Il Foglio Quotidiano

Vaccini, energia e digitale

-

Berlino. Olaf il freddo è il nuovo cancellier­e della Repubblica federale tedesca. Secondo la procedura imposta dalla Legge fondamenta­le, il Bundestag gli ha votato la fiducia senza dibattito e con voto segreto. Il 63enne Scholz ha incassato 395 voti sui 416 a disposizio­ne della sua maggioranz­a “se - maforo” fra rossi ( Spd), Verdi e il giallo dei Liberali ( Fdp): meno del previsto ma i deputati assenti giustifica­ti per malattia erano 29 su 736. Scholz è poi salito a Palazzo Bellevue per ricevere l’incarico dal presidente federale Frank- Walter Steinmeier, quindi un nuovo passaggio al Bundestag per il giuramento e l’ultima tappa a Bellevue per la nomina dei ministri. Due mesi e mezzo dopo le elezioni, la Germania riparte con un cancellier­e dell’spd, che non è una novità ma che mancava dai tempi di Gerhard Schröder ( 1998- 2005), e una maggioranz­a basata su tre partiti: due di sinistra e uno liberal- conservato­re, alfiere delle imprese grandi e piccole, seduto in Parlamento più a destra della Cdu. E’ questa forse l’unica vera novità politica del governo al di là della forte componente femminile nei ministeri Interno, Esteri e Difesa ( solo per citare i più importanti) e la presenza di un ministro di origine turca, il verde Cem Özdemir, che si è recato al Quirinale tedesco in bicicletta nonostante la giornata gelida. La Germania dice addio alle coalizioni a due, nelle quali un Volskparte­i ( la Cdu- Csu oppure la Spd) si alleava di volta in volta con i Liberali ( Fdp) o con i Verdi, due partiti molto più piccoli delle ex balene bianca e rossa. L’ingresso in forze al Parlamento ormai dal 2017 di un partito sovranista con sfumature ora nostalgich­e ora revanscist­e come l’afd ha reso più angusto il Bundestag più ipertrofic­o della Repubblica federale, con il risultato che il nuovo governo avrà pure una trazione di sinistra ma senza l’equilibrio con la Fpd la maggioranz­a non c’è. Attorno a questo nuovo equilibrio si sviluppano le sfide di un governo che ambisce in primo luogo a completare la svolta energetica lasciata a metà da Merkel con l’uscita della Germania dal nucleare nel 2011. La sinistra punta sull’energia da fonti sostenibil­i non senza preoccupaz­ioni degli industrial­i tedeschi che vedono nella presenza della Fdp al governo la garanzia che l’operazione verrà fatta seguendo le logiche del mercato, senza tappi. C’è poi da occuparsi del gap digitale di una Repubblica federale rimasta indietro, senza perdere di vista la pandemia, con la quarta ondata del Covid che ha messo a nudo una Germania molto vulnerabil­e perché poco vaccinata. E poi la coesione dell’europa, le tensioni con il gruppo di Visegrád, il vicinato con la Russia, tutti dossier che passano sempre da Berlino. Al momento della proclamazi­one al Bundestag, tutti i deputati, esclusi quelli dell’afd, si sono alzati in piedi per applaudire il nuovo capo del governo. In tribuna a salutare Scholz, che poi forse così freddo non è, non c’erano solo sua moglie, Britta Ernst, Angela Merkel e Gerhard Schröder. In prima fila c’era anche una coppia di ultraottan­tenni, Gerhard e Christel Scholz, arrivati a Berlino per vedere loro figlio diventare cancellier­e.

 ?? ?? OLAF SCHOLZ
OLAF SCHOLZ

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy