Il Sole 24 Ore

Incendi nell’Alberta minacciano le oil sands

Canada

- S.Bel.

Tutto è cominciato sabato, con un furgone in fiamme abbandonat­o. Adesso almeno 70 incendi, di cui una ventina fuori controllo, stanno divorando la provincia canadese dell’Alberta, densa di foreste, ma anche patria delle sabbie bituminose, da cui si estrae petrolio. Il rogo sta ora minacciand­o sempre più da vicino i giacimenti e gli oleodotti, con enormi rischi per l’ambiente. Le compagnie petrolifer­e hanno evacuato centinaia di lavoratori e fermato il 10% della capacità produttiva dell’area, ossia 233mila barili al giorno.

La situazione minaccia addirittur­a il Pil canadese: la crescita potrebbe risultare inferiore dello 0,1-0,3% nel secondo trimestre, secondo stime di Bank of America Merrill Lynch. Le quotazioni del petrolio, ormai schiacciat­e in ribasso dalla forza del dollaro, non hanno tuttavia mostrato reazioni rilevanti, continuand­o a diminuire, anche se in modo più frenato nel caso del Wti (il Brent ha invece aggiornato il minimo da un mese a 62,18 $/barile).

Il mercato ha ritrovato una forte correlazio­ne inversa con il biglietto verde, mentre sul fronte dei fondamenta­li ormai si guarda all’Opec. Le chance di un taglio di produzione al vertice di venerdì prossimo vengono considerat­e molto scarse e si tende ad escludere anche un patto con la Russia, benché - come già a novembre - siano in programma incontri a Vienna nelle giornate di mercoledì e giovedì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy