Pi­sa: Sgar­bi, l’as­ses­so­re e la gra­na Kei­th Ha­ring

Pi­sa Il cri­ti­co chia­ma­to a pub­bli­co dibattito con­tro il mu­ra­les che l’ar­ti­sta rea­liz­zò su una fac­cia­ta del con­ven­to di Sant’An­to­nio

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » SEL­VAG­GI LU­CA­REL­LI

Pren­de­te Vit­to­rio Sgar­bi, un as­ses­so­re ac­cu­sa­to di stal­king, Kei­th Ha­ring e la cit­tà di Pi­sa e quel­la che ver­rà fuo­ri è una vi­cen­da che spie­ghe­rà con de­fi­ni­ti­va cer­tez­za la ra­gio­ne per cui la Tor­re di Pi­sa si sta rad­driz­zan­do (4 cm in due de­cen­ni): no, non so­no i la­vo­ri di con­so­li­da­men­to. È che da quan­do la Le­ga a Pi­sa è il pri­mo par­ti­to, da quel­le par­ti è tut­ta un’evo­ca­zio­ne del ce­lo­du­ri­smo a cui il mo­nu­men­to cit­ta­di­no s’è ar­chi­tet­to­ni­ca­men­te ade­gua­to, rad­driz­zan­do­si.

E sot­to Na­ta­le, a Pi­sa, si do­vran­no ade­gua­re al nuo­vo an­daz­zo po­li­ti­co an­che le scuo­le, per­ché il con­si­glio co­mu­na­le ha ap­pe­na ap­pro­va­to una mo­zio­ne che im­pe­gna il sin­da­co a pro­cu­ra­re un pre­se­pe “sim­bo­lo di una tra­di­zio­ne che si sta sem­pre più sfi­lac­cian­do” a ogni sin­go­lo isti­tu­to. In pra­ti­ca, l’asi­nel­lo e il bue di cit­ta­di­nan­za. Ma che a Pi­sa si re­spi­ri un’aria di vi­ri­le re­si­sten­za agli ul­ti­mi ran­to­li del­la si­ni­stra lo rac­con­ta so­prat­tut­to un av­ve­ni­men­to dell’ul­ti­ma set­ti­ma­na, ov­ve­ro l’ar­ri­vo di Sgar­bi in cit­tà. Per ca­pi­re be­ne l’ac­ca­du­to pe­rò toc­ca tor­na­re un po’ in­die­tro nel tem­po. Nel 2016, po­chi me­si do­po la sua ele­zio­ne, il sin­da­co leghista di Ca­sci­na, Su­san­na Cec­car­di, af­fi­dò a ta­le An­drea Bu­sce­mi, leghista pu­re lui, la di­re­zio­ne del Tea­tro di Ca­sci­na. Qual­cu­no, in cit­tà, le fe­ce gen­til­men­te no­ta­re il cur­ri­cu­lum del Bu­sce­mi, nel qua­le c’era­no in ef­fet­ti al­cu­ni film, al­cu­ni spet­ta­co­li tea­tra­li, al­cu­ne fic­tion ( Un me­di­co in fa­mi­glia, Don Mat­teo…) ma in­ci­den­tal­men­te pu­re un tra­va­glia­to pro­ces­so per stal­king. Bu­sce­mi era sta­to de­nun­cia­to dal­la sua ex per per­se­cu­zio­ni e pe­di­na­men­ti. Ne­gli at­ti del­la sen­ten­za d’ap­pel­lo del 2017 che lo ha con­dan­na­to al ri­sar­ci­men­to in se­de ci­vi­le e al pa­ga­men­to del­le spe­se pro­ces­sua­li (per il re­sto, ben­ché ri­co­no­sciu­to col­pe­vo­le per il rea­to di stal­king, vi fu il non luo­go a pro­ce­de­re per la pre­scri­zio­ne), si leg­ge che Bu­sce­mi fa­ce­va pe­di­na­re la vit­ti­ma, ma in tri­bu­na­le si di­fe­se di­cen- do che la vit­ti­ma si ec­ci­ta­va co­sì, ve­nen­do pe­di­na­ta. Si leg­go­no poi gli sms de­li­ca­ti e amo­re­vo­li che le in­via­va. Tra gli al­tri “Non ir­ri­tar­mi o met­to in at­to la ca­ta­stro­fe”, “Rea­gi­rò in­gua­ian­do­ti de­fi­ni­ti­va­men­te”, “put­ta­na”, “tro­iet­ta”, “vo­mi­to di ca­ne” “MER­DA INU­TI­LE” e co­sì via, in un cre­scen­do di amo­re­vo­li tri­bu­ti al­la ex. La Ca­sa del­la donna di Pi­sa e va­rie as­so­cia­zio­ni chie­se­ro al­la Cec­car­di di re­vo­ca­re la no­mi­na di Bu­sce­mi che nel frat­tem­po – qui vie­ne il bel­lo – que­st’an­no ha de­nun­cia­to la Ca­sa del­le don­ne di Pi­sa per stal­king.

LA POLEMICA IN CIT­TÀ

Lo stu­dio­so: “A mio giu­di­zio la sua ope­ra è ri­pe­ti­ti­va (…) Non vo­le­vo ve­ni­re”

Ma ha ri­ce­vu­to 6.700 eu­ro

UNA QUE­STIO­NE DI ME­MO­RIA

Due an­ni fa inau­gu­rò la mo­stra a Pie­tra­san­ta, in cui si ri­cor­da­va in mo­do en­tu­sia­sti­co l’ope­ra pi­sa­na

NEL 2018, IN­FI­NE, dal­la Pi­sa leghista e dal nuo­vo sin­da­co Mi­che­le Con­ti, Bu­sce­mi ri­ce­ve ad­di­rit­tu­ra una pro­mo­zio­ne: al­tro che tea­tro di Ca­sci­na, di­ven­ta as­ses­so­re al­la cul­tu­ra. Chis­sà, evi­den­te­men­te, quan­do chia­ma­va “mer­da” la sua ex, culturalmente par­lan­do, in­ten­de­va la mer­da d’ar­ti­sta di Man­zo­ni. Le proteste van­no avan­ti, su chan­ge.org ven­go­no rac­col­te le fir­me di 50.000 per­so­ne che chie­do­no le sue di­mis­sio­ni, ci so­no ma­ni­fe­sta­zio­ni di pro­te­sta du­ran­te il con­si­glio co­mu­na­le, ma nul­la. Il sin­da­co e Bu­sce­mi non mol­la­no. So­no le­ghi­sti e ce­lo­du­ri­sti, mi­ca ce­do­no al­le pres­sio­ni di qual­che fem­mi­nuc­cia ra­di­cal chic. E a pro- po­si­to di ra­di­cal chic. Sic­co­me Bu­sce­mi è uno che è na­to per far­si vo­ler be­ne dai cit­ta­di­ni, qual­che me­se pri­ma del­la sua no­mi­na ad as­ses­so­re al­la Cul­tu­ra, pub­bli­ca un li­bro sul­la cit­tà di Pi­sa ( Ri

vo­glio Pi­sa) in cui at­tac­ca il mu­ra­le rea­liz­za­to dall’ico­na del­la Pop Art Kei­th Ha­ring nel 1989 pro­prio nel­la cit­tà del­la tor­re pen­du­la (Ha­ring ave­va un ca­ro ami­co pi­sa­no). Tra l’al­tro, è l’ult imo mu­ra­le rea­liz­za­to in pub­bli­co da Ha­ring pri­ma del­la sua mor­te, un mu­ra­le bel­lis­si­mo che ri­co­pre l’in­te­ra fac­cia­ta di un con­ven­to.

Nel li­bro, l’as­ses­so­re al­la cul­tu­ra Bu­sce­mi lo de­scri­ve co­sì: “A Pi­sa si dà ri­sal­to in tut­ti i mo­di al mu­ra­le e si stam­pa­no car­to­li­ne e sou­ve­nir di ogni ti­po, per­fi­no taz- zi­ne, piat­ti e bic­chie­ri per pub­bli­ciz­za­re quel mo­de­stis­si­mo e ba­na­lis­si­mo mu­ra­le di ispi­ra­zio­ne me­tro­po­li­ta­na che è Tut­to­mon­do del new­yor­che­se Kei­th Ha­ring, che qual­che men­te per­ver­sa (e pro­fon­da­men­te, grot­te­sca­men­te ra­di­cal chic) au­to­riz­zò una tren­ti­na di an­ni fa a es­se­re rea­liz­za­to su un mu­ro del con­ven­to di Sant’An­to­nio”.

In­som­ma, pec­ca­to non aver­gli af­fi­da­to pu­re le de­le­ghe al tu­ri­smo. Ma­ga­ri, sem­pre per pro­muo­ve­re Pi­sa, Bu­sce­mi avreb­be pubblicato an­che un bel vo­lu­met­to dal ti­to­lo “Al­tro che Piaz­za dei Mi­ra­co­li, quel­la piaz­za è mi­ra­co­la­ta, ces­so com’è”. Na­tu­ral­men­te vie­ne fat­to no­ta­re an­che que­sto e in cit­tà la po­po­la­ri­tà di Bu­sce­mi co­min­cia a es­se­re se­con­da so­lo a quel­la dei li­vor­ne­si. Bu­sce­mi a quel pun­to di­ce che si so­no im­mo­ti­va­ta­men­te sca­glia­ti con­tro di lui man­co que­sto mu­ra­le di Ha­ring fos­se poi un ma­nu­fat­to di ca­pi­ta­le im­por­tan­za e quin­di gli pa­re giu­sto in­ta­vo­la­re un ci­vi­le dibattito per con­fron­ta­re le va­rie opi­nio­ni in me­ri­to. E fi­nal­men­te en­tra in scena Vit­to­rio Sgar­bi.

BU­SCE­MI CON­VO­CA

in cit­tà il cri­ti­co d’ar­te per­ché sta­bi­li­sca chi ha ra­gio­ne (al dibattito par­te­ci­pa an­che il vec­chio ami­co di Ha­ring). L’in­con­tro è a Palazzo Gam­ba­cor­ti. Il pa­re­re di Sgar­bi su Ha­ring vie­ne pa­ga­to dal Co­mu­ne 6.700 eu­ro. E in­do­vi­na­te un po’ co­sa di­ce Sgar­bi? Il rias­sun­to è que­sto: “A mio giu­di­zio la sua ope­ra è in­sop­por­ta­bil­men­te ri­pe­ti­ti­va (…) Nel­la ico­no­sfe­ra del­la mia men­te Kei­th Ha­ring non c’è. Al suo mu­ra­le pre­fe­ri­sco la pa­re­te di Baj a Pon­te­de­ra. Il mio in­te­res­se per Ha­ring è tal­men­te pic­co­lo che non vo­le­vo ve­ni­re, ma quan­do ho visto tut­te quel­le fir­me (con­tro Bu­sce­mi, ndr) ho de­ci­so di es­ser­ci, mi in­cu­rio­si­va!”. In­som­ma, ve­di il ca­so, la pen­sa co­me Bu­sce­mi (ed è già tan­to che al­la fi­ne i due non ab­bia­no pic­co­na­to l’ope­ra a mo’ di Mu­ro di Ber­li­no tra i fla­sh dei fo­to­gra­fi). Quin­di tut­ti mu­ti. E se non vi sta be­ne, Bu­sce­mi vi de­nun­cia pu­re per stal­king. Qual­cu­no pe­rò si in­caz­za. “6.700 eu­ro per un even­to di po­chis­si­me ore, ma so­prat­tut­to una cifra enor­me per­ché so­ste­nu­ta per ri­sol­ve­re i pro­ble­mi per­so­na­li di una per­so­na che co­sta al­la cit­tà di Pi­sa non so­lo in ter­mi­ni eco­no­mi­ci”, af­fer­ma in una no­ta la con­si­glie­ra del Pd Oli­via Pic­chi. “Sgar­bi è sta­to pa­ga­to per ri­pa­ra­re al­la gaffe di Bu­sce­mi”, di­chia­ra la coa­li­zio­ne di si­ni­stra Di­rit­ti in co­mu­ne. Ma so­prat­tut­to, qual­cu­no fa no­ta­re che Sgar­bi schi­fe­rà pu­re Ha­ring, pe­rò due an­ni fa inau­gu­rò la mo­stra de­di­ca­ta a Kei­th Ha­ring a Pie­tra­san­ta, in cui fin dal co­mu­ni­ca­to stam­pa si ri­cor­da­va in mo­do en­tu­sia­sti­co il mu­ra­le Tut­to­mon­do di Pi­sa. In­som­ma, dav­ve­ro un tea­tri­no me­sto, am­bien­ta­to in una cit­tà in cui or­mai pa­re an­da­re tut­to stor­to, ec­cet­to la Tor­re. E se non la pen­sa­te co­me me, che vo­le­te che vi di­ca: pos­so sem­pre da­re 6.700 eu­ro a Sgar­bi per con­vin­cer­vi

Ansa

Pro­ta­go­ni­sti Dall’al­to, il mu­ra­les di Ha­ring Tut­to­mon­do (1989), Vit­to­rio Sgar­bi e l’as­ses­so­re al­la Cul­tu­ra di Pi­sa An­drea Bu­sce­mi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.