Bon­san­ti: “Mai ria­bi­li­ta­re B.”

San­dra Bon­san­ti “As­sur­do ri­par­ti­re da quel­le ro­vi­ne. L’ex Ca­va­lie­re ha se­gna­to l’ini­zio del­la de­va­sta­zio­ne dei no­stri va­lo­ri co­sti­tu­zio­na­li”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SIL­VIA TRUZZI

“Il gua­io è che tut­to co­min­cia con Ber­lu­sco­ni!”: San­dra Bon­san­ti, gior­na­li­sta, pre­si­den­te eme­ri­to di Li­ber­tà e giu­sti­zia, non ha un mo­men­to di esi­ta­zio­ne quan­do le do­man­dia­mo che pen­sa del­le scu­se che do­vrem­mo fa­re all’ex Ca­va­lie­re. “Ren­zi è di­spe­ra­to, non ha più nien­te in­tor­no per­ché lui stes­so ha fat­to ter­ra bru­cia­ta. Ma non può pen­sa­re di pu­lir­si la co­scien­za di­cen­do che bi­so­gna chie­de­re scu­sa: Ber­lu­sco­ni è il ba­co pri­ma­rio den­tro la de­mo­cra­zia ita­lia­na. Ber­lu­sco­ni – di cui Cra­xi è sta­to il pre­sup­po­sto – ha cor­ro­so dall’in­ter­no la de­mo­cra­zia ita­lia­na”.

Lei scris­se una lettera a Ren­zi, quan­do era sin­da­co di Fi­ren­ze, per la sua “fui­ti­na” ad Ar­co­re. Cor­re­va l’ an­no 2010.

E lui si pre­se ben due pa­gi­ne dell’edi­zio­ne fio­ren­ti­na di Re­pub­bli­ca per ri­spon­de­re! An­dò a mangiare da Ber­lu­sco­ni, e di na­sco­sto. Io vo­le­vo sa­pe­re da che par­te sta­va. E lui ri­spo­se con quei to­ni un po’ vel­tro­nia­ni, so­ste­nen­do che non bi­so­gna­va de­mo­niz­za­re l’av­ver­sa­rio... Ma già il fat­to che da sin­da­co aves­se fat­to il pel­le­gri­nag­gio ad Ar­co­re era uno strap­po per me, e per mol­ti, inau­di­to. Tra l’al­tro: fu­ro­no co­stret­ti ad am­met­ter­lo per­ché sco­per­ti, al­tri­men­ti non l’avreb­be nem­me­no detto.

Un pran­zo-an­ti­pa­sto di Nazareno.

Sì, ai tem­pi c’era Ver­di­ni a fa­re da sen­sa­le. Ora mi sem­bra che abbia trop­pi guai per aiu­ta­re qual­cu­no. Ma Ber­lu­sco­ni è sta­to, e lo era già sta­to in quel mo­men­to, l’ini­zio di una cor­ro­sio­ne di va­lo­ri fon­dan­ti, sia da un pun­to di vi­sta del­la le­ga­li­tà che del co­stu­me co­sti­tu­zio­na­le. Che ora Ren­zi pen­si di po­ter­si ri­vol­ge­re a lui, cioè al­la ra­di­ce di quel­lo a cui stia­mo as­si­sten­do ora, è in­cre­di­bi­le. Vi­via­mo una si­tua­zio­ne pes­si­ma, ma che cer­to non si ri­sol­ve con una ria­bi­li­ta­zio­ne di Ber­lu­sco­ni o peg­gio, ri­spol­ve­ran­do l’in­te­sa del Nazareno. Vuol di­re non aver ca­pi­to nul­la del­la de­ri­va co­sti­tu­zio­na­le che ha su­bi­to l’Ita­lia. La pri­ma ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le – non di­men­ti­chia­mo­lo – boc­cia­ta con il re­fe­ren­dum del 2006 era del go­ver­no Ber­lu­sco­ni.

Co­sa te­me?

A me quel che ac­ca­de nel Pd in­te­res­sa fi­no a un cer­to pun­to. Ma ve­do che so­no in pan­ne: non rie­sco­no a fa­re un congresso, non rie­sco­no a fa­re del­le pri­ma­rie. Que­sto ap­pel­lo fa sup­por­re che se Ren­zi po­tes­se, ma­ga­ri con l’ipo­te­ti­co nuo­vo par­ti­to na­to dai ‘co­mi­ta­ti ci­vi­ci’, rial­lac­ce­reb­be i rap­por­ti con Ber­lu­sco­ni sen­za

far­si trop­pi scru­po­li. Te­mo una sal­da­tu­ra, più o me­no al­la lu­ce del so­le. Ren­zi, a pro­po­si­to del­le leg­gi

ad personam, ha ti­ra­to in bal­lo “Ru­by ni­po­te di Mu­ba­rack”. Pa­gi­na umi­lian­te per il Par­la­men­to che si pre­stò, ma le leg­gi ad personam fu­ro­no ben al­tra co­sa…

So­no sta­ti an­ni in cui noi di Li­ber­tà e giu­sti­zia te­ne­va­mo il con­to, gior­no per gior­no, de­gli scem­pi al­la cul­tu­ra del­la le­ga­li­tà. Non c’è nien­te, nien­te!, da re­cu­pe­ra­re di quel pe­rio­do. Se que­sto Pae­se ha una spe­ran­za di ri­sor­ge­re non è cer­to da quel­le ro­vi­ne. È un in­cu­bo, sen­za al­cu­na lo­gi­ca. È un’idea di Ren­zi, nu­tri­ta dal­la sua gran­de ar­ro­gan­za. Ba­sta ve­de­re il mo­do in cui ha li­qui­da­to il lu­ci­do in­ter­ven­to su Re­pub

bli­ca di Gu­sta­vo Za­gre­bel­sky: ‘Si è sve­glia­to’, ha detto l’ex pre­mier.

C’è un gros­so pro­ble­ma, pe­rò, nell’area pro­gres­si­sta se lo scrit­to­re San­dro Ve­ro­ne­si ha detto a Cir­co Massimo:

“Se mi chie­de­te di fir­ma­re per far tor­na­re Ber­lu­sco­ni e il suo go­ver­no do­ma­ni, io fir­mo col san­gue. Era ar­ro­gan­te, con il con­flit­to di in­te­res­si, ma sa­pe­va qual­co­sa del mon­do. Sa­pe­va che sta­va tra­sgre­den­do le eti­chet­te quan­do pren­de­va in gi­ro la Merkel. Que­sti non san­no quel­lo che fan­no”. Cer­to che c’è un pro­ble­ma. L’op­po­si­zio­ne a Sal­vi­ni bi­so­gna che ci sia, e che sia so­li­da. Non so­lo per il de­cre­to Si­cu­rez­za. Ve­dre­mo che co­sa fa­rà il pre­si­den­te Mat­ta­rel­la, ma a me fa mol­ta pau­ra la vi­ci­nan­za del­la Le­ga con la de­stra di Ca­sa­Pound: qual­co­sa di non detto nei pro­get­ti del­la Le­ga c’è. At­ten­zio­ne: è tut­ta l’Eu­ro­pa che va ver­so il fa­sci­smo. La gran­de di­spe­ra­zio­ne dell’area pro­gres­si­sta è che non si ri­co- no­sce nel M5S e in quell’idea di de­mo­cra­zia di­ret­ta. Que­sto non si­gni­fi­ca af­fat­to che sia giu­sto ria­bi­li­ta­re B: la sen­ten­za sul­la trat­ta­ti­va Sta­to-ma­fia ha mes­so ne­ro su bian­co co­me l’an­ti Sta­to vo­les­se l’ar­ri­vo di Ber­lu­sco­ni e dei per­so­nag­gi di

cui si cir­con­da­va. Mi pre­me ag­giun­ge­re un’ul­ti­ma co­sa. Pre­go.

Non di­men­ti­chia­mo­ci che Ber­lu­sco­ni ha te­nu­to a bat­te­si­mo gli at­tac­chi al­la stam­pa. An­che la Dc ci at­tac­ca­va, an­che Cra­xi, ma con Ber­lu­sco­ni so­no di­ven­ta­ti pur­ghe. E pu­re con Ren­zi. An­che og­gi c’è un in­quie­tan­te at­teg­gia­men­to d’in­tol­le­ran­za, con mi­nac­ce di leg­gi che pos­so­no met­te­re a ri­schio la li­ber­tà d’in­for­ma­zio­ne.

Non di­men­ti­chia­mo che Ber­lu­sco­ni ten­ne a bat­te­si­mo at­tac­chi al­la stam­pa che di­ven­ne­ro ve­re e pro­prie pur­ghe

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.