L’Arca di Noè

LA STAGIONE DOVE POSSIAMO DIMOSTRARE DI AMARE DAVVERO GLI ANIMALI

- Maria Luisa Cocozza

Un tuffo al mare o nel lago con il nostro cane, instancabi­le come i bambini a inseguire una palla tra i flutti; il gioco del nascondino, utilizzato anche da chi addestra cani per la ricerca di persone; o ancora un labirinto da costruire in giardino o in casa per incuriosir­e il nostro pet e portarlo a mettere in gioco le sue pulsioni più ancestrali legate alla caccia… sono tanti i passatempi che possiamo condivider­e con i nostri animali di casa in questi giorni estivi. Ne parliamo in questo numero insieme a tanti altri argomenti come al solito dedicati al mondo degli animali. Le razze trattate sono il Corgi per il cane, razza famosa per essere la prediletta dalla regina Elisabetta, e il Siamese moderno per il gatto. Purtroppo sono ancora tanti i cani e i gatti, ma anche i criceti, le tartarughe, i conigli che d’estate perdono il loro status di animale domestico e finiscono per strada, magari per consentire ai loro padroni di andare in vacanza. Una pratica crudele e purtroppo ancora in voga nonostante anni di campagne di sensibiliz­zazione. Per loro e per tanti altri animali selvatici sfortunati da anni è sorto in Piemonte il rifugio Miletta, un luogo dove gli animali vivono in regime di semilibert­à ma ricevono le cure e l’affetto di chi dedica a loro entusiasmo e profession­alità. Vi porteremo poi nell’arcipelago delle Canarie, nell’oceano Atlantico, a Tenerife, per ammirare le stelle dalla cima del vulcano Teide, tra i più alti del mondo, e poi il parco naturalist­ico che ospita tutte le specie di pappagalli al mondo, il Loro Parque, coi suoi fondali ricchi di biodiversi­tà. Da qui ci spostiamo in Sardegna per conoscere i cavallini dell’altopiano della Giara, una delle ultime popolazion­i di cavalli italiani che vivono allo stato brado. Vedere questi animali che da secoli sfruttiamo in ogni modo vivere in branco, senza ferri né redini, al ritmo delle stagioni, è un’emozione indimentic­abile. Anche per la loro tutela il WWF raccoglie le firme per istituire un garante della natura, cioè una figura di garanzia che sul tema natura possa svolgere funzioni regolatori­e, di vigilanza, di controllo e monitoragg­io, di accertamen­to e di risoluzion­e dei conflitti. Perché come disse il sommo Albert Einstein “Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiam­o a fare le stesse cose… finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla”.

Purtroppo sono ancora tanti i cani e i gatti, ma anche i criceti, le tartarughe, i conigli che d’estate perdono il loro status di animale domestico e finiscono

per strada, magari per consentire ai loro padroni di andare in vacanza

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy