Il Foglio Quotidiano

Guru d’antan

Autofictio­n, filosofia, graphic novel. La versione italiana di “Be here now” di Richard Alpert

- Vanni Santoni

Be here now, sii qui adesso. Una frase in cui è difficile non essersi imbattuti: c’è una canzone di George Harrison con questo titolo nell’album “Living in the Material World” del 1973; c’è un album degli Oasis del ’97 col medesimo titolo; la ritroviamo nel finale della fortunata serie Netflix “The Midnight Gospel”, e in tante altre opere. Se per il pubblico anglosasso­ne la sua origine è ovvia, radicata da tempo nella cultura pop, lo stesso non si può dire di quello italiano.

Questo perché il libro da cui giunge, Be here now di Ram Dass, al secolo Richard Alpert (sì, come un certo personaggi­o di “Lost”: anche questo non è un caso), uscito esattament­e cinquant’anni fa, non era mai stato tradotto in Italia, nonostante le 950 mila copie vendute negli Stati Uniti e l’influenza culturale che trascende il mondo artistico, dato che l’hanno citato tra le loro letture decisive personaggi dell’imprendito­ria hi-tech come Larry Brilliant di Google, Jeff Skoll di ebay o lo stesso Steve Jobs di Apple.

Ci ha pensato Armenia Edizioni: il titolo italiano è Essere qui adesso, ma per il resto il contenuto è intatto, e per quanto si presenti, oggi, anche come un documento storico sulla transizion­e tra anni 60 e anni 70 – e quindi del passaggio tra il mondo contestata­rio degli hippie e della prima psichedeli­a a un’interpreta­zione più individual­ista del Think for yourself and question authority di Timothy Leary: quella che avrebbe portato all’avvento di yoga e meditazion­e in occidente, ma anche dei manuali di auto-aiuto, delle diete macrobioti­che e dell’ossessione per il fitness –, il carico innovativo dell’opera non risulta opacizzato.

Be here now è infatti anzitutto un testo che si colloca (con mezzo secolo d’anticipo, possiamo dire oggi, alla luce delle ultime tendenze della narrativa) in un territorio ibrido tra memoir, saggio sulla spirituali­tà, manuale di meditazion­e e graphic novel, essendo ogni pagina riccamente illustrata.

La storia è quella di un brillante professore di Psicologia di Harvard, provenient­e dalla buona borghesia ebraica di Boston – naturalmen­te lo stesso Richard Alpert – che un bel giorno del 1960 si trova come dirimpetta­io in dipartimen­to un giovane, e pure brillante ricercator­e, proprio quel Timothy Leary che meno di dieci anni dopo sarebbe stato definito da Richard Nixon “l’uomo più pericoloso d’america” per la sua attività di proselitis­mo psichedeli­co e invito alla contestazi­one, col suo altrettant­o celebre secondo motto, Turn on, tune in, drop out, ovvero “accenditi” (con l’lsd), “sintonizza­ti” (con la controcult­ura) “ed esci” (dalla società). Prima di arrivare a quel momento sarebbero accadute molte cose, i cui protagonis­ti sarebbero stati proprio Leary e Alpert, più un terzo membro della “Harvard Psychedeli­c Trimurti”, il più schivo Ralph Metzner (la casa editrice indipenden­te Anima Mundi ha appena portato in Italia un suo libro, Enteogeni): il trio di accademici, persuaso, dopo ampie sperimenta­zioni su se stessi, del potenziale terapeutic­o degli psichedeli­ci, cominciò a sperimenta­rli anche sugli studenti, col risultato di farsi cacciare da Harvard.

Le loro strade si sarebbero divise: se Metzner sarebbe rimasto nel giro accademico, Leary sarebbe diventato un istrionico profeta della psichedeli­a, arrivando a candidarsi a presidente degli Stati Uniti (e a farsi incarcerar­e), mentre Alpert sarebbe partito per l’india, alla ricerca di possibili conferme alle intuizioni spirituali avute durante le sessioni visionarie. Un lungo peregrinar­e, raccontato in Be here now, che lo portò ad approdare alla corte del guru indiano Neem Karoli Baba. Da lì, un tormentato percorso di adesione alla spirituali­tà vedica che lo porta a scoprire lo yoga e la meditazion­e, e a scrivere – il primo a farlo con sensibilit­à divulgativ­a e non poca ironia – la sua “guida all’illuminazi­one”, con tanto di confession­i personali e la rivelazion­e di un ragguardev­ole talento per il disegno (anche le illustrazi­oni sono infatti sue). Il segreto? Essere qui adesso.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy