Gior­get­ti svuo­ta il Co­ni di Ma­la­gò e se ne fa un al­tro

I sol­di per le fe­de­ra­zio­ni e quel­li del­la ric­ca Co­ni Ser­vi­zi van­no al nuo­vo en­te i cui ver­ti­ci so­no no­mi­na­ti dal sot­to­se­gre­ta­rio: Ma­la­gò per­de pez­zi

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » LO­REN­ZO VENDEMIALE

“Ri­te­nia­mo ne­ces­sa­ria una re­vi­sio­ne del­le com­pe­ten­ze del Co­mi­ta­to Olim­pi­co, il go­ver­no de­ve as­su­me­re il con­trol­lo del­le mo­da­li­tà di as­se­gna­zio­ne e spe­sa del­le ri­sor­se”. Lo ave­va­no scrit­to nel con­trat­to: M5S e Le­ga so­no sta­ti di pa­ro­la. Nella boz­za del­la leg­ge di Bi­lan­cio c’è un prov­ve­di­men­to fir­ma­to dal sot­to­se­gre­ta­rio Gior­get­ti che, se con­fer­ma­to, è de­sti­na­to a ri­vo­lu­zio­na­re il si­ste­ma spor­ti­vo ita­lia­no: il Co­ni non vie­ne pro­prio can­cel­la­to (non sa­reb­be pos­si­bi­le), ma de­po­ten­zia­to e svuo­ta­to di sol­di; na­sce una nuo­va par­te­ci­pa­ta sta­ta­le, la “Sport e Sa­lu­te spa”, di­ret­ta­men­te al­le di­pen­den­ze dell’ese­cu­ti­vo, da cui pas­se­rà il 90% dei fon­di. Com­pre­si quel­li per le Fe­de­ra­zio­ni.

LA CHIA­VE per smon­ta­re l’epi­cen­tro di po­te­re che og­gi fa ca­po a Gio­van­ni Ma­la­gò si chia­ma Co­ni Ser­vi­zi: è la so­cie­tà al 100% del mi­ni­ste­ro dell’Economia che rap­pre­sen­ta­va la cas­sa del­lo sport e le­ga­ta a dop­pio fi­lo al Co­ni. Ba­sti di­re che il suo pre­si­den­te è Ro­ber­to Fab­bri­ci­ni, brac­cio de­stro di Ma­la­gò (ed ex com­mis­sa­rio del­la Fi­gc). Ades­so il suo po­sto sa­rà pre­so dal­la Sport e Sa­lu­te spa. Non un sem­pli­ce cam­bio di de­no­mi­na­zio­ne: non avrà più al­cun rap­por­to di di­pen­den­za col Co­mi­ta­to olim­pi­co, i ver­ti­ci sa­ran­no de­si­gna­ti dall’ese- cu­ti­vo (non dal­la giun­ta di Ma­la­gò), con in­com­pa­ti­bi­li­tà fra i due ruo­li. Chi ha oc­cu­pa­to un ruo­lo di ver­ti­ce al Co­mi­ta­to non po­trà la­vo­ra­re a Sport e Sa­lu­te per al­me­no 2 an­ni, e vi­ce­ver­sa.

Che l’at­tac­co sia di­ret­to al Co­ni e non al­lo sport in sen­so la­to lo di­mo­stra il fat­to che nella boz­za ci so­no con­ti pre­ci­si, da cui l’or­ga­ni­smo pre­sie­du­to da Ma­la­gò esce con le os­sa rot­te e il mo­vi­men­to pa­re in­ve­ce raf­for­za­to: il fi­nan­zia­men­to sta­ta­le al­lo sport vie­ne in­fat­ti fis­sa­to al 32% del­le en­tra­te del bi­lan­cio del­lo Sta­to del set­to­re, nella mi­su­ra mi­ni­ma di 410 mi­lio­ni l’an­no (la quo­ta su cui si era sta­bi­liz­za­to ne­gli ul­ti­mi tem­pi). Non do­vreb­be cam­bia­re mol­to, per­ché cal­cio e af­fi­ni val­go­no per l’era­rio in­tor­no a 1,3 mi­liar­di (il 32% so­no ap­pun­to quel­la ci­fra), ma per il fu­tu­ro il so­sten­ta­men­to pa­re ga­ran­ti­to, e po­trà so­lo cre­sce­re.

Tut­ti que­sti sol­di, pe­rò, non li ge­sti­rà più il Co­ni, ed è qui la ri­vo­lu­zio­ne. Su 410 mi­lio­ni, ben 370 pas­se­ran­no da Sport e Sa­lu­te: si trat­ta dei 120 mi­lio­ni di con­trat­to di ser­vi­zio per le at­ti­vi­tà svol­te dal­la so­cie­tà (che si oc­cu­pa di even­ti, im­pian­ti, ecc.) più i 250 mi­lio­ni che il Co­ni gi­ra­va al­le va­rie Fe­de­ra­zio­ni (il 55% per la par­te spor­ti­va, il re­sto per pa­ga­re sti­pen­di e car­roz­zo­ni va­ri).

IL TE­STO non lo di­ce espli­ci­ta­men­te, ma è chia­ro che non sa­rà più la giun­ta di Ma­la­gò a sta­bi­li­re le quo­te al­le va­rie di­sci­pli­ne: il Co­ni per­de­rà co­sì uno dei suoi po­te­ri prin­ci­pa­li. Il go­ver­no gli la­scia le bri­cio­le: ap­pe­na 40 mi­lio­ni per co­sti di fun­zio­na­men­to e at­ti­vi­tà isti­tu­zio­na­li e gli to­glie pu­re i 10 mi­lio­ni per l’at­ti­vi­tà sco­la­sti­ca per fi­nan­zia­re la ri­for­ma dei mae­stri di edu­ca­zio­ne fi­si­ca.

Cer­to, la boz­za non è an­co­ra de­fi­ni­ti­va e va con­fer­ma­ta nel te­sto de­fi­ni­ti­vo. Di si­cu­ro, pe­rò, il ri­di­men­sio­na­men­to dei po­te­ri di Ma­la­gò è sem­pre sta­to uno dei ca­val­li di bat­ta­glia del M5S. Ci si chie­de­va se Gian­car­lo Gior­get­ti, ti­to­la­re del­la de­le­ga e uomo di com­pro­mes­si, sa­reb­be sta­to del­lo stes­so av­vi­so: la ma­no­vra sem­bra da­re ri­spo­sta po­si­ti­va. An­che per­ché il nuo­vo as­set­to pre­ve­de che tut­te le no­mi­ne di Sport e Sa­lu­te ven­ga­no de­ci­se d el l ’ au­to­ri­tà go­ver­na­ti­va com­pe­ten­te. In as­sen­za di un ve­ro e pro­prio mi­ni­ste­ro (che la Le­ga non ha vo­lu­to), vuol di­re lui, Gior­get­ti: nuo­vo ca­po del­lo sport ita­lia­no.

Cam­bio di re­gi­me

Se la nor­ma pas­sas­se, al po­ten­te Gio­van­ni­no re­ste­reb­be­ro la mi­se­ria di 40 mi­lio­ni di eu­ro

Ansa

Ex ami­ci? Gio­van­ni Ma­la­gò e Gian­car­lo Gior­get­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.