L’Arca di Noè

, 9, ,1 , // 66( ,2 , 3 5, ,

3LH UH IHUUR H IXRFR SHU PHVL L XHUULHUL QRUPDQQL HQ DURQR GL FRQTXLV DUH 3DUL L HPSHV DQGROD FRQ XQD SLR LD GL SURLH LOL 0D SRF L XRPLQL LQ DUPL GHFLVL D HQGHUH FDUD OD SHOOH VL UHVHUR SUR D RQLV L GL XQ HURLFD UHVLV HQ D

- Di Marco Dalla Fiora

ll’alba del 24 novembre 885, i parigini alzarono lo sguardo lungo il corso della Senna e rimasero sgomenti. Le acque del fiume erano coperte da un tappeto di poderose navi vichinghe intente a risalirlo, seguite da una moltitudin­e di altri barconi. Sull’île de la Cité, dove sorgeva la futura capitale francese, erede della Lutezia gallo-romana, si diffuse il panico: i terribili razziatori del Nord tornavano a minacciare la città, come già avevano fatto in precedenza, ma mai mettendo in acqua una simile forza distruttri­ce.

Stirpe guerriera

Antica stirpe germanica insediata fiordi scandinavi e organizzat­a in élite guerriere, i Vichinghi (dal germanico vik, che significa “baia”), chiamati anche Normanni (“uomini del Nord”), erano da sempre avvezzi a mescolare commercio e pirateria, secondo una formula ben conosciuta anche nel Mediterran­eo. A partire dal IX secolo, i clan vichinghi presero a intensific­are le loro attività predatorie: si muovevano in piccoli gruppi, imbarcati su veloci vascelli dalla riconoscib­ile linea

FL LO PHGLH DOH

nei arcuata (snekkia) e dalla prua a forma di drago, immagine capace di tenere a bada gli spiriti del mare e, nel contempo, terrorizza­re le popolazion­i aggredite. Li muovevano la fame di nuove terre e il sogno di favolosi bottini, ma anche la pressione esercitata dal neonato Regno di Danimarca sulla nobiltà di secondo livello, resa orfana del potere locale fino ad allora esercitato e costretta a cercare nuovi orizzonti di conquista. Concorse al loro andar per mare anche l’affinament­o delle tecniche di navigazion­e. Questi popoli non erano nati marinai: erano stati indotti a cercare fortuna sulle acque quando, a partire dal V secolo, i Germani stanziati nelle province romane avevano dato vita alle prime strutture statali di una certa stabilità, impedendo agli abitanti del Nord di penetrare via terra nei loro domini. Rimasti isolati, i Vichinghi avevano adeguato la loro indole bellicosa alle nuove abilità marinare, trasforman­dosi in una straordina­ria macchina da saccheggio.

Gli annali dei Franchi datano la loro prima irruzione continenta­le all’anno 810. I Vichinghi erano sbarcati in Frisia, la parte settentrio­nale dei Paesi Bassi, con una flotta composta da più di duecento navi, dando vita a una scaramucci­a più che a una vera incur

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy