TRO­VE­RE­MO UN MON­DO PIU’ PIC­CO­LO. ISTRU­ZIO­NI PER L’USO

Pas­sa­ta la bu­ria­na del­la pan­de­mia da co­ro­na­vi­rus, tor­ne­re­mo a viag­gia­re, in low co­st, tre­no e na­ve, per dar­ci l’il­lu­sio­ne di una fu­ga. La so­lu­zio­ne è tra­sci­nar­ci nel­le sto­rie de­gli al­tri, da de Mai­stre a Jack Lon­don

Il Foglio Quotidiano - - ALLELUIA, L’ITALIA S’E’ DESTA - di Francesco Pal­mie­ri

Al pros­si­mo gi­ro l’iso­la Fer­di­nan­dea sa­rà ri­di­sce­sa sott’ac­qua e un se­sto con­ti­nen­te tor­ne­rà inaf­fer­ra­bi­le

Do­po aver gi­ra­to con la sua ar­te per il mon­do, Sil­van lo ri­per­cor­re nel tem­po, cer­can­do ades­so la pietra fi­lo­so­fa­le nel­la vi­ta di Ca­glio­stro

Quan­ti il­lu­stri che ar­ri­va­ro­no pri­ma di no­ia San Pie­tro­bur­go, co­me il ta­ran­ti­no Gio­van­ni P ai si el­lo, ge­nio del­la musica na­po­le­ta­na

Per un gi­ro in­tor­no al mon­do va­le la pe­na ri­leg­ge­re Xa­vier De Mai­stre, che a San Pie­tro­bur­go tal­men­te si le­gò da tor­na­re a mo­rir­ci

La Ter­ra non è piat­ta, ma i con­ti­nen­ti al­me­no per que­st’an­no so­no sei. Trop­po si na­scon­de­va il se­sto per es­se­re no­ta­to. Fra il pri­ma e un mai più. Co­me l’iso­la Fer­di­nan­dea, che spun­tò dal Ca­na­le di Sicilia nel 1831 e do­po quat­tro me­si s’ina­bis­sò di nuo­vo, an­che il se­sto con­ti­nen­te sa­rà vi­si­bi­le per po­co, il ne­ces­sa­rio per un’esta­te più pic­co­la e im­pre­vi­sta se­con­do i ra­gio­ne­vo­li pro­no­sti­ci di questa pri­ma­ve­ra.

Poi, pas­sa­ta la bu­ria­na del­la pan­de­mia da co­ro­na­vi­rus, pro­ba­bil­men­te tor­ne­re­mo ai vec­chi viaggi, all’il­lu­sio­ne mo­men­ta­nea di una fu­ga che non cam­bia nien­te, all’av­ven­tu­ra con­fi­na­ta tra le date di an­da­ta e ri­tor­no con i wi­fi co­me fa­lò al ter­mi­ne del­la not­te.

Quou­sque­tan­dem viag­gia­re così, tra romanzi ac­cat­ti­van­ti e con­den­sa­ti. Pro­pi­zio è il mo­men­to per cam­bia­re e forse un al­tro si­mi­le non si ri­pre­sen­te­rà: già al pros­si­mo gi­ro l’iso­la Fer­di­nan­dea sa­rà ri­di­sce­sa sott’ac­qua e un se­sto con­ti­nen­te tor­ne­rà inaf­fer­ra­bi­le.

Che le trat­te sop­pres­se, le frontiere soc­chiu­se, le re­stri­zio­ni sa­ni­ta­rie rap­pre­sen­ti­no la ne­ces­si­tà che fa vir­tù. Pro­pi­zio è il mo­men­to per in­tra­pren­de­re un’al­tra sto­ria, per vi­ve­re un ro­man­zo di tut­te le pa­gi­ne, per so­sti­tui­re la bu­li­mia ci­ne­ti­ca con la ca­pa­ci­tà di mo­vi­men­to.

Non è mai trop­po tar­di per nes­su­no. Ma per cur­va­re il ca­len­da­rio bi­so­gna pren­de­re esem­pio dai ma­ghi.

A ot­tan­ta­due anni, Al­do Sa­vol­del­lo in ar­te Sil­van ha trascorso la qua­ran­te­na del co­ro­na­vi­rus al­le­nan­do­si tre ore al gior­no nei gio­chi di pre­sti­gio. “Co­me sem­pre: tre ore tut­ti i gior­ni”, ha rac­con­ta­to in un’intervista. “Mi chiu­do nel mio stu­dio, cir­con­da­to da 4.000 li­bri scrit­ti in cin­que lin­gue, e mi estra­neo nel­la let­tu­ra”. L’il­lu­sio­ni­sta fabbrica le sue il­lu­sio­ni e non ne è fab­bri­ca­to, sa che lo spa­zio e il tem­po so­no op­zio­ni del la­bi­rin­to di cui do­mi­na il trac­cia­to per­ché l’ha di­se­gna­to lui. L’il­lu­sio­ni­sta per­cor­re va­ste bi­blio­te­che co­me un Bor­ges o Um­ber­to Eco, ma in più col­ti­va l’uso del­le ma­ni che cer­ti uo­mi­ni pra­ti­ci di mon­di sot­ti­li, Gior­da­no Bru­no o un Carl Gu­stav Jung, sem­pre rac­co­man­da­ro­no an­che quan­do non ve­ni­va­no ca­pi­ti. Do­po aver gi­ra­to con la sua ar­te per il mon­do, il ma­go Sil­van lo ri­per­cor­re nel tem­po, cer­can­do ades­so la pietra fi­lo­so­fa­le nel­la vi­ta di Ca­glio­stro su cui scri­ve­rà un sag­gio che s’ag­giun­ge a due mi­glia­ia di vo­lu­mi de­di­ca­ti in ol­tre due­cent’anni al Gran Cof­to. Forse fu un ini­zia­to o so­la­men­te l’af­fa­bu­la­to­re astu­to Giu­sep­pe Bal­sa­mo, na­to a Palermo il 2 giu­gno 1743 e mor­to pri­gio­nie­ro nel­la Roc­ca di San Leo il 26 ago­sto 1795. E’ stu­pe­fa­cen­te con­giun­ge­re i pun­ti­ni dei suoi viaggi: da Na­po­li a Mal­ta, da Lio­ne a Bar­cel­lo­na, da Lon­dra a Pa­ri­gi e Stra­sbur­go sen­za con­ta­re il Por­to­gal­lo, l’Afri­ca, al­tre de­sti­na­zio­ni cer­te o mil­lan­ta­te più quei due­mi­la li­bri su cui an­co­ra sta viag­gian­do dal suo tem­po a qui. Se­du­to in bi­blio­te­ca, Sil­van si muo­ve as­sie­me a lui e noi con lo­ro pos­sia­mo im­pres­sio­nar­ci guar­dan­do sul­la map­pa l’Europa di Ca­glio­stro per­ché la fe­ce a pie­di, a ca­val­lo, in car­roz­za e ogni me­tro fu rul­lio o sob­bal­zo. Che tem­pra gli oc­cor­se e quan­to tem­po per uni­re di­stan­ze che noi ab­bia­mo di­vo­ra­to in po­che ore. E quan­to fu­ro­no im­por­tan­ti i pae­sag­gi e i per­cor­si che ag­gan­cia­ro­no un ca­pi­to­lo all’al­tro e che ri­spet­to a lui mai o po­co ab­bia­mo co­no­sciu­to, sor­vo­lan­do­li tra le nu­vo­le o nel­la ver­ti­gi­no­sa car­rel­la­ta di tre­ni ad al­ta ve­lo­ci­tà.

Co­me avreb­be fat­to lui vi­ven­do ades­so.

Per­ciò l’uni­co fascino pos­si­bi­le è an­da­re noi da lui, en­tra­re nel­la sto­ria di un al­tro per ac­qui­sir­la e di­la­ta­re la no­stra bio­gra­fia, ora che un vi­rus ci ha qua­si co­stret­ti in un mon­do più pic­co­lo e per­tan­to più va­sto, do­ve ri­spet­to a pri­ma con­te­rà sa­per­si muo­ve­re fra tem­po e spa­zio sen­za la­sciar­si por­ta­re, ma por­tan­do­si. La pun­ta più re­mo­ta del­la map­pa di Ca­glio­stro, e chis­sà co­sa ci vol­le per rag­giun­ger­la, fu San Pie­tro­bur­go che vi­ve sem­pre an­co­ra un po’ nel Set­te­cen­to. Pri­ma che tor­ni fa­ci­le rian­dar­ci nuo­va­men­te low co­st, con­vie­ne non per­der­se­ne l’ani­ma e in­se­gui­re noi stes­si il tem­po del­la Pro­spet­ti­va Ne­v­ski, do­ve pos­sia­mo guar­da­re con le fac­ce as­sen­ti la gra­zia in­na­tu­ra­le di Ni­jin­sy o in­con­tra­re, ma per ca­so, Igor Stra­vin­sky; do­ve pos­sia­mo stu­dia­re al­la lu­ce fio­ca di can­de­le e lam­pa­de a petrolio o ap­pren­de­re per­si­no co­me sia dif­fi­ci­le tro­va­re l’alba den­tro l’im­bru­ni­re; do­ve da qui – in que­sto mon­do fat­to più pic­co­lo per un pic­co­lo vi­rus – pos­sia­mo rin­gra­zia­re Bat­tia­to per aver scrit­to una canzone:

Pro­spet­ti­va Ne­v­ski è il no­stro tre­no a va­po­re, con le parole e la musica adatte a im­ma­gi­nar­la co­me do­ve­va es­se­re nell’ini­zia­le No­ve­cen­to.

Quou­sque­tan­dem viag­gia­re da un aeroporto all’al­tro, per ri­sve­gliar­si nel gi­ro di un pa­sto a bor­do e di un as­so­pi­men­to a tren­ta gra­di sot­to­ze­ro, se­guen­do un ca­len­da­rio così se­ria­le che le uo­va la­scia­te in fri­go, al no­stro ri­tor­no, non sa­ran­no an­co­ra sca­du­te. E’ co­sa che pu­re ab­bia­mo fat­to, ma in que­sto mon­do pic­co­lo az­zar­dia­mo­ci ad ma­io­ra. Quan­ti il­lu­stri che ar­ri­va­ro­no pri­ma di noi a San Pie­tro­bur­go, co­me il ta­ran­ti­no Gio­van­ni Pai­siel­lo, ge­nio del­la musica na­po­le­ta­na ben pa­ga­to per com­por­re, ma vuoi met­te­re il vento in­ver­na­le che di­sin­te­gra­va i cu­mu­li di ne­ve col te­po­re del Gol­fo di Na­po­li. Co­me si fa, che tem­pra ci voleva. Che tem­pi. A Tom­ma­so Lan­dol­fi uscì dal cuo­re que­st’an­no­ta­zio­ne: “Fred­do. Ma quei ta­li che scri­ve­va­no romanzi a Pie­tro­bur­go sen­za ri­scal­da­men­to o con una stu­fa che non ti­ra­va?”. Cir­con­da­ti da 400 o 4.000 li­bri, ascol­tan­do Bat­tia­to o Pai­siel­lo, ri­guar­dan­do un ri­trat­to di Ca­glio­stro so­no tra­scor­se due ore e chi se n’era ac­cor­to. Per­si­no un bri­vi­do di fred­do, a un cer­to pun­to.

Jo­se­ph de Mai­stre s’im­pel­lic­cia­va be­ne e im­pie­gò la lu­ce fio­ca di can­de­le e lam­pa­de a petrolio per scri­ve­re Le

se­ra­te di Pie­tro­bur­go, non im­ma­gi­nan­do che sa­reb­be di­ven­ta­to il te­sto di ri­fe­ri­men­to uni­ver­sa­le del pen­sie­ro rea­zio­na­rio e che, giu­sto due se­co­li do­po la sua usci­ta po­stu­ma, an­co­ra sa­reb­be sta­to ri­stam­pa­to e let­to. Ma og­gi per il gi­ro in­tor­no al mon­do pic­co­lo in­te­res­sa di più suo fra­tel­lo mi­no­re Xa­vier, che a San Pie­tro­bur­go tal­men­te si le­gò da tor­na­re a mo­rir­ci. Per­ché fu lui a com­por­re – e se il di­scor­so s’è fat­to cir­co­la­re è an­che per lui – un li­bret­to che di­ven­ne ce­le­ber­ri­mo e an­co­ra è ri­stam­pa­to e let­to, sen­za che fa­ti­cas­se a im­ma­gi­nar­lo poi­ché im­me­dia­to con­se­guì il successo (ai fra­tel­li mi­no­ri ac­ca­de così): Viag­gio in­tor­no al­la mia stan­za nac­que pro­prio du­ran­te una qua­ran­te­na, pre­ci­sa­men­te in 42 gior­ni agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri per un duel­lo a To­ri­no, e può con­si­de­rar­si l’epi­to­me di chi si

An­che ne “Il vagabondo del­le stel­le” di Jack Lon­don, più lo spa­zio per lui si ri­du­ce più au­men­ta il suo tem­po, os­sia la me­mo­ria

Nel mon­do pic­co­lo de­gli anni Set­tan­ta la sa­ga di “Ami­ci miei” sug­ge­rì o no­ti­fi­cò l’ege­mo­nia del viag­gio bre­ve: la zin­ga­ra­ta

spo­sta sen­za muo­ver­si. Un seg­gio­lo­ne e un let­to, il ser­vo Joan­net­ti e la ca­gnet­ta Ro­si­na fu­ro­no i ri­fe­ri­men­ti del con­for­te­vo­le loc­k­do­wn di De Mai­stre pic­co­lo, il qua­le rim­pian­se ep­pu­re snob­bò il Car­ne­va­le di cui gli giun­ge­va l’eco dal­le fi­ne­stre. Era il 1794: “Tut­ta­via le ri­fles­sio­ni fi­lo­so­fi­che che mi so­no ve­nu­te dal cielo m’han­no mol­to aiu­ta­to a sop­por­ta­re la pri­va­zio­ne dei pia­ce­ri che To­ri­no di­spen­sa a pie­ne ma­ni in que­sti mo­men­ti di bac­ca­no e di agi­ta­zio­ne”. Se non ti ci co­strin­go­no, quan­do mai ti co­strin­gi tu a un viag­gio fra i cas­set­ti di­men­ti­ca­ti. Quan­do lui met­te ma­no a quel­lo del­le let­te­re ap­pro­da al cuo­re del­la stan­za: “Pro­prio co­me fa il viag­gia­to­re, che at­tra­ver­sa di cor­sa qual­che pro­vin­cia ita­lia­na, fa­cen­do in fret­ta del­le vi­si­te su­per­fi­cia­li, per fer­mar­si poi a Ro­ma per me­si in­te­ri”. Sfo­glia an­co­ra e ri­leg­ge men­tre an­not­ta e già una lu­ce fio­ca di can­de­la o lam­pa­da a petrolio lo gui­da nel­la ri­co­gni­zio­ne, do­ve s’è fat­to tut­to ma­lin­co­ni­co “ap­pe­na gli oc­chi scor­ro­no sul­le ri­ghe trac­cia­te da un es­se­re che non esi­ste più! Que­sti so­no i suoi ca­rat­te­ri, e il suo cuo­re gui­da­va la ma­no; pro­prio a me scri­ve­va questa let­te­ra, e questa let­te­ra è tut­to quel­lo che mi re­sta di lui”.

(Do­man­da in­di­scre­ta: chi tro­va il co­rag­gio di can­cel­la­re dal­lo smart­pho­ne il nu­me­ro de­gli ami­ci mor­ti. O piut­to­sto lo la­scia in ru­bri­ca, col­ti­van­do in mo­do in­con­fes­sa­bi­le l’ipo­te­si di una chia­ma­ta?).

Lo stu­po­re del mon­do si na­scon­de die­tro l’im­pre­vi­sto di una stra­da in­ter­rot­ta, nel mu­ta­men­to coat­to dei pro­gram­mi, nel­la ri­scrit­tu­ra di un viag­gio esti­vo che ave­va­mo pro­get­ta­to a ini­zio d’an­no quan­do il mon­do era più rag­giun­gi­bi­le. Ep­pu­re, se De Mai­stre si fos­se di­ver­ti­to co­me spe­ra­va du­ran­te il Car­ne­va­le di To­ri­no, se non fos­se sta­to da un’ora a qual­che gior­no e al­lo­ra di­ven­ta­va zin­ga­ra­ta – tra le esi­gue di­stan­ze di Fi­ren­ze e in una To­sca­na che non sem­bra­va trop­po cam­bia­ta dai tem­pi di Pi­noc­chio o di Va­sco Pra­to­li­ni. Il viag­gio di pros­si­mi­tà ha eser­ci­ta­to un fascino pe­cu­lia­re su pa­rec­chi to­sca­ni, sic­ché Car­lo Col­lo­di scris­se Un ro­man­zo in va­po­re che par­ti­va dal­la Leo­pol­da e fi­ni­va al­la sta­zio­ne di Li­vor­no do­po giu­sto tre ore di tre­no e di tem­po cal­co­la­to di let­tu­ra. E il fascino del­la vi­ci­nan­za pre­val­se sul­la se­te di di­stan­za per­si­no per il gran­de si­no­lo­go Car­lo Pui­ni, il qua­le tra­dus­se Con­fu­cio ma si van­ta­va di non es­se­re mai sta­to in Ci­na poi­ché per com­pren­der­la gli ba­sta­va­no le fo­to­gra­fie. E lui d’al­tron­de si spin­ge­va, al mas­si­mo, fi­no a Fie­so­le per la vil­leg­gia­tu­ra.

Forse per­ciò la sma­nia di gi­ra­re è re­cin­ta­ta, in Ami­ci miei, nel ter­ri­to­rio di un ca­po­cro­ni­sta. Quan­do il Pe­roz­zi fi­ni­sce il tur­no di chiu­su­ra al gior­na­le scen­de al bar di Bor­go Santa Cro­ce, al ter­mi­ne di una not­te che an­co­ra non si può chia­ma­re gior­no e non vor­reb­be an­da­re a ca­sa, ma è trop­po presto per sa­pe­re do­ve an­da­re sic­ché si met­te in mac­chi­na e gi­ra in ton­do nel­la piaz­za pro­prio di quel Quar­tie­re, Santa Cro­ce, che die­de ti­to­lo e sto­ria al ro­man­zo di Pra­to­li­ni che esor­di­va così: “Noi eravamo con­ten­ti del no­stro Quar­tie­re”.

(Poi, si sa, qual­cu­no sem­pre di­ce mi sta stret­to e se ne vuole an­da­re). Si po­treb­be ri­par­ti­re per una zin­ga­ra­ta, ma con chi. Sa­rà an­co­ra “con­sen­ti­ta” in que­st’Ita­lia che si cre­de più evo­lu­ta di quel­la, più scal­tra per vir­tù del web, più col­ta in for­za di Wi­ki­pe­dia, più eman­ci­pa­ta per gra­zia di Rya­nair per­ché co­no­sce Sharm el Shei­kh me­glio di Santa Cro­ce? So­prat­tut­to, a che pun­to del­la sa­ga di Ami­ci miei sia­mo ades­so: il Pe­roz­zi è an­co­ra vi­vo? Il conte Ma­scet­ti è sta­to già col­pi­to dall’ic­tus?

A cau­sa dell’emer­gen­za sa­ni­ta­ria, le com­pa­gnie ae­ree han­no so­spe­so o ri­dot­to dra­sti­ca­men­te i vo­li (LaP­res­se)

Pri­ma che tor­ni fa­ci­le rian­dar­ci nuo­va­men­te low co­st, con­vie­ne non per­der­se­ne l’ani­ma e in­se­gui­re noi stes­si il tem­po del­la Pro­spet­ti­va Ne­v­ski, a San Pie­tro­bur­go (Wi­ki­pe­dia)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.