Il Sole 24 Ore

Ritornare in Italia per votare

-

Per chi voglia rientrare in Italia per votare, Trenitalia ha previsto un’apposita tariffa (la “Italian Elector”) sui viaggi internazio­nali in seconda classe da e per l’Italia. Peccato che non abbia previsto - ma non ci voleva grande perspicaci­a - che agli italiani residenti all’estero capiti di partire dall’estero. Infatti il sito delle nostre Ferrovie riporta testualmen­te che “l’'emissione dei biglietti per elettori avviene esclusivam­ente a cura delle biglietter­ie di Trenitalia”, quindi solo in Italia. Per il ritorno non c’è problema, ma per l’andata che agevolazio­ne è ? Impossibil­e anche farsi spedire il biglietto da parenti, perché in biglietter­ia occorre esibire carta d’identità e tessera elettorale. Eppure, con Internet, oggi si possono fare operazioni ben più complicate. Invece noi non possiamo comprare online nemmeno un biglietto internazio­nale normale (cioè non ridotto), non avendo Trenitalia pensato ad accordi con altri Paesi, per cui il biglietto “virtuale” non vale sulle tratte fuori confine. Triste dirlo, ma visto da fuori, il mio Paese appare sempre meno geniale e sempre più lontano.

Maurizio Pastore

Chêne-Bougeries (CH)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy