NOLEGGIARE& IM­PA­RA­RE

Com’è riu­sci­to Si­mo­ne Mo­rel­li in po­chi an­ni a crea­re un po­lo a 360 gra­di che com­pren­de una flot­ta di 70 bar­che a no­leg­gio tra Ita­lia Spa­gna e Ca­rai­bi, il ma­ri­na di Ca­la dei Sar­di, la con­ces­sio­na­ria di La­goon e Be­ne­teau? Ce lo rac­con­ta lui stes­so

Il Giornale della Vela - - Sommario - www.nor­th­sar­di­nia­sail.it, www.drea­mya­ch­ting.it, www.ca­la­dei­sar­di.it

La pas­sio­ne che por­ta lon­ta­no

Chi de­ci­de di mol­la­re tut­to per apri­re un’at­ti­vi­tà nel mon­do del­la ve­la non può es­se­re che spin­to da una pas­sio­ne in­fi­ni­ta. Co­me quel­la di Si­mo­ne Mo­rel­li, ti­to­la­re del­la Nor­th Sar­di­nia Sail na­ta nel 2001 co­me so­cie­tà di char­ter. Mo­rel­li che al tem­po era un uf­fi­cia­le del­la ma­ri­na de­ci­de, in­sie­me a sua mo­glie, di av­via­re l’at­ti­vi­tà di char­ter con cin­que bar­che a Ma­ri­na di Por­ti­sco: da li non si è mai fer­ma­to. La cre­sci­ta è sta­ta ve­lo­ce, tra il 2003 e il 2004 ab­bia­mo aper­to una ba­se an­che ad Al­ghe­ro e una a Ca­la dei Me­di­ci in To­sca­na, ci rac­con­ta Mo­rel­li che og­gi è pro­ba­bil­men­te al­la gui­da del grup­po nau­ti­co più gran­de e ver­sa­ti­le in Ita­lia, ma ab­bia­mo do­vu­to crear­ci lo spa­zio e il mer­ca­to, in Ita­lia non tut­to è sem­pli­ce, bi­so­gna cre­der­ci for­te­men­te e non mol­la­re mai. Og­gi Nor­th Sar­di­nia Sail ha una flot­ta di ol­tre 70 bar­che tra Sardegna To­sca­na, Ba­lea­ri e Ca­rai­bi; da li è na­ta poi la Dream Ya­ch­ting, con­ces­sio­na­ria Be­ne­teau e La­goon, e Ca­la dei Sar­di, una Ma­ri­na a Cu­gna­na, tra Por­ti­sco e Por­to Ro­ton­do. Co­me na­sce dal nul­la la flot­ta di char­ter ita­lia­na più gran­de? Ci vuo­le pa­zien­za e co­stan­za, e so­prat­tu­to un’at­ten­zio­ne ver­so il clien­te in­cre­di­bi­le. La se­rie­tà pa­ga e al­la lun­ga por­ta il ri­sul­ta­to. Noi ab­bia­mo avu­to la for­tu­na di ot­te­ne­re la con­ces­sio­ne per un ma­ri­na nel gol­fo di Cu­gna­na in Sardegna: rea­liz­za­re il Ma­ri­na, che si chia­ma Ca­la dei Sar­di, è sta­ta un im­pre­sa non da po­co, la bu­ro­cra­zia in Ita­lia se vuo­le è ma­le­fi­ca... Mia mo­glie è sta­ta fon­da­men­ta­le in quel pe­rio­do, mi ha spin­to a non mol­la­re. Og­gi con que­sta strut­tu­ra riu­scia­mo a or­ga­niz­za­re al me­glio il no­stro la­vo­ro, cu­ra­re le bar­che e so­prat­tut­to ci ha per­mes­so di po­ter guar­da­re avan­ti of­fren­do pra­ti­ca­men­te per pri­mi, in ma­nie­ra strut­tu­ra­ta, la cro­cie­ra sul ca­ta­ma­ra­no già nel 2005. I ca­ta­ma­ra­ni han­no un ruo­lo fon­da­men­ta­le per la vo­stra at­ti­vi­tà? Cer­to che si, nel 2012 sia­mo di­ven­ta­ti con­ces­sio­na­ri del can­tie­re La­goon, ciò ci ha per­mes­so di au­men­ta­re l’of­fe­rta al char­te­ri­sta e se­gui­re me­glio l’ar­ma­to­re. Og­gi ab­bia­mo una flot­ta di 15 La­goon di­stri­bui­ti in ogni no­stra ba­se char­ter. An­che, Spa­gna e Ca­rai­bi, co­sa l’ha spin­ta a guar­da­re all’este­ro? Ci sia­mo re­si con­to che i nostri clien­ti van­no se­gui­ti e bi­so­gna of­fri­re lo­ro più ser­vi­zi e de­sti­na­zio­ni co­mo­de da rag­giun­ge­re e da na­vi­ga­re. Al­le Ba­lea­ri sia­mo a Por­to Co­lom a Ma­ior­ca dal 2013. Qui sia­mo nel­la par­te est dell’iso­la, a 50km dall’ae­ro­por­to e a un mi­glio dal­le ba­ie più bel­le. An­che qui ci sia­mo di­stin­ti. Tutti pun­ta­va­no co­me ba­se su Pal­ma, per la vi­ci­nan­za all’ae­ro­por­to, noi ab­bia­mo pre­fe­ri­to la vi­ci­nan­za al­le ba­ie, me­glio un ora di mac­chi­na che un gior­no di na­vi­ga­zio­ne... per rag­giun­ge­re una bel­la ra­da! Nel 2016 ab­bia­mo poi fat­to il sal­to ocea­ni­co, con la ba­se a St Mar­teen. Do­po la pri­ma sta­gio­ne for­tu­na­ta­men­te ab­bia­mo ri­por­ta­to i ca­ta­ma­ra­ni in me­di­ter­ra­neo: que­sta de­ci­sio­ne ci ha per­mes­so di sal­va­re la flot­ta dall’ura­ga­no po­ten­do­la met­te­re a di­spo­si­zio­ne an­che nel re­cen­te in­ver­no. Ab­bia­mo pe­rò de­ci­so di sta­bi­liz­zar­ci nell’iso­la di Gre­na­da, a Pric­kly Bay Ma­ri­na, mol­to più ver­sa­ti­le per le cro­cie­re, con tut­te le co­mo­di­tà e ser­vi­zi a por­ta­ta di ma­no e a due pas­si dall’ae­ro­por­to. Co­sa ave­te in ser­bo per il fu­tu­ro? Og­gi a li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le sia­mo in una di­men­sio­ne di mez­zo, tra le pic­co­le e le gran­di so­cie­tà di char­ter. Ab­bia­mo la più gran­de flot­ta ita­lia­na, al 95% di pro­prie­tà, i Ca­rai­bi so­no in­te­res­san­ti e per fa­re il sal­to in­ve­sti­re­mo an­che li ma il Me­di­ter­ra­neo è uni­co al mon­do e de­si­de­ria­mo av­vi­ci­nar­ci al­la Gre­cia. Co­me è cam­bia­to il clien­te char­ter? Dal ve­li­sta pu­ro sia­mo pas­sa­ti al tu­ri­sta nau­ti­co. Un mer­ca­to im­por­tan­te che va in­ter­cet­ta­to, que­sto è for­se an­che il mo­ti­vo dell’enor­me suc­ces­so e ri­chie­sta di ca­ta­ma­ra­ni, mol­to co­mo­di e sem­pli­ci. Co­sa ti aspet­ti per il fu­tu­ro? Una sem­pli­fi­ca­zio­ne bu­ro­cra­ti­ca per lo svi­lup­po del tu­ri­smo nau­ti­co dan­do una . pro­fes­sio­ne al­lo skip­per. Io che so­no sta­to co­man­dan­te in se­con­da per la Ma­ri­na Mi­li­ta­re al co­man­do di na­vi e di equi­pag­gi nu­me­ro­si og­gi non avrei i ti­to­li per por­ta­re in gi­ro i miei clien­ti...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.