NOLEGGIARE & IM­PA­RA­RE

Pro­prio co­me ac­ca­de per le au­to, an­che nel char­ter nau­ti­co si fan­no stra­da for­mu­le che con­tem­pla­no il no­leg­gio di bar­che per pe­rio­di mol­to lun­ghi

Il Giornale della Vela - - Sommario - Ghe­go Sag­gi­ni

Se no­leg­gias­si la bar­ca a lun­go ter­mi­ne?

La bar­ca no­leg­gia­ta a lun­go o lun­ghis­si­mo ter­mi­ne, pro­prio co­me sem­pre più per­so­ne fan­no con le au­to­mo­bi­li. Ere­sia? Mi­ca tan­to, se ci pen­sa­te un at­ti­mo. Se è in­ne­ga­bi­le che spes­so sus­si­sta un for­te rap­por­to tra l’ar­ma­to­re con la pro­pria bar­ca, un amo­re a vol­te “ir­ra­zio­na­le” e quin­di sen­za prez­zo, è an­che ve­ro che, co­me tut­ti i be­ni ma­te­ria­li, un’im­bar­ca­zio­ne pri­ma o poi in­vec­chia, ne­ces­si­ta di co­stan­te (e ca­ra) ma­nu­ten­zio­ne, ca­la di va­lo­re. Te­nen­do con­to di una spe­sa ac­ces­so­ria non da po­co (po­sto bar­ca e or­meg­gi), il no­leg­gio a lun­go ter­mi­ne por­te­reb­be un gros­so van­tag­gio: quel­lo di po­ter “go­de­re so­lo il bel­lo del­la bar­ca, os­sia la na­vi­ga­zio­ne, le va­can­ze, le re­ga­te, sen­za tut­te le in­com­ben­ze tec­ni­che, eco­no­mi­che e bu­ro­cra­ti­che”, co­me ha fat­to no­ta­re il gior­na­li­sta Da­vid In­gio­si sul blog di Ma­gel­la­no­sto­re, che ci ha spin­to a in­da­ga­re un po’ di più su quel­la che è già qual­co­sa di più di una ten­den­za. Ci so­no già al­cu­ne so­cie­tà di char­ter, ita­lia­ne e non, che pro­pon­go­no già il no­leg­gio a lun­go ter­mi­ne (al­cu­ne le trovate a la­to: an­co­ra gra­zie al buon In­gio­si). Una for­mu­la idea­le per chi ha vo­glia di mol­la­re tutto e par­ti­re per lun­ghe na­vi­ga­zio­ni, ma non ha tem­po di pre­pa­ra­re la bar­ca nei mi­ni­mi det­ta­gli: non sor­pren­de che va­da già for­te ai Ca­rai­bi, do­ve si in­con­tra­no fa­mi­glie di pro­fes­sio­ni­sti che han­no de­ci­so di con­ce­der­si un an­no sab­ba­ti­co all’in­se­gna del­la ve­la. I prez­zi? Per sei me­si, ab­bia­mo tro­va­to pro­po­ste dai 10 ai 20.000 euro (per un 40 pie­di), a se­con­da dei mo­del­li di bar­ca. All’au­men­ta­re del­la du­ra­ta del no­leg­gio, i co­sti si ri­du­co­no per cui su ba­se an­nua­le il ri­spar­mio è mag­gio­re. No­leg­gian­do a lun­go ter­mi­ne, poi, po­tre­te ave­re l'op­zio­ne del ri­scat­to: se de­ci­de­te a fi­ne no­leg­gio di ac­qui­sta­re la bar­ca su cui ave­te na­vi­ga­to co­sì a lun­go, po­tre­te com­prar­la pa­gan­do la dif­fe­ren­za tra il prez­zo di ven­di­ta, pat­tui­to ad ini­zio no­leg­gio, e quan­to già pa­ga­to per la lo­ca­zio­ne. Co­sa ne pen­sa­te?

I prez­zi del no­leg­gio a lun­go ter­mi­ne de­cre­sco­no all’au­men­ta­re del­la sua du­ra­ta. E spes­so c’è la pos­si­bi­li­tà di ri­scat­ta­re la bar­ca al­lo sca­de­re del con­trat­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.