Il Fatto Quotidiano

Addio Valerio, il vero Casalese che seguì sempre Don Peppe Diana

- » ENRICO FIERRO

La vita di Valerio Taglione cambiò all’improvviso una mattina alle 7,30. E da allora fu una vita straordina­ria. Quel giorno, il 19 marzo 1994, un tizio entra nella chiesa di San Nicola a Casal di Principe, chiede del prete. “Chi è don Peppe?”, i pochi parrocchia­ni presenti indicano la sagrestia. Il prete è lì. Il tizio entra e spara. Cinque colpi. Mortali. Uccide Don Peppe Diana, il prete ostinato, un angelo per la sua gente, il diavolo in persona per i boss che in quegli anni dominavano incontrast­ati a Casale e nell’Agro aversano. “In nome del mio popolo non tacerò”, diceva don Peppe. Ed accendeva cervello e anima dei giovani. Di Valerio, cattolico e scout, che credeva nel riscatto della sua terra e che in don Peppe vedeva uno straordina­rio punto di riferiment­o. Quante riunioni, quanto incontri, anche con gente che aveva pensieri e idee diversi. Con Renato, medico per passione e profession­e, comunista e cattolico, con i vecchi braccianti che di lotte per la dignità ne avevano fatte, con altri preti giovani e scout. Di don Peppe i boss spensero la voce, ma lui continuò a parlare. Perché dal giorno del suo omicidio in tantissimi, e Valerio Taglione non si fermò mai, decisero di non “tacere”, di parlare in nome del popolo di don Peppe Diana. Furono venticinqu­e anni di lotte, paure, sacrifici, vite dedicate. Per arrivare a costruire la Casal di Principe di oggi. Con le ville e i terreni dei boss confiscati e diventati occasione di socialità e lavoro, i grandi capi in galera e per sempre. La riconquist­a della libertà. Valerio Taglione è morto venerdì scorso, sconfitto da un tumore. È stato un “partigiano del bene”. Uno dei tanti eroi civili partoriti dalle terre del Sud. “Non siamo Gomorra, siamo la terra di don Peppe”, diceva. E non si accontenta­va mai: “Dobbiamo fare ancora di più, dobbiamo battere strade, inseguire nuovi sogni, dobbiamo risalire sui tetti e annunciare parole di vita”. Valerio era un Casalese vero e onorato.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy