I pm: “Ar­chi­via­re il bab­bo, an­che se men­tì a ver­ba­le”

Se­con­do i ma­gi­stra­ti non ha det­to la ve­ri­tà. Ma non ci so­no ele­men­ti per l’ac­cu­sa di traf­fi­co di in­fluen­ze

Il Fatto Quotidiano - - CRONACA - » MAR­CO LIL­LO E VA­LE­RIA PACELLI

Il pa­dre dell’ex pre­mier Ti­zia­no Ren­zi ha men­ti­to ai ma­gi­stra­ti sui suoi rap­por­ti con l’ami­co Car­lo Rus­so e “pro­ba­bil­men­te” an­che sull’in­con­tro con Al­fre­do Ro­meo non ha det­to la ve­ri­tà. Ma non ci so­no ele­men­ti per ten­ta­re un pro­ces­so per traf­fi­co di in­fluen­ze per­ché Car­lo Rus­so è un mil­lan­ta­to­re. È il ra­gio­na­men­to dei pm ro­ma­ni Pao­lo Ie­lo e Ma­rio Pa­laz­zi che ie­ri han­no co­mun­que chie­sto l’ar­chi­via­zio­ne per Ti­zia­no Ren­zi.

I pm, nella ri­chie­sta fir­ma­ta an­che dal Pro­cu­ra­to­re ca­po Giu­sep­pe Pi­gna­to­ne, ac­co­mu­na­no ad­di­rit­tu­ra la po­si­zio­ne dell’in­da­ga­to a quel­la del su­per­te­sti­mo­ne Lui­gi Mar­ro­ni: “per quan­to con­cer­ne la po­si­zio­ne di Ti­zia­no Ren­zi e Lui­gi Mar­ro­ni, l’esa­me com­ples­si­vo del­le ri­sul­tan­ze rac­col­te non con­sen­te di evi­den­zia­re al­cun ele­men­to che sup­por­ti il lo­ro coin­vol­gi­men­to nella vi­cen­da”. Per i pm di Ro­ma, Ti­zia­no non sa­pe­va nul­la dell’ac­cor­do qua­dro che il suo ami­co Car­lo Rus­so an­da­va pro­po­nen­do in quell’esta­te del 2016 all’im­pren­di­to­re cam­pa­no Al­fre­do Ro­meo, spen­den­do il no­me del pa­dre dell’al­lo­ra pre­mier.

AN­CHE PER I PM ro­ma­ni il piz­zi­no scrit­to e poi strap­pa­to da Ro­meo e ri­tro­va­to dai ca­ra­bi­nie­ri del Noe nella sua spaz­za­tu­ra nel 2016 ef­fet­ti­va­men­te di­mo­stra che Ro­meo ha of­fer­to sol­di a Rus­so e a Ti­zia­no Ren­zi, co­me so­ste­nu­to già dai pm di Na­po­li. Pe­rò, e qui c’è la no­vi­ta del­la Pro­cu­ra di Ro­ma ri­spet­to al­la Pro­cu­ra di Na­po­li, Car­lo Rus­so mil­lan­ta­va. “Da­ti og­get­ti­vi do­cu­men­ta­no in ma­nie­ra ine­qui­vo­ca co­me la mag­gior par­te del­le in­for­ma­zio­ni ri­fe­ri­te dal Rus­so al Ro­meo e re­la­ti­ve ai suoi as­se­ri­ti rap­por­ti con Ti­zia­no e Lui­gi Mar­ro­ni - con il qua­le sa­reb­be en­tra­to in con­tat­to tra­mi­te Ti­zia­no - non so­no ve­ri­tie­re”.

Rus­so men­te quan­do di­ce che Ti­zia­no è an­da­to a tro­var­lo nell’esta­te del 2016 in Sa­len­to. Quan­do di­ce che è sta­to al­la Fe­sta dell’Uni­tà di Ri­gna­no sull’Ar­no con lui il 30 ago­sto 2016. Quan­do di­ce che in­con­tra Lui­gi Mar­ro­ni.

I pm di Ro­ma han­no pro­po­sto ri­chie­sta di ar­chi­via­zio­ne per Ti­zia­no Ren­zi, Al­fre­do Ro­meo e Ita­lo Boc­chi­no per l’ipo­te­si di traf­fi­co di in­fluen­ze il­le­ci­te re­la­ti­ve al­la Consip. Car­lo Rus­so mil­lan­ta­va se­con­do i pm ine­si­sten­ti ca­pa­ci­tà di in­ter­fe­ren­za su quat­tro en­ti pub­bli­ci o so­cie­tà: Consip, Gran­di Sta­zio­ni, Inps e il co­mu­ne di Lo­di. Ciò det­to pe­rò re­sta un fat­to: Car­lo Rus­so per i pm di Ro­ma è dav­ve­ro an­da­to a par­la­re due vol­te, nel set­tem­bre 2015 e nella pri­ma­ve­ra 2016 con Lui­gi Mar­ro­ni, nu­me­ro uno di Consip, gra­zie al­la rac­co­man­da­zio­ne del bab­bo del pre­mier in ca­ri­ca. Ti­zia­no Ren­zi, il 3 mar­zo 2017 ha ne­ga­to ai pm: “di non ave­re mai par­la­to con Rus­so di Consip nè di ave­re mai spin­to per lui con Consip”. Per i pm “que­ste af­fer­ma­zio­ni non ap­pa­io­no punto cre­di­bi­li con­fron- ta­te con quan­to di­chia­ra­to da Lui­gi Mar­ro­ni”. Gli in­con­tri ci so­no sta­ti. Il punto è che Rus­so, se­con­do la ver­sio­ne di Mar­ro­ni al­la qua­le i pm cre­do­no, non ha rac­co­man­da­to la so­cie­tà di Al­fre­do Ro­meo ma un’al­tra azien- da, che Mar­ro­ni di­ce di non ri­cor­da­re. An­che sull’in­con­tro di Ti­zia­no con Ro­meo, se­con­do i pm di Ro­ma ‘pro­ba­bil­men­te’ bab­bo Ren­zi ha men­ti­to.

IN 9 OC­CA­SIO­NI, dall’apri­le al no­vem­bre del 2015, i te­le­fo­ni­ni di Rus­so, Ro­meo e Ti­zia­no Ren­zi han­no in­te­res­sa­to i ri­pe­ti­to­ri del­le stes­se zo­ne di Ro­ma cen­tro. “Ta­le ac­cer­ta­men­to - per i pm - non con­sen­te di pro­va­re l’in­con­tro di cui ha par­la­to Al­fre­do Maz­zei né di esclu­der­lo”. Men­tre “al­tre ri­sul­tan­ze in­du­co­no a ri­te­ne­re che Ren­zi e Ro­meo si sia­no in­con­tra­ti sì ma a Fi­ren­ze il 16 lu­glio 2015”. A par­ti­re dal­le ore 15 cir­ca i tre te­le­fo­ni­ni di Rus­so, Ro­meo e Ti­zia­no han­no ag­gan­cia­to ri­pe­ti­to­ri di Fi­ren­ze che ser­vo­no zo­ne at­ti­gue del cen­tro. La se­ra do­po, il 17 lu­glio, Ita­lo Boc­chi­no chia­ma Ro­meo:

Ro­meo (R): Be­ne ti de­vo di­re, è un chiac­chie­ro­ne eh Boc­chi­no (B): im­ma­gi­no

R: è lo­gor­roi­co pro­prio ... si è pre­sen­ta­to con un ber­mu­da, con una polo tut­ta sba­va­ta

B: Ri­de. Ca­pi­rai ... a te ti son ve­nu­te le bol­le

R: Ma no. Tu non ti puoi pre­sen­ta­re con una polo tut­ta (inc.) sul col­let­to eh ... un ber­mu­da con dei san­da­li ... va beh, va beh, va beh, ... eeh nien­te ab­bia­mo par­la­to sin­te­ti­ca­men­te, in­som­ma è an­da­ta be­ne se­con­do me ... quan­to que­sto sia una per­so­na cre­di­bi­le non ti so di­re

B: pe­rò vo­glio di­re il per­cor­so ipo­tiz­za­to c’è

R: Se fos­se che mi fos­si in­con­tra­to con la per­so­na che pa­ren­te tua o pa­ren­te mia al­lo­ra di­rei: ‘al­la fac­cia del caz­zo ho fat­to un gran­de in­con­tro’ ma quel quei rap­por­ti lì non lo so quan­to è...

B: ne par­lia­mo con cal­ma. Se­con­do me è po­si­ti­vo, mol­to po­si­ti­vo quin­di il per­cor­so che tu ave­vi ipo­tiz­za­to c’è

R: Sì sì sì sì sì sì ...lui di­ce sen­to, sen­te sen­tis­se quin­di vo­glio di­re B: Ma non di­scu­to pro­prio cioé ci sa­rà un set­tan­ta per cen­to di non far­ce­la ma un tren­ta per cen­to di far­ce­la ci può sta­re

R: Ci de­ve sta­re in­som­ma o no? Se quel­lo par­la con chi di do­ve­re non può non ascol­tar­lo

La per­so­na lo­gor­roi­ca e mal ve­sti­ta per i pm di Ro­ma “po­treb­be in­di­vi­duar­si in Ti­zia­no Ren­zi”.

Agli at­ti “Le in­for­ma­zio­ni su as­se­ri­ti rap­por­ti con Ti­zia­no e Lui­gi Mar­ro­ni non so­no ve­ri­tie­re”

Ti­zia­no Ren­zi, è na­to nel 1951 a Reg­gel­lo, ha quat­tro fi­gli

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.