“L’esta­te ba­ran­za­te­se al rit­mo del‘Ca­dre­ga dan­ce’, il bal­lo del­le se­die" At­tac­co di In­sie­me per Baranzate al sin­da­co do­po le va­rie di­mis­sio­ni

Il Notiziario - - Baranzate - P.U.

BARANZATE – La mag­gio­ran­za reg­ge, va avan­ti sen­za esi­ta­zio­ni, mal­gra­do le di­mis­sio­ni da ruo­li e in­ca­ri­chi di al­cu­ni com­po­nen­ti. Co­sì ci as­si­cu­ra­va set­ti­ma­na scor­sa il sin­da­co Lu­ca Elia, ma di que­sta so­li­di­tà non è co­sì cer­ta l’op­po­si­zio­ne di In­sie­me per Baranzate, che par­la di “Ca­dre­ga dan­ce” e de­nun­cia che, sotto l’ap­pa­ren­za tran­quil­li­tà, in real­tà nel­la li­sta di mag­gio­ran­za di Pro­get­to per Baranzate e nell’am­mi­ni­stra­zio­ne co­ve­reb­be­ro for­ti ten­sio­ni.

“L’esta­te ita­lia­na por­ta con sè il tor­men­to­ne – scri­ve IpB in un co­mu­ni­ca­to - Se que­st’an­no sul­le spiag­ge si bal­la con Al­va­ro So­ler e la sua canzone La Cin­tu­ra, a Baranzate il sin­da­co Elia si è sca­te­na­to con il Ca­dre­ga dan­ce, bal­let­to po­li­ti­co in punta di pie­di che met­te a pro­va la com­pat­tez­za mo­no­li­ti­ca del grup­po Elia­cen­tri­co. I suoi fe­de­lis­si­mi del­la pri­ma ora, spe­ri­men­ta­to il mo­do di fare biz­zo­so, au­to­ri­ta­rio, in­con­clu­den­te e ven­di­ca­ti­vo del lea­der, han­no pro­gres­si­va­men­te pre­so le di­stan­ze: ri­nun­ce all’in­ca­ri­co, re­sti­tu­zio­ne del­le de­le­ghe, di­mis­sio­ni “spin­ta­nee” si stan­no som­man­do in nu­me­ro ta­le da non po­ter più pas­sa­re inos­ser­va­te”.

E In­sie­me per Baranzate co­min­cia a fare l’elen­co: “Se le di­mis­sio­ni del Presidente del Con­si­glio Ales­san­dro Pe­pe so­no pas­sa­te to­tal­men­te sotto si­len­zio, co­sì co­me quel­le del Con­si­glie­re con de­le­ga as­ses­so­ri­le al Bi­lan­cio Al­fre­do Top­pe­ta, tut­te li­qui­da­te co­me “scel­te per mo­ti­vi per­so­na­li”, la ri­nun­cia al­la no­mi­na di Con­si­glie­re Co­mu­na­le di Sil­va­na Pi­ti­no ha ¿nal­men­te sco­per­chia­to la pen­to­la: le pa­ro­le spe­se e le pro­mes­se fat­te in campagna elet­to­ra­le non han­no vi­sto la lu­ce e que­sti tre an­ni so­no sta­ti ca­rat­te­riz­za­ti dal vuo­to am­mi­ni­stra­ti­vo e dal­lo sper­pe­ro sen­za cri­te­rio. La con­se­guen­za è sta­ta un ag­gra­var­si del­le si­tua­zio­ni più pro­ble­ma­ti­che e un con­ti­nuo tem­po­reg­gia­re su tut­to il re­sto sen­za agi­re. An­che il grup­po mes­so as­sie­me e in­dot­tri­na­to da Elia nei due an­ni pre­ce­den­ti le vo­ta­zio­ni del 2015 co­min­cia a prendere le di­stan­ze. Di­stan­ze che, pe­ral­tro, il grup­po ha pre­so an­che nei con­fron­ti di Mas­si­mo Na­to­li, or­mai ex as­ses­so­re che, ri­pre­so da te­le­ca­me­re na­sco­ste nell’oႈci­na del­la ma­la­vi­ta per 14 gior­ni su 60 di osservazione nell’am­bi­to del­le ope­ra­zio­ni dell’in­da­gi­ne Red Car­pe­ts, ha ras­se­gna­to le di­mis­sio­ni da as­ses­so­re (ma non an­che da con­si­glie­re co­mu­na­le!) con un co­mu­ni­ca­to sui so­cial. A que­sto co­mu­ni- ca­to è se­gui­to qual­che “mi pia­ce” dei suoi col­le­ghi di li­sta, po­chi a dir­la tut­ta, e nes­sun com­men­to scrit­to di so­li­da­rie­tà. Il mes­sag­gio che i suoi col­le­ghi la­scia­no in­ten­de­re è chia­ro: que­sto te­ma scot­ta, me­glio te­ner­si al­la lar­ga, op­pu­re sem­pli­ce­men­te se la sbri­ghi per con­to suo. Per­si­no il Sin­da­co Elia non è sta­to ge­ne­ro­so con il suo mag­gio­re por­ta­to­re di vo­ti e fau­to­re del­la vit­to­ria elet­to­ra­le: sul­la sua pa­gi­na so­cial por­ta l’at­ten­zio­ne sul­le la­stre di pie­tra (al­me­no 40 cen­ti­me­tri qua­dra­ti di super¿cie!) so­sti­tui­ti in via Con­ci­lia­zio­ne-Sau­ro, men­tre nul­la di­ce del suo ¿da­to col­la­bo­ra­to­re Mas­si­mo Na­to­li nel gior­no in cui il no­me del­lo stes­so fa il gi­ro del paese. Bel rin­gra­zia­men­to. An­che se, a vo­ler me­glio guar­da­re, il fat­to che Elia non ab­bia chie­sto a Na­to­li di di­met­ter­si an­che da Con­si­glie­re Co­mu­na­le la­scia in­tui­re una ta­ci­ta in­ten­zio­ne di ri­por­tar­lo in giun­ta nel pros­si­mo fu­tu­ro”.

“La giun­ta scric­chio­la ul­te­rior­men­te – con­ti­nua IpB - con la ri­nun­cia al­la ca­ri­ca di vi­ce Sin­da­co, ma non an­che di as­ses­so­re, di Ric­car­do Ros­si­ni: del­la se­rie “a me l’in­den­ni­tà ma non le re­spon­sa­bi­li­tà”. In ef­fet­ti fare le ve­ci di chi non sa la­vo­ra­re non pia­ce­reb­be a nes­su­no, a meno di non ave­re al­tre prio­ri­tà. E qui si fa stra­da la no­vi­tà esti­va: già, per­ché l’as­ses­so­re Mat­teo Ma­la­spi­na da giu­gno ri­co­pre l’in­ca­ri­co a tem­po pie­no. Co­me ap­pren­dia­mo dal­la de­ter­mi­na­zio­ne n. 283 del 14/06/2018, non la­vo­ran­do più co­me dipendente, dal me­se di giu­gno per­ce­pi­sce un com­pen­so men­si­le al 100%, che ha co­stret­to l’en­te a prevedere uno spo­sta­men­to di de­na­ro di cir­ca 5.700 eu­ro. Co­me se Baranzate non spen­des­se già ab­ba­stan­za per la Giun­ta più co­sto­sa del­la zo­na! Ave­re Ma­la­spi­na co­me Vi­ce po­treb­be aiu­ta­re Lu­ca Elia a ri­co­strui­re i rap­por­ti con gli al­tri rap­pre­sen­tan­ti di zo­na del Par­ti­to De­mo- cra­ti­co con cui i rap­por­ti so­no tutt’al­tro che buo­ni. Il man­ca­to rap­por­to di sti­ma con i Sin­da­ci del­la zo­na pa­re co­mun­que re­ci­pro­co, con­si­de­ra­to che il Sin­da­co più so­cial dell’hin­ter­land è sta­to il so­lo a non po­sta­re mes­sag­gi di in­co­rag­gia­men­to ai suoi col­le­ghi di par­ti­to che re­cen­te­men­te so­no an­da­ti a ele­zio­ni nel­la zo­na. Ma­la­spi­na è il so­lo col­la­bo­ra­to­re di Elia a far par­te del­la si­ni­stra at­ti­va e, in vi­sta del­la pros­si­ma campagna elet­to­ra­le, il Sin­da­co in ca­ri­ca avrà bi­so­gno di un sim­bo­lo che rac­col­ga an­co­ra un po’ di vo­ti si­cu­ri a pre­scin­de­re dal­la qua­li­tà del suo ope­ra­to”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.