L’ami­co di Ti­zia­no non è sol­tan­to un mil­lan­ta­to­re

CONSIP I pun­ti de­bo­li dell’ar­chi­via­zio­ne

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » MAR­CO LIL­LO

Ipm di Ro­ma chie­do­no di ar­chi­via­re Ti­zia­no Ren­zi per il rea­to di traf­fi­co il­le­ci­to di in­fluen­ze e vo­glio­no man­da­re a giu­di­zio so­lo il suo ami­co Car­lo Rus­so, 35en­ne di Scan­dic­ci, per mil­lan­ta­to cre­di­to. Il mo­ti­vo? Se­con­do la pro­cu­ra, Rus­so di­ce tan­te bu­gie sui suoi rap­por­ti con Ti­zia­no Ren­zi e con i ma­na­ger pub­bli­ci. Si van­ta con l’im­pren­di­to­re Al­fre­do Ro­meo, in­te­res­sa­to ad al­cu­ne ga­re pub­bli­che, di po­ter in­fluen­za­re i pub­bli­ci uf­fi­cia­li di quat­tro en­ti: co­mu­ne di Se­sto San Gio­van­ni (non Lo­di, co­me ab­bia­mo scrit­to ie­ri), Inps, Gran­di Sta­zio­ni e Consip. L’ami­co di bab­bo Ti­zia­no mil­lan­ta­va ca­pa­ci­tà mi­ra­bo­lan­ti ma se­con­do i pm ro­ma­ni non era in gra­do di in­fluen­za­re nes­su­no. La pro­va?

NEL CA­SO del­la ga­ra Consip Car­lo Rus­so si era spe­so tra la fi­ne del 2015 e la pri­ma­ve­ra 2016 per un’al­tra im­pre­sa. Nel ca­so Gran­di Sta­zio­ni in­ve­ce Ro­meo ave­va già per­so la ga­ra per le pu­li­zie quan­do lui, a set­tem­bre-ot­to­bre pro­met­te di far­lo vin­ce­re. I pm sem­bra­no igno­ra­re un punto cen­tra­le: le par­ti­te del­le ga­re pub­bli­che si com­pon­go­no di due fa­si. L’ag­giu­di­ca­zio­ne prov­vi­so­ria è so­lo la pri­ma. Re­sta la se­con­da fa­se nella qua­le spes­so si può ri­bal­ta­re l’esi­to.

Dia­mo per ac­qui­si­to, co­me fan­no i pm, che Rus­so ab­bia gio­ca­to nel pri­mo tem­po del­la ga­ra Consip, che si chiu­de a pri­ma­ve­ra del 2016, per un’al­tra im­pre­sa. Nul­la vie­ta­va a Ro­meo di as­sol­dar­lo per sup­por­tar­lo po­li­ti­ca­men­te nella se­con­da fa­se del­la stes­sa ga­ra ma­ga­ri per lot­ti di­ver­si.

Ro­meo era ri­sul­ta­to pri­mo nella gra­dua­to­ria prov­vi­so­ria in tre lot­ti per com­ples­si­vi 609 mi­lio­ni di eu­ro. I due in­con­tri di Rus­so con l’am­mi­ni­stra­to­re di Consip Lui­gi Mar­ro­ni, di ot­to­bre 2015 e apri­le 2016, non c’en­tra­no nul­la. Ro­meo nella pri­ma fa­se gio­ca da so­lo e Mar­ro­ni lo di­ce chia­ro ai pm: Ti­zia­no Ren­zi gli ha rac­co­man­da­to Rus­so e gli ha chie­sto ben due vol­te di in­con­trar­lo. Ma Rus­so poi gli ha rac­co­man­da­to un’al­tra so­cie­tà, non Ro­meo.

Ciò non to­glie che Ti­zia­no Ren­zi ab­bia avu­to un’in­fluen­za nel con­vin­ce­re Mar­ro­ni a in­con­tra­re Rus­so. E ciò non im­pe­di­sce a Rus­so ad ago­sto del 2016 di of­fri­re i suoi ser­vi­gi e quel­li di Ti­zia­no Ren­zi (a sua in­sa­pu­ta per i pm ro­ma­ni) pro­met­ten­do di in­fluen­za­re Lui­gi Mar­ro­ni, am­mi­ni­stra­to­re di Consip, in fa­vo­re di Ro­meo. Sul fron­te Gran­di Sta­zio­ni, se­con­do i pm, Rus­so mil­lan­ta per­ché le due ga­re nel­le qua­li Ro­meo par­te­ci­pa­va era­no già sta­te vin­te dai con­cor­ren­ti. Ef­fet­ti­va­men­te c’era l’ag­giu­di­ca­zio­ne prov­vi­so­ria av­ve­nu­ta ri­spet­ti­va­men­te il 13 mag­gio e il 13 set­tem­bre 2016. Ep­pu­re, pro­prio leg­gen­do in­sie­me le due que­stio­ni Consip e Gran­di Sta­zio­ni si può ca­pi­re che la let­tu­ra dei pm non è l’unica pos­si­bi­le. Ti­zia­no Ren­zi, Car­lo Rus­so e Al­fre­do Ro­meo ‘pro­ba­bil­men­te’, per i pm, si in­con­tra­no a Fi­ren­ze il 16 lu­glio 2015. Dal­le in­ter­cet­ta­zio­ni di Ro­meo si com­pren­de che il te­ma all’or­di­ne del gior­no po­treb­be es­se­re Gran­di Sta­zio­ni.

L’8 lu­glio 2015 Al­fre­do Ro­meo par­la con Ita­lo Boc­chi­no di ‘un ra­gaz­zo di Fi­ren­ze’ che gli ha da­to in­for­ma­zio­ni su Gran­di Sta­zio­ni. Il 16 lu­glio 2015, ap­pe­na 27 mi­nu­ti do­po l’ini­zio del ‘pro­ba­bi­le’ in­con­tro a tre, con l’in­cro­cio dei te­le­fo­ni­ni di Rus­so, Ro­meo e Ti­zia­no in un’area di Fi­ren­ze, Ro­meo chia­ma la se­gre­ta­ria e si fa rin­fre­sca­re la me­mo­ria sul­le due ga­re di Gran­di Sta­zio­ni a cui sta par­te­ci­pan­do. Poi Ro­meo si piaz­za se­con­do in quel­la del­le pu­li­zie il 13 mag­gio ed è ul­ti­mo nella gra­dua­to­ria del­le ma­nu­ten­zio­ni pub­bli­ca­ta il 13 set­tem­bre. Par­ti­ta chiu­sa? Chi si oc­cu­pa di ga­re sa che il vin­ci­to­re è so­lo sul­la car­ta. Per­ché l’ar­bi­tro può an­co­ra but­tar­lo fuo­ri se c’è un’ano­ma­lia nell'of­fer­ta o al­tri ca­vil­li. Co­me Ro­meo pur aven­do vin­to il pri­mo tem­po con l'ag­giu­di­ca­zio­ne prov­vi­so­ria di Consip, po­te­va es­se­re scon­fit­to nella ri­pre­sa. Co­sì pur aven­do per­so il pri­mo tem­po di Gran­di Sta­zio­ni, po­te­va ri­bal­ta­re l’esi­to nel se­con­do tem­po. Que­sto sche­ma po­treb­be spie­ga­re per­ché Ro­meo of­fre sol­di in cam­bio di aiu­to a Rus­so do­po che i gio­chi so­no ap­pa­ren­te­men­te fat­ti.

RO­MEO OFFRIREBBE a Rus­so il 7 set­tem­bre 2016 ben 30 mi­la eu­ro al me­se per T. (cioé per Ti­zia­no Ren­zi, per i pm) e 100 mi­la eu­ro all’an­no a Rus­so stes­so per un ac­cor­do qua­dro che in­clu­da Consip e Gran­di Sta­zio­ni. For­se per­ché vuo­le vin­ce­re il se­con­do tem­po di en­tram­be le par­ti­te.

Nel pri­mo ca­so pen­sa di fa­re en­tra­re Rus­so nella ri­pre­sa con la fun­zio­ne di at­tac­can­te e nel se­con­do ca­so co­me di­fen­so­re. Nella par­ti­ta Gran­di Sta­zio­ni, se­con­do i pm, “es­sen­do la sua so­cie­tà ar­ri­va­ta se­con­da nella ga­ra per le pu­li­zie la stes- sa po­treb­be rien­tra­re an­co­ra nei gio­chi pro­prio a cau­sa del­le ano­ma­lie”. Ro­meo il 14 set­tem­bre spie­ga a Rus­so: “po­treb­be­ro fa­re ... per noi! Hai ca­pì? Sia­mo se­con­di pe­rò il pri­mo...”. Que­sta con­ver­sa­zio­ne av­vie­ne quat­tro me­si do­po l’ag­giu­di­ca­zio­ne prov­vi­so­ria dell’ap­pal­to da 30 mi­lio­ni del lot­to 2 del­le pu­li­zie del­le sta­zio­ni ma Ro­meo non è un paz­zo: spe­ra di po­te­re su­ben­tra­re al­la pri­ma. La scon­fit­ta dell’ag­giu­di­ca­zio­ne prov­vi­so­ria non è la smen­ti­ta ma è pro­prio il presupposto dell'in­ter­ven­to of­fer­to da Car­lo Rus­so. L’ami­co di Ti­zia­no poi pas­sa all’azio­ne e in­con­tra più vol­te Sil­vio Giz­zi, il pre­si­den­te di Gran­di Sta­zio­ni Rail. I pm so­sten­go­no che le lo­ro fre­quen­ta­zio­ni “non pos­so­no es­se­re co­mun­que cor­re­la­te al­le vi­cen­de di Ro­meo”. Pec­ca­to che Sil­vio Giz­zi a ver­ba­le di­ca il con­tra­rio: “Rus­so in ta­li in­con­tri si è ma­ni­fe­sta­to co­me espres­sio­ne del­le so­cie­tà ri­con­du­ci­bi­li a Ro­meo, mi ha chie­sto no­ti­zie sul­le ga­re in cor­so re­la­ti­ve al­le ma­nu­ten­zio­ni e pu­li­zie a cui par­te­ci­pa­va Ro­meo”.

In Consip, in­ve­ce, aven­do vin­to il pri­mo tem­po, al­me­no in tre lot­ti, Ro­meo cer­ca­va di as­sol­da­re Rus­so per ot­te­ne­re l'as­si­cu­ra­zio­ne da Ti­zia­no Ren­zi che “non ci fan­no schi­fez­ze”, cioé che il ri­sul­ta­to a suo fa­vo­re non cam­bias­se. Rus­so di­ce tan­te bu­gie sui suoi rap­por­ti con Ti­zia­no Ren­zi e Lui­gi Mar­ro­ni. Per i pm non ha com­mes­so traf­fi­co di in­fluen­ze e mil­lan­ta­va sia su Gran­di Sta­zio­ni sia su Consip. Pe­rò la mo­ti­va­zio­ne del­la ri­chie­sta di ar­chi­via­zio­ne non co­glie il sen­so dell'of­fer­ta a Ro­meo. Rus­so si of­fre per sov­ver­ti­re l’esi­to del­la gra­dua­to­ria Gran­di Sta­zio­ni e per pre­si­dia­re quel­la di Consip. Di­re che Rus­so è un mil­lan­ta­to­re per­ché interviene su Gran­di Sta­zio­ni so­lo do­po l’ as­se­gna­zio­ne (prov­vi­so­ria) ai ri­va­li di Ro­meo non ha mol­to sen­so.

La te­si dei ma­gi­stra­ti L’even­tua­le in­ter­ven­to del com­pa­re di Ren­zi sr era inu­ti­le: le ga­re era­no già ag­giu­di­ca­te

L’obiet­ti­vo

Ro­meo pun­ta­va sull’esclu­sio­ne dei pri­mi clas­si­fi­ca­ti per po­ter su­ben­tra­re Ro­meo Ge­stio­ni

Il pa­tron in­ter­cet­ta­to: “Po­treb­be­ro fa­re ... per noi! Hai ca­pì? Sia­mo se­con­di pe­rò...”

Il “bab­bo” Ti­zia­no Ren­zi, 67 an­ni Ansa

Ansa

Al­fre­do Ro­meo; Ti­zia­no Ren­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.