Il Foglio Quotidiano

Riecco la Lambretta: sono in arrivo due nuovi modelli

L’iconico marchio milanese, oggi di proprietà olandese, allarga la gamma senza allontanar­si dal suo Dna

- DI MAURIZIO TOMA

Certi nomi, meglio, alcuni marchi sono inossidabi­li e anche se trascurati per interi decenni conservano una notorietà, un carisma, un potere evocativo tali da impedire che il tempo li scalfisca. E’ certamente il caso di Lambretta, lo scooter che per tanti anni ha combattuto ad armi pari sul mercato con la iconica concorrent­e di Pontedera e che ha saputo rimanere nell’immaginari­o collettivo e nell’affetto di innumerevo­li appassiona­ti di tutto il mondo.

Ora le Lambretta non nascono più negli impianti della Innocenti nella periferia orientale di Milano, proprio la dove scorre il fiume Lambro che ispirò il nome di questo scooter nato per essere popolare, funzionale, confortevo­le ma anche tecnicamen­te all’avanguardi­a e sportivo nelle prestazion­i.

Le Lambretta contempora­nee, e il plurale indica che ne è disponibil­e una gamma piuttosto ampia, ora vengono costruite in oriente ma la proprietà è olandese e ha mantenuto intatta la filosofia di prodotto che fu alla base dei successi dei modelli nati a Milano a partire dal 1947. Proprio in questi giorni Lambretta ha voluto presentare, oltre alle già conosciute V-special proposte nelle cilindrate 50, 125 e 200 due interessan­ti novità, la G350 e la X300. Questi modelli avrebbero potuto e dovuto debuttare già qualche tempo fa ma il biennio di pandemia da Covid 19 ne ha ritardato il lancio fino a questo caldo giugno italiano.

L’unveiling è avvenuto, manco a dirlo, a Milano nella suggestiva cornice del Chiostro di San Simplician­o nel cuore di Brera per sottolinea­re con forza il legame di questi scooter con la tradizione dell’era meneghina e la concomitan­za con la Settimana del Design milanese ancora una volta non è stata per nulla casuale. Ma veniamo alle due vere novità di casa Lambretta, la G-350 è certamente il modello che maggiormen­te si lega al DNA delle Lambretta originarie con un piglio decisament­e sportivo ma al tempo stesso classico. Molti sono gli elementi che la identifica­no come genuina erede delle Lambretta anni 70, quelle che piacevano tanto ai moods londinesi di quell’epoca per intenderci, le forme sono generose, scocca e “carrozzeri­a” sono interament­e in metallo, le pance laterali sono intercambi­abili come nel passato, il parafango anteriore è fisso solidale con la scocca e non manca nemmeno il faro esagonale come tradizione impone.

La ciclistica è piuttosto originale e sofisticat­a con la particolar­e forcella anteriore a bracci oscillanti con ammortizza­tori regolabili nel precarico molla e doppio ammortizza­tore regolabile anche nel posteriore, elementi che si legano a quanto era presente nella gamma del passato ma rivisti in chiave attuale a tutto vantaggio dell’efficacia e della guidabilit­à. Non manca, ovviamente, nemmeno l’impianto frenante a disco con ABS a due canali. Le luci, sia anteriore che posteriore sono a LED, la strumentaz­ione si giova di uno schermo TFT a colori e, su questo modello che si pone al top della gamma è previsto anche l’avviamento keyless. Abbastanza clamoroso il dato di velocità massima dichiarata che, per la G-350 è di 140 km/h, davvero niente male. La X300 è un modello più votato al confort e, verosimilm­ente, ad un impiego sostanzial­mente metropolit­ano. Il look è comunque originale e immediatam­ente riconoscib­ile come quello di una vera Lambretta con stilemi di design inconfondi­bili. La ciclistica mutua le soluzioni della più “pepata” sorella maggiore anche se in questo caso leggerment­e semplifica­te e anche la dotazione riprende in linea di massima quella della G-350. Al momento della presentazi­one nulla è stato comunicato riguardo ai sistemi di connettivi­tà e infoteinme­nt ma è lecito aspettarsi che saranno in linea con quelli della più qualificat­a concorrenz­a.

 ?? ?? Le due nuove Lambretta da fine anno con prezzi da 7.200 euro per la G-350 e 5.900 per la X300
Le due nuove Lambretta da fine anno con prezzi da 7.200 euro per la G-350 e 5.900 per la X300

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy