Bloc­k­chain so­prav­va­lu­ta­ta? Più fi­nan­za e me­no po­li­ti­ca

Parla Tom Lyons, di­ret­to­re di Con­sen­sys, tra i mas­si­mi esper­ti del­la tec­no­lo­gia. Ec­co do­ve vin­ce­rà

Il Sole 24 Ore - - Visioni Di Frontiera Nòva - Lu­ca Tre­mo­la­da

La bloc­k­chain for­se è un po­chi­no trop­po so­prav­va­lu­ta­ta. A pen­sar­la co­sì è si­cu­ra­men­te il Go­ver­no au­stra­lia­no. Nei gior­ni scor­si at­tra­ver­so la pro­pria Agen­zia per la tra­sfor­ma­zio­ne di­gi­ta­le (Dta) e al­la fi­ne di uno stu­dio du­ra­to un pa­io di an­ni e co­sta­to mez­zo mi­lio­ne di eu­ro avreb­be con­clu­so che que­sta tec­no­lo­gia non è an­co­ra pron­ta per es­se­re fi­nan­zia­ta. Co­me di­re, nel bre­ve, me­glio in­ve­sti­re su al­tro. «In real­tà – com­men­ta Tom Lyons al So­le 24 Ore – la Di­gi­tal Tran­sfor­ma­tion Agen­cy ha ri­co­no­sciu­to che si trat­ta di una tec­no­lo­gia in­te­res­san­te, ma evi­den­te­men­te an­co­ra non ve­de ap­pli­ca­zio­ni uti­li. Al con­tra­rio – ag­giun­ge il di­ret­to­re del­la ri­cer­ca di Con­sen­sys – so­no mol­ti che cre­do­no nel­la bloc­k­chain tra cui mol­tis­si­me isti­tu­zio­ni go­ver­na­ti­ve co­me ad esem­pio l’Unio­ne eu­ro­pea che ha già in­ve­sti­to 80 mi­lio­ni di eu­ro sul­lo svi­lup­po di pro­get­ti di da­ta­ba­se di­stri­bui­ti e si è det­ta pron­ta a met­te­re sul ta­vo­lo al­tri 340 mi­lio­ni di eu­ro da qui al 2022».

Tom Lyons, che sa­rà ospi­te mer­co­le­dì a Mi­la­no a Fu­tu­re­land per par­la­re pro­prio di bloc­k­chain non è una vo­ce fuo­ri dal co­ro, ma un in­te­ger­ri­mo sto­ry­tel­ler di que­sta di­bat­tu­tis­si­ma tec­no­lo­gia. Ex col­let­to bian­co di Wall Street al­le pri­me av­vi­sa­glie si è con­ver­ti­to al­la bloc­k­chain per poi di­ven­ta­re di­ret­to­re di una or­ga­niz­za­zio­ne glo­ba­le che si pro­po­ne di «co­strui­re e dif­fon­de­re in­fra­strut­tu­re, ap­pli­ca­zio­ni e pra­ti­che che abi­li­ta­no un mon­do de­cen­tra­liz­za­to». Un di­vul­ga­to­re in­te­res­sa­to, quin­di. Con­sen­sys è di par­te, nel sen­so che ap­par­tie­ne al­la “ban­da” di Ethe­reum , una del­le nu­me­ro­se de­cli­na­zio­ni di que­sta nuo­va pro­mes­sa di cam­bio di pa­ra­dig­ma. Per spie­ga­re in mo­do sem­pli­ce la dif­fe­ren­za con gli al­tri si­ste­mi pos­sia­mo di­re che, se con bloc­k­chain in­ten­dia­mo una piat­ta­for­ma per “da­ta­ba­se di­stri­bui­ti“, Ethe­reum è una piat­ta­for­ma per “com­pu­ting di­stri­bui­to”. Il pro­get­to na­sce e si svi­lup­pa co­me una bloc­k­chain pub­bli­ca nel­la for­ma di piat­ta­for­ma di di­stri­bu­ted com­pu­ting open sour­ce. Non è so­lo una mo­ne­ta di­gi­ta­le, ma è sta­ta con­ce­pi­ta per svi­lup­pa­re pro­get­ti tec­no­lo­gi­ci, per fa­vo­ri­re lo svi­lup­po di nuo­ve crip­to­va­lu­te, che per l’ap­pun­to si ap­pog­gia­no nel­la fa­se di star­tup(Ico) sul­la re­te Ethe­reum. «Se pen­sia­mo a ca­si di suc­ces­so ov­via­men­te c’è bit­coin – in­si­ste Lyons - e ri­cor­do che ce­le­bre­rà il suo de­ci­mo an­ni­ver­sa­rio a gen­na­io. In ter­mi­ni di ca­si d’uso non le­ga­ti al­le crip­to­va­lu­te, in­ve­ce quel­lo più in­te­res­san­te è quan­to av­ve­nu­to in Sviz­ze­ra, nel­la cit­tà di Zug, do­ve è sta­ta adot­ta­ta con suc­ces­so la bloc­k­chain per il pri­mo voto elet­tro­ni­co con­sul­ti­vo».

In real­tà an­che nel­la cit­ta­di­na giap­po­ne­se di Tsu­ku­ba ci so­no spe­ri­men­ta­zio­ni in que­sto sen­so. Al­tri ca­si spo­ra­di­ci in Co­lom­bia e Da­ni­mar­ca. Non tut­ti so­no an­da­ti be­ne. An­zi, co­me ha com­men­ta­to l’Oc­se re­sta­no no­di le­ga­ti al­la cul­tu­ra, al­la di­gi­ta­liz­za­zio­ne, al co­di­ce che de­ve es­se­re open sour­ce per es­se­re tra­spa­ren­te e a pro­va di hac­king. A mon­te, in po­li­ti­ca co­me ne­gli al­tri set­to­ri, l’osta­co­lo è l’ac­cet­ta­zio­ne in ter­mi­ni di nuo­vi re­go­la­men­ti che il vec­chio mon­do cen­tra­liz­za­to de­ve at­tua­re nei con­fron­ti del nuo­vo de-cen­tra­liz­za­to. I no­di pe­rò non so­no so­lo di natura re­go­la­to­ria. Per quan­to non esi­sta­no ne­mi­ci ve­ri del­la bloc­k­chain è dif­fu­so un sen­sa­to sciet­ti­ci­smo sul­la pos­si­bi­li­tà di usa­re que­sto ti­po di re­te per ri­sol­ve­re tut­ti i pro­ble­mi del mon­do. L’uni­co a es­ser­si po­sto in mo­do fron­ta­le con­tro que­sta tec­no­lo­gia è sta­to l’eco­no­mi­sta Nou­riel Rou­bi­ni che avreb­be de­fi­ni­to la bloc­k­chain una tec­no­lo­gia inu­ti­le e so­vra­di­men­sio­na­ta. Ma in real­tà le sue cri­ti­che si so­no con­cen­tra­te sul­la po­ca sca­la­bi­li­tà di bit­coin. Ri­co­ri­da­mo che in ef­fet­ti il co­di­ce al­la ba­se è ri­ma­sto qua­si im­mu­ta­to per ot­to an­ni, tra­sci­nan­do­si die­tro i li­mi­ti del pe­rio­do. Se­con­do Lyons qual­co­sa cam­bie­rà dav­ve­ro quan­do an­che i re­go­la­to­ri avran­no più con­vin­zio­ne.

«La Sec, l’or­ga­no di vi­gi­lan­za dei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri di Wall Street, sta stu­dian­do la bloc­k­chain co­me tec­no­lo­gia, co­me at­te­sta il re­cen­te lan­cio di Fi­nHub. Pre­ve­do che i re­go­la­to­ri ame­ri­ca­ni con­ti­nue­ran­no il lo­ro cor­so di scru­ta­re at­ten­ta­men­te le Ico e gli in­ve­sti­men­ti del­le crip­to­va­lu­te, men­tre si im­pe­gna­no con la tec­no­lo­gia co­me par­te del lo­ro sup­por­to ge­ne­ra­le a Fin­te­ch».

«Dif­fi­ci­le ar­mo­niz­za­re re­go­le del vec­chio mon­do nei con­fron­ti del nuo­vo de­cen­tra­liz­za­to»

Chi è Tom Lyons Di­ret­to­re ese­cu­ti­vo di Con­sen­sys e tra i più pro­fon­di co­no­sci­to­ri al mon­do del­la tec­no­lo­gia Bloc­k­chain. Ha con­tri­bui­to al­la fon­da­zio­ne del­la Cryp­to Val­ley As­so­cia­tion (CVA)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.