Ov­vio, tut­ta col­pa di De­si­rée

Co­me far spa­ri­re lo stu­pro e con­dan­nar­la

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SEL­VAG­GIA LUCARELLI

Ci

so­no fra­si, in­si­nua­zio­ni, ri­co­stru­zio­ni che fan­no ma­le ai mor­ti e fan­no ma­le ai vi­vi. Fan­no ma­le ai mor­ti per­ché so­no in­giu­ste e ma­le ai vi­vi per­ché so­no fal­se. De­si­rée Ma­riot­ti­ni non è mor­ta per­ché era dro­ga­ta e tra­scu­ra­ta dal­la fa­mi­glia, ma per­ché qual­cu­no l’ha stu­pra­ta e poi uc­ci­sa. O for­se – se­con­do la ver­sio­ne più gentile – per­ché la­scia­ta mo- ri­re, do­po aver pro­va­to a ria­ni­mar­la con un po’di ac­qua e zuc­che­ro, co­me se aves­se avu­to un ca­lo di pres­sio­ne sot­to al so­le d’ago­sto. Chi sco­mo­da la dro­ga e il pre­sun­to al­lar­me so­cia­le del­la se­rie “si­gno­ra mia, que­sti gio­va­ni d’og­gi”, chi co­me Mu­ghi­ni a Do­me­ni­ca in af­fer­ma “Si dro­ga­va, era na­ta e cre­sciu­ta in un rea­me di dro­ga, do­ve non puoi tro­va­re car­me­li­ta­ni scal­zi”.

“Era pre­de­sti­na­ta per­ché con una vi­ta co­sì e una fa­mi­glia co­sì dif­fi­cil­men­te avreb­be po­tu­to fa­re una fi­ne di­ver­sa”, chi co­me Gad Ler­ner sot­to­li­nea che “era di­pen­den­te da eroi­na, fi­glia di spac­cia­to­re ita­lia­no e ma­dre quin­di­cen­ne”, sta in­qui­nan­do una ve­ri­tà ben più lim­pi­da.

DE­SI­RÉE, DAL­LA DRO­GA sa­reb­be po­tu­ta usci­re. È da quel­lo sta­bi­le che non è sta­ta la­scia­ta usci­re. Non era una pre­de­sti­na­ta. Ave­va se­di­ci an­ni e una vi­ta dif­fi­ci­le, scap­pa­va dal Sert, ri­fiu­ta­va l’aiu­to dei ge­ni­to­ri che era­no sgan­ghe­ra­ti for­se, che era­no con­fu­si e de­sta­bi­liz­za­ti, for­se, ma che ad aiu­tar­la ci ave­va­no pro­va­to ec­co­me. De­si­rée ave­va una vi­ta per ri­scat­tar­si. Ave­va un fu­tu­ro che non era af­fat­to scrit­to o se- gna­to, per­ché dal­la dro­ga per for­tu­na spes­so di esce e di dro­ga, si­gno­ra mia, si muo­re in­fi­ni­ta­men­te me­no che in pas­sa­to. Nel 1996, in Ita­lia, ci so­no sta­te 1600 mor­ti per over­do­se. Nel 2016 “so­lo” 266. Si muo­re più di fu­mo e di al­cool, si muo­re di più at­tra­ver­san­do la stra­da, tra­vol­ti da un’au­to­mo­bi­le. Non oc­cor­re es­se­re sal­vi­nia­ni, in­vo­ca­re ruspe, por­ta­re ro­se bian­che, per ri­spar­mia­re ai ge­ni­to­ri di que­sta ra­gaz­za il pe­so del­la col­pa.

Cer­to, De­si­rée vi­ve­va in un con­te­sto fa­mi­lia­re com­pli­ca­to, era una ri­bel­le, una che non ave­va il sen­so del pe­ri­co­lo che sta­va cor­ren­do, ma a De­si­rée la dro­ga l’han­no da­ta de­gli adul­ti. L’han­no stu­pra­ta de­gli adul­ti. L’han­no la­scia­ta mo­ri­re de­gli adul­ti. Non una do­se. Co­me Cuc­chi, del re­sto, che sì, era un dro­ga­to pu­re lui, ma non è mor­to per un bu­co. È mor­to per le bot­te dei ca­ra­bi­nie­ri. Per l’in­dif­fe­ren­za di chi do­ve­va cu­rar­lo e l’ha ab­ban­do­na­to al suo de­sti­no. Co­me Ma­nuel Ca­red­du, il ra­gaz­zo sar­do am­maz­za­to dai suoi ami­ci per un de­bi­to di dro­ga. “Trop­po fa­ci­le chia­mar­li mo­stri. È la dro­ga che an­nien­ta i no­stri ra­gaz­zi”, ha com­men­ta­to uno psi­co­te­ra­peu­ta, a cui era sta­to chie­sto co­sa ne pen­sas­se dell’omi­ci­dio in Sar­de­gna. In­ve­ce no. Ma­nuel non l’ha an­nien­ta­to la dro­ga, ma il pia­no cru­de­le e ben ar­chi­tet­ta­to dei suoi ami­ci che l’han­no am­maz­za­to a pic­co­na­te e sep­pel­li­to co­me un ca­ne, in un cam­po.

CHIS­SÀ per­ché poi, quan­do qual­cu­no che si dro­ga­va muo­re am­maz­za­to c’è sem­pre que­sto sot­to­te­sto odio­so per il qua­le la cau­sa va sem­pre cer­ca­ta lì, nella dro­ga, nella fa­mi­glia che non c’è sta­ta ab­ba­stan­za, nella mam­ma che era de­bo­le, nel pa­pà che era uno spac­cia­to­re, nella so­rel­la che lo ave­va al­lon­ta­na­to, pu­re se la dro­ga non c’en­tra nul­la e non si è mor­ti di over­do­se. C’è uno stig­ma, una di­sap­pro­va­zio­ne so­cia­le su chi si dro­ga più o me­no con­sa­pe­vo­le, che con­fon­de sem­pre le re­spon­sa­bi­li­tà, quan­do muo­re un dro­ga­to. Ho sen­ti­to per­fi­no di­re che“De­si­rée” co­me“Pa­me­la ”( Ma­stro­pie­tro) so­no già no­mi che la­scia­no in­ten­de­re una cer­ta pro­ve­nien­za so­cia­le, un ambiente di­sa­gia­to, e tra le sce­men­ze più re­cen­ti que­sta è quel­la che svet­ta di gran lun­ga sul­le al­tre (è più fre­quen­te che i sol­di per cer­ti vi­zi li ab­bia­no le Gi­ne­vra e Lu­do­vi­ca, per giun­ta). Ma non è l’ unica. E le fan­no com­pa­gnia, na­tu­ral­men­te, le stru­men­ta­liz­za­zio­ni. Per­ché De­si­rée, Cuc­chi, Ma­nuel era­no tut­ti le­ga­ti al mon­do del­la dro­ga, tut­ti “se la so­no un po’ cer- ca­ta, si­gno­ra mia”, ma l’uni­co dei tre per cui nes­sun po­li­ti­co ha pre­so un ae­reo, ha com­pra­to un fio­re, ha sco­mo­da­to una pa­ro­la è Ma­nuel Ca­red­du. Non c’era un ca­ra­bi­nie­re, non c’era un ne­ro die­tro la sua mor­te. C’era so­lo un grup­po di ra­gaz­zi, tut­ti stu­den­ti, tut­ti ita­lia­ni, tut­ti in­so­spet­ta­bi­li. Tut­ti po­co adat­ti a uno slo­gan e a un pro­cla­ma di quel­li fat­ti in ca­me­ra, col so­cial me­dia ma­na­ger pron­to a twit­ta­re.

Gli al­tri ca­si Va­le an­che per Cuc­chi e per il ca­so Mu­red­du, am­maz­za­to da in­so­spet­ta­bi­li gio­va­ni ita­lia­ni

Ansa

Il quar­tie­re La manifestazione “San Lo­ren­zo ab­brac­cia De­si­rée”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.