L’ul­ti­mo ad­dio di Ci­ster­na al­la sua fi­glia di­men­ti­ca­ta

Il fu­ne­ra­le Una co­mu­ni­tà in­te­ra con lo sguar­do se­que­stra­to dal do­lo­re Quel­lo che non ha vi­sto da vi­va, la ra­gaz­za l’ha ot­te­nu­to do­po la mor­te

Il Fatto Quotidiano - - CRONACA - » AN­TO­NEL­LO CA­PO­RA­LE

Un fu­ne­ra­le coi fioc­chi per una vi­ta di nien­te. Quel che De­si­rée non ha vi­sto da vi­va, le la­cri­me del­le sue ami­chet­te, il pian­to del suo pa­pà, la di­spe­ra­zio­ne dol­ce di sua mam­ma, lo sguar­do se­que­stra­to dal do­lo­re, l’ha ot­te­nu­to da mor­ta. Il lut­to cit­ta­di­no, il sin­da­co, il ser­vi­zio d’or­di­ne per te­ne­re a ba­da la gen­te che nel pra­to­ne del­la Chie­sa di San Va­len­ti­no è ac­cor­sa a pian­ge­re, an­che a fil­ma­re, o a far­si un sel­fie­con la ba­ra, e a com­men­ta­re in­cre­du­la. Co­me la don­na che con­fi­da al­la sua ami­ca: “Io te lo di­co qua. Se me do­ves­si ac­cor­ge­re de mia fi­glia che non ri­ga drit­to, gliè to­glie­rei la vi­ta. Io te l’ho da­ta e io te la tol­go”.

DE­SI­RÉE Ma­riot­ti­ni, fi­ni­ta a 16 an­ni den­tro il buio pe­sto del­la cru­del­tà uma­na, di un bran­co di uo­mi­ni e don­ne abi­tua­to dall’eroi­na a to­glie­re sen­so al­la pie­tà, ha ot­te­nu­to per il suo sa­cri­fi­cio, la spa­ven­to­sa se­que­la di vio­len­ze a cui è sta­ta sot­to­po­sta da vi­va e poi da mor­ta, i fuo­chi d’ar­ti­fi­cio, i pal­lon­ci­ni co­lo­ra­ti in cie­lo, una can­zo­ne di Jovanotti e una dei Ma­ne­skin, gli stri­scio­ni che sem­pre chie­do­no ve­ri­tà e giu­sti­zia, tan­ti ap­plau­si e ur­la iso­la­te ma rab­bio­se: “Ai car­ne­fi­ci li de­vo­no am­maz­zà”. Que­sta ra­gaz­zi­na fra­gi­le, fi­glia a sor­pre­sa di un amo­re fi­ni­to pri­ma di na­sce­re tra sua ma­dre, che ave­va se­di­ci an­ni, la sua stes­sa età, e suo pa­dre, più gran­de e spa­val­do e abi­tua­to al ring del­la vi­ta, ha fi­ni­to nel suo quar­tie­re la sua cor­sa ver­so il nul­la. “Era sca­pi­glia­ta, buo­na, non vo­le­va mai far­si fa­re le fo­to”, ri­cor­da lo zio. “La fa­mi­glia la te­ne­va sul pal­mo del­la ma­no, è gen­te be­ne­stan­te, ri­spet­ta­ta. Fi­gu­ria­mo­ci se la tra­scu­ra­va”, giu­ra l'ami­co di fa­mi­glia in­ter­det­to per la de­scri­zio­ne let­ta sui gior­na­li e in tv. “Al­tro che po­ver­tà. An­da­va a scuo­la, era per­fet­ta. Poi si sa, le ra­gaz­zi­ne di og­gi in un at­ti­mo cam­bia­no. Avrà det­to: va­do a Ro­ma. Ma chi non ci va dei no­stri fi­gli?”.

A Ci­ster­na og­gi è ve­nu­ta an­che Gior­gia Me­lo­ni, per via del­la con­nes­sio­ne sen­ti­men­ta­le che que­sta ter­ra ha con la de­stra sto­ri­ca, qui il Du­ce ha bo­ni­fi­ca­to le pa­lu­di.

LA PONTINAè il pied-à-ter­re­di

Ro­ma, la por­ta di ser­vi­zio da cui si en­tra nella Ca­pi­ta­le e si esce in un’ora, traf­fi­co per­met­ten­do. E De­si­rée, stu­den­tes­sa dell’Agra­rio, ha rag­giun­to la cit­tà con una sua ami­ca ma non per pas­seg­gia­re in via del Cor­so, il luo­go do­ve le prin­ci- pian­ti del­lo stru­scio af­fron­ta­no le pro­ve gio­io­se del­la lo­ro età con il vi­so già mar­ca­to dal truc­co. No, han­no scel­to San Lo­ren­zo, den­tro l’an­go­lo più buio di que­sto quar­tie­re po­po­la­re e stu­den­te­sco, tra le mu­ra ab­ban­do­na­te di via dei Lu­ca­ni, do­ve si en­tra so­lo per far­si di eroi­na e crac, le sta­zio­ni fi­na­li del cam­mi­no do­lo­ro­so del­la dro­ga. Per­ché lì? “Te spie­go io per­chè – mi di­ce un signore – Il pa­dre, che è an­che un ra­gaz­zo di vi­ta, ha av­ver­ti­to la piaz­za di La­ti­na che a De­si­rée non do­ve­va es­se­re con­ces­so nean­che un fi­lo d’er­ba, un gram­mo di fu­mo. Per amo­re, per cer­ca­re di te­ner­la lon­ta­na da que­sto mon­do”. L’amo­re di pa­pà l’avreb­be dun­que ob­bli­ga­ta a sca­val­ca­re il cor­do­ne di si­cu­rez­za e cer­ca­re for­tu­na den­tro la gab­bia dei leo­ni. Una scel­ta scri­te­ria­ta e in­con­sa­pe­vo­le, che i suoi an­ni cer­ta­men­te fan­no in­ten­de­re, una pro­va, e non sap­pia­mo se fos­se que­sta una pri­ma vol­ta o già un bis o un tris, nella qua­le è cascata già qua­si sfi­ni­ta.

La fa­mi­glia la te­ne­va sul pal­mo del­la ma­no, è gen­te be­ne­stan­te, ri­spet­ta­ta Fi­gu­ria­mo­ci se la tra­scu­ra­va Era per­fet­ta Il pa­dre ha av­ver­ti­to la piaz­za di La­ti­na che a lei non si do­ve­vea ven­de­re nul­la Per amo­re, per pro­teg­ger­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.