LA BESTIA DE­GLI SCRIT­TO­RI

Non so­lo quel­la di Sal­vi­ni. An­che nel­la bol­la edi­to­ria­le on­li­ne si usa il me­to­do po­pu­li­sta. Ca­ta­lo­go di in­sul­ti

Il Foglio Quotidiano - - NEWS - di Si­mo­net­ta Scian­di­va­sci

La Bestia di Sal­vi­ni di­la­ga e ar­ri­va drit­ta al cuo­re, co­me un cioc­co­la­ti­no. E’ un con­ta­gio, un’epi­de­mia, e al­lo­ra ospe­da­liz­zia­mo­la, co­me or­ren­da­men­te usa di­re, e chia­mia­mo­la BdS. La BdS am­ma­la ma non uc­ci­de, co­lo­niz­za ma non ab­bat­te, tra­smet­te ma non tra­sfor­ma. E’ un pro­se­li­ti­smo che non bus­sa ed en­tra si­cu­ro, an­che do­ve le por­te so­no chiu­se, sbar­ra­te. Per­ché va­le per Sal­vi­ni e la sua bestia ciò che va­le­va per Ber­lu­sco­ni, e cioè quel pa­ra­dos­so, quel­la spac­ca­tu­ra che Gior­gio Ga­ber espres­se co­sì be­ne di­cen­do che non te­me­va Ber­lu­sco­ni in sé, ma “il Ber­lu­sco­ni in me”. La BdS è in noi? Lo è, e se sia­mo na­ti pri­ma noi o pri­ma lei è fa­ci­le da di­re: pri­ma noi, per­ché è os­ser­van­do noi, e poi mas­si­miz­zan­do e de­for­man­do quel­lo che sia­mo, che è sta­ta mes­sa a pun­to. La BdS non è un pun­to di non ri­tor­no, ma un pun­to di non crea­zio­ne, cioè di ge­ne­ra­zio­ne. Que­sto con­ta nel­la mi­su­ra in cui ci per­met­te di ve­de­re e poi am­met­te­re che i mo­vi­men­ti tra la Bestia e noi so­no la con­ti­nui­tà, la con­ti­gui­tà, la scon­fit­ta, l’as­sor­bi­men­to. Con­ta per ca­pi­re per l’en­ne­si­ma vol­ta, quin­di con­fer­ma­re, che le ori­gi­ni del ma­le so­no sem­pre mol­to, mol­to plu­ra­li e mol­to, mol­to con­di­vi­se. Con­ta per­ché di­mo­stra che, in de­fi­ni­ti­va, l’al­lar­me mo­stro non fun­zio­na che in un sen­so: ren­de il cac­cia­to­re iden­ti­co al­la cac­cia­gio­ne, e se non iden­ti­co, senz’al­tro spe­cu­la­re, che è an­che peg­gio.

Una del­le più cla­mo­ro­se bel­le co­pie del­la Bestia di Sal­vi­ni so­no gli ac­count de­gli scrit­to­ri ita­lia­ni sui so­cial, spe­cie quel­li che dal­la B se ne dis­so­cia­no, in­di­gna­ti. Lo san­no? Non lo san­no. Pe­rò noi sì, noi che ogni tan­to do­vrem­mo pro­va­re a fin­ger­ci quel no­to alie­no che a un cer­to pun­to ar­ri­va sul­la ter­ra e si met­te a fic­ca­na­sa­re tra le no­stre co­se ve­den­do­ne sol­tan­to la su­per­fi­cie, che non è per for­za una ma­nie­ra sba­glia­ta o di­so­ne­sta di fa­re un’ana­li­si, un’in­cur­sio­ne, un viag­get­to ver­so il cen­tro, il pun­to, il no­do.

Gli scrit­to­ri ita­lia­ni su Twit­ter o Fa­ce­book o In­sta­gram (e spe­ria­mo sco­pra­no Ti­kTok con i me­de­si­mi rit­mi con cui han­no sco­per­to gli al­tri so­cial, cioè all’in­cir­ca quan­do so­no di­ven­ta­ti no­so­co­mi e/o re­par­ti ge­ria­tri­ci), so­no in lar­go nu­me­ro am­ma­la­ti di BdS, co­me del re­sto sia­mo tut­ti, nes­su­no si sen­ta ri­spar­mia­to, al­tri­men­ti il pae­se sa­reb­be an­da­to da un’al­tra par­te, e non si sta­reb­be can­di­dan­do ad an­da­re do­ve sta an­dan­do. Del­la Bestia i pro­fi­li di cer­tu­ni in­tel­let­tua­li pos­sie­do­no e per­pe­tra­no la me­de­si­ma ten­den­za al­la sem­pli­fi­ca­zio­ne; al­la ma­ni­po­la­zio­ne; al­la mi­to­ma­nia; al ma­ni­chei­smo; all’in­dif­fe­ren­zia­zio­ne; al­la tra­sfi­gu­ra­zio­ne del­la real­tà; all’ir­ri­sio­ne fi­na­liz­za­ta all’ostra­ci­smo; all’au­toe­sal­ta­zio­ne; al­la per­so­na­liz­za­zio­ne di qual­sia­si co­sa me­no che del­la re­spon­sa­bi­li­tà. Poi ci so­no i pes­si­mi per con­to lo­ro, quel­li che non han­no nien­te del­la Bestia, ma han­no tro­va­to mo­di per­si­no peg­gio­ri di co­mu­ni­ca­re, esi­ste­re, eser­ci­ta­re (me­glio: ten­ta­re di eser­ci­ta­re) un’in­fluen­za, quel­li inef­fi­ca­ci e ri­di­co­li, quel­li che no­stra zia li guar­da e si chie­de co­me mai nes­sun lo­ro ami­co, o pa­ren­te, o af­fi­lia­to, o con­giun­to di qual­sia­si ti­po li fer­mi, li do­mi, li con­si­gli, cor­reg­ga, di­spen­si; quel­li che no­stro non­no, in­di­vi­duo no­ve­cen­te­sco e quin­di scon­fit­to ma mol­to di­gni­to­so, li leg­ge e si chie­de co­me mai pas­si­no tut­to il gior­no su Fa­ce­book an­zi­ché sul ro­man­zo che de­vo­no scri­ve­re, de­du­cen­do­ne pe­ral­tro che se pre­fe­ri­sco­no il so­cial al li­bro non si ca­pi­sce per­ché i let­to­ri do­vreb­be­ro fa­re di­ver­sa­men­te ed ec­co spie­ga­ta la ra­gio­ne per cui i li­bri vendono po­co, e per gra­zia ri­ce­vu­ta – e hai vo­glia tu a spie­ga­re a tuo non­no che è mol­to più com­ples­so di co­sì, e poi che do­vreb­be ag­gior­nar­si, non è mi­ca ve­ro che i li­bri vendono po­co, que­st’an­no dal­la fie­ra ro­ma­na Più Li­bri Più Li­be­ri so­no ar­ri­va­te ot­ti­me no­ti­zie di in­cre­men­ti, per­si­no un 3,7 per cen­to in più di ven­di­te nei pri­mi me­si del 2019.

Qual­che an­no fa, quan­do gli scrit­to­ri si ar­re­se­ro al fat­to che gli oblò da cui guar­da­re il mon­do era­no di­ven­ta­ti quel­li vir­tua­li e, so­prat­tut­to, ac­cet­ta­ro­no che usar­li at­ti­va­men­te non era un pec­ca­to ma po­te­va per­si­no ri­ve­lar­si co­sa buo­na e giu­sta, si di­bat­té a lun­go e for­se an­che no­io­sa­men­te su co­sa fos­se ap­pro­pria­to che gli in­tel­let­tua­li pe­scas­se­ro da Fa­ce­book o vi di­ces­se­ro so­pra e mol­to pre­sto nac­que­ro tra­me da sta­tus, e poi per­so­nag­gi da sta­tus, rac­col­te di sta­tus, e in­fi­ne l’estre­ma sum­ma di tut­to: l’in­te­ra­zio­ne let­to­re/scrit­to­re a fi­ni pro­dut­ti­vi, ov­ve­ro lo scrit­to­re che scri­ve un li­bro in­sie­me ai pro­pri fol­lo­wer. Il me­se scor­so Fe­de­ri­co Moc­cia

ha pub­bli­ca­to “La ra­gaz­za di Ro­ma nord” (Sem) scrit­to in col­la­bo­ra­zio­ne con al­tri let­to­ri aspi­ran­ti scrit­to­ri che han­no in­via­to, dall’esta­te all’au­tun­no, dei ca­pi­to­li, e so­no sta­ti se­le­zio­na­ti. Un’ope­ra­zio­ne che sem­bra fi­glia dei so­cial e che su que­sto gior­na­le ave­va­mo chia­ma­to “3 me­tri su Rous­seau”, ma che è una pra­ti­ca più vec­chia, mol­to usa­ta nel­le scuo­le dell’in­fan­zia. Moc­cia, pa­ra­dos­sal­men­te, su Fa­ce­book è mol­to po­co pre­sen­te, lo usa per an­nun­cia­re da­te, even­ti, mo­stre, co­se bel­le, rin­gra­zia­re per re­cen­sio­ni, con­si­glia­re qual­che buon li­bro. Nien­te di più. E’ un non più gio­va­ne, do­po­tut­to. In­ve­ce gli scrit­to­ri mil­len­nial, che in Moc­cia ve­do­no una del­le in­car­na­zio­ni del ma­le con­tem­po­ra­neo, una epi­to­me del de­cli­no in­tel­let­tua­le e del­la sua com­mer­cia­liz­za­zio­ne, re­gi­stra­no su Fa­ce­book una pre­sen­za at­ti­va più o me­no co­me quel­la sal­vi­nia­na, del­la qua­le con­di­vi­do­no mo­di, drit­ti e ro­ve­sci.

Que­sta set­ti­ma­na la po­le­mi­ca che ha ar­ro­ven­ta­to la bol­la edi­to­ria­le e for­se an­che qual­che al­tra bol­li­ci­na adia­cen­te è sta­ta quel­la in­ne­sca­ta dal­lo spas­so­so ar­ti­co­lo di Mas­si­mi­lia­no Pa­ren­te sul­le boo­kin­fluen­cer, im­me­dia­ta­men­te ac­cu­sa­to di ses­si­smo e per­tan­to im­pie­ga­to co­me ra­gio­ne suf­fi­cien­te e più che no­bi­le per mas­sa­cra­re Pa­ren­te, il suoi li­bri, la sua fa­mi­glia, e pu­re i suoi ami­ci. Il po­ve­ro Gi­pi, fu­met­ti­sta e scrit­to­re, ha ri­ce­vu­to per ore cip (tweet) che gli chie­de­va­no com’è pos­si­bi­le che uno co­me lui sia ami­co di uno co­me Pa­ren­te, che nel suo ar­ti­co­lo in­cri­mi­na­to lo ci­ta co­me suo com­pa­gno di vi­deo­gio­chi, e in cer­ti ca­si gli chie­de­va­no pu­re di smet­ter­la su­bi­to, tron­ca­re quell’im­ba­raz­zan­te rap­por­to e ri­pu­li­re co­sì la sua pre­sen­ta­bi­li­tà da quel­la mac­chia ese­cra­bi­le che è l’ami­ci­zia con uno scrit­to­re che scri­ve su un gior­na­le di de­stra, e che di­ce co­se sgra­de­vo­li in mo­do sgra­de­vo­le (e cioè fa una co­sa che un tem­po fa­ce­va par­te di ciò che chia­ma­va­mo let­te­ra­tu­ra o, se pre­fe­ri­te, li­be­ra espres­sio­ne).

Gi­pi si è co­sì di­fe­so (ri­por­tia­mo per­ché è una bel­la let­tu­ra, e va­le un Ric­ky Ger­vais ai Gol­den Glo­be, na­tu­ral­men­te con i do­vu­ti di­stin­guo e le do­vu­te con­te­stua­liz­za­zio­ni: “Pre­fe­ri­rò sem­pre le più stor­te, igno­bi­li, ir­re­spon­sa­bi­li, mal­de­stre, in­fe­li­ci crea­tu­re di que­sto mon­do a que­sta ge­ne­ra­zio­ne di pre­ti che mi ri­tro­vo in­tor­no e al­la qua­le fa­te a ga­ra per ap­par­te­ne­re. Non pren­do le di­stan­ze da un ami­co. Piut­to­sto lo me­no in pri­va­to. Ma non sto dal­la vo­stra par­te. Non ci so­no mai sta­to. Non ci sta­rò mai. An­che quan­do le pa­ro­le di Mas­si­mi­lia­no do­ves­se­ro far­mi vo­mi­ta­re, l’ami­ci­zia sa­rà sem­pre più im­por­tan­te dei vo­stri giu­di­zi da co­ma­ri su Fb. In al­tre pa­ro­le: do­ve­te mo­rì”. Mas­si­mi­la­no Pa­ren­te ha scrit­to, in quel pez­zo as­sai di­ver­ten­te e pu­re ve­ro, con i suoi mo­di nient’af­fat­to le­vi­ga­ti (ad aver­ce­ne) e nient’af­fat­to cal­mie­ra­ti e tem­pe­ra­ti dal ter­ro­re di di­spia­ce­re bol­le e cir­co­li e po­si­zio­ni (ad aver­ce­ne, ad aver­ce­ne, ad aver­ce­ne), che le in­fluen­cer dei li­bri pub­bli­ciz­za­no i li­bri fa­cen­do­ne pra­ti­ca­men­te gat­ti­ni, crea­tu­ri­ne am­mae­stra­te che so­no av­vi­ci­na­bi­li e af­fron­ta­bi­li nel­la mi­su­ra in cui dan­no un to­no all’am­bien­te. Wi­red, do­po aver­lo in­sul­ta­to con to­ni fel­pa­ti – “au­to­re di li­bro del ca­li­bro di” – ha scrit­to che Pa­ren­te ha at­tac­ca­to le boo­kin­fluen­cer per­ché don­ne, ma se per ca­so pro­vas­si­mo a le­var­ci il ses­si­sto­me­tro da­gli oc­chi riu­sci­rem­mo for­se a ca­pi­re che Pa­ren­te non ha at­tac­ca­to le in­fluen­cer ma il pub­bli­co, lo stes­so dal qua­le di­pen­de il suo te­no­re di vi­ta, che è mes­so co­sì ma­le da es­se­re in­vo­glia­to ad an­da­re in li­bre­ria da per­fet­ti set fo­to­gra­fi­ci che non di­co­no nien­te di let­te­ra­tu­ra e tut­to di im­ma­gi­ne, nien­te di scrit­tu­ra e tut­to di mar­ke­ting. Si può ra­gio­na­re su que­sto, vi­sto che pe­ral­tro esi­sto­no inchieste (una sull’Atlan­tic) su co­me le ca­se edi­tri­ci stu­di­no le co­per­ti­ne af­fin­ché sia­no, per usa­re una pa­ro­la or­ren­da, in­sta­gram­ma­bi­li, e cioè bel­le da po­sta­re sui so­cial net­work? Scri­ve Wi­red che Pa­ren­te ne­ga il ta­len­to del­le boo­kin­fluen­cer e, so­prat­tut­to, ne­ga che svol­ga­no una fun­zio­ne che i gior­na­li non rie­sco­no più a svol­ge­re: fan­no ven­de­re i li­bri di cui par­la­no. E quin­di a que­sto so­no ri­dot­te le ani­me bel­le: in­toc­ca­bi­le è chi fa ven­de­re, non im­por­ta co­me, non im­por­ta per­ché. L’eti­ca del sa­lu­mie­re, pra­ti­ca­men­te.

E ora ar­ri­va la BdS. Mi­che­la Mur­gia, scrit­tri­ce, con­di­vi­den­do su Twit­ter que­sto ar­ti­co­lo di Wi­red mol­to at­ten­to a ri­spet­ta­re tut­ti i cri­smi del­la pre­sen­ta­bi­li­tà, ha scrit­to: “La pre­ve­di­bi­li­tà del pen­sie­ro e del lin­guag­gio. La mar­gi­na­li­tà che di­ven­ta rab­bia. La mi­so­gi­nia da in­cel. In un mon­do cul­tu­ra­le nor­ma­le di quel­lo che pen­sa Pa­ren­te nem­me­no ci si ac­cor­ge­reb­be”. Gli ingredient­i ca­ri al­la Bestia ci so­no tut­ti: la mo­stri­fi­ca­zio­ne (in­cel!) di quel­lo che non la pen­sa co­me te, lo svi­li­men­to del suo pen­sie­ro, l’ac­cu­sa di op­po­si­zio­ne per in­vi­dia, la sot­to­li­nea­tu­ra dell’ir­ri­le­van­za nu­me­ri­ca (noi sia­mo quel­li che vendono e vin­co­no pre­mi, Pa­ren­te no; ugua­le a Sal­vi­ni che ri­tie­ne che es­se­re in te­sta ai son­dag­gi dia il di­rit­to a di­spor­re di pie­ni po­te­ri). Sal­vi­ni zit­ti­sce o igno­ra o sbef­feg­gia chi lo con­tra­sta dan­do­gli del gu­fo, del si­ni­stro, dell’in­fe­li­ce e tan­ti sa­lu­ti al­la so­stan­za de­gli ar­go­men­ti; Mur­gia li­qui­da un suo col­le­ga dan­do­gli del ran­co­ro­so odia­to­re di don­ne (spe­ci­fi­ca per chi non è av­vez­zo al­le stor­tu­re pa­triar­ca­li: gli in­cel so­no i ma­schi, so­prat­tut­to gio­va­ni, che si de­di­ca­no all’in­sul­to del­le don­ne che non rie­sco­no ad ave­re e spes­so van­no ben ol­tre l’in­sul­to, e le mi­nac­cia­no, per­se­gui­ta­no, se­vi­zia­no, ag­gre­di­sco­no). E tan­ti sa­lu­ti ai ri­chia­mi per lin­guag­gi più mi­ti, po­le­mi­che non per­so­na­li­sti­che, po­si­zio­ni più sfu­ma­te, ac­co­glien­ze al di­ver­so. All’estre­mi­smo cui la bestia di Sal­vi­ni in­du­ce, l’in­tel­let­tua­le ita­lia­no ri­spon­de con osti­na­zio­ne ugua­le e con­tra­ria.

Ma andiamo sui pal­chi dell’Off-Off Broad­way, tra le gio­va­ni e pro­met­ten­ti le­ve dei li­bri che ver­ran­no. Un’usci­ta che ha ar­ro­ven­ta­to la me­de­si­ma bol­la, qual­che set­ti­ma­na fa, è sta­ta una stram­ba ri­chie­sta di Jo­na­than Baz­zi, au­to­re del li­bro dell’an­no di Fah­ren­heit di Ra­dio3, “Feb­bre” (Fan­dan­go), nel qua­le rac­con­ta co­me la sco­per­ta di es­se­re sie­ro­po­si­ti­vo ha cam­bia­to la sua vi­ta e co­me con­vi­ve con la ma­lat­tia. Ben scrit­to, bel­la idea, bel te­ma e di più: im­por­tan­te. Che bel­lo sa­reb­be se agli scrit­to­ri ba­stas­se scri­ve­re bei li­bri, im­por­tan­ti, an­zi­ché pu­re bei pen­sie­ri­ni quo­ti­dia­ni, e po­si­zio­ni, e di­sa­mi­ne. Baz­zi, in que­sto sen­so, è l’esem­pio per­fet­to: non man­ca una po­le­mi­ca, e si sie­de sem­pre dal­la par­te dei giu­sti. No­no­stan­te que­sto, il suo la­vo­ro non gli ren­de la re­tri­bu­zio­ne suf­fi­cien­te a vi­ve­re be­ne e di­spor­re di mez­zi uti­li al­la scrit­tu­ra e quin­di a un cer­to pun­to ha pen­sa­to di ri­vol­ger­si al suo am­pio e af­fe­zio­na­to pub­bli­co so­cial per far­si com­pra­re il pc nuo­vo. Lo ha scrit­to pa­pa­le pa­pa­le: l’an­ti­ci­po del­la mia ca­sa edi­tri­ce per il mio nuo­vo ro­man­zo non è suf­fi­cien­te a pa­ga­re nien­te, né l’af­fit­to né il com­pu­ter che mi si è rot­to, so­no po­ve­ro, so­no de­bo­le, ho il co­rag­gio di dir­lo, se vo­le­te aiu­tar­mi man­da­te­mi quan­to vi pa­re, ho aper­to un cro­w­d­fun­ding. E nes­su­no che gli ab­bia ri­spo­sto una di quel­le co­se che gli avreb­be

Una del­le più cla­mo­ro­se bel­le co­pie del­la Bestia di Sal­vi­ni so­no gli ac­count de­gli scrit­to­ri ita­lia­ni, spe­cie quel­li che dal­la B se ne dis­so­cia­no

L’estre­ma sum­ma di tut­to è l’in­te­ra­zio­ne let­to­re/scrit­to­re a fi­ni pro­dut­ti­vi, ov­ve­ro lo scrit­to­re che scri­ve un li­bro con i pro­pri fol­lo­wer

Un ar­ti­co­lo sul­le boo­kin­fluen­cer ac­cu­sa­to di ses­si­smo e per­tan­to im­pie­ga­to co­me ra­gio­ne suf­fi­cien­te per mas­sa­cra­re l’au­to­re

Che bel­lo sa­reb­be se agli scrit­to­ri ba­stas­se scri­ve­re bei li­bri, an­zi­ché bei pen­sie­ri­ni quo­ti­dia­ni, e po­si­zio­ni, e di­sa­mi­ne

ri­spo­sto sem­pre quel vec­chio bron­to­lo­ne di no­stro non­no. Ov­ve­ro, 1) co­me am­pia­men­te di­mo­stra­to dal­la sto­ria, per scri­ve­re un li­bro non c’è bi­so­gno di un Ma­cBook Pro, sai, in con­di­zio­ni estre­me si può per­si­no ri­cor­re­re a pen­na e ca­la­ma­io, so­no stru­men­ti in­no­cui, il mas­si­mo che pos­so­no ar­re­ca­re è una ten­di­ni­te, ma si può sem­pre ov­via­re co­me ov­viò Loui­sa May Al­cott, che pur di non in­ter­rom­per­si mai, aven­do mol­to da scri­ve­re, im­pa­rò a far­lo sia con la ma­no de­stra che con quel­la si­ni­stra. 2) Per­ché non vai a la­vo­ra­re co­me fe­ce Jack Lon­don, che fu scrit­to­re ma as­sai pri­ma di gua­da­gna­re dal­la scrit­tu­ra fe­ce qual­sia­si co­sa, com­pre­so il cer­ca­to­re di ostri­che?

Co­me sei in­de­li­ca­to, non­no. Il pub­bli­co di Baz­zi, co­mun­que, è un pub­bli­co ge­ne­ro­so e bel­lo e ca­ri­no e quin­di il cro­w­d­fun­ding è an­da­to a buon fi­ne e lo scrit­to­re nei gior­ni scor­si ci ha de­li­zia­ti con do­vi­zio­sa nar­ra­zio­ne del suo viag­gio a Ber­li­no, do­ve ha man­gia­to ot­ti­me ciam­bel­le ve­ga­ne e na­tu­ral­men­te par­te­ci­pa­to, via Fa­ce­book, al mar­ti­rio dei giu­sti ai dan­ni de­gli in­giu­sti, con­di­vi­den­do sta­tus con­to Pa­ren­te e ri­cor­dan­do­ci che Han­nah Arendt ave­va pro­prio ra­gio­ne quan­do di­ce­va di non vo­ler più ave­re a che fa­re con gli in­tel­let­tua­li.

Ac­ci­den­ti se ave­va ra­gio­ne, e for­tu­na­ta lei non ci ave­va vi­sti di­ven­ta­re so­lo­ni, pre­ti e ri­dut­to­ri ad Hi­tle­rum sui so­cial net­work. Bea­ta lei. Chi lo sa co­sa avreb­be pen­sa­to, Arendt, de­gli epi­taf­fi d’au­to­re dei gat­ti­ni – “Ad­dio, bri­vi­do co­smi­co!” – o del­le fo­to di scrit­to­re con fi­dan­za­ta, con fan, con Ami­co del­la Do­me­ni­ca, con piat­to di pa­sta cu­ci­na­to dal­la mam­ma, con pa­lo del­la lu­ce con­tro cui ci si è schian­ta­ti in ado­le­scen­za e quin­di da al­lo­ra si è in pos­ses­so dei ti­to­li per di­re ai gior­na­li co­me do­vreb­be­ro rac­con­ta­re la cro­na­ca ne­ra; chis­sà se Arendt sa­reb­be sta­ta ca­pa­ce di spie­gar­ci in qua­le ma­nie­ra dif­fe­ri­sce, tut­to que­sto, dal­le fo­to di Mat­teo Sal­vi­ni che fab­bri­ca tor­tel­li­ni non men­tre fa cam­pa­gna elet­to­ra­le ma per fa­re cam­pa­gna elet­to­ra­le in Emi­lia Ro­ma­gna. Bea­ti noi che non pos­sia­mo sa­pe­re co­sa ne avreb­be pen­sa­to Han­nah Arendt, per­ché for­se ne sa­rem­mo usci­ti tut­ti con le os­sa rot­te. Sbri­cio­la­te.

Que­sta set­ti­ma­na la po­le­mi­ca che ha ar­ro­ven­ta­to la bol­la edi­to­ria­le è sta­ta quel­la in­ne­sca­ta dal­lo spas­so­so ar­ti­co­lo di Mas­si­mi­lia­no Pa­ren­te sul­le boo­kin­fluen­cer (fo­to di mas­si­mi­lia­no­pa­ren­te.com)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.