Per­ché De­si­rée ha fat­to va­cil­la­re le no­stre cer­tez­ze

Il Fatto Quotidiano - - PIAZZA GRANDE - » SIL­VIA TRUZZI

Èim­pos­si­bi­le scri­ve­re di De­si­rée sen­za tre­ma­re di do­lo­re, di rab­bia. E di ver­go­gna per­ché costa ca­ris­si­mo am­met­te­re quel­lo che se­gue. Cre­de­va­mo di ave­re an­ti­cor­pi suf­fi­cien­ti con­tro il raz­zi­smo. An­ti­cor­pi cul­tu­ra­li, co­sti­tu­zio­na­li, gli an­ti­cor­pi del­la ra­gio­ne. In­ve­ce quel­lo che è ca­pi­ta­to in quel ca­pan­no­ne a San Lo­ren­zo ha fat­to va­cil­la­re al­cu­ne cer­tez­ze, che sem­bra­va im­pos­si­bi­le met­te­re in di­scus­sio­ne. Di fron­te a quel­lo che è ac­ca­du­to a que­sta bam­bi­na – che si è smar­ri­ta e co­me in una fa­vo­la or­ri­bi­le ha in­con­tra­to l’or­co – si può so­lo ave­re pau­ra: per quel­lo che è sta­to fat­to a De­sy da vi­va – qual­co­sa che le pa­ro­le, an­che quel­le più spa­ven­to­se, non pos­so­no de­scri­ve­re – e per quel­lo che è sta­to fat­to a De­sy da mor­ta. An­che do­po, il suo cor­po vio­la­to è sta­to usa­to: co­me ban­die­ri­na dell’in­de­gno “da­gli al ne­gro” e co­me ban­die­ri­na dell’an­ti­fa­sci­smo, per la pa­ro­la “raz­za”. Ma qui la raz­za se c’en­tra, c’en­tra per quel­la fra­se ri­por­ta­ta da­gli in­ve­sti­ga­to­ri: “La ra­gaz­zi­na bian­ca è tor­na­ta ed è di­spo­ni­bi­le”. Le don­ne che fre­quen­ta­va­no lo sta­bi­le l’ave­va­no mes­sa in guar­dia: è pe­ri­co­lo­so, “so­prat­tut­to per una bian­ca”. Il sen­so di col­pa per i sen­ti­men­ti che le cro­na­che di que­sta storia han­no su­sci­ta­to è co­sì for­te, che sco­pri­re an­che l’ita­lia­nis­si­mo Mar­co nel bran­co è sta­to per mol­ti un sol­lie­vo. È ov­vio che le tor­tu­re non sa­reb­be­ro sta­te me­no gra­vi se a in­flig­ger­le a De­sy fos­se sta­to un grup­po di bian­chi. Ma gli uo­mi­ni che le han­no te­so l’ag­gua­to, che l’han­no usa­ta co­me una bam­bo­la gon­fia­bi­le, che po­te­va­no sal­var­la ma han­no scel­to di non far­lo, era­no im­mi­gra­ti africani ir­re­go­la­ri. E igno­ra­re que­sta cir­co­stan­za è sba­glia­to e in­giu­sto. Il pro­ble­ma ri­guar­da una cri­mi­na­li­tà ali­men­ta­ta da un’im­mi­gra­zio­ne fuo­ri con­trol­lo. Non si di­ca più che chi ar­ri­va qui sen­za po­ter tro­va­re un la­vo­ro de­lin­que per for­za, che ca­de nella rete del­le ma­fie per­ché non ha al­tra scel­ta. È ve­ro che il cir­co­lo vizioso è spes­so que­sto, ma gli spac­cia­to­ri non han­no dro­ga­to una ra­gaz­zi­na per abu­sa­re di lei a tur­no, men­tre era in­co­scien­te o for­se ad­di­rit­tu­ra mor­ta, per­ché ave­va­no bi­so­gno di man­gia­re: non si so­no fer­ma­ti da­van­ti al­la sua età, da­van­ti all’ago­nia, da­van­ti al­la mor­te. Han­no scel­to di la­sciar­la cre­pa­re per evi­ta­re la ga­le­ra. Non me­ri­ta­no né pie­tà né pie­ti­smo, non me­ri­ta­no ten­ta­ti­vi di giu­sti­fi­ca­zio­ne.

ES­SE­RE IM­MI­GRA­TI non può di­ven­ta­re l’at­te­nuan­te dei cri­mi­na­li: se suc­ce­de, se si fa pro­pa­gan­da per­fi­no con il ca­da­ve­re di una bam­bi­na an­co­ra cal­do, si ali­men­ta il sen­ti­men­to di rab­bia. Ve­ro, si sen­to­no in­vo­ca­re la ca­stra­zio­ne chi­mi­ca e la pe­na di mor­te: an­che que­sta è pro­pa­gan­da, ed è ir­ri­ce­vi­bi­le. Ma si de­ve ri­spon­de­re pro­van­do a col­le­ga­re il cer­vel­lo con la boc­ca: il corteo an­ti­fa­sci­sta è una ri­spo­sta ca­ri­ca­tu­ra­le. Lo Sta­to, è evi­den­te, non de­ve mai ri­nun­cia­re al pro­prio ruo­lo per­ché am­mi­ni­stra giu­sti­zia e non ven­det­ta: guai se fos­se il con­tra­rio. Pe­rò può pro­va­re a ri­cu­ci­re le fe­ri­te so­cia­li, par­ten­do da quel­le del tes­su­to ur­ba­no: non è tol­le­ra­bi­le che esi­sta­no luo­ghi co­me quel­lo do­ve è mor­ta De­sy, a Ro­ma e al­tro­ve. D’istin­to vor­rem­mo man­da­re l’eser­ci­to do­ma­ni, an­zi su­bi­to, per­ché è già tar­di, per­ché l’ur­gen­za è pro­va­re a ri­pu­li­re l’or­ro­re di San Lo­ren­zo. Ma bi­so­gna fa­re at­ten­zio­ne a quel­lo che si de­si­de­ra. La so­lu­zio­ne non è mai lo Sta­to di po­li­zia, non è mi­li­ta­riz­za­re le no­stre cit­tà: il Pigneto di Ro­ma, gra­zie al cie­lo, nem­me­no con i Ran­ger del Te­xas di­ven­te­reb­be Cor­ti­na.

Quan­to è ac­ca­du­to non può di­ven­ta­re per nes­su­na ra­gio­ne la len­te con cui ge­sti­re im­mi­gra­zio­ne e in­te­gra­zio­ne. Ma ne­ga­re i pro­ble­mi o peg­gio gi­ra­re la te­sta dall’al­tra par­te, la­scian­do che ci abi­tuia­mo al de­gra­do, al­la bru­ta­li­tà, al­la vio­len­za, è ugual­men­te sba­glia­to. E pe­ri­co­lo­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.