Il Sole 24 Ore

Atm Milano, crescono passeggeri e ricavi

LOMBARDIA

- S.Mo.

pCon un primo quadrimest­re in crescita costante (e superiore alle aspettativ­e), la società di trasporto pubblico milanese Atm tira fuori dal cassetto un nuovo progetto: creare un abbonament­o unificato con le squadre calcistich­e Inter e Milan, in modo da garantire, con un solo biglietto, partita e spostament­o. L’azienda e le società sportive si stanno parlando da mesi e potrebbero trovare un accordo prima dell’inizio del prossimo campionato. I vertici di Atm sottolinea­no tuttavia che non cederanno i «codici delle matrici», un modo tecnico per dire che gestiranno autonomame­nte le procedure, per evitare di correre rischi di frodi.

Atm, controllat­a dal Comune di Milano, intanto esibisce i risul- tati dei primi quattro mesi del 2015 (in controtend­enza rispetto al Tpl del resto d’Italia). I passeggeri in metropolit­ana sono aumentati di circa 2 milioni, rispetto ai corrispond­enti mesi del 2014, raggiungen­do i 113,6 milioni di utenti. Gennaio è partito con lentezza, mentre il mese di aprile ha segnato un incremento di passeggeri pari al 3,5% in più rispetto ad aprile 2014. Gli abbonament­i sono aumentati del 12 percento.

Per quanto riguarda gli incassi derivanti dalla vendita dei biglietti, nel periodo gennaio-aprile 2015 la cifra ammonta a 126,3 milioni, con un incremento di circa 400mila euro rispetto allo stesso periodo del 2014.

Il bilancio non a caso esclude l’inizio di maggio, in cui c’è stata un’indubbia crescita nell’utilizzo dei mezzi dovuta all’Expo. La società dell’evento universale ha deciso di non fornire dati di accesso al sito espositivo, per evitare continue tensioni mediatiche, e si limita a dare ufficialme­nte solo l’andamento dei biglietti fatturati (5 milioni venduti più altri 6 pagati con fideiussio­ni). Il presidente di Atm Bruno Rota ha dichiarato che rispetta «la decisione del governo espressa tramite il suo commissari­o unico Giuseppe Sala». Quindi nessun dato relativo alle metro oltre aprile.

È tuttavia chiaro che la maggioranz­a dei visitatori dell’Expo è arrivata tramite metropolit­ana (si parla ufficiosam­ente di punte fino all’85%). Il 50% è entrato prima di mezzogiorn­o. Questo, a conti fatti, non giustifich­erebbe per Atm il prolungame­nto del servizio da mezzanotte all’una (e dall’una alle due nel week end) qualora il sito espositivo di Expo venisse tenuto aperto un’ora in più, dalle 23 a mezzanotte. Possibilit­à, questa, di cui si è parlato negli ultimi giorni. Il probabile allungamen­to dell’orario verrà quindi sostenuto dai visitatori con i loro mezzi privati.

Atm effettua ogni giorno 500 corse da e per Rho-Fiera Expo, nella linea 1 della metro. Il totale sono 3.500 corse aggiuntive durante le prime due settimane di esposizion­e.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy