«The Do­nald» vuo­le chiu­de­re l’Ame­ri­ca tra i suoi ma­ri

I se­gna­li di un ri­tor­no ver­so un na­zio­na­list­mo mu­sco­la­re so­no evi­den­ti

Il Sole 24 Ore - - I Fatti Del Giorno - Ugo Tram­bal­li

Il ri­tor­no di Woo­drow Wil­son a Wa­shing­ton do­po la pa­ce di Ver­sail­les, fu trion­fa­le. Ma il pre­si­den­te ame­ri­ca­no non riu­scì mai a far ra­ti­fi­ca­re quel trat­ta­to in­ter­na­zio­na­le per l'op­po­si­zio­ne di Hen­ry Ca­bot Lod­ge: il re­pub­bli­ca­no che vo­le­va ri­chiu­de­re l'Ame­ri­ca fra i suoi due ocea­ni e la­scia­re l'Eu­ro­pa ai ris­so­si na­zio­na­li­smi che nem­me­no il gran­de mas­sa­cro nel­le trin­cee del­la Gran­de Guer­ra ave­va so­pi­to.

Il pas­sa­to è sem­pre uti­le per ca­pi­re il pre­sen­te. A ca­pi­re per esem­pio lo scon­tro di ie­ri fra Em­ma­nuel Macron e Do­nald Trump, che nes­su­no dei due ha cer­ca­to di na­scon­de­re. Di fron­te al­la mi­nac­cia rus­sa, ci­ne­se e ora a un'Ame­ri­ca inat­ten­di­bi­le, il fran­ce­se ave­va esor­ta­to l'Eu­ro­pa a crea­re un si­ste­ma di di­fe­sa in­di­pen­den­te.

La ce­ri­mo­nia di Pa­ri­gi, og­gi, è mol­to più del cen­te­si­mo an­ni­ver­sa­rio dell'ar­mi­sti­zio che po­se fi­ne al Pri­mo con­flit­to mon­dia­le (la guer­ra che do­ve­va por­re fi­ne a tut­te le guer­re, di­ce­va­no gli esper­ti): è un me­men­to per i no­stri gior­ni. Il re­pub­bli­ca­no Do­nald Trump vuo­le ri­chiu­de­re l'Ame­ri­ca den­tro i suoi mu­ri; e i se­gna­li di un ri­tor­no a vec­chie for­me di na­zio­na­li­smo mu­sco­la­re, so­no sem­pre più in­quie­tan­ti fra gli eu­ro­pei.

E' no­te­vo­le l'elen­co dei ca­pi di sta­to e di go­ver­no che par­te­ci­pa­no al­la ce­le­bra­zio­ne di og­gi: al­cu­ni di pae­si che nel 1918 nem­me­no esi­ste­va­no. Ma l'at­mo­sfe­ra è mol­to di­ver­sa da quel gior­no del 1984, quan­do il te­de­sco Hel­mut Ko­hl e il fran­ce­se Fra­nçois Mit­te­rand com­me­mo­ra­ro­no la bat­ta­glia di Ver­dun te­nen­do­si per ma­no, ce­le­bran­do un nuo­vo bat­te­si­mo d'Eu­ro­pa.

Og­gi i lea­der più im­por­tan­ti avran­no mol­ti ma bre­vi in­con­tri bi­la­te­ra­li sui con­flit­ti in cor­so, le cri­si che si ma­te­ria­liz­za­no, i da­zi e le guer­re com­mer­cia­li che ap­pa­io­no sem­pre più at­traen­ti. Man­che­rà una sin­te­si, e que­sto sa­reb­be na­tu­ra­le in oc­ca­sio­ni co­sì ple­to­ri­che. Ma ora tut­to que­sto ac­ca­de in as­sen­za di un vi­si­bi­le con­cer­to del­le na­zio­ni, di un si­ste­ma di si­cu­rez­za col­let­ti­va che fun­zio­ni. Co­me ai tem­pi del­la Guer­ra fred­da ame­ri­ca­ni, rus­si e gli eu­ro­pei più im­por­tan­ti og­gi han­no po­che co­se in co­mu­ne e mol­ti in­te­res­si na­zio­na­li nel­le guer­re me­dio­rien­ta­li che ar­ma­no e a vol­te com­bat­to­no. Per la pri­ma vol­ta so­no mes­se in di­scus­sio­ne le ra­gio­ni dell'Unio­ne eu­ro­pea. Sem­bra­no ave­re me­no pre­sa per­fi­no gli ac­cor­di sul­la li­mi­ta­zio­ne del­le ar­mi ato­mi­che: sem­pre me­no ta­bù ci se­pa­ra­no dal­la mo­struo­si­tà de­gli ar­se­na­li nu­clea­ri.

Le im­ma­gi­ni di do­ma­ni ci mo­stre­ran­no un ra­du­no di lea­der sor­ri­den­ti, stret­te di ma­no, bi­sbi­gli e fo­to di grup­po (for­se). A guar­dar­li, ci sem­bre­rà che non ci sia un len­to ma co­stan­te de­te­rio­ra­men­to del­la convivenza in­ter­na­zio­na­le. Co­me quan­do pri­ma del 1914 pre­si­den­ti e mo­nar­chi eu­ro­pei, qua­si tut­ti cu­gi­ni fra lo­ro, s'in­con­tra­va­no con­vin­ti che non ci sa­reb­be sta­to un con­flit­to. E che se ci fos­se sta­to, sa­reb­be du­ra­to po­co e avreb­be gio­va­to agli equi­li­bri d'Eu­ro­pa. Quel­li, co­me i no­stri lea­der di Pa­ri­gi: tut­ti son­nam­bu­li, per ci­ta­re il li­bro di Ch­ri­sto­pher Clark sul­la mio­pia con la qua­le il vec­chio con­ti­nen­te an­dò ver­so il mas­sa­cro del 1914/18.

Im­me­dia­ta­men­te do­po il ri­cor­do dell'ar­mi­sti­zio del 1918, a Pa­ler­mo si re­ci­te­rà un'al­tra rap­pre­sen­ta­zio­ne in­ter­na­zio­na­le. Non c'è nul­la di ma­le che l'Ita­lia vo­glia ave­re un ruo­lo di pri­mo pia­no nel­la cri­si li­bi­ca: è un do­ve­re. Ma for­se non era ne­ces­sa­rio cer­ca­re un tea­tro glo­ba­le col ri­schio di ave­re im­ba­raz­zan­ti rifiuti. Se poi a Pa­ler­mo non ci fos­se­ro nem­me­no al­cu­ni dei di­ret­ti in­te­res­sa­ti li­bi­ci, il fal­li­men­to sa­reb­be umi­lian­te. Stia­mo ri­schian­do di es­se­re fret­to­lo­si co­me i fran­ce­si che do­vreb­be­ro es­se­re part­ner e in­ve­ce so­no no­stri con­cor­ren­ti. Lo­ro pre­ten­de­va­no di or­ga­niz­za­re ele­zio­ni trop­po pre­sto; noi cer­chia­mo una sce­na, pur sa­pen­do quan­to an­co­ra sia il tem­po del ne­go­zia­to in­ten­so e di­scre­to, lon­ta­no dai ri­flet­to­ri.

L’Eu­ro­pa di og­gi, co­sì di­ver­sa da quel­la di Ko­hl e Mit­te­rand: al­cu­ni Pae­si, nel 1984, non esi­ste­va­no nep­pu­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.