Il Sole 24 Ore

Na­po­li­ta­no fre­na il de­cre­to

Il ca­po dello Sta­to chie­de di coin­vol­ge­re le Ca­me­re - «L’art. 18? So­lo una par­te»

- Di­no Pe­so­le

Sul­la ri­for­ma del mercato del la­vo­ro, la po­si­zio­ne di Gior­gio Na­po­li­ta­no (che mol­to pro­ba­bil­men­te in­con­tre­rà og­gi Mon­ti al Qu­ri­na­le) è che la scel­ta del vei­co­lo nor­ma­ti­vo deb­ba es­se­re con­se­guen­te a quel­la che i suoi col­la­bo­ra­to­ri de­fi­ni­sco­no «la di­chia­ra­ta vo­lon­tà di una in­ter­lo­cu­zio­ne con il Par­la­men­to». Non po­trà es­se­re dun­que un de­cre­to leg­ge, quel­lo che og­gi il go­ver­no do­vreb­be an­nun­cia­re al ter­mi­ne del nuo­vo round a pa­laz­zo Chi­gi con le par­ti so­cia­li. Si ra­gio­na sul­lo stru­men­to del di­se­gno di leg­ge or­di­na­rio, che apre la stra­da (an­che più del di­se­gno di leg­ge de­le­ga) a pos­si­bi­li mo­di­fi­che so­prat­tut­to sul­le mo­di­fi­che in ar­ri­vo sull’ar­ti­co­lo 18. La va­ria­bi­le po­li­ti­ca è de­ci­si­va, se con­si­de­ra che il Pd ri­schia una pro­fon­da spac­ca­tu­ra su que­sta de­ci­si­va que­stio­ne con pos­si­bi­li ef­fet­ti sul­la te­nu­ta del­la coa­li­zio­ne. Il so­ste­gno di uno dei tre "azio­ni­sti" dell’at­tua­le mag­gio­ran­za è pre­zio­so al pa­ri di quel­lo de­gli al­tri.

Nei con­tat­ti di que­ste ore, a par­ti­re dall’incontro di lu­ne­dì se­ra al Colle con Ma­rio Mon­ti ed El­sa For­ne­ro, la li­nea di Na­po­li­ta­no non è mu­ta­ta: oc­cor­re sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà da par­te di tut­ti nell’in­te­res­se su­pe­rio­re del pae­se, e la ri­for­ma è tan­to più so­li­da quan­to mag­gio­re sa­rà il con­sen­so con il qua­le fa­rà il suo in­gres­so in Par­la­men­to. Si at­ten­de in ogni ca­so l’esi­to dell’incontro di og­gi. La ri­for­ma del mercato del la­vo­ro - ha os­ser­va­to il Ca­po dello Sta­to in mar­gi­ne del­la sua vi­si­ta a Vernazza, il bor­go del­le Cin­que ter­re col­pi­to dall’al­lu­vio­ne lo scor­so 25 ot­to­bre - non può es­se­re iden­ti­fi­ca­ta «con la so­la mo­di­fi­ca dell’ar­ti­co­lo 18. Per po­ter da­re un giudizio bi­so­gna ve­de­re il qua­dro di in­sie­me». Do­vrà es­se­re il go­ver­no a de­ci­de­re la «for­ma le­gi­sla­ti­va», ma è evi­den­te che l’in­di­ca­zio­ne di percorso che giun­ge dal Colle ha un pe­so de­ter­mi­nan­te. «Mi au­gu­ro che ci sia at­ten­zio­ne e mi­su­ra nel giudizio da par­te di tut­ti. Poi, na­tu­ral­men­te, dopo che il go­ver­no avrà da­to for­ma le­gi­sla­ti­va ai prov­ve­di­men­ti con­se­guen­ti, la pa­ro­la pas­se­rà al Par­la­men­to».

A Vernazza, Na­po­li­ta­no ha par­la­to di tu­te­la del ter­ri­to­rio e si è com­mos­so ri­vol­gen­do­si ai sin­da­ci dei Co­mu­ni del­la Li­gu­ria, del­la To­sca­na e del­la Si­ci­lia col­pi­ti dal­le al­lu­vio­ni: «Quel­lo che per voi è grande spe­ran­za, per me è grande re­spon­sa­bi­li­tà». Tor­na la que­stio­ne del­le ri­sor­se, da cui non si può pre­scin­de­re. La ri­du­zio­ne se­let­ti­va del­la spe­sa pub­bli­ca - os­ser­va il Ca­po dello Sta­to - è la stra­da mae­stra. «Non è ve­ro che non esi­sto­no prio­ri­tà, sa­reb­be la ne­ga­zio­ne del­la po­li­ti­ca». Cer­to non si può pre­scin­de­re dal­la con­sta­ta­zio­ne che le ri­sor­se a di­spo­si­zio­ne so­no li­mi­ta­te: «Dob­bia­mo ca­pir­lo tut­ti. Non pos­sia­mo sca­ri­ca­re que­sta montagna di de­bi­to pub­bli­co sui gio­va­ni. Con me­no in­te­res­si da pa­ga­re, po­trem­mo ave­re tra i 10 e i 20 mi­liar­di di eu­ro da de­sti­na­re al­le prio­ri­tà». E tra que­ste in pri­mis­si­mo pia­no c’è la tu­te­la del ter­ri­to­rio, be­ne pri­ma­rio da pre­ser­va­re e tu­te­la­re. Lo si fa ab­ban­do­nan­do la lo­gi­ca dei ta­gli li­nea­ri per av­via­re ope­ra­zio­ni se­let­ti­ve: ri­dur­re do­ve è ne­ces­sa­rio, in­cre­men­ta­re le ri­sor­se nei set­to­ri stra­te­gi­ci per il fu­tu­ro del pae­se. È esat­ta­men­te que­sto il com­pi­to del­la po­li­ti­ca.

Sul­la ri­co­stru­zio­ne e sui pro­ble­mi am­bien­ta­li, «ci so­no po­li­ti­che su cui bi­so­gna tro­va­re una con­ver­gen­za e poi an­da­re avan­ti sul­la stra­da de­ci­sa». Con­cet­ti che ha riaf­fer­ma­to nel po­me­rig­gio a Bor­ghet­to Va­ra, il pic­co­lo pae­se dell’en­tro­ter­ra spez­zi­no che ha pa­ga­to il prez­zo più al­to in ter­mi­ni di vite uma­ne nel cor­so dell’al­lu­vio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy