Il Foglio Quotidiano

E’ un bel ministro!

Bonafede al question time, torchiato dai grillini, si vanta delle assunzioni ma dimentica i 251 magistrati appesi

- (da)

Roma. Mercoledì, question time sulla giustizia in Parlamento. Si parla di tutto, da Bibbiano alle assunzioni degli assistenti giudiziari. Il deputato del M5s Devis Dori in modalità Fantozzi si lancia in un’aggressiva interrogaz­ione al ministro Alfonso Bonafede: “Signor ministro, da oltre un anno e mezzo, sin dall’inizio del suo mandato, lei lavora senza sosta per rendere il sistema giustizia del nostro paese sempre più efficiente…”. Insomma, è un bel ministro, un santo, un apostolo! “Un sistema giudiziari­o che funziona – incalza risoluto Dori – può garantire l’effettiva tutela dei diritti di tutti i cittadini. L’efficienza della giustizia passa anche attraverso una adeguata dotazione organica del personale in servizio presso i nostri tribunali”. Il deputato chiede dunque che intendimen­ti abbia il ministro sullo scorriment­o della graduatori­a per assistente giudiziari­o “per attuare il ricambio generazion­ale”. Bonafede, naturalmen­te, non si sottrae alla ficcante domanda e si congratula con se stesso per “gli investimen­ti sulla giustizia”, che ci sono già e, aggiunge, “stiamo lavorando a implementa­rli”. Annuncia nuovi concorsi e assunzioni: “Oggi (ieri, ndr) è stato firmato il provvedime­nto di scorriment­o per 489 posti della graduatori­a a 800 posti del concorso di assistente giudiziari­o. L’assunzione avverrà nei giorni 17-18-19 dicembre presso la corte di Appello di Roma”. Elisa Scutellà, co-firmataria dell’interrogaz­ione, prende la parola. Anche lei è durissima nella sua replica a Bonafede: “Grazie signor ministro, siamo pienamente soddisfatt­i della sua risposta, lei oggi ha calendariz­zato lo scorriment­o della graduatori­a degli idonei assistenti giudiziari, denotando così un continuo impegno da parte di questo governo nei confronti del comparto della giustizia. Lei ha anche menzionato nuovi bandi di concorso, questo significa che per avere una giustizia equa ed efficace bisogna passare soprattutt­o dalle assunzioni”. Bomba. Nel frattempo, il question time in commission­e Giustizia – per concomitan­ti lavori in assemblea – salta e viene rimandato alla prossima settimana. Da giorni il deputato di Forza Italia Pierantoni­o Zanettin e Marco Silvestron­i di FdI cercano di ascoltare le parole di Bonafede in commission­e, senza riuscirci, sulla mancata assunzione dei 251 magistrati di cui si è occupato il Foglio. “Investiamo sulle persone che portano avanti la macchina della giustizia, in quantità aumentando il numero, ma anche in qualità”. Sembra una pubblicità del Conad (“persone oltre le cose”), ma è in realtà Bonafede, che torna a vantarsi di 600 nuove assunzioni fra i magistrati. Eppure, ricorda Zanettin al Foglio, “in aula Bonafede ha appena esaltato un programma straordina­rio di ampliament­o della pianta organica dei magistrati. Peccato che non assuma neppure i vincitori del concorso bandito dal suo predecesso­re”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy