“Mai i Par­la­men­ti de­vo­no spu­ta­re giu­di­zi sul­la Sto­ria”

Ales­san­dro Barbero Lo­sto­ri­co tor­na sul­la ri­so­lu­zio­ne vo­ta­ta dall’Ue: “Uno esi­ta a di­re: sia­mo go­ver­na­ti da una ma­ni­ca di anal­fa­be­ti. Pe­rò…”

Il Fatto Quotidiano - - DA PRIMA PAGINA - » DA­NIE­LA RA­NIE­RI

Pro­via­mo a ca­pi­re que­sto tem­po con Ales­san­dro Barbero, storico, do­cen­te di Sto­ria Me­die­va­le all’Uni­ver­si­tà del Pie­mon­te Orien­ta­le, au­to­re di bio­gra­fie e au­ten­ti­ci gio­iel­li di pro­sa (tra cui il de­li­zio­so Bel­la vi­ta e guer­re al­trui di Mr. Py­le, gen­ti­luo­mo, Pre­mio Stre­ga 1996).

Pro­fes­so­re, ha un se­gui­to di fan ap­pas­sio­na­ti ai li­mi­ti del­la de­vo­zio­ne. Le sue le­zio­ni fu­ro­reg­gia­no su YouTu­be. Non es­sen­do lei esat­ta­men­te un in­fluen­cer, le chie­do: la Sto­ria, che la scuo­la spes­so fa odia­re, è di­ven­ta­ta una fon­te di con­for­to? Ho dub­bi sul fat­to che la Sto­ria piac­cia per­ché la gen­te ha vo­glia di scap­pa­re dall’at­tua­li­tà. Sem­pli­ce­men­te, il pas­sa­to è un po­sto di­ver­ten­te in cui pas­sa­re un po’ di tem­po. Poi noi ci il­lu­dia­mo che ser­va an­che a im­pa­ra­re qual­co­sa, ad apri­re un po’ le te­ste.

Ai pri­mi del No­ve­cen­to Gae­ta­no Sal­ve­mi­ni scri­ve­va che del­la scuo­la pub­bli­ca non im­por­ta nien­te a nes­su­no. È co­sì an­che og­gi?

È dram­ma­ti­co, ma è co­sì. Sal­ve­mi­ni di­ce che il la­vo­ro dell’insegnante è du­ris­si­mo e pa­ga­to ma­lis­si­mo. Uno ar­ri­va col sa­cro fuo­co, e a for­za di fa­ti­ca­re e da­re le­zio­ni pri­va­te per an­da­re avan­ti, il sa­cro fuo­co spa­ri­sce e ri­ma­ne il me­stie­ran­te.

Lei ha avu­to pa­ro­le du­re per l’al­ter­nan­za scuo­la- la­vo­ro ren­zia­na; non sa che nel mon­do at­tua­le so­no più uti­li le soft skills, co­me pas­sa­re i pro­dot­ti su un co­di­ce a bar­re del l’au­to­grill, che non la mo­le inu­ti­le di no­zio­ni che si ap­pren­do­no a scuo­la? La scuo­la non in­se­gna un sac­co di co­se fon­da­men­ta­li. Non in­se­gna a fa­re l’amo­re, che è im­por­tan­tis­si­mo. Ho sen­ti­to di­re “co­sì im­pa­ra­no co­me fun­zio­na il la­vo­ro”. Il pun­to è che non è la scuo­la che de­ve in­se­gna­re co­me fun­zio­na il la­vo­ro.

Ha con­si­glia­to di to­glie­re il sa­lu­to a chi par­la di me­ri­to­cra­zia: per­ché?

La me­ri­to­cra­zia è un enor­me equi­vo­co che si ba­sa sul fat­to che si pos­sa sta­bi­li­re co­sa sia il me­ri­to e che sia giu­sto pre­miar­lo, sen­za pre­oc­cu­par­si dei co­sti. I mec­ca­ni­smi di me­ri­to­cra­zia pos­so­no es­se­re fa­cil­men­te di­stor­ti: ten­do­no a pre­mia­re i fur­bi e quel­li che si adat­ta­no al­le re­go­le del si­ste­ma e pe­na­liz­za­no chi po­treb­be dav­ve­ro in­no­va­re.

Co­sa pen­sa del­la re­cen­te ri­so­lu­zio­ne del Par­la­men­to eu­ro­peo che equi­pa­ra na­zi­smo e co­mu­ni­smo? Stia­mo fa­cen­do il ca­ta­lo­go de­gli orrori! Uno esi­ta a di­re: sia­mo go­ver­na­ti da una ma­ni­ca di anal­fa­be­ti. Pe­rò… In­tan­to, i Par­la­men­ti di ogni ti­po non do­vreb­be­ro mai espri­mer­si sul­la sto­ria, sul­la memoria, an­che con le mi­glio­ri in­ten­zio­ni. In que­sto ca­so le in­ten­zio­ni non era­no nem­me­no le mi­glio­ri. Il Par­la­men­to è sta­to in­trap­po­la­to in una ri­so­lu­zio­ne che ve­ni­va da Pae­si la cui sto­ria è to­tal­men­te di­ver­sa dal­la no­stra, che si osti­na­no a pen­sa­re che i na­zi­sti era­no me­glio dei co­mu­ni­sti, co­me la Po­lo­nia, do­ve si cer­ca di non far ricordare l’ en­tu­sia­smo con cui mol­ti po­lac­chi han­no par­te­ci­pa­to al­lo ster­mi­nio de­gli ebrei. Nel­la lo­ro con­ce­zio­ne di­stor­ta può na­sce­re l’idea che la fal­ce e mar­tel­lo fac­cia or­ro­re quan­to la sva­sti­ca. In Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le non sta né in cie­lo né in ter­ra. I par­la­men­ta­ri tra virgolette di si­ni­stra han­no vo­ta­to qual­co­sa che non ca­pi­va­no nean­che co­sa fos­se.

Quin­di “via Sta­lin­gra­do” non è pa­ri a “via Her­mann Gö­ring”?

No. Il na­zi­smo è un’ideo­lo­gia in­ven­ta­ta in Ger­ma­nia da Hi­tler e i suoi so­ci, è du­ra­ta 20 an­ni; es­se­re na­zi­sta vuol di­re es­se­re d’ac­cor­do con quel­la co­sa. Il co­mu­ni­smo è esi­sti­to per 150 an­ni, in tut­to il mon­do, ha avu­to mi­lio­ni di fe­de­li e mi­li­tan­ti. In al­cu­ni ca­si que­sti so­no an­da­ti al po­te­re e han­no com­mes­so de­lit­ti. Ma il co­mu­ni­smo non ha mai vo­lu­to di­re pren­de­re il po­te­re per man­da­re la gen­te nei la­ger. Era­no quel­li che lot­ta­va­no per i di­rit­ti del­la po­ve­ra gen­te, e fi­ni­va­no lo­ro nei la­ger. Co­mu­ni­sta è un in­sul­to.

In qual­che cas­set­to ho una tes­se­ra del Pci fir­ma­ta da En­ri­co Ber­lin­guer, con la fal­ce e il mar­tel­lo; vo­glio ve­de­re chi ven­ga a dir­mi che me ne de­vo ver­go­gna­re.

Ha fon­da­tez­za la teo­ria del­la so­sti­tu­zio­ne et­ni­ca? Gli ita­lia­ni so­no frut­to di di­ver­si­tà e an­che di scom­par­se: i lon­go­bar­di non ci so­no più. Be­nin­te­so, non bi­so­gna sot­to­va­lu­ta­re il sen­so di si­cu­rez­za che dà sa­pe­re che nel­lo stes­so pia­ne­rot­to­lo c’è un vi­ci­no che va al­la stes­sa mes­sa, né di­re a chi è scioc­ca­to “sei un c re ti no ”. Bi­so­gna ca­pi­re le sue ra­gio­ni e spie­ga­re. Sen­nò chi è pre­oc­cu­pa­to ca­de pre­da dei ciar­la­ta­ni del com­plot­to. Sal­vi­ni in­ter­cet­ta una pau­ra o è un ciar­la­ta­no?

Chi ha mes­so in gi­ro il com­plot­to del­la so­sti­tu­zio­ne et­ni­ca è un cre­ti­no, i po­li­ti­ci ca­val­ca­no quel che gli in­te­res­sa ca­val­ca­re.

Ri­tie­ne ci sia una rie­mer­sio­ne dell’an­ti­se­mi­ti­smo?

No, se non nel­la mi­su­ra in cui in que­sta so­cie­tà estre­ma­men­te fram­men­ta­ta ci so­no sin­go­li o grup­pi che nu­tro­no un odio in­giu­sti­fi­ca­to per qual­cu­no, e van­no a spa­ra­re. Ma non è un an­ti­se­mi­ti­smo pa­ra­go­na­bi­le a quel che è sta­to in pas­sa­to. La po­li­zia e le clas­si di­ri­gen­ti era­no an­ti­se­mi­te. Og­gi l’an­ti­se­mi­ti­smo è con­dan­na­to da tut­ti, non ha ap­pog­gio nel po­te­re. Al­cu­ni vo­lu­ta­men­te con­fon­do­no an­ti­se­mi­ti­smo e op­po­si­zio­ne al­la po­li­ti­ca israe­lia­na. L’an­ti­se­mi­ti­smo è una co­sa gra­ve, pen­so a quan­do la se­na­tri­ce Se­gre ri­ce­ve in­sul­ti on­li­ne, ma quel­li so­no dei cre­ti­ni iso­la­ti. C’è chi ha in­te­res­se a im­pe­di­re che si cri­ti­chi lo Sta­to di Israe­le. Que­sto è un an­ti­se­mi­ti­smo in­ven­ta­to.

Qua­le sa­rà lo sboc­co del ca­pi­ta­li­smo pre­da­to­rio? Per­ché non può es­ser­ci una ri­vo­lu­zio­ne dei la­vo­ra­to­ri sfrut­ta­ti e po­ve­ri?

Chi l’ha det­to che non può es­ser­ci? So­no co­se len­te. Pos­so­no pas­sa­re se­co­li in cui un si­ste­ma ini­quo rie­sce a far­si ac­cet­ta­re, ma­ga­ri an­che a crea­re con­sen­so, e poi esplo­de. Non c’è mo­ti­vo di pen­sa­re che que­sto ca­pi­ta­li­smo di­sgra­zia­to stia per fi­ni­re, ma non c’è nem­me­no cer­tez­za che un gior­no la Ri­vo­lu­zio­ne non ar­ri­vi.

Lei ha scrit­to Car­lo Ma­gno, un pa­dre dell’Eu­ro­pa. L’Eu­ro­pa coin­ci­de con l’Unio­ne Eu­ro­pea?

Quan­do ci han­no ven­du­to l’Unio­ne eu­ro­pea co­me gran­de spe­ran­za, Eu­ro­pa vo­le­va di­re Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le, Pae­si mol­to si­mi­li che so­no pre­ci­pi­ta­ti nei due di­sa­stri del­le guer­re e vo­le­va­no in­ven­tar­si un mo­do di­ver­so di sta­re in­sie­me. L’ideo­lo­gia og­gi do­mi­nan­te che ve­de so­lo il van­tag­gio eco­no­mi­co ha por­ta­to den­tro Pae­si di per sé glo­rio­si - Ro­ma­nia, Bul­ga­ria, Po­lo­nia, Let­to­nia - che pe­rò non con­di­vi­do­no sto­ria e cul­tu­ra dell’Eu­ro­pa oc­ci­den­ta­le.

Ma an­che nel no­stro gi­ro sia­mo di­ver­si. Car­lo I d’In­ghil­ter­ra de­ca­pi­ta­to, Lui­gi XVI ghi­gliot­ti­na­to. L’Ita­lia, di­ce­va Um­ber­to Sa­ba, è fra­tri­ci­da, non par­ri­ci­da.

Noi ita­lia­ni sia­mo po­co ri­vo­lu­zio­na­ri, per l’im­pat­to del­la Chie­sa e per l’In­qui­si­zio­ne. Ma l’Il­lu­mi­ni­smo, la se­pa­ra­zio­ne tra Chie­sa e Sta­to, l’aver crea­to im­pe­ri co­lo­nia­li, l’aver ra­gio­na­to sul­la tol­le­ran­za e la li­ber­tà, l’aver avu­to espe­rien­ze di go­ver­no par­la­men­ta­re: que­sto fa una ci­vil­tà co­mu­ne. Sta scri­ven­do un li­bro su Dan­te.

È la vi­ta di un uo­mo del Me­dioe­vo: mi in­te­res­sa que­st’uo­mo ri­co­no­sciu­to co­me un ge­nio in vi­ta, im­mer­so nel suo tem­po, che par­la­va mol­to di sé e racconta quan­do a 18 an­ni in­con­tra la ra­gaz­za di cui è in­na­mo­ra­to, tor­na a ca­sa, si chiu­de in ca­me­ra e la so­gna nu­da.

Co­sa sta leg­gen­do? Saint-Si­mon, le straor­di­na­rie me­mo­rie del­la cor­te di Lui­gi XVI in ot­to vo­lu­mi. So­no ar­ri­va­to al quin­to, mi sto di­ver­ten­do mol­tis­si­mo.

Il na­zi­smo è du­ra­to 20 an­ni in Ger­ma­nia, il co­mu­ni­smo 150 in tut­to il mon­do e non ha mai vo­lu­to di­re pren­de­re il po­te­re per man­da­re la gen­te nei la­ger

In qual­che cas­set­to ho una tes­se­ra del Pci fir­ma­ta da Ber­lin­guer, con fal­ce e mar­tel­lo; vo­glio ve­de­re chi ven­ga a dir­mi che me ne de­vo ver­go­gna­re

Hi­tler co­me Sta­lin Il 19 set­tem­bre il Par­la­men­to eu­ro­peo vo­tò l’equi­pa­ra­zio­ne tra na­zi­smo e co­mu­ni­smo: 535 fa­vo­re­vo­li, 66 con­tra­ri, 52 aste­nu­ti. Ansa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.