Mal di schie­na: co­me cu­rar­lo

InPharma Magazine - - Trattamenti -

Il mal di schie­na è una con­di­zio­ne mol­to fre­quen­te ca­rat­te­riz­za­ta da epi­so­di do­lo­ro­si a ca­ri­co del ra­chi­de, spes­so ac­com­pa­gna­ti da epi­so­di di re­ci­di­ve con pe­rio­di più o me­no lun­ghi di re­mis­sio­ne le cui cau­se, in­ten­si­tà e du­ra­ta pos­so­no es­se­re mol­to di­ver­se. Nei Pae­si in­du­stria­liz­za­ti la sua in­ci­den­za an­nua­le è mas­si­ma fra i tren­ta e i cin­quan­ta an­ni e si cal­co­la che più del 70-90% del­le per­so­ne ab­bia avu­to al­me­no un epi­so­dio di mal di schie­na du­ran­te la vi­ta. Ogni an­no il 15-45% de­gli adul­ti sof­fre di do­lo­re lom­ba­re e una per­so­na su ven­ti pre­sen­ta un nuo­vo epi­so­dio. Ne­gli USA il mal di schie­na è il se­con­do sin­to­mo che por­ta a ri­chie­sta di vi­si­te me­di­che e la quin­ta cau­sa glo­ba­le di pre­sta­zio­ni me­di­che con­si­de­ra­te nell’in­sie­me. È una pa­to­lo­gia mol­to im­pat­tan­te an­che in ter­mi­ni di co­sti eco­no­mi­ci in quan­to de­ter­mi­na un’as­sen­za dal la­vo­ro nel 15,5% dei ca­si, co­me de­ter­mi­na­to in stu­di con un fol­low-up per al­me­no 6 me­si, e la per­di­ta di pro­dut­ti­vi­tà non è le­ga­ta so­lo all’as­sen­tei­smo, ma an­che al­la ri­dot­ta pro­dut­ti­vi­tà dei sog­get­ti che, pur sof­fren­do di mal di schie­na, si pre­sen­ta­no co­mun­que sul po­sto di la­vo­ro (fe­no­me­no del pre­sen­tei­smo). Inol­tre, la pro­lun­ga­ta as­sen­za dal la­vo­ro che si può ave­re nei ca­si di mag­gio­re se­ve­ri­tà, co­sì co­me per al­tri sta­ti di sa­lu­te com­pro­mes­si, è sta­ta di­mo­stra­ta cor­re­la­re con un au­men­to di 2-3 vol­te il ri­schio di svi­lup­pa­re di­stur­bi psi­co­lo­gi­ci per­ma­nen­ti, au­men­tan­do an­che il ri­schio di mor­ta­li­tà.

MAL DI SCHIE­NA: IL QUA­DRO GE­NE­RA­LE

Trac­cian­do un qua­dro ge­ne­ra­le del­la pa­to­lo­gia, si può os­ser­va­re che la mag­gior par­te dei pa­zien­ti è af­fet­to da un mal di schie­na che può es­se­re de­fi­ni­to aspe­ci­fi­co, cioè pre­sen­ta una con­di­zio­ne in cui il do­lo­re dor­so-lom­ba­re non è at­tri­bui­bi­le a una cau­sa no­ta, co­me per esem­pio un pro­ces­so in­fet­ti­vo, osteo­po­ro­si, frat­tu­re, de­for­mi­tà ver­te­bra­li, sin­dro­me del­la cau­da equi­na e ra­di­co­li­te. In­fat­ti in ol­tre il 90% dei ca­si non si rie­sce a iden­ti­fi­ca­re la cau­sa del mal di schie­na, so­prat­tut­to nel­le forme che in­te­res­sa­no la zo­na lom­ba­re (lom­bal­gia aspe­ci­fi­ca-low back pain), che pe­ral­tro ri­sul­ta­no 4 vol­te più fre­quen­ti ri­spet­to al­le forme do­ve il do­lo­re è più al­to. An­che se nel­la mag­gior par­te dei ca­si il me­di­co si tro­va di fron­te a una lom­bal­gia non spe­ci­fi­ca, con pro­gno­si fa­vo­re­vo­le, il per­cor­so dia­gno­sti­co de­ve sem­pre pre­ve­de­re l’ini­zia­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.