IN NE­RO CON PA­PÀ? SCATENATEVI SU REN­ZI

In fa­mi­glia La sto­ria la­vo­ra­ti­va dell’ex pre­mier è si­mi­le a quel­la del ca­po M5S, ma non era in­te­res­san­te

Il Fatto Quotidiano - - CRONACA - » MAR­CO LIL­LO

Il ta­bu­la­to a fian­co è l’estrat­to de­gli at­ti­vi dell’Inps. Il do­cu­men­to cer­ti­fi­ca i “mon­tan­ti con­tri­bu­ti­vi” di Mat­teo Ren­zi an­no per an­no con ac­can­to i gior­ni la­vo­ra­ti, il ti­po di con­trat­to e i con­tri­bu­ti ver­sa­ti dal­le azien­de e da­gli enti che han­no avuto rap­por­ti con l’ex lea­der Pd.

Il ta­bu­la­to ri­sa­le al mar­zo 2015 e a leg­ger­lo si sco­pre che Ren­zi ha un’in­vi­dia­bi­le an­zia­ni­tà con­tri­bu­ti­va. Il Fat­to ha rac­con­ta­to più vol­te co­me è riu­sci­to a crear­la: al­la vi­gi­lia del­la can­di­da­tu­ra da par­te del Pds e del­la Mar­ghe­ri­ta a pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia fu as­sun­to dal­la so­cie­tà del­la mam­ma. La Chil Srl lo ave­va te­nu­to fi­no ad al­lo­ra co­me col­la­bo­ra­to­re coor­di­na­to e con­ti­nua­ti­vo, co­me tan­ti. Non so­lo: Mat­teo era so­cio al 40 per cen­to (la so­rel­la Be­ne­det­ta ave­va il 60) del­la Chil. Pro­prio quan­do sta im­pe­gnan­do­si in una cam­pa­gna elet­to­ra­le a ri­schio qua­si ze­ro, pe­rò la fa­mi­glia ha un guiz­zo: a ot­to­bre 2003 Mat­teo ce­de le quo­te al­la mam­ma e poi la Chil (non più di Mat­teo) as­su­me Mat­teo, uni­co di­ri­gen­te. Per 7 me­si lo sti­pen­dio lo pa­ga la Chil ma quei 30 mi­la eu­ro so­no un gran­de in­ve­sti­men­to per la fa­mi­glia.

Do­po l’e l ezio­ne ad apri­le 2004 in­fat­ti non è più la fa­mi­glia a pa­ga­re i con­tri­bu­ti ma l’en­te Pro­vin­cia. La stes­sa co­sa si ri­pe­te­rà nel 2009. Chil lo pa­ga co­me di­pen­den­te so­lo per tre gior­ni. Poi, do­po l’ele­zio­ne, da fi­ne giu­gno a pa­ga­re i con­tri­bu­ti è sem­pre l’en­te pub­bli­co, cioé sta­vol­ta il Co­mu­ne.

A noi que­ste sem­bra­va­no le no­ti­zie pre­sen­ti in que­sto ta­bu­la­to e le ab­bia­mo pub­bli­ca­te al­lo­ra. Se og­gi lo ri­pub­bli­chia­mo è so­lo per aiu­ta­re i col­le­ghi dei gran­di quo­ti­dia­ni e del­le te­le­vi­sio­ni. In que­sti gior­ni si so­no sca­te­na­ti al­la ri­cer­ca dei con­tri­bu­ti ver­sa­ti a Lui­gi Di Ma­io die­ci an­ni fa quan­do il fi­glio da­va una ma­no nei can­tie­ri dell’ im­pre­sa del­la mam­ma. Di Ma­io ha pubblicato i suoi do­cu­men­ti sul Blog M5S. Mat­teo Ren­zi non lo ha mai fat­to e al­lo­ra ab­bia­mo de­ci­so di far­lo noi, sem­pre per aiu­ta­re i col­le­ghi. A leggere il ta­bu­la­to cer­ta­men­te i gran­di quo- ti­dia­ni si av­ven­te­ran­no su una no­ti­zia che a noi sem­bra ine­si­sten­te ma che a lo­ro ap­pa­re evi­den­te­men­te uno scoop: Mat­teo ha da­to una ma­no nel­la so­cie­tà a bab­bo e mam­ma Lau­ra sen­za che all’INPS ri­sul­tas­se nul­la nel 1998. Lo rac­con­ta al Fat­to un ex co.co.co del­la Chil. Mat­teo Ren­zi - se­con­do la no­stra fon­te - an­da­va con il fur­go­ne a por­ta­re i gior­na­li agli stril­lo­ni che do­ve­va­no ven­de­re le co­pie del­la Nazione agli even­ti. Il 3 gennaio 1998, per esem­pio, Mat­teo è an­da­to ad As­si­si a por­ta­re i gior­na­li nel­la gior­na­ta in cui Pa­pa Gio­van­ni Pao­lo II an­dò a por­ta­re so­li­da­rie­tà ai ter­re­mo­ta­ti. Eb­be­ne, se­con­do i ca­no­ni ri­gi­di in vo­ga og­gi, do­vrem­mo chie­de­re con­to all’am­mi­ni­stra­tri­ce, cioé a mam­ma Lau­ra, per­ché i pri­mi ver­sa­men­ti all’INPS ri­sul­ti­no so­lo nel 1999. Quell’an­no ri­sul­ta in­fat­ti una re­tri­bu­zio­ne a Mat­teo di 6 mi­la e 800 eu­ro. Nel 2000 lo sti­pen­dio da co.co.co. sa­le a 10 mi­la. Il Fat­to da tre an­ni sa di que­sta di­scra­sia ma non ne ha mai scrit­to. Sem­pli­ce­men­te per­ché non ci sem­bra una gran­de no­ti­zia che Mat­teo la­vo­ras­se per Ti­zia­no co­me un fi­glio che aiu­ta il bab­bo sen­za con­trat­to. Ora pe­rò i gran­di quo­ti­dia­ni po­tran­no sca­te­nar­si a fa­re domande si­mi­li a quel­le po­ste a Di Ma­io. Cer­ta­men­te Mat­teo met­te­rà on li­ne i con­tri­bu­ti ver­sa­ti all’Inps nel 1998 co­me ha fat­to Di Ma­io. Noi non lo ab­bia­mo mai chie­sto. Men­tre ci pia­ce­reb­be tan­to che Mat­teo pub­bli­cas­se il bo­ni­fi­co con la cifra esat­ta del Tfr da lui in­cas­sa­to quan­do si è di­mes­so fi­nal­men­te dal­la Chil, nel 2014, do­po es­se­re sta­to no­mi­na­to pre­mier. Il Tfr è per noi il frut­to del gio­chi­no dell’as­sun­zio­ne da par­te del­la Chil nel 2003. E que­sta ci sem­bra una no­ti­zia.

Mat­teo la­vo­ra­va già pri­ma di met­ter­si in re­go­la con l’Inps Lo sa­pe­va­mo, ma non ci è mai par­sa una gran­de no­ti­zia

Il ta­bu­la­to I “mon­tan­ti con­tri­bu­ti­vi” di Mat­teo Ren­zi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.