Nuo­ve pagelle con­tri­bu­ti­ve con­tro i fur­bet­ti del «reddito»

La Gdf e l’eva­sio­ne. De­but­ta­no gli «Isac», gli in­di­ca­to­ri in gra­do di va­lu­ta­re l’af­fi­da­bi­li­tà di cia­scun da­to­re di la­vo­ro nei ver­sa­men­ti So­ste­gno di cit­ta­di­nan­za. I fil­tri an­ti-abu­si tra au­to, ca­sa e dop­pi parametri eco­no­mi­ci Sem­pre più cru­cia­le l’Isee:

Il Sole 24 Ore - - Da Prima Pagina - Pa­gi­na a cu­ra di Va­len­ti­na Me­lis

Dop­pio fil­tro sui con­ti del­la fa­mi­glia che chie­de­rà il reddito di cit­ta­di­nan­za. Non ba­sta in­fat­ti ave­re un Isee en­tro 9.360 eu­ro. Ser­ve an­che un reddito fa­mi­lia­re sot­to 6mi­la eu­ro an­nui (per un sin­gle, che pas­sa a 8.400 eu­ro per due com­po­nen­ti e può au­men­ta­re con il cre­sce­re del nu­cleo). È quan­to pre­ve­de la boz­za di de­cre­to sul­la nuo­va mi­su­ra di con­tra­sto al­la po­ver­tà cir­co­la­ta nei gior­ni scor­si, che do­vreb­be es­se­re ap­pro­va­ta dal Con­si­glio dei mi­ni­stri que­sta set­ti­ma­na, do­po il via li­be­ra del­la Ra­gi one­ria del­lo Sta­to.

Due parametri eco­no­mi­ci da sod­di­sfa­re, quin­di, esat­ta­men­te co­me pre­vi­sto per il reddito di in­clu­sio­ne - la mi­su­ra già in uso dal 2017 e ver­so l’usci­ta di sce­na con l’ar­ri­vo del nuo­vo sus­si­dio che guar­da all’Isee ma an­che all’Isre, in­di­ca­to­re del­la si­tua­zio­ne red­di­tua­le. Ciò si­gni­fi­ca che, seb­be­ne le so­glie di ac­ces­so pre­vi­ste per il reddito di cit­ta­di­nan­za sia­no più ge­ne­ro­se ri­spet­to a quel­le del Rei (Isee en­tro 6mi­la eu­ro e Isre en­tro 3mi­la eu­ro), mol­ti ri­chie­den­ti po­treb­be­ro re­sta­re co­mun­que esclu­si dal­la nuo­va mi­su­ra, per­ché avran­no ma­ga­ri un Isee ade­gua­to (te­nu­to con­to di fran­chi­gie e age­vo­la­zio­ni pre­vi­ste dall’in­di­ca­to­re) ma non rien­tre­ran­no nei parametri red­di­tua­li. Del re­sto, an­che nel ca­so del reddito di in­clu­sio­ne, un ri­chie­den­te su due ri­sul­ta sen­za i re­qui­si­ti: per 379mi­la fa­mi­glie di be­ne­fi­cia­ri at­tua­li (cir­ca un mi­lio­ne di per­so­ne), le do­man­de pre­sen­ta­te era­no sta­te 787.982. Si­gni­fi­ca che quel­le ac­col­te so­no il 48% di quel­le ar­ri­va­te.

C’è un tet­to an­che per il pa­tri­mo­nio mo­bi­lia­re: con­ti cor­ren­ti, li­bret­ti di de­po­si­to, ti­to­li. Per ac­ce­de­re al reddito di cit­ta­di­nan­za, non bi­so­gna su­pe­ra­re 6mi­la eu­ro, che sal­go­no fi­no a 10mi­la eu­ro al cre­sce­re del nu­cleo, con ul­te­rio­ri ele­men­ti di ela­sti­ci­tà per fi­gli suc­ces­si­vi al se­con­do o fa­mi­lia­ri con di­sa­bi­li­tà. An­che in que­sto ca­so, l’aspi­ran­te be­ne­fi­cia­rio do­vrà fa­re un’ana­li­si at­ten­ta dei re­qui­si­ti, con­si­de­ran­do che il pa­tri­mo­nio mo­bi­lia­re me­dio, di­chia­ra­to da chi chie­de l’Isee per ac­ce­de­re a pre­sta­zio­ni so­cia­li age­vo­la­te o al­tro, è di 16.927 eu­ro. Un va­lo­re cre­sciu­to pro­gres­si­va­men­te ne­gli ul­ti­mi an­ni, so­prat­tut­to do­po la ri­for­ma dell’Isee nel 2015: la pos­si­bi­li­tà di usa­re per i con­trol­li i da­ti co­mu­ni­ca­ti da­gli in­ter­me­dia­ri fi­nan­zia­ri all’agen­zia del­le En­tra­te ha ri­dot­to dra­sti­ca­men­te gli Isee con pa­tri­mo­nio mo­bi­lia­re nul­lo. Era­no l’80% nel 2011 e so­no pas­sa­ti al 5,9% nel 2016 (ul­ti­mo da­to di­spo­ni­bi­le). Il va­lo­re me­dio del pa­tri­mo­nio mo­bi­lia­re di­chia­ra­to nel­le do­man­de di Isee è pas­sa­to da 14.741 eu­ro nel 2015 ai qua­si 17mi­la eu­ro nel 2016. È ve­ro che il de­na­ro con­tan­te non de­po­si­ta­to e l’even­tua­le la­vo­ro in nero di chi ri­chie­de­rà il reddito di cit­ta­di­nan­za pos­so­no sfug­gi­re al mo­ni­to­rag­gio, ma ba­sta co­mun­que un con­to in ban­ca per do­ver te­ne­re con­to dei pa­let­ti pre­vi­sti.

Chi aspi­ra al sus­si­dio può ave­re una ca­sa ol­tre quel­la di abi­ta­zio­ne, pur­ché il se­con­do im­mo­bi­le ab­bia una ren­di­ta en­tro 180 eu­ro (la ren­di­ta cor­ri­spon­den­te a un im­mo­bi­le con va­lo­re im­po­ni­bi­le a fi­ni Imu di 30mi­la eu­ro). È un va­lo­re ben al di sot­to del­la ren­di­ta me­dia de­gli im­mo­bi­li in Ita­lia, che è di 480 eu­ro. An­dran­no mo­ni­to­ra­ti quin­di an­che gli im­mo­bi­li ere­di­ta­ti o pos­se­du­ti in com­pro­prie­tà con per­so­ne fuo­ri dal pro­prio nu­cleo fa­mi­lia­re.

Stop al reddito di cit­ta­di­nan­za, poi, per chi ha un’au­to nuo­va, cioè im­ma­tri­co­la­ta per la pri­ma vol­ta nei sei me­si pre­ce­den­ti la ri­chie­sta del be­ne­fi­cio (o en­tro i due an­ni pre­ce­den­ti se di ci­lin­dra­ta so­pra 1.600 cc).

STE­FA­NO MAR­RA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.