Ru­dy Va­len­ti­no, il di­vo dei di­vi

È sta­to la pri­ma star pla­ne­ta­ria del­la sto­ria del ci­ne­ma e la scom­par­sa in gio­va­ne età, do­po un’esi­sten­za in­ten­sa, l’ha fat­to en­tra­re nel mi­to. Ri­per­cor­ria­mo la sua vi­ta, dal­la na­sci­ta a Ca­stel­la­ne­ta ai trion­fi di Hol­ly­wood

Intimità - - SOMMARIO N. 21 - di Giu­lia­na Vi­ta­li

So­no tra­scor­si ol­tre 90 an­ni dal­la pre­ma­tu­ra scom­par­sa, ap­pe­na tren­tu­nen­ne, di quel­lo che è sta­to il di­vo per ec­cel­len­za e il pri­mo sex sym­bol del­la sto­ria del ci­ne­ma, ep­pu­re l’at­ten­zio­ne su di lui è sem­pre ac­ce­sa. E il 24 mag­gio esce nel­le sa­le un film, Ru­dy Va­len­ti­no, che

rac­con­ta un mo­men­to par­ti­co­la­re e po­co do­cu­men­ta­to del­la vi­ta dell’ar­ti­sta, in­ter­pre­ta­to da Pie­tro Ma­sot­ti: il suo pas­sag­gio, nel cor­so di un viag­gio in Eu­ro­pa, a ca­sa sua, a Ca­stel­la­ne­ta, nell’ama­ta Pu­glia, im­ma­gi­na­to dal re­gi­sta Ni­co Ci­ra­so­la co­me un no­stal­gi­co ri­tor­no al­le ori­gi­ni.

Ma ve­dia­mo chi era que­sto or­mai mi­ti­co per­so­nag­gio che, par­ten­do da un pic­co­lo pae­se del­la Pu­glia, ha con­qui­sta­to l’Ame­ri­ca.

EMIGRANTE DI LUS­SO

È il 9 di­cem­bre 1913. La mo­to­na­ve Cle­ve­land sta per sal­pa­re dal por­to di Genova. Un gio­va­ne, af­fac­cia­to al­la ba­lau­stra, dà un ul­ti­mo sguar­do al­la vec­chia Eu­ro­pa che sta per la­scia­re, for­se per sem­pre. De­sti­na­zio­ne New York, il nuo­vo mon­do. È al­to, mo­ro, di una bel­lez­za sta­tua­ria. Si chia­ma Ro­dol­fo Pie­tro Gu­gliel­mi, ha so­lo 18 an­ni e ha nel cuo­re la spe-

ran­za di un fu­tu­ro mi­glio­re.

È un emigrante, an­che se non rien­tra nel cli­ché dell’esu­le po­ve­ro e sen­za un sol­do.Viag­gia in una ca­bi­na di se­con­da clas­se e por­ta con sé una con­si­de­re­vo­le ci­fra - cir­ca quat­tro­mi­la dol­la­ri che co­sti­tui­sce la sua par­te dell’ere­di­tà pa­ter­na in­te­gra­ta dal­la ma­dre, pre­oc­cu­pa­ta per il fu­tu­ro del fi­glio in una ter­ra stra­nie­ra.

Spi­ri­to in­quie­to, Ro­dol­fo. Da sem­pre. For­se fin dal gior­no del­la sua na­sci­ta, il 6 mag­gio 1895, lo stes­so an­no in cui, pro­fe­ti­ca coin­ci­den­za, na­sce il ci­ne­ma. E san­no be­ne quan­to sia ir­re­quie­to lo­ro fi­glio i suoi ge­ni­to­ri, ap­par­te­nen­ti al­la bor­ghe­sia di Ca­stel­la­ne­ta: Gio­van­ni, un ve­te­ri­na­rio con­vin­to di ave­re ori­gi­ni no­bi­lia­ri, e so­prat­tut­to Ga­briel­la Bar­bin, gen­til­don­na fran­ce­se, cui toc­ca te­ner te­sta da so­la a quel fi­glio sca­pe­stra­to do­po la pre­ma­tu­ra scom­par­sa del ma­ri­to.

A scuo­la, pur es­sen­do in­tel­let­tual­men­te do­ta­to, Ro­dol­fo è un mez­zo di­sa­stro, so­prat­tut­to per quan­to con­cer­ne la con­dot­ta: è ad­di­rit­tu­ra ra­dia­to per in­di­sci­pli­na dal col­le­gio per or­fa­ni di Pe­ru­gia do­ve la ma­dre lo iscri­ve al­la mor­te del pa­dre per ga­ran­tir­gli una buo­na edu­ca­zio­ne, no­no­stan­te le peg­gio­ra­te con­di­zio­ni eco­no­mi­che. Co­mun­que, ar­ri­va a di­plo­mar­si in Agra­ria ma non tor­na a ca­sa “con la te­sta a po­sto”, co­me nei de­si­de­ri del­la ma­dre. L’Ita­lia gli sta stret­ta, ri­pe­te sem­pre il fu­tu­ro di­vo, e ot­tie­ne di re­car­si a Pa­ri­gi per una va­can­za. Per tor­na­re, aven­do spe­so tut­to quel­lo che ave­va, è co­stret­to a chie­de­re l’aiu­to del­la ma­dre. Ma, una vol­ta a ca­sa, non pro­va nep­pu­re a tro­va­re un la­vo­ro a Ca­stel­la­ne­ta: il suo fu­tu­ro è al­tro­ve, lo sen­te, lo sa. E co­sì va a ten­ta­re la for­tu­na ne­gli Sta­tes. IN AME­RI­CA, FI­NAL­MEN­TE!

I pri­mi tem­pi a New York non so­no fa­ci­li per Ro­dol­fo. I sol­di, an­che per la sua scar­sa ocu­la­tez­za, fi­ni­sco­no pre­sto e per vi­ve­re è co­stret­to a fa­re mol­ti la­vo­ri: il giar­di­nie­re a Long Island, il la­va­piat­ti in un night club, il ca­me­rie­re e, in­fi­ne, sfrut­tan­do il suo na­tu­ra­le ta­len­to per la dan­za e la sua pre­stan­za fi­si­ca, il ta­xi dan­cer, una spe­cie di bal­le­ri­no a pa­ga­men­to che si esi­bi­sce nei Tan­go Pa­la­ce, lo­ca­li per ric­che si­gno­re a cac­cia di emo­zio­ni.

E Ro­dol­fo, che cam­bia il suo no­me in Ro­dol­pho di Valentina, con il bal­lo ci sa fa­re ed è pro­prio il tan­go che gli con­sen­te di la­scia­re NewYork e di spic­ca­re il vo­lo ver­so il suc­ces­so.

Sì, sem­bra pro­prio es­se­re na­to per dan­za­re e la sua ele­gan­za e la sua sen­sua­li­tà at­ti­ra­no bal­le­ri­ne pro­fes­sio­ni­ste del ca­li­bro di Bon­nie Glass e Joan Saw­yer, con le qua­li si esi­bi­sce nei prin­ci­pa­li tea­tri cit­ta­di­ni. Pro­prio una tour­née di bal­lo gli of­fre l’oc­ca­sio­ne di ap­pro­da­re a Hol­ly­wood do­ve è in­gag­gia­to per par­ti­ci­ne di “bel­lo e dan­na­to” fi­no a quan­do, nel 1921, lo no­ta la ta­lent scout Ju­ne Ma­this, che lo pro­po­ne al­la Me­tro Goldw­yn Mayer per la par­te di pro­ta­go­ni­sta nel film av­ven­tu­ro­so I quat­tro ca­va­lie­ri dell’Apo­ca­lis­se di Rex In­gram, ri­cor­da­to or­mai so­lo per la sce­na in cui Ru­dy si esi­bi­sce in un tan­go ap­pas­sio­na­to.

Ma il ve­ro suc­ces­so ar­ri­va l’an­no do­po, con il pas­sag­gio diVa­len­ti­no al­la Pa­ra­mount, che gli of­fre il ruo­lo di pro­ta­go­ni­sta ne Lo sceic­co di Geor­ge Mel­ford, do­ve na­sce il suo per­so­nag­gio di con­tur­ban­te tom­beur de fem­mes. Fa­sci­no te­ne­bro­so, ca­pel­lo im­po­ma­ta­to, sguar­do am­ma­lian­te: da quel mo­men­to Ru­dy di­ven­ta il so­gno proi­bi­to di mi­lio­ni di si­gno­re. E non so­lo in Ame­ri­ca.

IDO­LO DEL­LE DON­NE Per quan­to la stam­pa, ne­gli an­ni del suo suc­ces­so, non sia sem­pre te­ne­ra con lui, raf­fi­gu­ran­do­lo spes­so co­me una sor­ta di fa­tuo bu­rat­ti­no sen­za ani­ma, un dan­dy ef­fe­mi­na­to nel 1926 un gior­na­li­sta del Chi­ca­go He­rald Exa­mi­ner lo de­fi­ni­sce “piu­mi­no per ci­pria ro­sa” - Va­len­ti­no par­la fluen­te­men­te quat­tro lin­gue, in­gle­se, spa­gno­lo, fran­ce­se e ita­lia­no, scri­ve il li­bro di ver­si Day Dreams e, so­prat­tut­to, è con­sa­pe­vo­le del­la ca­du­ci­tà del suo suc­ces­so e del fat­to di es­se­re schia­vo di un’im­ma­gi­ne che gli han­no ap­pic­ci­ca­to ad­dos­so.

«Le don­ne non so­no in­na­mo­ra­te di me, ben­sì dell’im­ma­gi­ne che han­no di me sul­lo scher­mo, - di­ce di sé. - Io so­no sol­tan­to la te­la su cui di­pin­go­no i lo­ro so­gni».

La sua vi­ta sen­ti­men­ta­le, chiac­chie­ra­ta e av­ve­le­na­ta da in­si­nua­zio­ni sul­la sua pre­sun­ta omo­ses­sua­li­tà, ve­de in­nu­me­re­vo­li re­la­zio­ni e due ma­tri­mo­ni. Il pri­mo con Jean Ac­ker, che du­ra so­lo un me­se, il se­con­do con la bal­le­ri­na, sce­no­gra­fa e co­stu­mi­sta Na­ta­cha Ram­bo­va, da cui

di­vor­zie­rà po­co pri­ma del­la mor­te, don­na pre­zio­sa sia per la sua vi­ta sen­ti­men­ta­le sia per quel­la ar­ti­sti­ca.

Ed è pro­prio con Na­ta­cha che, il 23 lu­glio 1923, sal­pa da New York a bor­do del pi­ro­sca­fo Aqui­ta­nia di­ret­to in Eu­ro­pa. Ha so­lo 28 an­ni, ma è già un di­vo in­ter­na­zio­na­le. Com­pie quel viag­gio per por­ta­re a Lon­dra, ospi­te del prin­ci­pe di Gal­les, il suo ce­le­ber­ri­mo tan­go. Ne ap­pro­fit­te­rà per fa­re tap­pa in Ita­lia, che non ve­de da die­ci an­ni, e per tor­na­re a Ca­stel­la­ne­ta.

Que­sta vi­si­ta vie­ne po­co pub­bli­ciz­za­ta per­ché il re­gi­me fa­sci­sta boi­cot­ta il di­vo ri­te­nen­do­lo un “cat­ti­vo ita­lia­no” per aver pre­fe­ri­to vi­ve­re ne­gli Sta­ti Uni­ti, aven­do avu­to ad­di­rit­tu­ra l’ar­di­re di chie­de­re la cit­ta­di­nan­za ame­ri­ca­na. Iro­nia del­la sor­te, per una se­rie di pro­ble­mi bu­ro­cra­ti­ci, la que­stio­ne ri­ma­ne in so­spe­so e Va­len­ti­no, al­la sua mor­te, è ita­lia­no a tut­ti gli ef­fet­ti.

QUEL MI­STE­RO MAI RI­SOL­TO

A strap­par­lo a una vi­ta di suc­ces­si è una mor­te re­pen­ti­na e cru­de­le: il 23 ago­sto 1926 si spe­gne, a 31 an­ni, al Po­ly­cli­nic Ho­spi­tal di New York in se­gui­to a una pe­ri­to­ni­te. La no­ti­zia si dif­fon­de in un ba­le­no, ma po­chi ac­cet­ta­no che il di­vo sia mor­to per una cau­sa co­sì ba­na­le. Si at­ta­glia di più al per­so­nag­gio pen­sa­re che sia sta­to av­ve­le­na­to da un’aman­te ge­lo­sa, ma­ga­ri con una pil­lo­la sciol­ta nel­lo cham­pa­gne.

Quel che è cer­to è che la no­ti­zia su­sci­ta sce­ne di iste­ria col­let­ti­va e fa­na­ti­smo. Nel gior­no dei suoi fu­ne­ra­li - ce­le­bra­ti con due cor­tei, uno a New York e uno a Hol­ly­wood, e a cui par­te­ci­pa­no mi­glia­ia di per­so­ne - si re­gi­stra­no di­ver­si sui­ci­di at­tri­bui­ti al do­lo­re per la fi­ne dell’at­to­re.

Ido­lo del mu­to, cu­rio­sa­men­te muo­re pro­prio quan­do sta per na­sce­re il ci­ne­ma so­no­ro: nep­pu­re un an­no do­po la sua scom­par­sa usci­rà in­fat­ti nel­le sa­le Il can­tan­te di jazz, il pri­mo film par­la­to.

Un ul­ti­mo mi­ste­ro cir­con­da que­sta mitica fi­gu­ra: l’iden­ti­tà del­la don­na ve­la­ta di ne­ro che per an­ni ha con­ti­nua­to a por­ta­re dei fio­ri sul­la sua tom­ba, all’Hol­ly­wood Fo­re­ver Ce­me­te­ry, nel gior­no dell’an­ni­ver­sa­rio del­la sua mor­te.

Ro­dol­fo Va­len­ti­no a 26 an­ni, nel­le ve­sti del pro­ta­go­ni­sta del suo pri­mo film im­por­tan­te, I quat­tro ca­va­lie­ri dell’Apo­ca­lis­se, del 1921, ri­cor­da­to so­prat­tut­to per la sce­na in cui, a ds., il di­vo si esi­bi­sce in un tan­go tra­vol­gen­te con Bea­tri­ce Do­min­guez. In al­to, a ds., l’at­to­re con Vil­ma Ban­ky ne Il fi­glio del­lo sceic­co, pel­li­co­la del 1926 che con­fer­ma la sua fa­ma in­ter­na­zio­na­le.

Il di­vo, a sin., con la se­con­da mo­glie, la bal­le­ri­na Na­ta­cha Ram­bo­va e, a ds., in una cu­rio­sa im­ma­gi­ne che lo ve­de al­le pre­se con gli spa­ghet­ti, co­me a vo­ler sot­to­li­nea­re le ra­di­ci ita­lia­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.