“Le ma­da­mi­ne con­ta­no po­co, la mar­cia è mia”

Mi­noGia­chi­no ”Die­tro di lo­ro, il fi­nan­zie­re Giu­ber­gia e il no­ta­io Ga­nel­li: fa­ran­no una li­sta”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » ET­TO­RE BOFFANO

Le ma­da­min? La pri­ma vol­ta le ho vi­ste il 28 ot­to­bre scor­so. Noi era­va­mo in con­si­glio co­mu­na­le per pro­te­sta­re con­tro il vo­to per il no all’Al­ta ve­lo­ci­tà in Val­le di Su­sa. Lo­ro era­no lì, in­ve­ce, per in­con­tra­re il vi­ce­sin­da­co e pre­sen­ta­re la lo­ro ini­zia­ti­va che si chia­ma­va, al­lo­ra, “Sì la­vo­ro”, non “Sì Tav”. Ascol­ta­va­no il dibattito: più che in­te­res­sa­te, mi sem­bra­va­no an­no­ia­te”.

La zam­pa­ta di Mi­no Giachino (73 an­ni, ex se­gre­ta­rio di Car­lo Do­nat-Cat­tin, ex sot­to­se­gre­ta­rio ai Tra­spor­ti del l’ul­ti­mo go­ver­no Ber­lu­sco­ni, ex dc, fe­de­lis­si­mo di Gian­ni Let­ta, lob­bi­sta non pen­ti­to dei si­gno­ri dei Tir, for­zai­ta­lio­ta un po’ de­lu­so) ar­ri­va a ini­zio in­ter­vi­sta. Vuol di­re che non sop­por­ta di ve­de­re quel­le si­gno­re del­la To­ri­no be­ne tra­sfor­ma­te nel­le uni­che star del­la piaz­za dei 25 mi­la per il sì al Tav?

Al­tro che 25 mi­la, era­va­mo di più.

Me­no, pe­rò, dei 40 mi­la strom­baz­za­ti quel sa­ba­to. Sì, for­se me­no, ma più di 25 mi­la. Non si di­scu­te.

Tor­nia­mo al­le ma­da­min. La mar­cia l’ho fat­ta io e il me­ri­to è di mio fi­glio Lu­do­vi­co. Io non ca­pi­sco nien­te di In­ter­net, lui in­ve­ce sì e mi ha con­si­glia­to di la­sciar per­de­re la pe­ti­zio­ne car­ta­cea e di pun­ta­re su Chan ge. org. Ades­so sia­mo ol­tre le 100 mi­la ade­sio­ni e io pos­so scri­ve­re quan­do vo­glio a tut­te quel­le per­so­ne. Le ma­da­min­non la rac­con­ta­no co­sì. Chi ha ra­gio­ne? Lo­ro han­no al­tri in­te­res­si. Fan­no ri­fe­ri­men­to al fi­nan- zie­re Gui­do Giu­ber­gia e al no­ta­io An­drea Ga­nel­li, pen­sa­no a una li­sta ci­vi­ca per quan­do sca­drà l’Ap­pen­di­no e qual­cu­na di lo­ro, in passato, ha rac­col­to ade­sio­ni per Fas­si­no e qual­cun’al­tra, fa­cen­do la cac­cia­tri­ce di te­ste, ha la­vo­ra­to per le giun­te Chiam­pa­ri­no. Beh, quan­to al­la po­li­ti­ca, lei non ha cer­to da in­vi­dia­re nul­la a nes­su­no....

La ve­ri­tà è che la po­li­ti­ca mi sta un po’de­lu­den­do. Quan­do si de­ter­mi­na un mo­vi­men­to co­me quel­lo di piaz­za Ca­stel­lo a To­ri­no, ser­vo­no ri­spo­ste. Non ne ve­do.

Nem­me­no da par­te di For­za Ita­lia?

A li­vel­lo na­zio­na­le sì, ora usa­no la mar­cia Sì Tav per lan­cia­re il par­ti­to sui so­cial. A To­ri­no, in­ve­ce, tut­to ta­ce.

In piaz­za pe­rò, quel sa­ba­to, c'era an­che la Gelmini.

Mi ha scrit­to su­bi­to un sms: ‘ Mi­no, mi hai emo­zio­na­to’. Poi, quel­lo di Let­ta: ‘Sei un eroe’. Al­la fi­ne, è ar­ri­va­to lui.

Lui chi?

Ber­lu­sco­ni: ‘Sei sta­to bra­vis­si­mo’.

Ve­de, sia­mo in pie­na po­li­ti­ca, al­tro che li­sta ci­vi­ca del­le ma­da­min.

No, la dif­fe­ren­za è che io in que­sta co­sa ci cre­do: pos­sia­mo sal­va­re il Tav. L’ho ca­pi­to a giu­gno, quan­do è na­to il go­ver­no. Ci so­no i Cin­que­stel­le, mi so­no detto: sfa­sce­ran­no l’Al­ta ve­lo­ci­tà in Val­le di Su­sa, bi­so­gna fa­re qual­co­sa. Co­sì, ho pen­sa­to al­la pe­ti­zio­ne. E ora, che co­sa fa­rà? Si can­di­de­rà al­le Re­gio­na­li? La­sci per­de­re, non ci ca­sco. Io ho im­pa­ra­to a far po­li­ti­ca e an­che a ri­la­scia­re in­ter­vi­ste da Do­nat-Cat­tin. Lui co­min­cia- va ogni riu­nio­ne spie­gan­do che co­sa sa­reb­be ac­ca­du­to nei me­si suc­ces­si­vi. Ora vo­glio oc­cu­par­mi di Tav, il re­sto lo ve­dre­mo.

C'è chi so­stie­ne che, se non fos­se per quei 73 an­ni, lei farebbe ad­di­rit­tu­ra un pen­sie­ri­no al­la pre­si­den­za del­la Re­gio­ne. Ma­ga­ri an­che so­lo a un as­ses­so­ra­to. Bal­le? Non ci ca­sco. Un can­di­da­to in gra­do di bat­te­re Chiam­pa­ri­no, e an­che sen­za trop­pi pro­ble­mi, il cen­tro­de­stra ce l’ha già.

E chi è?

Gui­do Crosetto, un vin­cen­te.

E Ser­gio Chiam­pa­ri­no?

È un Sì Tav, da sem­pre: in fon­do, mi di­spia­ce per lui. Ma noi ab­bia­mo bi­so­gno che vin­ca il cen­tro­de­stra, pro­prio per sal­va­re l’Al­ta ve­lo­ci­tà. Ab­bia­mo bi­so­gno che in Pie­mon­te go­ver­ni la Le­ga di Sal­vi­ni.

E per­ché?

Co­sì la Le­ga po­trà fer­ma­re i Cin­que­stel­le e ga­ran­ti­re che la li­nea ver­so Lio­ne si fa­rà.

Con­ver­ti­to a Sal­vi­ni?

No, as­so­lu­ta­men­te. Io la pen­so in ma­nie­ra mol­to di­ver­sa da lui su tan­te co­se, ma co­me po­li­ti­co è bra­vis­si­mo. E ha già ca­pi­to che co­sa ho fat­to a To­ri­no. Ci sia­mo visti qua­si per ca­so a Roma, mi ha stret­to la ma­no e mi ha detto ‘hai fat­to una co­sa ec­ce­zio­na­le’. E se Con­te ci ri­ce­ve­rà, cre­do che di mez­zo ci sia il suo zam­pi­no. Lei, sul pal­co, ha lo­da­to Mar­chion­ne per il suo im­pe­gno per il Tav. Ma la cit­tà non è sta­ta un po’ trop­po zit­ta sull’ab­ban­do­no del­la Fiat? Sì, que­sto lo am­met­to: è ve­ro.

E il Pd, in tut­to que­sto? Sbandato: ta­ce, fa un pas­so avan­ti e due in­die­tro. Non ca­pi­sce do­ve vo­glio­no an­da­re a pa­ra­re le ma­da­min e co­sì si è am­mu­to­li­to.

E lo­ro, le ma­da­min?

Ho let­to che l’ 8 di­cem­bre, quan­do sfi­le­ran­no i No Tav, an­dran­no a scia­re al Se­strie­re. Pri­ma ave­va­no detto che bi­so­gna­va met­te­re gli stri­scio­ni Sì Tav ai bal­co­ni, poi han­no spie­ga­to che non bi­so­gna­va pro­vo­ca­re. La ve­ri­tà è che, an­che in que­sto ca­so, lo ave­vo già detto io il gior­no pri­ma. Io so di che co­sa par­lo.

Per­ché, le ma­da­min non lo san­no?

Non di­co que­sto, ma una co­sa è co­no­sce­re i pro­ble­mi, un’al­tra co­sa è fa­re pub­bli­che re­la­zio­ni. Nei di­bat­ti­ti, due espo­nen­ti Sì Tav del Pd co­me Chiam­pa­ri­no e Ste­fa­no Espo­si­to, se qual­cu­no fa domande tec­ni­che, ri­spon­do­no co­sì: ‘alt, qui de­ve ri­spon­de­re Giachino, lui sa tut­to...’.

IL MES­SAG­GIO DI BER­LU­SCO­NI

Gelmini mi ha scrit­to su­bi­to un sms: ‘Mi­no, mi hai emo­zio­na­to’ Poi, quel­lo di Let­ta: ‘Sei un eroe’. Al­la fi­ne, è ar­ri­va­to lui, B.: ‘Sei sta­to bra­vis­si­mo’

CROSETTO IL VIN­CEN­TE

Un can­di­da­to in gra­do di bat­te­re Chiam­pa­ri­no, e an­che sen­za pro­ble­mi, il cen­tro­de­stra ce l’ha già: Gui­do Crosetto, un vin­cen­te

LaPresse

Ri­ven­di­ca­zio­ni Mi­no Giachino, l’in­ven­to­re del Sì Tav

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.