Spo­sta­re il cen­tro an­zia­ni nei lo­ca­li di via To­ti? Sì, ma ser­vo­no sol­di

Il Notiziario - - Bollate -

BOLLATE – Ci so­no im­por­tan­ti no­vi­tà in me­ri­to ai 600 me­tri qua­dri di spa­zi che il Co­mu­ne pos­sie­de in fon­do a via To­ti, nel pa­laz­zo sor­to all’an­go­lo di via 4 No­vem­bre, sopra al sot­to­pas­so. Si trat­ta del­la co­sid­det­ta area ex Sa­cic, un intervento ur­ba­ni­sti­co che ha vi­sto la de­mo­li­zio­ne dell’ex sta­bi­li­men­to e la co­stru­zio­ne di un nuo­vo pa­laz­zo. Ne­gli ac­cor­di sti­pu­la­ti tra il co­strut­to­re e il Co­mu­ne era pre­vi­sto che il co­strut­to­re ce­des­se gra­tui­ta­men­te uno spa­zio di 600 me­tri qua­dri po­sto al pia­no ter­re­no del nuo­vo pa­laz­zo, e co­sì è sta­to. Il Co­mu­ne è di fat­to pro­prie­ta­rio di quei 600 me­tri qua­dra­ti, ma de­ve decidere co­me uti­liz­zar­li.

L’idea che sta­va avan­zan­do, co­me ave­va­mo scrit­to al­cu­ni me­si fa, era di met­te­re lì la se­de del cen­tro di ria­bi­li­ta­zio­ne Don Gnoc­chi che og­gi oc­cu­pa i lo­ca­li del­la vec­chia scuo­la me­dia di Ospia­te. Il Co­mu­ne ave­va pre­so con­tat­to con il Don gnoc­chi di Mi­la­no per pro­por­re lo spo­sta­men­to e sem­bra­va che ini­zial­men­te vi fos­se in­te­res­se. In­ve­ce, do­po so­pral­luo­ghi e va­lu­ta­zio­ni, il Don Gnoc­chi ha fat­to sa­pe­re di non es­se­re in­te­res­sa­to a quei 600 me­tri qua­dri di via To­ti e di pre­fe­ri­re re­sta­re dov’è. Ha pe­rò co­mun­que l’esi­gen­za di am­plia­re i suoi spa­zi e lo ha già chie­sto al Co­mu­ne, il qua­le sta va­lu­tan­do la pos­si­bi­li­tà di as­se­gna­re in aႈtto al Don Gnoc­chi i lo­ca­li del vec­chio Cen­tro di Ag­gre­ga­zio­ne Gio­va­ni­le di via Ga­lim­ber­ti, che so­no pro­prio at­tac­ca­ti al Don Gnoc­chi.

Tor­nan­do in­ve­ce ai 600 me­tri qua­dra­ti di via To­ti, ades­so che è sfu­ma­ta la pos­si­bi­li­tà di col­lo­car­vi il Don Gnoc­chi oc­cor­re decidere co­me uti­liz­zar­li. Un’idea al­ter­na­ti­va c’è, os­sia spo­sta­re in via To­ti il Cen­tro an­zia­ni di via Ga­ri­bal­di ge­sti­to dall’Au­ser. Una so­lu­zio­ne che con­sen­ti­reb­be al Cen­tro an­zia­ni di cre­sce­re, poi­ché avreb­be spa­zi ben più am­pi ri­spet­to all’at­tua­le se­de. C’è pe­rò da su­pe­ra­re un osta­co­lo: per por­ta­re lì in via To­ti il Cen­tro an­zia­ni è ne­ces­sa­rio re­pe­ri­re del­le ri­sor­se eco­no­mi­che non in­diႇeren­ti per com­ple­ta­re i la­vo­ri e al­le­sti­re gli spa­zi. Se in via To­ti fos­se an­da­to il Don gnoc­chi, ci avreb­be pen­sa­to lui a ¿ni­re i la­vo­ri, in­ve­ce per spo­sta­re il Cen­tro an­zia­ni è ne­ces­sa­rio che i sol­di li met­ta ov­via­men­te il Co­mu­ne, ma so­no ri­sor­se che al mo­men­to a bi­lan­cio pa­re non ci sia­no. Per cui la si­tua­zio­ne, al mo­men­to, ri­ma­ne in stand – by, in at­te­sa che ven­ga­no pre­se de­ci­sio­ni.

Pie­ro Ubol­di

La nuo­va strut­tu­ra co­mu­na­le di via To­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.