rie­ra di una pen­na ir­ri­ve­ren­te ma an­che, a suo mo­do, af­fet­tuo­sa

Il Fatto Quotidiano - - SECONDO TEMPO - » PAO­LO ISOTTA

Il ge­ne­re dell’ “au tob io­gra­fia at­tra­ver­so gli in­con­tri” è di­ven­ta­to stuc­che­vo­le e vie­to. È or­mai il pre­te­sto col qua­le gior­na­li­sti, o scrit­to­ri che fan­no i gior­na­li­sti, met­to­no in­sie­me una ca­ta­sta di ar­ti­co­li fin­gen­do che di­ven­ti­no un libro; og­gi la gran par­te del­la co­sid­det­ta “sag­gi­sti­ca” è fat­ta co­sì, ed è la pa­ral­le­la del­la nar­ra­ti­va ba­sa­ta sul­le sto­riel­li­ne au­to­bio­gra­fi­che da ti­nel­li­no. Per un ve­ro libro fat­to di tan­te tes­se­re stac­ca­te ci vuo­le uno scrit­to­re ge­nia­le. Ec­co per­ché è bel­lo e in­ten­so, pur nel­la mas­si­ma con­ci­sio­ne ( so­lo 98 pa­gi­ne), que­sto Il B or g h es e di Vit­to­rio Fel­tri ( Mon­da­do­ri). Il ti­to­lo ha un’eco lon­ga­ne­sia­na; nul­la po­treb­be es­ser più lon­ta­no da­gli ec­ces­si, a vol­te di ge­nio, a vol­te di con­sa­pe­vo­le ciar­la­ta­no, del­lo scrit­to­re ro­ma­gno­lo: la nar­ra­zio­ne di Fel­tri ha un to­no di ser­mo co­ti­dia­nus, una sem­pli­ci­tà, una na­tu­ra­lez­za, e an­che un’e l egan­za, che af­fa­sci­na­no in­sie­me col sa­po­re di ve­ri­tà.

Tra po­chi me­si Fel­tri e io fe­steg­ge­re­mo qua­rant’an­ni di ami­ci­zia del cuo­re; mol­te del­le par­ti nar­ra­te (e an­che al­cu­ne ele­gan­te­men­te omes­se, per­ché tor­na­no a suo ono­re pro­fes­sio­na­le e uma­no) le ho vi­ste da vi­ci­no, ta­lu­na ad­di­rit­tu­ra con­vis­su­ta. Ci sia­mo an­che di­pin­ti a vi­cen­da in al­tri no­stri li­bri. Ma le co­se più toc­can­ti del­la sua vi­ta le ap­pren­do leg­gen­do Il Bor­ghe­se. La sua in­fan­zia ber­ga­ma­sca po­ve­ris­si­ma; la – ne­ces­sa­ria – la­bo­rio­si­tà in­fan­ti­le: con­se­gna­va le bot­ti­glie del lat­te a do­mi­ci­lio, poi por­ta­va in Lam­bret­ta le bom­bo­le del gas ar­ram­pi­can­do­si fi­no ai quin­ti pia­ni; in­di ha fat­to il ve­tri­ni­sta. Ma c’era in lui un de­si­de­rio di co­no­scen­za, di­cia­mo di cul­tu­ra, se il vo­ca­bo­lo non fos­se og­gi so­spet­to e in­qui­na­to, che non si po­te­va re­pri­me­re. An­da­va in bi­blio­te­ca e cer­ca­va d’istruir­si a ca­sac­cio; lì in­con­trò la me­ra­vi­glio­sa fi­gu­ra di mon­si­gnor Me­li, uno di quei pre­ti col­ti co­me cin­quant’an- ni fa an­co­ra esi­ste­va­no, che col­se le sue qua­li­tà, gli si af­fe­zio­nò e si as­sun­se l’in­ca­ri­co di gui­dar­ne l’istru­zio­ne. I rac­con­ti del­la vi­ta gior­na­li­sti­ca di Vit­to­rio so­no in­te­res­san­ti e ve­ri­di­ci; sa­reb­be be­ne ve­nis­se­ro let­ti da chi ha me­no di trent’an­ni, giac­ché mo- stra­no una real­tà del tutto scom­par­sa, fat­ta di fa­ti­ca e in­se­gui­men­to del­la vi­ta rea­le: la par­te più bel­la del gior­na­li­smo era la cro­na­ca… Ma ci so­no co­se più pre­zio­se: che mo­stra­no la for­te uma­ni­tà di Fel­tri, la sua ca­ri­ca af­fet­ti­va: e par­la­re di se stes­si co­sì be­ne, scen­den­do in pro­fon­do, è da­to a po­chi. A ven­ti­due an­ni egli per­se la mo­glie Ma­ria Lui­sa, che non res­se il pri­mo par­to. La de­scri­zio­ne del­la spo­glia esa­ni­me, e poi d el l’incubo ri­cor­ren­te nei de­cen­ni, egli che gui­da la Cin­que­cen­to, lei, vi­sta nel­lo spec­chiet­to, che gli cor­re die­tro, e lui non rie­sce a fre­na­re l’au­to in cor­sa, e l’im­ma­gi­ne di lei che si al­lon­ta­na sem­pre di più, fi­no a spa­ri­re: è una pa­gi­na di al­ta let­te­ra­tu­ra.

GLI IN­CON­TRI so­no so­lo alcuni po­chi fra quel­li avu­ti da Fel­tri in set­tan­ta­cin­que an­ni. I ce­le­bri gior­na­li­sti so­no rac­con­ta­ti con ri­spet­to ma an- che con un sen­so cri­ti­co che mi tro­va qua­si sem­pre con­cor­de. Emer­go­no la scar­sa cul­tu­ra di En­zo Bia­gi, il cat­ti­vo ca­rat­te­re di Boc­ca, la si­gno­ri­li­tà di Mon­ta­nel­li; ed è un gio­iel­lo quel­lo di Oria­na Fal­la­ci, del­la qua­le non si do­vreb­be­ro mai di­men­ti­ca­re il di­spo­ti­smo, la man­can­za di ri­spet­to per l’in­ter­lo­cu­to­re, un ’ ego­la­tria lar­ga­men­te scon­fi­nan­te nel ri­di­co­lo. I po­li­ti­ci so­no trat­teg­gia­ti a pun­ta sec­ca, e sem­pre con un’ina­spet­ta­ta sim­pa­tia: An­dreot­ti, De Mi­ta, Fan­fa­ni. Il ri­trat­to di Cra­xi do­vrebb’es­se­re poi fon­te di ri­fles­sio­ne per mol­ti. Se­con­do me è sta­to l’ul­ti­mo gran­de sta­ti­sta ita­lia­no, e in­giu­sta­men­te per­se­gui­ta­to; so be­ne che que­sta opi­nio­ne è dif­for­me dal­la li­nea del Fat­to Quo­ti­dia­no, ma so al­tret­tan­to be­ne che il Fat­to Quo­ti­dia­no ha per in­se­gna la li­ber­tà con­ces­sa ai suoi col­la­bo­ra­to­ri. www.pao­loi­sot­ta.it

La­Pres­se

Fu­man­ti­no Vit­to­rio Fel­tri, di­ret­to­re e fon­da­to­re di “Li­be­ro”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.