Da Ac­qua­la­gna a Car­pe­gna at­tra­ver­so 2mi­la an­ni di sto­ria

Il Sole 24 Ore - - .lifestyle - Mar­co Pe­ruz­zi

Da Ac­qua­la­gna a Car­pe­gna, e ri­tor­no, at­tra­ver­so 2mi­la an­ni di sto­ria. Il na­vi­ga­to­re se­gna­la che per com­ple­ta­re il gi­ro ci vor­ran­no 3 ore e mez­za, e nel cal­co­lo tie­ne con­to del traf­fi­co del mo­men­to (po­co), de­gli au­to­ve­lox e dei li­mi­ti di ve­lo­ci­tà. Ma non con­si­de­ra le bel­lez­ze di quel­le stra­de e di quei bor­ghi del­la pro­vin­cia di Pe­sa­ro e Ur­bi­no in cui tut­to ri­man­da al pas­sa­to e che ri­chie­do­no tem­po per es­se­re am­mi­ra­te. Sic­ché, al­la fi­ne, la du­ra­ta del viag­gio sa­rà mol­to più lun­ga.

Da Ac­qua­la­gna, una del­le ca­pi­ta­li ita­lia­ne del tar­tu­fo, par­tia­mo in mo­to ver­so il mon­te Car­pe­gna, zo­na di fron­tie­ra tra Mar­che e Ro­ma­gna, og­gi no­ta so­prat­tut­to per il pre­gia­to pro­sciut­to Dop ma in pas­sa­to ter­ra di san­ti, con­dot­tie­ri e, più re­cen­te­men­te, poe­ti. Lo stes­so na­vi­ga­to­re sug­ge­ri­sce più di una via per rag­giun­ger­lo. Si po­treb­be per esem­pio pren­de­re la Sp 257, l’Apec­chie­se um­bro-mar­chi­gia­na, che per gli ap­pas­sio­na­ti del­le due ruo­te è uno dei pas­si più bel­li e di­ver­ten­ti del Cen­tro Ita­lia. Ma Ac­qua­la­gna si­gni­fi­ca Go­la del Fur­lo, riserva na­tu­ra­le sel­vag­gia e in­con­ta­mi­na­ta per­cor­sa dall’an­ti­ca via Fla­mi­nia, e da lì de­ci­dia­mo dun­que di ini­zia­re il viag­gio: dal­la “Pe­tra Per­tu­sa”, la gal­le­ria sca­va­ta per vo­le­re di Ve­spa­sia­no per uni­re il ver­san­te tir­re­ni­co con quel­lo adria­ti­co de­gli Ap­pen­ni­ni, do­ve un’in­ci­sio­ne sul­la roc­cia ri­cor­da che quel pas­sag­gio di 38 me­tri ven­ne aper­to nel 76 do­po Cri­sto a col­pi di mar­tel­lo e scal­pel­lo; e poi dal­la più re­cen­te di­ga che ali­men­ta la cen­tra­le a val­le, co­strui­ta ne­gli an­ni Ven­ti: un’ope­ra di ol­tre 50 me­tri di al­tez­za e qua­si al­tret­tan­ti di co­ro­na­men­to che fa da ar­gi­ne e in­nal­za le ac­que sme­ral­di­ne del Can­di­glia­no, af­fluen­te del Me­tau­ro.

Sci­vo­lan­do con la mo­to sull’asfal­to li­scio ci la­scia­mo al­le spal­le l’an­co­ra ri­co­no­sci­bi­le pro­fi­lo di Be­ni­to Mus­so­li­ni – che qui pas­sa­va nei viag­gi da Ro­ma a Pre­dap­pio – scol­pi­to sul mon­te Pie­tra­la­ta e poi sfi­gu­ra­to dai par­ti­gia­ni a col­pi di can­no­ne e di­na­mi­te, e pun­tia­mo al­la vol­ta dell’area ar­cheo­lo­gi­ca di Fos­som­bro­ne. Lì at­tra­ver­sia­mo il Pon­te del­la Con­cor­dia, uno dei più bel­li del­le Mar­che – co­strui­to nel 1782, di­strut­to du­ran­te la se­con­da guer­ra mon­dia­le e ri­co­strui­to nel 1947 – e ci di­ri­gia­mo lun­go la Sp 48 ver­so Iso­la del Pia­no, tra il Fo­glia e il Me­tau­ro.

Fin qui la stra­da è sta­ta ric­ca di emo­zio­ni e pae­sag­gi uni­ci, per­fet­ta per una pas­seg­gia­ta a fi­lo di gas ma po­co ap­pa­gan­te per chi ama fre­na­te, pie­ghe e ac­ce­le­ra­zio­ni. Da Iso­la del Pia­no ci si im­met­te pe­rò nel­la Sp 58, nu­me­ro che ri­cor­da il pi­lo­ta di mo­togp Mar­co Si­mon­cel­li, e cam­bia tut­to: la stra­da si fa stret­ta in mez­zo al­la cam­pa­gna, a vol­te scon­nes­sa e tor­tuo­sa fi­no a Sco­ta­ne­to, e sa­le sui mon­ti del­le Ce­sa­ne, 650 me­tri di al­tez­za, che se il tem­po è bel­lo si ve­de an­che il ma­re. Poi ini­zia a scen­de­re in un dol­ce sus­se­guir­si di cur­ve fin­ché

Lun­go l’an­ti­ca Fla­mi­nia ver­so la Go­la del Fur­lo, viag­gio da Ve­spa­sia­no ai gior­ni no­stri tra pae­sag­gi in­con­ta­mi­na­ti

a un trat­to, die­tro a una pa­re­te roc­cio­sa, stret­ta tra le mu­ra e ada­gia­ta su due col­li ap­pa­re in tut­to il suo splen­do­re la bel­lis­si­ma Ur­bi­no, cul­la del Ri­na­sci­men­to.

Do­po una so­sta e una pas­seg­gia­ta nei vi­co­li del­la “cit­tà idea­le”, rag­giun­gia­mo Car­pe­gna pas­san­do per Sas­so­cor­va­ro e Ma­ce­ra­ta Fel­tria, ai pie­di del­la Roc­ca me­die­va­le di Mon­te Ce­ri­gno­ne. Sia­mo so­lo a me­tà stra­da e so­no pas­sa­te ben più del­le 3 ore e mez­za in­di­ca­te dal na­vi­ga­to­re a ini­zio viag­gio. Co­sì de­ci­dia­mo di rien­tra­re ad Ac­qua­la­gna per­cor­ren­do la Sp Fo­glien­se, ai con­fi­ni con la To­sca­na. Co­steg­gia­mo il ca­stel­lo di Bel­for­te fi­no ad ar­ri­va­re a Ur­ba­nia, di­mo­ra esti­va dei Du­chi di Ur­bi­no, e quin­di a Piob­bi­co, 20 chi­lo­me­tri dall’ar­ri­vo, su cui svet­ta lo splen­di­do Palazzo Bran­ca­leo­ni. Pa­ra­dos­sa­le o for­se com­pen­sa­ti­vo pen­sa­re che pro­prio qui, in mez­zo a tan­ta bel­lez­za, sia sta­to fon­da­to nel 1879 il “club dei brut­ti”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.