OT­TI­MO BER­GA­MO, PESSIMI I 5 STEL­LE CON­TRO I GIOR­NA­LI

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » AN­TO­NIO PADELLARO

Do­me­ni­ca po­me­rig­gio, guar­dan­do su Rai3, Mezz’ora in più di Lu­cia An­nun­zia­ta, ho pen­sa­to (co­me spe­ro mol­ti): ec­co un mo­do ci­vi­le, e uti­le, di di­scu­te­re. Da una par­te del ta­vo­lo c’era­no le sei don­ne pro­mo­tri­ci di “Ro­ma di­ce ba­sta”, la manifestazione con­tro la “cat­ti­va am­mi­ni­stra­zio­ne” del­la giun­ta Rag­gi, che il gior­no pri­ma ave­va rac­col­to in piaz­za del Cam­pi­do­glio mi­glia­ia di per­so­ne. Di fron­te, il vi­ce­sin­da­co Lu­ca Ber­ga­mo, che ha det­to di es­se­re lì per­ché (rias­su­mo) i cit­ta­di­ni van­no sem­pre ascol­ta­ti an­che quan­do chi go­ver­na non con­di­vi­de le cri­ti­che che gli ven­go­no ri­vol­te. Al cen­tro, la con­dut­tri­ce im­pe­gna­ta a in­di­riz­za­re il di­bat­ti­to sui te­mi con­cre­ti. Co­sì è sta­to, e an­che se ognu­no dei partecipanti, pro­ba­bil­men­te, non avrà cam­bia­to opi­nio­ne, il pub­bli­co avrà po­tu­to me­glio com­pren­de­re le ra­gio­ni che fan­no di Ro­ma una me­tro­po­li dif­fi­ci­le da go­ver­na­re: per la sua esten­sio­ne, per la di­men­sio­ne del de­bi­to ac­cu­mu­la­to nei de­cen­ni, per la scar­si­tà dei fon­di di cui og­gi la Ca­pi­ta­le di­spo­ne. An­che se tut­to ciò, do­po due an­ni e mez­zo di giun­ta del “cam­bia­men­to”, non può con­ti­nua­re a co­sti­tui­re un ali­bi per le gra­vi e spes­so in­sop­por­ta­bi­li ca­ren­ze che si re­gi­stra­no nei tra­spor­ti, nella rac­col­ta dei ri­fiu­ti, sul­la ma­nu­ten­zio­ne del­le stra­de, sul de­gra­do di mol­te zo­ne an­che cen­tra­li ( San Lo­ren­zo) sot­trat­te al­la le­ga­li­tà.

IL TUT­TO È STA­TO ar­go­men­ta­to con ri­spet­to re­ci­pro­co, sen­za al­za­re inu­til­men­te la vo­ce, con lo spi­ri­to di chi cer­ca pos­si­bi­li so­lu­zio­ni e non fa­ci­li ris­se. Il vi­ce­sin­da­co Ber­ga­mo ha cer­ca­to di ri­me­dia­re, con la sua stes­sa pre­sen­za, al­la pri­ma im­pul­si­va e sba­glia­tis­si­ma rea­zio­ne di Vir­gi­nia Rag­gi, che ha li­qui­da­to la pro­te­sta co­me espres­sio­ne del Pd e de­gli “or­fa­ni di Ma­fia Ca­pi­ta­le”. Ter­mi­na­ta la tra­smis­sio­ne pen­sa­vo che co­mun­que si fos­se­ro crea­te le ba­si per av­via­re, co­me si di­ce, un con­fron­to co­strut­ti­vo del­la cit­ta­di­nan­za del “ba­sta” con la giun­ta e an­che col M5S. Pur­trop­po, non te­ne­vo con­to dell’ir­re­si­sti­bi­le im­pul­so del mo­vi­men­to a man­da­re tut­to in vac­ca e a spa­rar­si sui pie­di. Po­che ore pri­ma, in­fat­ti, il Blog del­le Stel­le ave­va in­for­ma­to il mi­lio­ne e 300 mi­la fol­lo­wer che “com­pra­re Re­pub­bli­ca equi­va­le a fi­nan- zia­re il Pd”. Ci­tan­do co­me pro­va in­con­fu­ta­bi­le di que­sto ge­nia­le scoop il re­so­con­to del­la manifestazione (con an­nes­se fo­to del­la piaz­za gre­mi­ta), pub­bli­ca­te nel­le pa­gi­ne ro­ma­ne del quo­ti­dia­no. In que­sti ca­si ci soc­cor­re un’an­ti­ca mas­si­ma se­con­do cui la stu­pi­di­tà è di co­lui che dan­neg­gia gli al­tri sen­za pro­cu­ra­re al­cun van­tag­gio a se stes­so. Qui pe­rò ab­bia­mo qual­co­sa di peg­gio poi­ché il “van­tag­gio” di si­mi­li, ri­pe­tu­te usci­te con­tro i gior­na­li fuo­ri li­nea ap­pa­re evi­den­te: raf­for­za­re l’im­ma­gi­ne di un mo­vi­men­to co­sì in­sof­fe­ren­te a qual­sia­si cri­ti­ca da vo­le­re im­por­re il ba­va­glio al­la li­be­ra stam­pa.

A CHE PRO? Per fa­re con­ten­ti i pa­sda­ran­pen­ta­stel­la­ti e ma­ga­ri di­sto­glie­re la lo­ro at­ten­zio­ne dal dietrofront sul Tap, che si fa­rà lo stes­so mal­gra­do le so­len­ni pro­mes­se elet­to­ra­li? Fa­ti­ca spre­ca­ta vi­sto che i det­ti pa­sda­ran de­te­sta­no i gior­na­li mol­to più di quan­to già fac­cia­no i lo­ro ca­pi po­li­ti­ci (ga­ran­te com­pre­so). Op­pu­re, si vuo­le fa­re brec­cia in quell’Ita­lia che non vo­ta 5stel­le, ma nep­pu­re gli è osti­le, e che cer­ca di ca­pi­re, con cre­scen­te pre­oc­cu­pa­zio­ne, do­ve stia­mo an­dan­do? Per di­mo­stra­re co­sì che la gran­de stam­pa non rac­con­ta la ve­ri­tà per­ché trop­po im­pe­gna­ta ad av­ve­le­na­re i poz­zi del sud­det­to cam­bia­men­to (in­sie­me, s’in­ten­de, ai va­ri So­ros, Junc­ker, Mo­sco­vi­ci, Dra­ghi)? Se co­sì fos­se sa­reb­be una pa­le­se di­mo­stra­zio­ne di au­to­le­sio­ni­smo vi­sto che quell’Ita­lia, di­cia­mo co­sì, al­la fi­ne­stra la sol­fa dei gior­na­li cat­ti­vi l’ha già sen­ti­ta da Ber­lu­sco­ni e Ren­zi, quan­do era­no al­le cor­de, e non si può di­re che gli ab­bia por­ta­to be­ne. Sen­za con­ta­re che i ber­sa­gli di si­mi­li at­tac­chi sol­le­va­no la giu­sta e im­me­dia­ta so­li­da­rie­tà di gior­na­li e gior­na­li­sti che pen­sa­no: og­gi tocca a Re­pub­bli­ca, do­ma­ni po­treb­be toc­ca­re a noi. Con la stes­sa fran­chez­za va ri­cor­da­to che quan­do toc­cò al Fat­to Quo­ti­dia­no, e ai suoi gior­na­li­sti, di es­se­re mes­si al­la go­gna nella Leo­pol­da ren­zia­na, non si ri­cor­da­no espres­sio­ni di al­tret­tan­to in­con­te­ni­bi­le sde­gno da par­te di col­le­ghi e te­sta­te og­gi sot­to ti­ro. Ac­qua pas­sa­ta, ab­bia­mo le spal­le ro­bu­ste tan­to più che stia­mo par­lan­do di un prin­ci­pio – la li­ber­tà di manifestazione del pen­sie­ro – tu­te­la­to dal­la Co­sti­tu­zio­ne (art. 21).Va­lo­ri che do­vreb­be­ro es­se­re ca­ri an­che al M5S, o al­me­no al­la sua com­po­nen­te più sag­gia o se pre­fe­ri­te me­no im­pul­si­va. Non il mi­ni­stro Bar­ba­ra Lez­zi e il suo vi­deo con­tro la no­stra Ti­zia­na Col­lu­to, col­pe­vo­le di aver rac­con­ta­to la sua gi­ra­vol­ta sul Tap. Con uno sti­le mol­to di­ver­so da quel­lo mo­stra­to dal vi­ce­sin­da­co Ber­ga­mo, e dal pre­mier Con­te, sem­pre di­spo­ni­bi­le nei con­fron­ti dell’in­for­ma­zio­ne tut­ta (an­che di quel­la che non per­de oc­ca­sio­ne per de­ri­der­lo). Lo­ro di­mo­stra­no di co­no­sce­re la dif­fe­ren­za tra co­man­da­re e go­ver­na­re. Tra in­sul­ta­re e ascol­ta­re.

Que­sti ge­sti raf­for­za­no l’im­ma­gi­ne di un mo­vi­men­to co­sì in­sof­fe­ren­te a qual­sia­si cri­ti­ca da vo­le­re im­por­re il ba­va­glio

La sin­da­ca Rag­gi, ha li­qui­da­to la pro­te­sta co­me espres­sio­ne del Pd e de­gli ‘or­fa­ni di Ma­fia Ca­pi­ta­le’

Il mi­ni­stro Lez­zi fa un vi­deo con­tro la no­stra Col­lu­to, col­pe­vo­le di aver rac­con­ta­to la gi­ra­vol­ta sul Tap

LaPresse

La piaz­za Sa­ba­to la pro­te­sta in Cam­pi­do­glio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.