Dal­la Pri­ma

Il Fatto Quotidiano - - ULTIMA PAGINA - » MAR­CO TRAVAGLIO

Lo

sa­pe­va­no be­nis­si­mo i to­ri­ne­si quan­do eles­se­ro sin­da­co la Ap­pen­di­no e gli ita­lia­ni quan­do tri­bu­ta­ro­no al M5S il 25,5% nel 2013 e il 32,5% nel 2018. Quin­di, se bloc­che­ran­no il Tav, i 5Stel­le non fa­ran­no al­tro che man­te­ne­re una pro­mes­sa con­sa­cra­ta da va­lan­ghe di vo­ti. Si chia­ma de­mo­cra­zia, e an­che coe­ren­za. Una coe­ren­za che sa­reb­be più com­ple­ta se il M5S go­ver­nas­se da so­lo o con al­lea­ti omo­ge­nei e po­tes­se dun­que agi­re so­lo in ba­se all’ine­di­ta ana­li­si co­sti-be­ne­fi­ci sul­le gran­di ope­re com­mis­sio­na­ta a 14 esper­ti dal go­ver­no Con­te (pri­ma i go­ver­ni dei “com­pe­ten­ti” but­ta­va­no i no­stri sol­di a ca­sac­cio). Ana­li­si che si ac­cin­ge a boc­cia­re sia il Tav sia il Ter­zo Va­li­co: il Tav per­ché non ser­ve a nul­la, costa un oc­chio, è an­co­ra in fa­se em­brio­na­le (in Ita­lia co­me in Fran­cia) e non pre­ve­de pe­na­li né ri­sar­ci­men­ti; il Ter­zo Va­li­co per­ché, co­strui­to per un ter­zo, è del tut­to inu­ti­le e costa mol­to me­no so­spen­der­lo ( pa­gan­do pe­na­li e ri­sar­ci­men­ti) che com­ple­tar­lo. Ma il M5S go­ver­na con la Le­ga che, co­me Pd e FI, è ben in­ci­sta­ta nel par­ti­to tra­sver­sa­le del ce­men­to. Di qui il com­pro­mes­so ti­pi­co dei go­ver­ni di coa­li­zio­ne: la Le­ga ce­de sul Tav e il M5S ce­de sul Ter­zo Va­li­co.

E i gior­na­lo­ni? Mas­sa­cra­no il M5S nel­le pa­gi­ne di­spa­ri per­ché è in­coe­ren­te e non bloc­ca il Tap, e in quel­le pa­ri per­ché è coe­ren­te e bloc­ca il Tav. I fat­ti e i da­ti eco­no­mi­ci e scien­ti­fi­ci che i “com­pe­ten­ti” sbat­to­no ogni due per tre in fac­cia agli igno­ran­ti gial­lo-ver­di non con­ta­no più nul­la: so­lo slo­gan, fa­ke news e ti­to­li a mez­za­dria fra il ter­ro­ri­smo e il fan­ta­sy. Re­pub­bli­ca : “Il M5S di­chia­ra guer­ra al­la Tav. Rab­bia di im­pre­se e sin­da­ca­ti”, “Sa­rà la mar­cia dei cen­to­mi­la” (cioè i quat­tro gat­ti sce­si in piaz­za a To­ri­no con la Con­fin­du­stria e gli an­nes­si Pd& FI). La Stam­pa: “T ori no vo­ta lo stop all’Al­ta ve­lo­ci­tà. La piaz­za pro­te­sta: una ver­go­gna” (sem­pre i so­li­ti quat­tro gat­ti), “Ri­schia­mo co­sti se­ve­ri nel Nord” (Ma­rio Dea­glio in For­ne­ro), “Ades­so un’al­tra mar­cia dei 40 mi­la” (sem­pre i quat­tro gat­ti di cui so­pra). Cor­rie­re:“Una cul­tu­ra eco­no­mi­ca che di­sprez­za la cre­sci­ta, un col­po bas­so al­la cit­tà”, “Giun­ta No Tav, di­vor­zio dal­la cit­tà”. Mes­sag­ge­ro: “Chi bloc­ca il Pae­se: il par­ti­to del no”,“A ri­schio 8.000 po­sti di la­vo­ro, co­me espor­tia­mo sen­za in­fra­strut­tu­re?”. Il Gior­na­le: “Gol­pe gril­li­no, stop al­la Tav”, “Una mar­cia dei 100 mi­la per di­re sì al­le gran­di ope­re” (sem­pre quei quat­tro gat­ti). Tut­te bal­le. I po­sti di la­vo­ro so­no po­che cen­ti­na­ia e ar­ri­ve­reb­be­ro, se va be­ne, a 4 mi­la. Non c’è nul­la da espor­ta­re in più di quel che già si espor­ta: sul­la fer­ro­via mer­ci già esi­sten­te, la To­ri­no-Modane, i tre­ni par­to­no con l’80-90% di con­tai­ner vuo­ti, per­ché il traf­fi­co mer­ci che trent’an­ni fa era sti­ma­to in co­stan­te cre­sci­ta è crol­la­to o ha pre­so al­tre vie. I co­sti del­la re­tro­mar­cia non so­no 4 mi­liar­di, ma zero (nien­te pe­na­li né in­den­niz­zi), men­tre quel­li per com­ple­ta­re l’ope­ra ( in al­tri vent’an­ni di can­tie­ri) van­no dai 15 ai 20 mi­liar­di. Noi na­tu­ral­men­te sia­mo vi­ci­ni ai “col­le­ghi” ri­dot­ti a trom­bet­tie­ri del Tav per con­to di chi gli pa­ga lo sti­pen­dio e/o la pub­bli­ci­tà. Ma, per fa­vo­re, la­sci­no per­de­re la li­ber­tà di stam­pa: quel­la che di­fen­do­no è la lo­ro ser­vi­tù.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.