L’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le che va­lu­ta l’oc­cu­pa­bi­li­tà per tro­va­re la­vo­ro

IL SI­STE­MA “PHYD” DIADECCOOF­FREUNTEST ( GRA­TUI­TO) PERAGGIORN­ARELE PRO­PRIE SKILL. ILFOGLIO L’HAFATTO. ECCOCOMEÈA­NDATA

Il Foglio Quotidiano - - GRAN MILANO - Ma­ria­ro­sa­ria Mar­che­sa­no

Smi­sta­re pac­chi in una do­ga­na (vir­tua­le) vi­sio­nan­do­ne il con­te­nu­to, pe­san­do­li e ap­po­nen­do­gli l’eti­chet­ta, pri­ma di spe­dir­li in tut­to il mon­do at­tra­ver­so il giu­sto mez­zo di tra­spor­to (ae­reo, tre­no o ca­mion). L’azio­ne di­ven­ta sem­pre più ve­lo­ce e com­ples­sa men­tre in­dos­si il vi­so­re che ti pro­iet­ta in una real­tà tri­di­men­sio­na­le stan­do se­du­ta in ca­bi­na, men­tre una vo­ce ti gui­da ma cam­bia an­che le re­go­le in cor­sa. Non è un nuo­vo vi­deo­gio­co, ma uno dei te­st che mi­su­ra­no la “oc­cu­pa­bi­li­tà” di una per­so­na at­tra­ver­so una piat­ta­for­ma di in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le idea­ta da Adec­co Group in col­la­bo­ra­zio­ne con Mi­cro­soft e che il Fo­glio ha te­sta­to. Si tro­va già on­li­ne, con sei­mi­la iscrit­ti (l’obiet­ti­vo è di ar­ri­va­re a 200 mi­la en­tro il pros­si­mo an­no), ma la sua spe­ri­men­ta­zio­ne più com­ple­ta par­te da Mi­la­no, do­ve que­sta tec­no­lo­gia in­no­va­ti­va che si chia­ma Phyd ha tro­va­to an­che una se­de fi­si­ca in via Tor­to­na, in uno dei quar­tie­ri più gio­va­ni­li e tren­dy del­la cit­tà.

L’idea è crea­re un rap­por­to flui­do, in­for­ma­le con le per­so­ne in cer­ca di la­vo­ro: pas­si di lì, ti in­for­mi sul­le nuo­ve ten­den­ze del mer­ca­to, se­gui even­ti e spee­ch, ti fer­mi a pren­de­re un caf­fè e chie­di di in­con­tra­re i coa­ch che ti pos­sa­no in­di­riz­za­re do­po aver ese­gui­to il te­st, che si può fa­re in lo­co o da ca­sa. Una sor­ta di agen­zia per l’im­pie­go 2.0 in cui al po­sto dei na­vi­ga­tor si tro­va Phyd, che di­ce quan­te so­no le pro­ba­bi­li­tà – in ba­se al per­cor­so di stu­di, al­le espe­rien­ze pro­fes­sio­na­li e al­le in­cli­na­zio­ni per­so­na­li – di tro­va­re l’oc­cu­pa­zio­ne che si de­si­de­ra e, in al­cu­ni ca­si, sug­ge­ri­sce an­che di cam­bia­re me­stie­re. L’oc­cu­pa­bi­li­tà si mi­su­ra in per­cen­tua­le: 80-85 per cen­to è già un ot­ti­mo ri­sul­ta­to, sot­to 70 bi­so­gna far­si qual­che do­man­da e cer­ca­re di col­ma­re la di­stan­za. “Stia­mo la­vo­ran­do a que­sto pro­get­to da quat­tro an­ni, du­ran­te i qua­li ab­bia­mo cer­ca­to di ca­pi­re co­me al­cu­ni trend mon­dia­li, tra­sfor­ma­zio­ne di­gi­ta­le ed eco­so­ste­ni­bi­li­tà so­prat­tut­to, stan­no cam­bian­do la se­le­zio­ne del per­so­na­le da par­te del­le azien­de che sem­pre più spes­so non tro­va­no i pro­fi­li de­si­de­ra­ti – di­ce al Fo­glio Man­lio Ci­ral­li, ceo di Phyd e re­spon­sa­bi­le com­mer­cia­le e in­no­va­zio­ne di Adec­co Ita­lia – Col­ma­re que­sto gap è di­ven­ta­to an­co­ra più ur­gen­te ora che la pan­de­mia sta co­strin­gen­do mi­glia­ia di la­vo­ra­to­ri a ri­col­lo­car­si. Ma se una per­so­na non ha l’esat­ta per­ce­zio­ne di qua­li la­cu­ne de­ve col­ma­re per tro­va­re un nuo­vo sboc­co c’è il ri­schio che re­sti di­soc­cu­pa­ta a vi­ta au­men­tan­do il nu­me­ro di co­lo­ro che per­ce­pi­sco­no il Red­di­to di cit­ta­di­nan­za”. Se­con­do le sti­me di Adec­co, grup­po che in Ita­lia è gui­da­to da An­drea Ma­la­cri­da, en­tro il 2023 bi­so­gne­rà co­pri­re 400 mi­la po­sti di la­vo­ro nel set­to­re del­la sa­ni­tà e dell’as­si­sten­za so­cia­le, 200 mi­la nel set­to­re dell’istru­zio­ne e dei ser­vi­zi for­ma­ti­vi e 90 mi­la nel­la pro­du­zio­ne di mac­chi­na­ri, at­trez­za­tu­re e mez­zi di tra­spor­to, men­tre le im­pre­se di­gi­ta­li cer­che­ran­no tra 210 e 267 mi­la la­vo­ra­to­ri con com­pe­ten­ze in­for­ma­ti­che e ma­te­ma­ti­che.

I da­ti di­co­no che l’ar­ma prin­ci­pa­le per ri­spon­de­re al­la cri­si è quel­la che in ger­go si chia­ma “re­skil­ling”, che si tra­du­ce in una sor­ta di re­set­tag­gio del­le pro­prie com­pe­ten­ze per ade­guar­le al­le nuo­ve ri­chie­ste del mer­ca­to del la­vo­ro. Pro­prio il Co­vid ha spin­to al­cu­ni pae­si ad ac­ce­le­ra­re in que­sta di­re­zio­ne. In Nor­ve­gia, per esem­pio, du­ran­te il loc­k­do­wn so­no sta­ti sal­va­ti cen­ti­na­ia di po­sti del­le com­pa­gnie ae­ree pro­muo­ven­do per­cor­si di ri­col­lo­ca­men­to nei ser­vi­zi sa­ni­ta­ri. So­no par­ti­ti dal pre­sup­po­sto che chi fa l’as­si­sten­te di vo­lo ha mag­gio­re di­me­sti­chez­za con la cu­ra del­la per­so­na e con la ge­stio­ne del­le si­tua­zio­ni di ten­sio­ne. Ma­ga­ri non è sem­pre ve­ro, ma po­treb­be fun­zio­na­re an­che in Ita­lia se nei cen­tri per l’im­pie­go si adot­tas­se­ro po­li­ti­che at­ti­ve per il la­vo­ro. Non è co­sì? “E’ cer­ta­men­te ve­nu­to il mo­men­to di spe­ri­men­ta­re nuo­ve stra­de per fa­re in­con­tra­re do­man­da e of­fer­ta – pro­se­gue Ci­ral­li – Il ri­schio che cor­re l’Ita­lia è ave­re un mer­ca­to po­la­riz­za­to tra una ca­te­go­ria di pro­fes­sio­ni­sti di fa­scia al­ta, e sem­pre più ri­stret­ta, e una gran­de ba­se di ad­det­ti a man­sio­ni di me­dio-bas­so pro­fi­lo. Al con­tra­rio, bi­so­gna riem­pi­re quel vuo­to in­ter­me­dio che si sta crean­do a cau­sa sia del­le scar­se com­pe­ten­ze di­gi­ta­li sia a cau­sa dell’im­pat­to in al­cu­ni set­to­ri del­la cri­si eco­no­mi­ca sca­te­na­ta dal Co­vid”.

Ma co­me fun­zio­na esat­ta­men­te Phyd e, so­prat­tut­to, quan­to co­sta? Quel­lo di Adec­co in Ita­lia è il pri­mo espe­ri­men­to al mon­do di in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le ap­pli­ca­ta al­la ri­cer­ca di la­vo­ro. In sé que­sta piat­ta­for­ma non rap­pre­sen­ta un si­ste­ma in­for­ma­ti­co par­ti­co­lar­men­te com­ples­so, ma quel­lo che è in­no­va­ti­vo è il con­cet­to che c’è die­tro, ba­sa­to su uno scree­ning og­get­ti­vo del­la per­so­na (quel­lo che in ge­ne­re fan­no i re­crui­ter, cac­cia­to­ri di te­ste e ca­pi del per­so­na­le) al­la qua­le ven­go­no sug­ge­ri­ti even­tua­li cor­si di for­ma­zio­ne per col­ma­re le sue la­cu­ne o sem­pli­ce­men­te per ag­gior­na­re il pro­fi­lo pro­fes­sio­na­le. E’ su que­sti per­cor­si, e so­lo nel mo­men­to in cui ven­go­no at­ti­va­ti, che Adec­co ap­pli­ca il suo gua­da­gno men­tre so­no gra­tui­ti i te­st di va­lu­ta­zio­ne, che du­ra­no cir­ca un’ora se fat­ti di­ret­ta­men­te sul si­to e pos­so­no es­se­re com­ple­ta­ti con gli as­sess­ment nel­le ca­bi­ne di via Tor­to­na. “Ci con­si­de­ria­mo co­me una start up in per­di­ta per i pros­si­mi tre-cin­que an­ni – con­clu­de Ci­ral­li – Le po­ten­zia­li­tà e la va­len­za stra­te­gi­ca di que­sto pro­get­to so­no ta­li che ab­bia­mo de­ci­so di in­ve­sti­re de­na­ro e ri­sor­se nel lun­go pe­rio­do. Mi­la­no è il po­sto idea­le da cui co­min­cia­re per­ché è una cit­tà ric­ca di ta­len­ti che ha su­bì­to un du­ro col­po. Per ora pos­so di­re che sia­mo sta­ti già con­tat­ta­ti da al­cu­ne isti­tu­zio­ni lo­ca­li che vo­glio­no ca­pi­re co­me fun­zio­na per po­ter even­tual­men­te uti­liz­za­re que­sto si­ste­ma nell’am­bi­to del­la re­gio­ne Lom­bar­dia”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.