Il po­lo dei ser­vi­zi par­te, ma il ro­gi­to non c'è an­co­ra

Il Notiziario - - Da Prima Pagina - di Om­bret­ta T. Ri­nie­ri

ARE­SE – Tut­to è pron­to per far par­ti­re nell’ex Al­fa Ro­meo l’in­cu­ba­to­re d’impresa, ora ri­bat­tez­za­to “Po­lo di ser­vi­zi all’impresa”, se­non­ché Aglar e Tea con­ti­nua­no a pro­cra­sti­na­re la ¿rma del ro­gi­to per il pas­sag­gio ai co­mu­ni di Are­se e Lai­na­te del ca­pan­no­ne in­du­stria­le do­ve il po­lo do­vreb­be pren­de­re cor­po.

L’ul­ti­ma doc­cia fred­da è di que­sti gior­ni. Dan­do per im­mi­nen­te la ces­sio­ne, il 24 apri­le scor­so l’as­ses­so­re al­le at­ti­vi­tà pro­dut­ti­ve Giu­sep­pe Au­gu­ru­sa ha por­ta­to in con­si­glio co­mu­na­le una va­rian­te al dup (do­cu­men­to uni­co di pro­gram­ma­zio­ne) 2018-20 vol­ta a sta­bi­li­re le ri­sor­se da met­te­re a ga­ra per individuare un sog­get­to ge­sto­re che pro­get­ti, pro­muo­va e ge­sti­sca il na­scen­te po­lo.

In al­ter­na­ti­va al­la con­ces­sio­ne, le am­mi­ni­stra­zio­ni han­no in­fat­ti deciso di pro­ce­de­re con un con­trat­to di ser­vi­zio per evi­ta­re una sor­ta di com­mi­stio­ne tra la pro­prie­tà pub­bli­ca del be­ne e quel­la pri­va­ti­sti­ca de­ri­van­te dal­la sti­pu­la di­ret­ta dei con­trat­ti con il lo­ca­ta­rio. Ma, a tutt’og­gi, non so­no an­co­ra di­ven­ta­te pro­prie­ta­rie del ca­pan­no­ne e, se nei pros­si­mi 60-70 gior­ni non do­ves­se par­ti­re la ga­ra, la de­li­be­ra con­si­lia­re di Are­se ap­pe­na ap­pro­va­ta de­ca­drà. In mez­zo le ele­zio­ni am­mi­ni­stra­ti­ve. Il che fa du­bi­ta­re che quel­la di Aglar e Tea sia una tec­ni­ca di­la­ta­to­ria dei tem­pi in at­te­sa di co­no­sce­re il nuo­vo sindaco che si sie­de­rà con lo­ro ai ta­vo­li re­gio­na­li per trat­ta­re i nuo­vi in­ter­ven­ti nell’ex Al­fa. Per pa­ra­re il col­po ed evi­ta­re nel frat­tem­po la de­ca­den­za del­la mo­di¿ca al dup, la giun­ta Pa­le­stra an­co­ra in ca­ri­ca, po­treb­be ap­pro­va­re il ca­pi­to­la­to di ga­ra. E chis­sà che non ci stia an­che pen­san­do al ¿ne di li­mi­ta­re i dan­ni del lo­go­rio cui so­no sot­to­po­ste le so­cie­tà che vor­reb­be­ro in­se­diar­si nel po­lo.

Era il 22 set­tem­bre 2015 quan­do Aglar eTea in­via­va­no ai co­mu­ne di Are­se e Lai­na­te una let­te­ra con cui in­for­ma­va­no di aver sot­to­scrit­to nel giu­gno pre­ce­den­te con Abp un con­trat­to pre­li­mi­na­re per l’ac­qui­sto di un ca­pan­no­ne in­du­stria­le del va­lo­re di 12 mi­lio­ni di eu­ro si­to die­tro il cen­tro com­mer­cia­le. Una strut­tu­ra co­strui­ta nel 2007, col­lau­da­ta nel 2011 e mai uti­liz­za­ta, che Aglar e Tea in­ten­de­va­no tra­sfe­ri­re ai due co­mu­ni ono­ran­do l’im­pe­gno sot­to­scrit­to nell’adp di ce­de­re o as­ser­vi­re al­le am­mi­ni­stra­zio­ni una strut­tu­ra nuo­va o da ri­strut­tu­ra­re per una su­per­fi­cie lor­da pa­ri a 11mi­la me­tri qua­dra­ti.

Nel set­tem­bre stes­so i due co­mu­ni por­ta­va­no la pro­po­sta nei ri­spet­ti­vi con­si­gli co­mu­na­li che ap­pro­va­va­no la pro­po­sta dei pri­va­ti. Suc­ces­si­va­men­te, tra feb­bra­io e mar­zo 2017, i co­mu­ni ap­pro­va­va­no di ac­qui­si­re un­di­ci ca­pan­no­ni a indirizzo in­du­stria­le e ar­ti­gia­na­le per una su­per¿cie to­ta­le di 11.321 mq (ol­tre 12 mi­lio­ni di eu­ro), di cui per il 54,9% nel­la di­spo­ni­bi­li­tà di Are­se con un’en­tra­ta nel patrimonio pub­bli­co di 6.480mi­la eu­ro. En­tram­bi i co­mu­ni in­ten­de­va­no as­se­gna­re gli spa­zi en­tro l’au­tun­no dell’an­no scor­so, ma ciò non è stato pos­si­bi­le per il man­ca­to per­fe­zio­na­men­to del ro­gi­to.

In­tan­to i co­mu­ni so­no an­da­ti avan­ti con la pro­ce­du­ra. Ora, nel­la de­li­be­ra ap­pro­va­ta ad apri­le per la ga­ra d’ap­pal­to del ge­sto­re, le li­nee gui­da per l’in­di­vi­dua­zio­ne del po­lo d’im­pre­se pre­ve­do­no un pri­mo con­trat­to di locazione tre an­ni più tre per un va­lo­re com­ples­si­vo nei sei an­ni di 816.893 eu­ro (di cui 450mi­la a ca­ri­co di Are­se) al net­to di Iva e an­nuo di 136mi­la eu­ro.

Sul­la ba­se di una sti­ma dei co­sti del ge­sto­re, di una va­lu­ta­zio­ne sul­la pre­sta­zio­ne, e di una va­lo­riz­za­zio­ne pro­gres­si­va, rag­giun­ta la sa­tu­ra­zio­ne del­la me­tà degli spa­zi, i co­mu­ni han­no deciso di ri­co­no­sce­re al ge­sto­re ol­tre il pun­to di pa­reg­gio un pre­mio in­cen­ti­van­te del 5% ag­giun­ti­vo per ogni strut­tu­ra aႈtta­ta in più.

Il co­sto del la­vo­ro im­ma­gi­na­to è tra i 40 e i 43mi­la eu­ro in quan­to il ge­sto­re do­vrà met­te­re a di­spo­si­zio­ne una per­so­na che si oc­cu­pi del­le re­la­zio­ni con le so­cie­tà co­me una sor­ta di am­mi­ni­stra­to­re con­do­mi­nia­le.

“L’at­to di ces­sio­ne del­la strut­tu­ra – ha det­to Giu­sep­pe Au­gu­ru­sa in con­si­glio co­mu­na­le - è stato con­di­vi­so con l’at­tua­le pro­prie­tà e con il co­mu­ne di Lai­na­te in quan­to si trat­ta di una strut­tu­ra in pro­prie­tà in­di­vi­sa di cui noi ab­bia­mo il 54 per cen­to. Cir­ca tre an­ni fa ab­bia­mo ini­zia­to con le pri­me de­li­be­re di giun­ta che in­di­ca­va­no co­sa avrem­mo fat­to di quel com­par­to, poi ab­bia­mo ap­pro­va­to le de­li­be­re sul­le mo­da­li­tà di ces­sio­ne e suc­ces­si­va­men­te i pro­to­col­li d’in­te­sa tra Are­se e Lai­na­te che sta­bi­li­va­no le com­pe­ten­ze. An­che per­ché que­sto pro­get­to si è a un cer­to pun­to in­ter­se­ca­to con un ban­do re­gio­na­le sull’at­trat­ti­vi­tà dei ter­ri­to­ri che ci ga­ran­ti­rà 100mi­la eu­ro ag­giun­ti­vi da in­ve­stir­vi. L’ope­ra­zio­ne su­gli 11mi­la mq è con­se­gna­ta ad Are­se, men­tre ca­po¿la sul ban­do dell’at­trat­ti­vi­tà è Lai­na­te. Ciò an­che per di­vi­de­re le fun­zio­ni degli spor­tel­li d’impresa cui com­por­te­rà un la­vo­ro im­por­tan­te”. Ora si aspet­ta so­lo il ro­gi­to.

L'as­ses­so­re Giu­sep­pe Au­gu­ru­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.