CO­ME TI TRASFORMO LA BAR­CA IN UNA CA­SA

(na­vi­gan­do con due bam­bi­ni e due gat­ti)

Il Giornale della Vela - - Sommario - di Gia­co­mo Giu­liet­ti

I truc­chi e le ac­cor­tez­ze del­la fa­mi­glia Por­te­san, che vi­ve a bor­do di un Ocea­nis 430 sen­za sen­ti­re il bi­so­gno di tor­na­re a ter­ra

Or­mai so­no del­le star. Al TAG Heuer VELAFe­sti­val «i Por­te­san» Fa­bio, Ma­ri­na, Va­le­rio e Lei­la­ni (ma sen­za i due gat­ti Vic­ky e Pa­cho) so­no sta­ti tra gli ospi­ti più in­ter­pel­la­ti dai vi­si­ta­to­ri. Il lo­ro fa­sci­no? Di cer­to so­no tut­ti mol­to bel­li e so­la­ri, ma lo­ro han­no fat­to quel­lo che tan­ti so­gna­no e ba­sta: fug­gi­re dal­la cit­tà e vi­ve­re in ma­re. L’idea era nata su­bi­to do­po il viag­gio di noz­ze, ma co­me spes­so ac­ca­de, era ri­ma­sta lì. «Poi quan­do ti ac­cor­gi che la tua com­pa­gna è stu­fa, fai quel­lo che di­ce!», scher­za, ma non trop­po Fa­bio che con­ti­nua un po’ più se­ria­men­te ma sen­za per­de­re mai il sor­ri­so: «Quan­do rea­liz­zi che tu, in­for­ma­ti­co, la­vo­ri 13 ore al gior­no, tua mo­glie, sto­re ma­na­ger, la­vo­ra 13 ore al gior­no e spes­so an­che il fi­ne set­ti­ma­na, i fi­gli van­no a scuo­la al­tre 8 ore… Ti do­man­di: ma quan­do lo fac­cia­mo? Co­sì, per evi­ta­re che ri­ma­nes­se un’idea ab­bia­mo det­to: ci dia­mo due an­ni (che sca­do­no a ot­to­bre quan­do Va­le­rio do­vrà an­da­re al­le scuo­le me­die, ndr) e lo fac­cia­mo», rac­con­ta Fa­bio.

E in ef­fet­ti so­no par­ti­ti. E da lo­ro che or­mai so­no di­ven­ta­ti de­gli esper­ti ci sia­mo fat­ti rac­con­ta­re co­me si tra­sfor­ma una bar­ca in una ve­ra ca­sa in cui vi­ve­re 12 me­si all’an­no (e fa­cen­do me­no por­to pos­si­bi­le).

I Por­te­san par­to­no da un pre­sup­po­sto: l’im­por­tan­te per una fa­mi­glia non è do­ve sei ma lo sta­re in­sie­me. Per que­sto, di­co­no, non c’è sta­to un gran­de la­vo­ro di per­so­na­liz­za­zio­ne. Ma è ne­ces­sa­ria una pre­mes­sa, co­me spie­ga Ma­ri­na: «Pri­ma di met­te­re ma­no al­la bar­ca, vi­ve­te­la un po’: tan­ti la­vo­ri fat­ti pri­ma ci sia­mo ac­cor­ti che po­te­va­mo evi­tar­li o rea­liz­zar­li in ma­nie­ra dif­fe­ren­te.

Usan­do­la ca­pi­sci co­sa ti ser­ve, non ser­ve ave­re fret­ta di mo­di­fi­ca­re». Per scen­de­re più nel det­ta­glio in­ter­vie­ne Fa­bio che spe­ci­fi­ca: «Gran­di mo­di­fi­che no, pe­rò è fon­da­men­ta­le di­spor­re di una buo­na ri­ser­va d’ac­qua». La fa­mi­glia Por­te­san ha scel­to un ex bar­ca da char­ter, l’Ocea­nis 430 Gen­ti­li­na «Vo­le­va­mo cam­biar­le il no­me e chia­mar­la Va­lei­la, che è ri­ma­sto poi il no­me del pro­get­to, poi l’ab­bia­mo vi­sta e ci è sem­bra­ta Gen­ti­li­na di no­me e di fat­to e co­sì non l’ab­bia­mo ri­bat­tez­za­ta».

Una bar­ca da 13 me­tri con quat­tro ca­bi­ne, 660 li­tri di ser­ba­toi per l’ac­qua, 200 li­tri ga­so­lio. Han­no ag­giun­to un ge­ne­ra­to­re in più, due pan­nel­li fo­to­vol­tai­ci da 100 W un ge­ne­ra­to­re eo­li­co da 400 W, «e cam­bia­to l’au­to­pi­lo­ta per ne­ces­si­tà e ades­so ne ab­bia­mo due: la pa­ro­la d’or­di­ne in bar­ca è ri­don­dan­za, ora ab­bia­mo tut­to dop­pio, per­ché quan­do qual­co­sa si rom­pe poi va tut­to a ca­te­na». In­som­ma pre­ve­ni­re aiu­ta a cu­ra­re, in que­sto ca­so. Ma la re­go­la per tro­va­re il mi­glior com­pro­mes­so è una: non ab­bia­te pau­ra di vi­ve­re la bar­ca per­ché è so­lo quan­do sie­te fuo­ri che ca­pi­re­te co­sa c’è dav­ve­ro da fa­re. Ma più an­co­ra che i ser­vi­zi e le do­ta­zio­ni a ren­de­re ca­sa una bar­ca è l’at­mo­sfe­ra. Spie­ga Fa­bio: «Im­por­tan­tis­si­mi so­no i qua

dri. Bi­so­gna por­ta­re i pro­pri qua­dri, le pro­prie co­se da at­tac­ca­re sen­nò non la sen­ti co­me una co­sa tua. Ab­bia­mo an­che crea­to la ca­me­ra dei bam­bi­ni e ab­bia­mo mes­so le no­stre fo­to­gra­fie al­le pa­ra­tie».

In­som­ma, ser­vo­no gli ef­fet­ti per­so­na­li che ri­cor­di­no una ca­sa, «ma con l'ac­cor­tez­za di met­ter­li in si­cu­rez­za, un po’ di più di quan­to si fa­reb­be con una bar­ca con cui si esce so­lo il wee­kend in mo­do che se ar­ri­va un po’ di ma­re ri­man­go­no a po­sto e in or­di­ne», di­ce Ma­ri­na. Per esem­pio i li­bri stan­no in qua­dra­to, ma li ab­bia­mo fer­ma­ti con una sa­go­la in mo­do che non va­da­no in gi­ro. In­fi­ne, non pre­ten­de­te di por­tar­vi tut­to die­tro. In bar­ca bi­so­gna ten­de­re al mi­ni­ma­li­smo: so­lo quel­lo che ser­ve dav­ve­ro. I Por­te­san già di­chia­ra­no di es­ser­lo sta­ti an­che a ter­ra: «ma ci sia­mo co­mun­que ac­cor­ti di es­ser­ci por­ta­ti die­tro trop­pa ro­ba. Do­po tre me­si di ma­re ti ren­di con­to che quel­lo che non usi per 10 gior­ni puoi eli­mi­nar­lo per­ché ef­fet­ti­va­men­te non ti ser­ve, non ne hai bi­so­gno».

Di ba­se bi­so­gna ri­cor­dar­si che la fe­li­ci­tà si mi­su­ra con un me­tro che ci si co­strui­sce e non si pren­de in pre­sti­to da al­tri. Ognu­no ha la sua di­men­sio­ne. «Ab­bia­mo vi­sto fa­mi­glie di quat­tro per­so­ne vi­ve­re fe­li­ce­men­te su barche di ot­to me­tri con il ten­da­li­no rea­liz­za­to in can­na di bam­bù e cu­ci­to a ma­no, co­sì co­me ab­bia­mo vi­sto cop­pie vi­ve­re su un me­ga­ca­ta­ma­ra­no da 50’ ipe­rac­ces­so­ria­to», ri­cor­da Ma­ri­na. È im­por­tan­te poi che i bam­bi­ni ab­bia­no i lo­ro spa­zi, non so­lo fi­si­ci, ma an­che emo­ti­vi e di cre­sci­ta per­so­na­le. Va­le­rio è un omi­no di 10 an­ni che ti dà ri­spo­ste di un’in­ten­si­tà ta­le da non ca­pi­re se la sua sia una do­te in­na­ta o frut­to dell’espe­rien­za che sta vi­ven­do.

Il suo im­pe­gno da ho­me­schoo­ler è la pri­ma co­sa che met­te sul ta­vo­lo quan­do gli chie­di: «Che co­sa fai in bar­ca?», «Stu­dio, leg­go, pe­sco...». Ha fi­ni­to le ele­men­ta­ri e quin­di la fa­mi­glia si chie­de se non sia il ca­so di far­gli af­fron­ta­re la scuo­la se­con­da­ria di pri­mo gra­do, le scuo­le me­die in un con­te­sto più “nor­ma­le”, ri­nun­cian­do al­la bar­ca e sce­glien­do una col­lo­ca­zio­ne co­mun­que vi­ci­na al ma­re. Va­le­rio leg­ge: «Pri­ma Roald Da­hl, quan­do ero più pic­co­lo, ora leg­go Ju­les Ver­ne, ho let­to an­che Har­ry Pot­ter, ma non mi è pia­ciu­to mol­to: è un po’ mo­no­to­no», spie­ga il gio­va­ne gi­ra­mon­do, ma so­prat­tut­to pe­sca. Co­me si ve­de in una del­le fo­to di que­sto ser­vi­zio, la sua pri­ma usci­ta “da adul­to” in au­to­no­mia è sta­ta pro­prio per an­da­re a pe­sca: «Ci sia­mo sve­glia­ti e ab­bia­mo tro­va­to un bi­gliet­to, quel­lo era il sa­lu­to di Va­le­rio, era an­da­to a pe­sca­re», rac­con­ta Fa­bio. «Pe­sco con qual­sia­si co­sa», pro­se­gue il gio­va­ne “Sam­pei”, «di­pen­de da do­ve so­no, se è un po­sto sab­bio­so va­do a pren­de­re i pe­sci con la fio­ci­na o con l’amo e su­gli sco­gli uso le pa­tel­le o le coz­ze. All’ini­zio ho uti­liz­za­to i ver­mi pe­rò non pren­de­vo mol­to, poi ma­no a ma­no fa­ce­vo espe­rien­za e so­prat­tut­to i pe­sca­to­ri che ho in­con­tra­to mi han­no in­se­gna­to che le co­se non si com­pra­no. Pri­mo per­ché gli ar­ti­co­li da pe­sca co­sta­no pa­rec­chio, e poi per­ché so­no an­che in­qui­nan­ti, co­me han­no det­to a Med­pla­stic (ra­gaz­zo sag­gio e at­ten­to!, ndr). Al­lo­ra uso le co­se che tro­vo di­ret­ta­men­te in na­tu­ra, e an­che i pe­sci so­no più abi­tua­ti a tut­to quel­lo di cui già si nu­tro­no in ma­re. In­fat­ti mi so­no chie­sto: ‘ma poi, i pe­sci, do­ve do­vreb­be­ro tro­va­re i ver­mi e le lar­ve?’ E in­fat­ti, da quan­do ho cam­bia­to esche ho pe­sca­to di più. Ec­co, non ne ho mai pe­sca­to di enor­mi, pe­rò era­no buo­ni!».

LA DINETTE CO­ME IL SOG­GIOR­NO I fi­gli di Fa­bio e Ma­ri­na Por­te­san Va­le­rio, 10 an­ni, e Lei­la­ni, 4, di­pin­go­no nel qua­dra­to dell’Ocea­nis 430 Gen­ti­li­na men­tre la gat­ta Vic­ky dor­me sul car­teg­gio. Il Be­ne­teau è da due an­ni la ca­sa gal­leg­gian­te del­la fa­mi­glia Por­te­san in gi­ro per il Me­di­ter­ra­neo.

UNA VI­TA IN CRO­CIE­RA Dall’al­to: i Por­te­san a Del­fi, do­ve han­no cer­ca­to le trac­ce del­la Pi­zia nel tem­pio dell’ora­co­lo del dio Apol­lo; Vic­ky, la gat­ta di bor­do (in­sie­me al più schi­vo Pa­cho, il gat­to); il po­st-it con cui Va­le­rio, ap­pas­sio­na­to pe­sca­to­re, ha di­chia­ra­to la sua in­ten­zio­ne (e il suo in­gres­so in un’età più adul­ta); Lei­la­ni e Va­le­rio nell’ama­ca sot­to lo sguar­do di Ma­ri­na men­tre Gen­ti­li­na è in ra­da nel­la ba­ia Ga­ri­tsa a Cor­fù.

DUE CUORI E UN OCEA­NIS È il 3 gen­na­io quan­do Gen­ti­li­na par­te da Por­to Le­van­te (Ro­vi­go). Fa­bio e Ma­ri­na fe­steg­gia­no con una bir­ra e un ba­cio in una bel­la, ma fre­sca, gior­na­ta in­ver­na­le che dà il via a una nuo­va vi­ta.

SCENE DI ORDINARIA MARINERIA A si­ni­stra in al­to: Gen­ti­li­na, l’Ocea­nis 430 del­la fa­mi­glia Por­te­san in ra­da. In ori­gi­ne la bar­ca do­ve­va es­se­re ri­bat­tez­za­ta Va­lei­la (Ve­le­rio+Lei­la­ni), ma un po’ per l’aspet­to un po’ per una ri­co­no­scen­za ver­so l’ex ar­ma­to­re è ri­ma­sto il no­me ori­gi­na­le. A si­ni­stra, in bas­so, il pas­sag­gio nel ca­na­le di Co­rin­to: «Noi an­da­va­mo quan­to po­te­va­mo, ma cor­re­va­no tut­ti di più», ri­cor­da Fa­bio. A de­stra, dall’al­to e da si­ni­stra: Va­le­rio, mam­ma Ma­ri­na e Lei­la­ni al­le pre­se con il pran­zo in poz­zet­to; un mo­men­to af­fet­tuo­so tra Lei­la­ni e mam­ma Ma­ri­na; si gio­ca a bor­do con le co­stru­zio­ni, pro­prio co­me si fa­reb­be a ca­sa; Gen­ti­li­na in por­to a Man­dra­ki, di fron­te, la co­sta dell’Al­ba­nia. Quan­do è ar­ri­va­ta la nuo­va zat­te­ra non si è per­sa l’oc­ca­sio­ne di pro­va­re a ve­de­re co­me fun­zio­na­va la vec­chia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.